Notifiche
Cancella tutti

L'Italia nello spazio, lo shuttle pronto al decollo


helios
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 16537
Topic starter  

http://www.unita.it/scienza/l-italia-nello-spazio-lo-shuttle-pronto-al-decollo-1.287206

Venerdì sulla Florida il tempo sarà parzialmente nuvoloso con temperature diurne intorno ai 27 gradi. Perché l’Unità vi fornisce queste previsioni meteo? Non siamo impazziti: venerdì alle 15.47 ora locale, 21.47 al nostro fuso orario, dal «mitico» Kennedy Space Center di Cape Canaveral decolla lo Shuttle «Endeavour» per un’impresa a caccia di materia oscura e antimateria che parla molto italiano e che, come spiega l’articolo a fianco, può rivoluzionare le nostre idee sull’universo e sulla vita molto più del concomitante matrimonio reale a Londra.

Si scomoda perfino l’inquilino della Casa Bianca: davanti alla rampa di lancio ci sarà Obama. Lo Shuttle avrà a bordo il colonnello dell’aeronautica e astronauta dell’European Space Agency Roberto Vittori. E uno spettrometro magnetico chiamato Ams-02: un aggeggio estremamente sofisticato da 8 tonnellate destinato a una stazione spaziale già in orbita.

Lì fra raggi cosmici e visioni interplanetarie dovrà rilevare tracce di quelle componenti misteriose per una «esplorazione» concepita da menti italiane nel ‘94, costruita e portata a compimento in Europa da 16 paesi e con l’Italia come testa di serie. Non per niente l’Agenzia spaziale italiana (Asi) e l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), insieme all’Aeronautica militare e altri enti, sono tra i principali responsabili di questa avventura. Non per nulla il vice della «caccia all’antimateria» è il fisico Roberto Battiston.

A scanso di rigurgiti nazionalisti: qui si dimostra come la ricerca nostrana, quando può dispiegarsi invece di venir frustrata da tagli a scuola e università, ottenga riconoscimenti ai più alti livelli, poiché alla Nasa non si affidano al primo che passa neppure per piantare un chiodo. Ha quindi qualche buona ragione per Vittori per portare con sé il tricolore affidatogli da Napolitano. E lassù lo mostrerà a un altro un astronauta italiano, quel Paolo Nespoli in orbita da dicembre e ora in attesa sulla stazione orbitante destinata ad accogliere l’Ams. L’investimento complessivo del «cacciatore di antimateria» supera il miliardo di euro, di cui il 25% stanziato da Asi e Infn. Una somma che include proprio tutto tutto: dagli stipendi dell’ufficio acquisti alle guarnizioni fino ai panini.

Per un confronto, il costo complessivo del Cern di Ginevra dovrebbe aggirarsi sui 7 miliardi di euro. Ma per gli Shuttle è il canto del cigno: questa è l’autentica missione finale (a giugno ci sarà un ultimo decollo), dopo riposeranno in qualche museo o parco scientifico. Tra tanta scienza, i media americani cavalcano un effetto collaterale in «rosa»: comanda l’Endeavour Mark Kelly, sua moglie è Gabrielle Giffords, la democratica ferita gravemente a Tucson il 21 gennaio da un folle che uccise 6 persone. La deputata è ancora semibloccata ma i medici hanno dato l’ok: può andare a Cape Canaveral. Previsto effetto paparazzi tra gli scienziati. 27 aprile 2011


Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14204
 

mammamia, aspetta che sventolo il tricolore...che orgoglio...(mentre il gov svende l'Italia) ma quei soldi usati per sfamare un pò di gente no eh?


RispondiCitazione
glab
 glab
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 539
 

mammamia, aspetta che sventolo il tricolore...che orgoglio...(mentre il gov svende l'Italia) ma quei soldi usati per sfamare un pò di gente no eh?

sventaglio e gorgoglio anch'io; certo che per le sbombardate per giunta in violazione al dettato della costituzione e per le "imprese spazialiche", che di spaziale mi sa che hanno prevalentemente il costo, non manca la pecunia; manca solo sempre per il popolo.
alleluia brava gente!


RispondiCitazione
vic
 vic
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 6373
 

Io applaudirei piuttosto i due vecchietti Focardi e Rossi:
www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=34259

Faccio notare che i loro illustri concorrenti "caldi", tutti accademici di grido, dopo aver speso 20 miliardi e dopo 60 anni, sono ancora fermi al palo.

Circa l'esperimento riguardo la cosa (materia ed energia) oscura, ce ne sarebbe uno semplicissimo, ma non lo dico per pudicizia, e anche per rispetto del solito inventore anzianetto. Gli bombardano la casa e lui dovrebbe pure dirvi come scoprire la cosa oscura? No non e' libico, ma s'e' beccato la polverina oscura della NATO.

L'era degli Shuttle e' dunque finita! E poi? Poi nulla. La NASA rimane a piedi. Fortuna che gli rimane il pollice per fare lo spaziostop, caso mai passasse via un aggeggio russo, che' la stazione spaziale e' ormai affidata a loro, vecchi taxisti anni '60, ma evidentemente piu' affidabili della NASA, le cui navette non esplosero per via di Al Qaeda, ma per via di una certa mentalita'.

Unita' sveglia: la Nasa sta affondando e voi siete li' ad applaudirla neanche fossimo nel 1969. Ce l'avete proprio nel DNA il comprendonio a scoppio ritardato.

Allora a quando una doppia paginata sul reattore catalitico da 2mila Euro di Focardi-Rossi, con tanto di applausi sperticati?

Sveglia, sveglia!

-- PS
La precisione non guasta mai: allora batiston cerca la materia oscura oppure l'antimateria? Non sono esattamente la stessa cosa: la prima nessuno ha idea di cosa sia, la seconda e' abbastanza ben conosciuta, tant'e' che ne venne predetta l'esistenza dai teorici. Ma erano i tempi di P.A.M. Dirac, non dei teorici da strapazzo delle stringhe, che dopo decenni siamo ancor qui a cercare dove siano. Perche' chiamino teoria una congettura non lo capisco: congettura delle stringhe, suona cosi' male?
Erano tempi in cui gli esperimenti decisivi erano relativamente semplici ed anche spicci: non ci voleva molto tempo per accogliere o refutare sperimentalmente una teoria.

Oggi invece buttano via miliardi pubblici e poi si fanno battere da due privati che han buttato via solo soldi propri. Questo Battiston vuol dire la sua sulla fusione fredda una volta tanto? O perlomeno ammettere che non ne capisce nulla e dunque non si capisce bene perche' uno come lui dovrebbe dare pareri se finanziarne la ricerca o no. Finora e' stato di fatto no. Le quisquilie non contano. Conta la mancanza di visione e l'inseguimento del solito tran tran. Bisognerebbe dirla sta cosa: la ricerca va ad ondate, ondate di moda. Chi non segue la moda e' piu' o meno spacciato.

Circa lo spazio, in particolare la tecnologia di volo spaziale, cos'e' sto silenzio assordante sulle tecnologie altre, quelle che non vengono insegnate ai pivelli ma che vengono finanziate in nero? E poi scava scava, alla fine sono una grande scopiazzata, non si puo' dire da chi e allora non lo dico.
Si puo' dire invece tranquillamente che lo spazio e' in mano ai militari, ma solo sui blog. Guai a dirlo in un giornale!


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 16537
Topic starter  

L’investimento complessivo del «cacciatore di antimateria» supera il miliardo di euro, di cui il 25% stanziato da Asi e Infn.

ecco dove vanno a finire i nostri soldi che ci spillano dalla tasca.
Ora capisco <l'ingiustificato aumento della benzina>.......l'antimateria ha il suo prezzo. Ma non era meglio finire prima la Salerno-Reggiocalabria?
L'antimateria è da miliardi di anni che è li.
Se andiamo avanti così anche la salerno reggio calabria raggiungerà quella datazione

😆

Sveglia, sveglia!

è da molto tempo che l'Italia è addormentata e tutti la cullano in sogni prima che la dura realtà non li svegli di soprassalto.


RispondiCitazione
Maria Stella
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1429
 

Non sono d'accordo con i critici, una volta tanto all'Unità hanno scritto qualcosa di utile e necessario, il nostro futuro non è come dice berlusconi nelle centrali Nucleari, il nostro futuro è nello spazio e negli studi sulla materia

http://www.almanacco.cnr.it/reader/cw_usr_view_articolo.html?id_articolo=1073&id_rub=47&giornale=1040

se poi gli americani smettessero di fare gli sceriffi e di usare tutto, anche gli studi spaziali, come mezzo per sopravanzare le altre potenze, forse staremmo tutti molto meglio e non saremmo ancora legati a tecnologie primitive come quelle delle centrali. magari se anche quelli dell'Unità aprissero la mente.. forse ce la fanno anche loro a capire che non si trtta di regalare a pioggi ed a caso agli amici degli amici soldi che siano nominalmente "per la ricerca" che fa tanto fino e progressista, ma che si tratterebbe invece di pochi, seri e mirati sforzi , fatti in collaboraziopne fra le nazioni, globalizzando magari lo studio, il lavoro, per dei risultati che ci coinvolgono tutti invece di globalizzare gli schemi delle truffe bancarie..


RispondiCitazione
Condividi: