Notifiche
Cancella tutti

Il Congresso radicale

Pagina 2 / 3

[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3719
 

Mi sento però in parte pannelliano: le sue lotte per l'aborto, il divorzio, i diritti paritari per gli omosessualità sono sacrosanti e segno di civiltà. Bisogna combattere violentemente chi marcia contro, chi marcia contro l'essere umano civile.

Riefelis, l'unico aborto che avrei tollerato sarebbe stato quello della madre di Giacinto.
Mi dispiace che sia vissuto così a lungo perché ha procurato alla civiltà dell'essere umano italiano un immane nocumento.
Io e lei non abbiamo nulla da scambiarci perché anche se so che mi aggraverei il karma mi sbarazzerei in un istante di tutti i radicali compreso Vasco Rossi che mi è simpatico, ma lo sacrificherei sull'altare dei culattoni. 😈


RispondiCitazione
Capra
Trusted Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 71
 

Siete contrari all aborto anche nel caso di bimbi destinati a nascere con gravi handicap, sindrome di down o altro?
Sono condizioni che possono rendere un inferno la vita di intere famiglie, nonostante mi disgusti l'aborto come idea, in questi casi mi sembra quasi doveroso...


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3719
 

Capra perché non guarda la Luna? Le dita sono esaurite. 😯


RispondiCitazione
alecale
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 708
 

Siete contrari all aborto anche nel caso di bimbi destinati a nascere con gravi handicap, sindrome di down o altro?
Sono condizioni che possono rendere un inferno la vita di intere famiglie, nonostante mi disgusti l'aborto come idea, in questi casi mi sembra quasi doveroso...

Credo che certe decisioni debbano essere prese con coscienza altrimenti si cade nella senza coscienza a .. non lo voglio lo butto , lo elimino in qualsiasi modo e costo , come fosse un oggetto .
Io vivo in Irlanda ormai da 16 anni e l aborto è proibito credo da sempre ma di sicuro con De Valera , per cui i casi di persone down si vedono ogni giorno in giro ne vedo per la città li vedo ben adeguati nella società ne parlano i giornali e le televisioni , non si nascondono , si sposano e lavorano , per altri invece sono in gruppo con accompagnatrici .
Il senso della Vergogna si sente meno , anzi credo che non si viva affatto che dipende anche dalla società in cui si vive . Un altra cosa positiva di vivere in un paese dove l aborto è proibito è che costringendoti a farlo , poi se non si ha la possibilità di mantenerlo economicamente ci pensa il governo , poi poi un altra cosa che credo sia la migliore e che il paese è giovane , sopratutto donne , un censimento del 2001 dava un 75% donne ma non ricordo se fosse tutta l irlanda o solo Cork .

Poi per me ognuno puo' fare cio' che gli è stato insegnato a credere , ma io penso che la donna abbia bisogno di ben altri e più importanti diritti primo pari stipendio , e che non debba fare la puttana nel senso di puttana per guadarsi un minimo di notorietà . Credo di essere stato chiaro a riguardo.

L abuso di un diritto porta inconsapevolmente ad un comportamento "nazista". Al


RispondiCitazione
alecale
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 708
 

si sarà raffreddata o che sia ancora calda ? 😆


RispondiCitazione
Capra
Trusted Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 71
 

D'accordo sul fatto che ritenere l'aborto una conquista per le donne sia assurdo.
I down probabilmente possono condurre una vita dignitosa, non me ne intendo e non mi pronuncio, però vedere certi anziani spingere carrozzelle con figli ormai grandi e gravemente handicappati mi lascia molta tristezza.
Che vita hanno passato i genitori? Che fine farà quel povero uomo o donna quando se ne andranno coloro che l'hanno accudito con amore? In quei casi non posso condannare l'aborto.
Adesso Gaia mi dirà che c'è un motivo per tutto ed altre cose naif, mi dispiace ma non ho una mente tale da poter affrontare questi argomenti


RispondiCitazione
alecale
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 708
 

e poi fatti una domanda , che ci fanno coi feti ? forse avrai l illuminazione come l ho avuta io , buona ricerca .

Ancora paranoia.

Io sono per la maternità consapevole e per il diritto delle donne di scegliere. tutto il resto è religione!

mi parli di consapevolezza , di diritti , ma tu lo sai che cosa è la consapevolezza ?
E un diritto ? Su quali basi un essere umano puo' decidere quali possano essere questi diritti se non in base ad una consapevolezza di se stessi ? Che non cè e che non esiste visto che non sappiamo manco a cosa stiamo a fare qui sulla terra . Forse quando c'è lo diranno o ci arriveremo , potremmo allor si' decidere quali sono i nostri fottuti diritti e non che qualcun altro li decida per noi
E non buttarla sulla religione ti "prego" .

Ormai anche chi non crede nella religione , a sua volta ne puo' seguire un altra , quella dei non religiosi . Al


RispondiCitazione
riefelis
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 679
 

Spero che i radicali abbandonino l'iperliberismo economico per focalizzarsi come movimento esclusivamente libertario.
Conosco alcuni radicali che propendo per una trasformazione di questo tipo.
C'è ancora bisogno di tantè battaglie radicali;
1) la legge sull'aborto è ancora troppo limitante. Urge porre il divieto di obiezione di coscienza.
2) lotta alle omofobie e matrimonio paritario anche per loro
3) laicizzazione assoluta delle istituzioni
4) liberalizzazione delle droghe e della prostituzione


RispondiCitazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3053
 

In campo economico tutti concordano che è sta un iperliberistai, sistema economivo-politici molto più pericoloso del fascismo e molto più bastardo verso i ceti inferiori.
Mi sento però in parte pannelliano: le sue lotte per l'aborto, il divorzio, i diritti paritari per gli omosessualità sono sacrosanti e segno di civiltà.

Tutto coerente con "l'iperliberismo". La sua e' una divisione artificiosa e immotivata.
D'altra parte, per fare un esempio, e' ormai ben noto e assodato che il divorzio e' il tipico "diritto" da ricchi. Per gli altri e' piu' o meno una rovina (se sono uomini).
Riguardo i diritti "paritari" per gli omosessuali, la locuzione dimostra che ha un concetto confuso (o avulso) di parita' e un'idea megalomane di diritto


RispondiCitazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3053
 

Spero che i radicali abbandonino l'iperliberismo economico per focalizzarsi come movimento esclusivamente libertario.
Conosco alcuni radicali che propendo per una trasformazione di questo tipo.
C'è ancora bisogno di tantè battaglie radicali;
1) la legge sull'aborto è ancora troppo limitante.

Urge l'aborto post-natale. (Non lo invento ora. Ne ho gia' sentito parlare)

2) lotta alle omofobie e matrimonio paritario anche per loro

Anche alle idrofobie e aracnofobie...
Comunque, per paritario che intende? Immagino il "diritto" delle "coppie" di portarsi a casa i "loro" pargoletti...
(Vedasi concetto di diritto da cui al punto 1). Eh si' tout se tient!)
Vabbe', vorra' dire che per il momento si dovranno limitare a fabbricarseli e comprarseli su ordinazione, come ha fatto il vostro campione governatore della Puglia.

3) laicizzazione assoluta delle istituzioni

Ecco, spieghi meglio la sua idea di "assolutismo". Senno' la gente potrebbe anche turbarsi.

4) liberalizzazione delle droghe e della prostituzione

E qui infine "l'iperliberismo" diventa compiuto. (Per quanto faccia le boccacce all'udire della parola)
Per quanto riguarda l'ultimo punto non mi risulta che sia proibito prostituirsi..


RispondiCitazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3053
 

Il fatto che celebrino il loro Congresso in un carcere costituisce un fatto di straordinaria importanza.

Eh mannaggia! Io per la verita' lo vedrei come una straordinaria occasione. Purtroppo so che non verra' colta...


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3719
 

Niente di quello che scrive, Capra, corrisponde al mio pensiero.
Sono per l'eugenetica astrale e quindi per un'autorizzazione sociale alla procreazione. Altro che unioni alla verdura.


RispondiCitazione
riefelis
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 679
 

Spero che i radicali abbandonino l'iperliberismo economico per focalizzarsi come movimento esclusivamente libertario.
Conosco alcuni radicali che propendo per una trasformazione di questo tipo.
C'è ancora bisogno di tantè battaglie radicali;
1) la legge sull'aborto è ancora troppo limitante.

Urge l'aborto post-natale. (Non lo invento ora. Ne ho gia' sentito parlare)

2) lotta alle omofobie e matrimonio paritario anche per loro

Anche alle idrofobie e aracnofobie...
Comunque, per paritario che intende? Immagino il "diritto" delle "coppie" di portarsi a casa i "loro" pargoletti...
(Vedasi concetto di diritto da cui al punto 1). Eh si' tout se tient!)
Vabbe', vorra' dire che per il momento si dovranno limitare a fabbricarseli e comprarseli su ordinazione, come ha fatto il vostro campione governatore della Puglia.

3) laicizzazione assoluta delle istituzioni

Ecco, spieghi meglio la sua idea di "assolutismo". Senno' la gente potrebbe anche turbarsi.

4) liberalizzazione delle droghe e della prostituzione

E qui infine "l'iperliberismo" diventa compiuto. (Per quanto faccia le boccacce all'udire della parola)
Per quanto riguarda l'ultimo punto non mi risulta che sia proibito prostituirsi..

Noto tanti seri e gravi problemi nel tuo commento.
1) non riesci a concepire la differenza enorme da iperliberismo economico e il libertarismo volto al pieno riconoscimento delle libertà individuali e i diritti civili. Non farti fuorviare dalla stessa radice "libero". L'iperliberismo economico di per sé è una delle forme più oppressive per le classi sociali inferiori.
2) il resto è tutta una serie di idee bizzarre, arretrate e ossessive. Il tutto è poi scritto in maniera da storpiare il mio pensiero mettendo al centro la tua "battutina". Chi ca.zzo ha mai parlato di aborto post natale?


RispondiCitazione
riefelis
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 679
 

D'accordo sul fatto che ritenere l'aborto una conquista per le donne sia assurdo.

Non è affatto un concetto assurdo.


RispondiCitazione
riefelis
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 679
 

Niente di quello che scrive, Capra, corrisponde al mio pensiero.
Sono per l'eugenetica astrale e quindi per un'autorizzazione sociale alla procreazione. Altro che unioni alla verdura.

Ti sorprenderò ma, mettendo da parte le questioni astrali che non capisco, sono parzialmente d'accordo con te.
Mettere al mondo un figlio è un evento complesso e anche socialmente rilevante.
E' uno degli aspetti che più eticamente mi turba e nel quale devo trovare una soluzione.
E' molto illuminante il film IDIOCRACY. Spesso chi fa figli è la parte meno responsabile e benestante della società. A livello globale sono i Paesi più poveri e arretrati che contribuiscono alla crescita della popolazione mondiale.
Sinceramente devo ancora trovare una soluzione alla questione.


RispondiCitazione
Pagina 2 / 3
Condividi: