Notifiche
Cancella tutti

PASSAPORTO EUROPEO


mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1445
Topic starter  

Conosciuto come il passaporto europeo più "facile", il passaporto italiano potrebbe diventare più difficile da ottenere. All'inizio di giugno di quest'anno, è stato discusso un progetto di legge che prevede l'inasprimento delle regole di rilascio. Sebbene non esistano dati precisi sul numero di discendenti italiani in Brasile, si stima che oltre 30 milioni abbiano i requisiti per richiedere la cittadinanza italiana. Nel progetto di legge presentato dal senatore Roberto Menia, del partito Fratelli d'Italia, è previsto che il richiedente, oltre a dimostrare il legame di sangue con un italiano, deve provare la conoscenza della lingua e la residenza di un anno nel Paese. Il progetto intende ridurre la facilità di acquisizione del passaporto e restringere fortemente il numero di persone che possono richiedere questo diritto.

Natalia Lazzari, esperta di genealogia e cittadinanza italiana, afferma che da anni si tenta di cambiare. Oggi, dei 27 Paesi che fanno parte dell'Unione Europea, solo l'Italia ha una normativa completa.

"Molti usano la cittadinanza italiana come strumento per entrare negli Stati Uniti e in Canada, per sovvenzionare il college dei figli", osserva la brasiliana, che vive in Veneto e guida il team di "Avanti Citizenship". Da otto anni è anche membro dell'Istituto Genealogico Italiano.

"Non ci aspettavamo che la presentazione del disegno di legge fosse così veloce. L'orientamento è considerare discendenti di italiani solo coloro che sono nipoti di italiani. Non è né giusto né sbagliato, ognuno ha la sua opinione, ma la visione del governo è ormai chiara", dice la Lazzari. La specialista ritiene che le possibilità che il disegno di legge venga approvato siano elevate, ma non si possono prevedere i tempi. Se passerà, non dovrebbe avere ripercussioni su coloro che hanno già iniziato il processo di richiesta della cittadinanza.

Luciana Laspro, responsabile del Patronato Enasco di San Paolo e Presidente del MAIE-Brasile (Movimento Associativo degli Italiani all'Estero), sottolinea che "la vera motivazione alla base di questo cambiamento è quella di far fronte alla valanga di cause che attualmente sommerge i tribunali italiani, nonché all'inefficienza dei servizi pubblici italiani, come i Consolati e i Comuni, che non riescono a far fronte alle richieste di cittadinanza". L'autrice osserva inoltre che in Italia esiste un certo pregiudizio nei confronti dei cittadini italiani nati fuori dall'Italia. "Questo può essere dovuto al fatto che la proposta di legge menziona casi di cittadinanze concesse a persone nate all'estero che non conoscono la lingua italiana e hanno pochi o nessun legame con il Paese".

Laspro ha un'opinione diversa. "Questo disegno di legge non ha alcuna possibilità di essere approvato così com'è. In ogni caso, è importante ricordare che, secondo la legge italiana, i discendenti nascono italiani, non diventano italiani". L'autrice sottolinea che "il riconoscimento della cittadinanza è un procedimento amministrativo (o giudiziario). Si limita a verificare uno status che l'individuo già possiede".

Daniel Taddone, consigliere del CGIE (Consiglio Generale degli Italiani all'Estero), conferma. "I tentativi di modificare la legislazione italiana si verificano ogni anno, a volte più di una volta all'anno. È una materia complessa e difficile da far passare in Parlamento. Questa volta la proposta è strutturata molto male e non ha alcuna possibilità di procedere così com'è scritta".

La maggior parte dei brasiliani di origine italiana vive nelle regioni del Sud e del Sud-Est. San Paulo guida la classifica, seguita dal Paranà e dal Rio Grande do Sul - dove si ritiene che il 27% della popolazione abbia origini italiane, ovvero un terzo dei cittadini dello Stato. La Serra del Rio Grande del Sud è la regione con il maggior numero di immigrati, poiché sono stati i primi in ordine di tempo a stabilirsi in quella regione.

Fonte: https://jovempan.com.br/noticias/mundo/italia-pode-endurecer-regras-para-cidadania-e-ameaca-direito-de-mais-de-30-milhoes-de-brasileiros.html

 


Citazione
Condividi: