Notifiche
Cancella tutti

IL VANTAGGIO DI ESSERE UN MEDIOCRE


mystes
Prominent Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 803
Topic starter  

 

?20220227085850?20220227085850

 

https://youtu.be/fCWeU_cFrwA

 

Vuoi che ti chiamino in RAI, per un'intervista, uno spettacolo, uno show, ebbene se ci tieni ad avere questa "fortuna", devi essere un mediocre. Il fortunato mediocre di ieri era il tanto coccolato in Italia primo ministro ucraino Zelensky, il quale, detto per inciso, ama presentarsi in pubblico non come un primo ministro, ma come una "checca" di remota borgata romana. (A proposito, signor “primo ministro”, lo sa che in Russia se la sorprendono per strada con quei pantaloni aderenti al “culetto” e la maglietta aderente “alle tette” la processano per direttissima?)

Ieri l'incartapecorito Bruno Vespa, il quale registra nel suo "glorioso" curriculum, come è noto, interviste storiche, come quella a Berlusconi, il grande, da Vespa adorato como la sacra sindone, colui che tradì e consegnò l'amico Gheddafi agli americani, i quali da vecchi sceriffi, lo giustiziarono senza processo.

Nel corso dell’intervista Vespa osservava il cosiddetto primo ministro ucraino un poco preoccupato.

Una delle frasi ad effetto, probabilmente dettata dal suggeritore della CIA nascosto dietro le quinte del teatro radio-televisivo a pagamento, è stata la seguente: "Putin non salverà la faccia per quello che ha fatto".

Ma caro amico, Putin non deve salvare nessuna faccia, chi dovrebbe vergognarsi è lei, che non solo ha permesso la militarizzazione del paese ad opera di formazioni con bandiera nazista, finanziate dagli USA, non solo ha permesso che i grandi squali della farmaceutica globalista sperimentassero in laboratori segreti vaccini e farmaci velenosi, ma oltre tutto ha la faccia tosta di non aver detto nulla di tutto ciò.

E’ vero che in Italia, non ti faranno mai domande insidiose, perché lei, caro primo ministro, è stato invitato da Bruno Vespa e quindi dalla RAI solamente per gettare veleno e calunnie sulla Russia che sta tentando la più grande operazione politica di questo secolo, dare all’Occidente un’alternativa civile al globalismo politico-finanziario della grande finanza mondialista.

 

 


Citazione
Condividi: