Notifiche
Cancella tutti

grillo-leaks.com ne vedremo delle belle

Pagina 2 / 4

Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 30947
 

Mettetevi l'anima in pace tanto è fin troppo chiaro che il sistema è truccato e quindi funziona solo per chi è al comando. La nostra opinione o il nostro inutile voto non servono tanto li modificano a tavolino. Smettetela di andare a votare così si trovano da soli ......e non possono più raccontare che la maggioranza dei cittadini è con loro.

Hai ragione !
NON BISOGNA VOTARE !!!!

Questi, purtroppo, se non voti se ne fregano ... lo dimostra la recente vicenda emiliana, il 53% di astensioni nella regione storicamente più "rossa" e che fino alle elezioni prima votava ancora, come percentuali, più di ogni altra ... ne hanno parlato per due o tre giorni e lì è finita ...

Anche a me è capitato di non votare o di annullare la scheda ... ma perchè in quelle situazioni non sapevo proprio per chi votare, non riuscivo nemmeno ad identificare un possibile "male minore" ... e non per convinzione astensionista "tout court" ...

Nei settanta c'era chi diceva "il popolo non vota, lotta" indicando quindi una alternativa "di piazza" al voto e non solo un rifiuto individualistico ed autoreferenziale ... in verità poi la gente, allora, lottava molto ... ma votava anche molto, intorno al 90 % ....

Oggi, francamente, tutte queste lotte ... pur in una situazione largamente peggiore di allora ... ancora non si vedono se non in minima parte ... e quindi, per marcare il mio "rifiuto" per il cosiddetto "stato di cose presenti", io voto per quella che è oggi l'unica, pur largamente discutibile e criticabile, opposizione istituzionale ... e cioè il M5S ... quando e se si presenterà una alternativa migliore, vedrò il da farsi ...

E naturalmente, nel frattempo, pratico le "piazze" ...

http://www.contrepoints.org/2015/05/03/206410-10-arguments-contre-le-vote-obligatoire-aux-elections


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 30947
 

Però, sul principio del reddito di cittadinanza, non è che alla Ue possono dire niente ... nell'eurozona solo Italia e Grecia non ce l'hanno ... e nella Ue "senza euro" è solo l'Ungheria a non averlo ... ce l'ha persino la Romania ...

Attenzione a non confondersi però. C'è il reddito di cittadinanza come forma di reddito universale, cioè qualcosa cui hai diritto comunque in quanto cittadino, ed esiste in pochissime regioni del mondo, e ci sono altre forme di sostegno al reddito che dipendono dalla situazione occupazionale dell'individuo, cioè dalla sua posizione produttiva nella società.

Io non so in quale delle due categorie rientra la proposta del M5S. Un sistema capitalista non può digerire un concetto come il reddito universale, il M5S si guarda bene dal criticare il modello economico capitalista, anzi pretende che sia riformabile, quindi penso che tutta la manfrina sul reddito di cittadinanza sia fumo propagandistico.

io voto per quella che è oggi l'unica, pur largamente discutibile e criticabile, opposizione istituzionale ... e cioè il M5S ...

Attenzione però che non ti capiti di vedere realizzata quella famosa massima di Brecht sul nemico che alla fine marcia alla tua testa.


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8261
 

Però, sul principio del reddito di cittadinanza, non è che alla Ue possono dire niente ... nell'eurozona solo Italia e Grecia non ce l'hanno ... e nella Ue "senza euro" è solo l'Ungheria a non averlo ... ce l'ha persino la Romania ...

Attenzione a non confondersi però. C'è il reddito di cittadinanza come forma di reddito universale, cioè qualcosa cui hai diritto comunque in quanto cittadino, ed esiste in pochissime regioni del mondo, e ci sono altre forme di sostegno al reddito che dipendono dalla situazione occupazionale dell'individuo, cioè dalla sua posizione produttiva nella società.

Io non so in quale delle due categorie rientra la proposta del M5S. Un sistema capitalista non può digerire un concetto come il reddito universale, il M5S si guarda bene dal criticare il modello economico capitalista, anzi pretende che sia riformabile, quindi penso che tutta la manfrina sul reddito di cittadinanza sia fumo propagandistico.

io voto per quella che è oggi l'unica, pur largamente discutibile e criticabile, opposizione istituzionale ... e cioè il M5S ...

Attenzione però che non ti capiti di vedere realizzata quella famosa massima di Brecht sul nemico che alla fine marcia alla tua testa.

Questa ultima cosa l'ho già ampiamente vissuta con la "sinistra tradizionale" classica ... centro-sinistri, ambientalisti, ulivi, arcobaleni, improbili "rivoluzioni civili" e "cose" varie ..... che ora sono largamente immunizzato ...


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2066
 

Però, sul principio del reddito di cittadinanza, non è che alla Ue possono dire niente ... nell'eurozona solo Italia e Grecia non ce l'hanno ... e nella Ue "senza euro" è solo l'Ungheria a non averlo ... ce l'ha persino la Romania ...

Ma qualcuno mi sa spiegare che cavolo è questo RDC? Mi sembra che ognuno ne dia una versione diversa.


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8261

RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2066
 

Art. 4, Comma 1, Par. b:
Hanno diritto a richiedere e percepire il reddito di cittadinanza “soggetti aventi cittadinanza estera […]”
Cosa mi sfugge?


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8261
 

Se hanno lavorato in Italia ... ed hanno quindi versato tasse e contributi in Italia ... già oggi non c'è alcuna differenza di diritti tra cittadini italiani ed esteri ... e non potrebbe certo essere diversamente ...

Se uno straniero, comunitario o meno ( e già la maggior parte degli stranieri che lavorano in Italia sono comunque comunitari), lavora in una fabbrica italiana e lì viene applicata la cassa integrazione ... non è che l'italiano la prende e lo straniero no ... del resto i versamenti all'Inps li fanno sia gli uni che gli altri nello stesso modo e nella stessa misura ... ed è l'Inps ad erogare formalmente la cassa integrazione ... l'elemento che dà il diritto non è la nazionalità ma il fatto di essere "contribuente Inps" .... per decenni giovani italiani sono andati in Gb ad esempio per la raccolta delle fragole ... ben sapendo che con uno o due mesi di lavoro poi avrebbero avuto diritto a sei mesi di "reddito sociale minimo" ... ovviamente due soldi due .... ma, rispetto all'Italia, del tutto regalati ...

Ovviamente, non può invece svilupparsi un reddito di cittadinanza per stranieri "clandestini" ... non sono censiti e quindi ...

Ed ovviamente non può svilupparsi nemmeno per giovani stranieri che non hanno mai avuto nemmeno un mese di occupazione regolare in Italia ... mentre invece per "autoctoni" in cerca di prima occupazione si ... ma questa è sostanzialmente l'unica seria differenza tra italiani e non italiani ...

Ma direi che siamo veramente al "lapalissiano" ... come dire che il codice penale e quello civile e financo quello stradale, sul territorio italiano, si applicano sia agli italiani che ai non italiani ...


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2066
 

Se hanno lavorato in Italia ... ed hanno quindi versato tasse e contributi in Italia ... già oggi non c'è alcuna differenza di diritti tra cittadini italiani ed esteri ...

No no, l'unica differenza è appunto che ci sono "cittadini italiani e stranieri". Ora, se si chiama "reddito di cittadinanza" ci sarà un perché?

Ma direi che siamo veramente al "lapalissiano" ...

Mattacchione

Se te lo sei perso :
http://it.wikipedia.org/wiki/Cittadinanza

Art. 4, Comma 1:
"Hanno diritto a richiedere e percepire il reddito di cittadinanza tutti i soggetti che alla data di entrata in vigore della presente legge hanno compiuto i diciotto anni di età, sono residenti sul territorio nazionale, percepiscono un reddito netto annuo inferiore ad euro 7200 netti ovvero appartengono ad un nucleo familiare il cui reddito è inferiore ai valori indicati nella tabella di cui all’allegato 1 della presente legge".

Te pensa che per ottenere :
"la cittadinanza italiana per residenza ai sensi dell’art 9 della legge 5 febbraio 1992 n.91 è necessario essere in possesso di un reddito personale o familiare negli ultimi tre anni pari a euro 8.263,31 per il solo richiedente. Invece è necessario euro 11.362,05 per il richiedente con coniuge ed euro 516,46 per ogni figlio a carico. Si devono allegare alla domanda di cittadinanza italiana i modelli fiscali CUD, UNICO, 730 relativi ai redditi degli ultimi tre anni. "

Boh, continuo a non capire.


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8261
 

Innanzitutto la "cittadinanza" è ormai intesa in senso "comunitario" ..

Può piacere o non piacere e a me non piace affatto, ma il concetto di "cittadinanza" ormai è quello ... e la stragrande maggioranza degli stranieri che lavorano regolarmente in Italia sono comunque "comunitari" ... e quindi, per legge, non puoi fare la minima differenza ...

Dicevo poi che per chi ha già avuto una occupazione regolare ... per questo facevo l'esempio della cassa integrazione che, nell'idea del M5S, andrebbe "sussunta" nel reddito di cittadinanza ... conta l'essere contribuente Inps e non la nazionalità per cui già oggi tutte le forme di "ammortizzatore sociale" esistenti si applicano senza differenza alcuna tra italiani e stranieri ... "comunitari" e non ... ma tutti comunque contribuenti Inps e contribuenti pure per l'Agenzia delle Entrate ...

Il discorso invece cambia radicalmente quando si parla di gente in cerca di prima occupazione ...che quindi non può essere ancora contribuente Inps .... lì è ovvio che oltre ad escludere i cosiddetti "clandestini" ... che ovviamente ufficialmente non esistono e non possono essere contribuenti di nulla ... esiste la differenza tra giovane cittadino italiano ( o comunque "comunitario regolare", magari figlio di un romeno o di un bulgaro che risiede e lavora in Italia) ... e invece i "non comunitari", magari figli di un nigeriano o di un sudanese che lavora in Italia che inveec al RdC non avrebbero diritto ... se poi, in base alle norme vigenti, ottengono la cittadinanza italiana ovviamente il discorso cambia e vengono equiparati ... ma non mi risultano tutte queste richieste e soprattutto tutti questi ottenimenti di cittadinanze italiane, anzi ... non ho invece ben capito come andrebbero considerati gli stranieri non comunitari che ottengono in Italia "asilo politico", fattispecie assai più diffusa ... ma immagino che, in quel caso, anche tutte le attuali forme di "assistenza economica" verrebbero anch'esse "sussunte" nel reddito di cittadinanza ... e accetto scommesse sul fatto che ci si andrebbe, rispetto ad oggi, a risparmiare e non poco ... togliendo peraltro alle varie "mafie capitali" il business dell' "accoglienza" ....

Non a caso, Grillo ha fatto notare che i principali nemici in Italia del reddito di cittadinanza .. non sono tanto i partiti di governo ... bensì i sindacati confederali ed il cosiddetto "terzo settore" .... i primi perderebbero la gestione, con gli accordi aziendali, di casse integrazioni, mobilità, fondi bilaterali vari ecc. ecc. ... ed i secondi tutto il business appunto dell' "accoglienza" e dell' "assistenza" ....


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2066
 

A me sembra surreale. Che cazzo vuol dire “la "cittadinanza" è ormai intesa in senso "comunitario" ..”? Di che diavolo parli? Ti ho persino messo gli estremi di una legge … Stai dicendo che non esiste più lo status di cittadino italiano? Hanno già abolito pure lo Stato francese?? Adesso si fa domanda per ottenere la cittadinanza europea? Roba da matti. Per favore, mettete un po’ di tabacco in quello che vi fumate …
Fate una cosa, cambiategli nome e che sia finita. Chiamatelo contributo per gli analfabeti o per i diversamente intelligenti ma non RDC. Ma ti rendi conto? Nemmeno l’italiano capite?

P.s.: dimmelo che mi stai prendendo per il culo perché inizio a preoccuparmi sul serio.


RispondiCitazione
brumbrum
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1643
 

P.s.: dimmelo che mi stai prendendo per il culo perché inizio a preoccuparmi sul serio.

e te ne rendi conto solo ora ?


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8261
 

Beh ... non era mia intenzione ... ma mentre facevo la spiegazione didascalica della situazione GIA' esistente in materia ... e non invece quella che nascerebbe da una istituzione del RdC .... quindi appunto una fotografia del reale QUI e ORA e non una cosa futuribile ... l'impressione di prendere per il culo mi è venuta ....

Perchè è verissimo che la "cittadinanza italiana" non esiste più, sostituita da una ben più vaga ed indefinita "cittadinanza comunitaria" ... come non esiste più una "sovranità nazionale" ... l'unica differenza è che, in quanto cittadino italiano, puoi votare ... ma visto che gli ultimi 3 governi non li ha votati nessuno è una differenza alquanto formale ...

E' cosa di questi giorni il fatto che, a fronte di una sentenza inappellabile del massimo organo costituzionale italiano, quella su alcuni aspetti della Legge Fornero ... si vada non all'applicazione sic e simpliciter della sentenza come sarebbe d'uopo avendo questa abolito, solo con la formale pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, la norma preesistente ... ma si vada invece ad una "trattativa con la Ue" sull'argomento ...

Ed è quindi ovvio che un eventuale ... ovviamente del tutto improbabile ... approvazione oggi della proposta di legge M5S sul RdC non potrebbe non tener conto di tutto questo ... e quindi, oltre alle compatibilità con i vincoli Ue .... applicarsi comunque nella logica della "cittadinanza comunitaria" e non di quella classica/tradizionale italiana ...

E lì c'entrano poco i "clandestini", gli sbarchi, Lampedusa, gli islamici ... tutte casistiche che ben difficilmente potrebbero arrivare a percepire il RdC .... c'entra invece la caterva di romeni, bulgari, polacchi, slavi vari e tra un pò anche ucraini ... che essendo "cittadini comunitari" hanno gli stessi identici diritti tuoi e miei sul territorio italiano ....

E' la Ue, bellezze .... ed è anche la conseguenza di quel Muro che è caduto nel 1989 e della cui caduta probabilmente in tanti avete pure gioito ...

E del resto il RdC, negli altri paesi Ue dove esiste ( tutti meno la Grecia e l'Ungheria), lo prendono anche i lavoratori italiani ivi emigrati ... facevo prima l'esempio della Gran Bretagna - dove gli italiani non sono pochi - ma vale pure per la Germania, per l'Olanda, per i paesi scandinavi ecc. ecc.


RispondiCitazione
DeborahLevi
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1029
 

ammesso e non concesso che il 5s sia REALMENTE pro reddito di cittadinanza (diritto sacrosanto per me) l'eu potrà mai concederci di renderlo reale?

io credo fermamente di no...

ritengo che l'intoppo da me segnalato lo conoscano anche i 5s (quelli in cima)

Beh ... ovvio che il problema con la Ue esiste ... esiste pure per la sentenza della Corte Costituzionale sulle pensioni e quella è una sentenza inappellabile e solenne, figuriamoci per una nuova legge ... sicuramente ne farebbero una questione di conti come su tutto il resto ... però è anche vero che il M5S spiega bene le "coperture" necessarie, insomma non dovrebbero porsi problemi appunto di conti, secondo loro ... vedi :

http://www.beppegrillo.it/2015/04/reddito_di_cittadinanza_i_soldi_ci_sono_stop_alle_pensioni_doro.html

Però, sul principio del reddito di cittadinanza, non è che alla Ue possono dire niente ... nell'eurozona solo Italia e Grecia non ce l'hanno ... e nella Ue "senza euro" è solo l'Ungheria a non averlo ... ce l'ha persino la Romania ...

E poi, il M5S è per l'uscita dall'euro ... ci ha messo un pò a decidersi in questo senso ma poi lo ha fatto ...

Però, questo che c'entra col Grillo-leaks e con lo spionaggio ?

rad non ci siamo

se facessimo il RDC le cose andrebbero meglio, ripartirebbe la domanda interna, l'occupazione e la qualità della stessa e tutto ciò l'eu non lo vuole, per questo si opporrebbe indipendentemente dal trovare le coperture o no.

il 5s è pro o anti euro in base alla circostanza

c'entra eccome tutto ciò

c'è chi dice che questa storia esca per fermare l'ascesa del 5s, che ci sia un complotto dietro ecc ecc

io dico che indipendentemente da ciò il 5s ha le mani legate dall'eu che ha tutte le capacità per sostituire o manovrare un governo democraticamente eletto

E allora ... posso solo risponderti solo con le parole di Adrano53 di qualche commento sopra ...

"e allora?
2 metri di corda?"

Non sono così pessimista .... intanto oggi, alla vigilia della marcia M5S, il Pd è stato costretto a presentare una sua proposta nel merito ... non ho la minima idea di cosa proponga ... ma fino a ieri per il Pd il RdC era praticamente una eresia ...

Faccio politica di strada da oltre 40 anni ... e so che esistono anche gli obiettivi intermedi ... certo, questo non è un periodo di grandi mediazioni sociali, questo sono il primo a dirlo ... e per questo capisco benissimo e difendo pure i ragazzi del "blocco nero" ed il disagio, non solo economico/sociale ma anche esistenziale, che c'è dietro il loro agire ... appunto la coscienza del "no future" ...

Ma io alla politica, quella "rivoluzionaria", ci credo ... e questo "no future" voglio provare a rovesciarlo ... non a crogiolarmici dentro pensando che sia tutto ineluttabile ...

Il M5S è per l'uscita dall'euro ... ci ha messo un paio d'anni ma ci è arrivato ... sia chiaro, io non sono nemmeno di quelli che pensa che con l'uscita dall'euro abbiamo risolto tutto ... tanto è vero che sarei per l'uscita proprio dalla Ue ... e sarei pure comunista e non solo "keyensiano", per cui credo che bisogna abbattere proprio il capitalismo ... ma se qualcuno dice qualcosa, soprattutto se ci arriva così soffertamente, io fino a prova contraria a quello che dice ci credo ... non credere per principio a niente ed a nessuno significa sostanzialmente accettare supinamente lo status quo ... appunto a considerarlo ineluttabile ...

vedi che anche il pd a parole è favorevole al rdc
e il 5s vedrai che sula questione euro post elezioni tornerà ad essere ambiguo come ha fatto fino a oggi
@nat circa il rdc c'è tanta discordia nel 5s e altrove perché non c'è reale volontà a mandare avanti la cosa...


RispondiCitazione
Primadellesabbie
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 5039
 

La discussione si é spostata da Grillo-leaks a reddito di cittadinanza, e si sviluppa su due filoni.
Ci preoccupa che non ne beneficino gli "intrusi" e la reale genuinità delle intenzioni di chi propone questa redistribuzione.

É solo un improvvisato fuoco di sbarramento, poi verranno le questioni di principio: é giusto che...ecc. ecc.?

Se mai verrà introdotto questo reddito, la complicata gestione che metteremo a punto costerà più del reddito stesso (come tutto quello che facciamo).

Non siamo mai riusciti a concepire una legge semplice e, temo, non ci riusciremo mai (é per questo che il rozzo mascellone ci é sembrato un genio).

Siamo un popolo di pusillanimi presuntuosi che vuol apparire, distorcendo la realtà, colto, giusto, ispirato.

É questo che ci impedisce di fare qualsiasi politica e ci mette in condizione di farci dirigere da marionette di scarto.

Alla fine é un problema di cultura, proprio quella "roba" che vantiamo di possedere in esubero.
Cultura alla quale ci é precluso perfino l'accesso dagli inviti alla presunzione, che grondano dai media ad ogni minima occasione.


RispondiCitazione
gimo
 gimo
Eminent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 33
Topic starter  

tze tze!!!

Impariamo a guardare la questione da un unico punto di vista
COME ME LA STANNO METTENDO AL CULO?

Cosa comporterà il rdc in relazione al restringimento della mia libertà?

Certo in ipotesi un rdc emancipa.....
quindi ci sarà un risvolto anale!!!!
quale?
Io ho un paio di idee....
voi?


RispondiCitazione
Pagina 2 / 4
Condividi: