Notifiche
Cancella tutti

Napolitano


ancona_pietro
Honorable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 564
Topic starter  

Esempio di revisionismo comunista

Non starò a sentire il discorso finale di Giorgio Napolitano. Sono diversi anni che non li ascolto più.
Sono contento che va via anche se non credo che la cosa avverrà prima che i caporioni del centrodestra e del pd si mettano d'accordo sul nome del successore.
Non ho alcuna fiducia in questo Parlamento e non credo che sarò soddisfatto del nome che verrà fatto per la Presidenza. Forse ci aspetta uno peggiore di lui dal momento che ha rimosso le regole ed i paletti della Costituzione e della cultura democratica che non ci saranno più per il successore.
IN ogni caso Napolitano ha fatto le cose peggiori che ci si potesse aspettare. La legge Fornero e la Job Act recano la sua firma. Forse firmerà anche la riforma elettorale. Ha fatto bombardare la Libia che ci dava il pane quotidiano da mangiare (cinquanta miliardi di esport-import e cento mila occupati) ed ha coinvolto l'Italia nelle guerre di rapina ed imp'erialistiche degli USA. E' stato più realista del re, più liberista dei liberisti, più caino verso i lavoratori dei caini della borghesia perchè doveva dimostrare la conversione all'Occidente ed ai suoi "valori" sua e del PCI. A questa dimostrazione ha sacrificato gli interessi della Costituzione e della sinistra italiana.
Napolitano impersona il processo di degenerazione del revisionismo nella sua espressione massima. Quando il comunismo ritiene di essere realista e diventa destra aguzzina dei lavoratori. .


Citazione
Luca Martinelli
Noble Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 1984
 

I fatti sono veri ma la chiave di lettura mi sembra stereotipata. Napolitano non è mai stato comunista, quindi la costruzione dell'articolo cade. Semmai è stato finto-comunista come del resto fu finto-fascista. In realtà ora sappiamo che è massone affiliato anche a logge sovra-nazionali, mentre fino ad ora lo sospettavamo. Mancano le prove di un altro forte sospetto: che sia anche un agente Cia.
tutto il resto non fa una grinza al punto che i più severi tra i cmplottisti lo qualificano come traditore, ritenendolo fortunato che si viva in tempo di pace, perchè in tempo di guerra i traditori vengono fucilati.


RispondiCitazione
yakoviev
Noble Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 1671
 

Come dice Martinelli, sono convinto anch'io che Napolitano, anche negli anni del PCI, non sia mai stato comunista. Mi pare di cogliere anche delle differenze rispetto alla classica destra revisionista PCI amendoliana. Nonostante si parli di lui in quegli anni come socialdemocratico "migliorista", sono convinto che fosse "più oltre", che rispondesse a logiche ancora diverse. I suoi legami con gli USA e la massoneria, se indagati a fondo, potrebbero rivelarci di più. Il suo "furore" nell'eseguire politiche decise e dettate da centrali sovranazionali (e antinazionali) con implacabili cinismo e determinazione, a novant'anni, ha un qualcosa di profondamente inquietante.


RispondiCitazione
luiginox
Reputable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 345
 

basterebbe ricordarsi chi ha nominato primoministro:prodi,berlusca,monti,letta e, sommo capolavoro,renzi. c'è bisogno di altro per capire per chi lavora?


RispondiCitazione
Condividi: