Notifiche
Cancella tutti

La ragnatela


[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3719
Topic starter  

Dieci domande per Iorio (BPVI)

In questi giorni sono tornate a materializzarsi molte nubi all'orizzonte della Banca Popolare di Vicenza. Ci sono le ansie generate dai conti. Che non vanno bene. E ci sono quelle generate dalle opacità che ancora permangono sull'istituto berico. A partire da quelle evidenziate dai media o in sede di question time a Montecitorio. L'amministratore delegato della banca Francesco Iorio, predica pazienza e ottimismo. Continua a sostenere la necessità di guardare avanti. Ma per guardare avanti, è la storia che lo insegna, bisogna sempre fare i conti, quanto meno in termini di comprensione, con quanto accaduto nel passato. Perché ieri, oggi e domani alla fine sono le declinazioni dello stesso unicum come grottescamente insegna Franco Franchi nell'indimenticabile “Un mostro e mezzo”. Ed è proprio con lo sguardo rivolto al passato che Iorio, se vuole portare una ventata di chiarezza sulla banca da lui capitanata, potrebbe rispondere ad alcune domande. Ecco l'elenco di quelle che così, su due piedi e alla rinfusa, mi vengono in mente.

Uno, che cosa pensa del fatto che nell'attuale consiglio di amministrazione di BpVi seggano diversi componenti che sono espressione della “passata era Zonin” tale circostanza le arreca qualche imbarazzo?

Due, che cosa pensa lei del vicepresidente Andrea Monorchio? Come descriverebbe lei i suoi rapporti con quest'ultimo? Si tratta di rapporti cordiali e distesi?

Tre, che cosa pensa lei del fatto che tra i componenti del cda figuri un imputato per gravissimi reati fiscali (Matteo Marzotto) e un rinviato a giudizio (Marino Breganze) per il gravissimo reato di usura? Che cosa sa l'amministratore delegato del procedimento penale che è costato una gravissima condanna per usura in primo grado a Francesco Maiolini nella sua veste di ex direttore generale di Banca Nuova (Gruppo BpVi)? Iorio sa che la vicenda che ha portato alle indagini su Breganze e su Maiolini è la medesima?

Quattro, Iorio sa che l'Espresso in un servizio di Vittorio Malagutti descrisse Maiolini come l'ex «vicerè» di Zonin in Sicilia? In quel servizio c'è un passaggio in cui si legge che «Maiolini sa come muoversi nell'acqua torbida del potere isolano. Tra l'altro mette a libro paga parenti e amici di politici e magistrati. Qualche esempio: il figlio del procuratore di Palermo, Francesco Messineo, la figlia di Diego Cammarata, sindaco del capoluogo tra il 2001 e il 2002. Grazie ai legami con i governatori, prima Cuffaro, poi Salvatore Lombardo, in breve tempo Banca Nuova diventa una sorta di succursale finanziaria della Regione e gestisce miliardi di fondi pubblici. Maiolini corre. Forse troppo. Fatto sta che nel 2012, a maggio, perde il posto. Era diventato un viceré, autonomo a tal punto da fare ombra al capo, a Zonin. E il presidente non tollera concorrenti in casa». Alla luce di tutto ciò lei è a conoscenza se tra i conti aperti presso Banca Nuova, o presso altre filiali del gruppo, esistano conti riferibili a persone o soggetti riferibili: alla massoneria, ai servizi segreti, alla Dia, ad alte cariche dell'Arma dei carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia di Stato o del corpo diplomatico italiano o di paesi stranieri? E in ultimo a soggetti riferibili alla magistratura?

Cinque, il dottor Iorio per caso è a conoscenza della vicenda dell'ex amministratore delegato del Vicenza Calcio Danilo Preto nell'ambito dell'affaire Sgroi? Il direttore generale è a conoscenza di eventuali rapporti, presenti o passati, tra BpVi o sue controllate e il Preto? O tra società oggi o un tempo riconducibili a Preto e la galassia societaria della BpVi?

Sei, per quanto consti all'amministratore delegato Iorio tra i membri (in carica o meno non importa) del cda, del comitato esecutivo o del collegio dei sindaci figurano persone che hanno o hanno avuto pendenze giudiziarie?

Sette, per quanto consti all'amministratore delegato Iorio, tra i membri (in carica o meno non importa) del cda, del comitato esecutivo o del collegio dei sindaci figurano persone appartenenti alla massoneria?

Otto, che cosa pensa l'amministratore delegato Iorio della vicenda del cosiddetto affaire Carrai narrata recentemente da Il Fatto? Lei pensa che tale vicenda possa prestarsi in qualche modo ad essere malamente interpretata come il tentativo di una sorta di 'captatio benevolentiae' da parte di alcuni ambienti prossimi al gruppo BpVi nei confronti di alcuni ambienti vicini al governo? Lei è a conoscenza della circostanza appunto descritta da Il Fatto il quale cita nel suo servizio Flavio Maffeis? Lei è conoscenza che Flavio Maffeis, sempre secondo il quotidiano, oltre ad essere il vicepresidente di Farbanca, una controllata di BpVi, ha patteggiato anni fa una pena per corruzione nell'ambito dello scandalo della seconda metà dei Novanta noto come “Farmatangenti”?

Nove, che cosa sa il dottor Iorio dei rapporti tra Vincent Spogli, già ambasciatore Usa in Italia e Gianni Zonin, già presidente della Banca Popolare di Vicenza? Iorio è a conoscenza delle richieste di chiarimento in merito ai rapporti tra i due partiti da alcuni ambienti della società civile vicentina?

Dieci, lei Iorio, ha mai sentito parlare di un fantomatico gruppo Doyan, di un fantomatico «Archivio 19» e di un fantomatico «Memoriale Vigna»? Lei che cosa pensa dello scenario descritto sul quotidiano Vvox,it in un servizio del giorno 6 febbraio 2016?
di Marco Milioni

da http://supporto01.blogspot.it/2016/02/dieci-domande-per-iorio.html


Citazione
cedric
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1697
 

Sto seguendo la telenovela delle "banche della bocciofila" e francamente sono meravigliato del fatto che i clienti non abbiano spostato "i risparmi di una vita" da queste simil "casse peota" (i veneti sanno cosa sono) in altri istituti, di certo meno "locali" ma più affidabili.

Passi per l'artigiano o il piccolo imprenditore che "non può" chiudere il conto altrimenti gli tolgono il fido, ma tutti i lavoratori dipendenti, i pensionati, le donne, i vecchi, i negri (!) ed i bambini (categorie sociali cantate da Dario Fo anni fa) dovrebbero mettersi davanti al pc e con un "click" girare i soldi su quelle 3-4 "grandi banche nazionali" , di certo più "fredde, lontane ed anonime" ma anche assai più "robuste".

E se i vecchi pensionati e le anziane vecchiette non sanno usare il pc di sicuro hanno alle calcagna torme di parenti che aspettano con ansia la loro dipartita per mettere le mani sui loro quattrini depositati alla locale banchetta come gli ha consigliato il parroco maneggione. Che aspettano costoro a darsi da fare per "salvare il salvabile"?

Non capisco proprio come si possa ancora tenere dei risparmi al MPS o in alcune banche venete visto che entro l'anno faranno di certo bancarotta, ma non c'è peggior cieco di chi non vuol vedere ed allora peggio per loro.


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3719
Topic starter  

Sto seguendo la telenovela delle "banche della bocciofila" e francamente sono meravigliato del fatto che i clienti non abbiano spostato "i risparmi di una vita" da queste simil "casse peota" (i veneti sanno cosa sono) in altri istituti, di certo meno "locali" ma più affidabili.

Passi per l'artigiano o il piccolo imprenditore che "non può" chiudere il conto altrimenti gli tolgono il fido, ma tutti i lavoratori dipendenti, i pensionati, le donne, i vecchi, i negri (!) ed i bambini (categorie sociali cantate da Dario Fo anni fa) dovrebbero mettersi davanti al pc e con un "click" girare i soldi su quelle 3-4 "grandi banche nazionali" , di certo più "fredde, lontane ed anonime" ma anche assai più "robuste".

E se i vecchi pensionati e le anziane vecchiette non sanno usare il pc di sicuro hanno alle calcagna torme di parenti che aspettano con ansia la loro dipartita per mettere le mani sui loro quattrini depositati alla locale banchetta come gli ha consigliato il parroco maneggione. Che aspettano costoro a darsi da fare per "salvare il salvabile"?

Non capisco proprio come si possa ancora tenere dei risparmi al MPS o in alcune banche venete visto che entro l'anno faranno di certo bancarotta, ma non c'è peggior cieco di chi non vuol vedere ed allora peggio per loro.

Starà seguendo la telenovela ma non da molto tempo, perché la cosa ormai va avanti da anni. ormai solo i vecchi paracarri in cemento non ne hanno consapevolezza. Le banche non ti permettono di spostare un cent, nemmeno virtualmente, provare per credere. E poi spostarli dove i soldi? Sono tutte alla stessa stregua.


RispondiCitazione
cedric
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1697
 

....
Le banche non ti permettono di spostare un cent, nemmeno virtualmente, provare per credere.

E poi spostarli dove i soldi? Sono tutte alla stessa stregua.

E' vero per i "titoli" se ti hanno convinto a comperare le loro obbligazioni al 5% o le loro azioni promettendoti dividendi del 10% allora sei nella merda perchè se sei fortunata te le ricomprano alla metà di quello che le hai pagate.
Però te lo meriti perchè sei stata "avida" visto che i BTP a 10 anni rendono meno dell'1% netto.

Per i depositi non vedo "come" possa una banca impedirti di fare un "bonifico". E' vero che con l'home banking hai un limite sia giornaliero che mensile (peraltro dell'ordine di qualche decina di migliaia di euro) ma nulla ti impedisce di fare un bonifico in filiale (pagando i soliti 5 euro di commissione). Come alternativa puoi farti emettere un assegno circolare non trasferibile intestato a te che poi tu depositi sul nuovo conto in una nuova banca.

Ovviamente come ho già detto se il capo filiale "ti ricatta" col fido "che ti serve davvero" allora è un altro discorso, qui si parlava di "normali cittadini". Ed è un altro discordo anche se "hai problemi col fisco o con la legge " e non vuoi far "accendere la lampadina dei 12.000 euri movimentati" sul tuo codice fiscale, ma allora sei un malfattore e peggio per te.

Per quanto attiene invece al "tanto son tutte uguali" concordo che tutte le banche cerchino di fare soldi sulla tua pelle, ma per cautelarsi basta leggere quali sono le banche "attenzionate da Banca d'italia". Al minimo accenno di irregolarità sposti tutto in una banca più grande e possibilmente nazionale anche se nel paesello c'è lo sportello sotto casa e la nuova filiale è a 50 chilometri.


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3719
Topic starter  

cedric,
tutti gli argomenti e le casistiche accennati non mi toccano, non ho soldi.
Ne ho parlato perché, come ha scritto lei, godo per gli ingordi, chissà che rimangano tutti fregati, dal momento che ho pubblicato tempo fa un post dal titolo: "Si può vivere di denaro?".


RispondiCitazione
Condividi: