Notifiche
Cancella tutti

SICCITÀ E ALLUVIONI SONO FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA – SI CHIAMA CLOUD SEEDING


dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14386
Topic starter  
 

Si parla spesso in questi giorni della connessione tra due fenomeni. O c’è troppa pioggia o non c’è affatto. I laghi e fiumi si sono riempiti in modo sorprendente, ma come riportano i giornali, il problema della siccità non è stato risolto altrove. Mentre l’Italia è alluvionata, Spagna e Portogallo sono in ginocchio per una siccità drammatica.  

Certi fenomeni sono in effetti collegati tra loro. Basti pensare alla guerra in Vietnam: le troppe piogge in Vietnam – causate dagli Stati Uniti che stimolavano i monsoni – hanno portato alla siccità altrove. Mentre le piogge in Vietnam inguaiavano Ho Chi Min, nelle Filippine si osservava una grave siccità. Tra l’altro, non solo vi era una doppia presenza statunitense per gestire gli interventi meteorologici (in Indocina contro le forze nemiche e nelle Filippine per le forze amiche), ma anche il personale operativo era lo stesso. Vediamo un filo conduttore di interventi dall’India con GROMET alla guerra meteorologica in Vietnam e GROMET 2 nelle Filippine.
L’Operazione Popeye partiva dal 1967 – la grande siccità nelle Filippine nel 1968
E’ stata il primo uso sistematico conosciuto nella storia di tecniche di modifica ambientale-meteorologica ed è avvenuto nel quadro della guerra nel Sud Est Asiatico nei territori di Cambogia, Laos e Vietnam del Nord e del Sud. L’origine dei tifoni estremamente forti e delle torrenziali piogge del 1971 nel Vietnam del Nord, sono correlati con la suddetta operazione. L’operazione è stata a carico del 54th Weather Reconnaissance Squadron (WRS) con il proposito di allargare il monsone sul Vietnam del Nord, principalmente sulla strada di Ho Chi Minh. Le operazioni avevano il nome in codice di “Motorpool”. Le inseminazioni di nubi (cloud seeding) venivano eseguite con particelle di ioduro di argento, dando come risultato un prolungamento del monsone di 30 – 45 giorni. Questo faceva sì che intense piogge rendessero difficile il traffico stradale saturando il suolo e facendo esondare i fiumi. Queste missioni sono state portate avanti da aerei modificati (C-130, F-4 e A-1), che realizzarono più di 2300 missioni. L’operazione Popeye, oltre ad inondare il sentiero di Ho Chi Minh, era di fondamentale importanza strategica per i vietcong: aveva distrutto anche le risaie del Vietnam del Nord . Le operazioni partivano dalla Tailandia, senza informare però il governo sullo scopo.Saint-Amand e il suo gruppo adoperavano la loro nuova arma con risultati spettacolari. Si poteva attaccare il nemico usando il meteo, negando conseguenze e responsabilità.
Il nome dell’Operazione Popeye (Pop Eye) è entrato nello spazio pubblico attraverso una breve menzione nel Pentagon Paper e con la pubblicazione sul New York Times il 3 luglio 1972.
ALTRO QUI 
IL CASO DELLE ISOLE FILLIPPINE – GRAVE SICCITA’ DAL 1968 – ARRIVA L’USAID
Si apre nelle Filippine il capitolo Gromet II. L’ammiraglio Saint-Armand, impegnato in Vietnam con la semina delle nuvole, che già avevamo incontrato nell’episodio Gromet I in India, si occupa nuovamente e contemporaneamente di interventi bellici, e del “soccorso civile”. Lo stesso team, le stesse tecnologie e gli stessi strumenti.
Mentre pioveva troppo in Vietnam, pioveva troppo poco nelle Filippine.La grave siccità che colpì le isole Filippine negli anni 1968 e 1969 convinse il governo filippino a provare l’inseminazione delle nuvole come mezzo per aumentare le precipitazioni. Partì il progetto GROMET II. Sì è svolto su tutto l’arcipelago da fine aprile a metà giugno del 1969. Ioduro d’argento è stato rilasciato in correnti ascensionali e in nubi in crescita. La portata esatta di pioggia e l’aumento derivante dalla semina non può essere calcolato, tuttavia, l’aumento delle precipitazioni tropicali portò un miglioramento nel settore agricolo, l’aumento della produzione di zucchero, riso e mais. Inoltre gli USA addestrarono il personale locale nelle tecniche di cloud seeding. A causa del successo di GROMET II il governo filippino condusse un’operazione simile nel 1970 ed era prevista un’altra per il 1971. Cosa successe non lo sappiamo. \u2028Nel 1971 è avvenuta una delle peggiori alluvioni ad Hanoi. Morirono oltre 100 000 persone.“A severe flood of the Red River in North Vietnam kills an estimated 100,000 people on this day in 1971. This remarkable flood was one of the century’s most serious weather events, but because the Vietnam War was going on at the time, relatively few details about the disaster are available (Una grave inondazione del Fiume Rosso nel Vietnam del Nord uccide circa 100.000 persone in un giorno del 1971. Questa straordinaria alluvione è stata uno degli eventi meteorologici più gravi del secolo, ma poiché all’epoca era in corso la guerra del Vietnam, sono disponibili relativamente pochi dettagli sul disastro). ” FONTE
UN DOCUMENTO UFFICIALE DESCRIVE 
Una grave siccità nelle Isole Filippine durante il 1968 e il 1969 ha indotto il governo filippino a provare la semina delle nuvole come mezzo per aumentare le precipitazioni. Con l’aiuto degli Stati Uniti, un progetto di semina con ioduro d’argento, GROMET II, fu condotto sull’intero arcipelago dalla fine di aprile alla metà di giugno del 1969. Lo ioduro d’argento, generato in modo pirotecnico, è stato rilasciato nelle correnti ascensionali delle nubi in crescita e, grazie al posizionamento e alla tempistica degli eventi di semina, le singole nubi sono state organizzate in sistemi nuvolosi più grandi. Dalle nubi seminate sono cadute precipitazioni stimate in almeno 3 x 10 alla decima potenza di metri cubi d’acqua. Non è possibile calcolare l’entità precisa dell’aumento delle precipitazioni risultante dalla semina, tuttavia l’aumento delle precipitazioni dalle nubi cumuliformi tropicali è stato realizzato in modo semplice e operativo. I benefici derivanti, almeno in parte, dal progetto sono stati un netto miglioramento dell’agricoltura, un aumento della produzione di zucchero pari a 43 milioni di dollari e un incremento dei raccolti di riso e mais tale da rendere superflua l’importazione anticipata. Inoltre, il personale locale è stato addestrato alle tecniche di semina. Visto il successo di GROMET II, il governo delle Filippine ha condotto un’operazione simile nel 1970 e ne ha pianificata un’altra per il 1971.
Puoi seguire Nogeoingegneria  con Telegram e ricevere le notizie sia su cellulare che su PC:  https://t.me/NogeoingegneriaNews  
 

BrunoWald e Primadellesabbie hanno apprezzato
Citazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 460
 

Non sono un negazionista delle scie chimiche ma io mi manterrei su spiegazioni più "terra terra":
https://www.youtube.com/watch?v=K6swnWRTpYQ


RispondiCitazione
esca
 esca
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1072
 

Owning the weather in 2025...

Quando mi imbattei per le prime volte in tali temi il 2025 non era esattamente dietro l'angolo. Ora siamo alle sue porte e pare che l'arma bellica, dopo un collaudo di decenni su scala globale sia "finalmente" operativa: come vola il tempo. Questo gioco a imitare e sostituirsi all'Altissimo e' davvero troppo grande e ambizioso anche per psicopatici soggiogatori tanto potenti come quelli che tirano i fili su questa povera palla in momentanea deriva. Passera', questione di Forza Maggiore.


sarah e BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 460
 

C'entrano poco le scie chimiche qui e c'entra molto il malaffare del governo regionale e di Hera. 
Non fanno manutenzioni, non curano gli argini dei fiumi, lasciano le dighe tracimanti d'acqua nei periodi di siccità. Se ne fottono di tutto. L'unica cosa che sanno fare è fare elargizioni ai loro elettori in modo che stiano zitti e propagandare a tutto spiano la balla dei cambiamenti climatici, veri solo in parte e in parte attribuili alla geoingegneria.


RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 460
 

Qui trovate un altro indizio, ben lontano da spiegazioni riguardanti la geoingegneria clandestina
https://twitter.com/VittorioBanti/status/1659905340064841731
Il dubbio che in tutta Italia, non solo in Emilia Romagna (penso ad esempio alla diga del Bilancino in Toscana) tengano gli invasi pieni d'acqua per aumentare i disagi a valle ed avere DI CONSEGUENZA la possibilità di ottenere lo Stato di Emergenza -cioè soldi- da Roma, è reale.


RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 460
 

Aggiornamenti: a piazza pulita su LA7 hanno attribuito le cause del disastro alle bombe d'acqua da scie chimiche.
Vi basta ora per capire che non c'entrano una cippa con questo disastro??
Cercatevi il video...


RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14386
Topic starter  
Pubblicato da: @detrollatore-ii

C'entrano poco le scie chimiche qui e c'entra molto il malaffare del governo regionale e di Hera. 
Non fanno manutenzioni, non curano gli argini dei fiumi, lasciano le dighe tracimanti d'acqua nei periodi di siccità. Se ne fottono di tutto. L'unica cosa che sanno fare è fare elargizioni ai loro elettori in modo che stiano zitti e propagandare a tutto spiano la balla dei cambiamenti climatici, veri solo in parte e in parte attribuili alla geoingegneria.

questa indicata nell'articolo suggerisce un'ipotesi, basata sul fatto che ne hanno la capacità, poi che sia stata attivata in questo caso non è dato saperlo per certo, l'unico indizio è quell'aereo che sorvola la zona numerosissime volte, il che è strano. Per carità, da lì a sostenere che sicuramente sia andata così ce ne passa.

 

Senz'altro l'incuria del territorio è stata una causa importante, come aver aperto le dighe due giorni prima quando già c'era l'allerta meteo


RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 460
 

Dana, trattasi di un velivoletti non in grado di provocare questi disastri. Uno in particolare, pubblicizzato dalla controinformazione falsa e perdigiorno (ma senza farlo vedere nella sua risibile dimensione e soprattutto destinazione d'uso) era il velivolo di supporto al giro d'italia (14 maggio se non erro)
https://twitter.com/GiulioMarini2/status/1658881258426957825
Da flightradar è possibile riscontrare tutto...

Comunque grazie a Dio la voce sta circolando e sempre più gente comincia a capire che non sono né cambiamenti climatici ecogretini né cloudseeding.
E' tutto spiegabile con le manovre in quota diga, come ho detto nei commenti precedenti.
Nonostante tutte le nostre diffidenze, dobbiamo "rassegnarci" all'idea che questo governo è sotto attacco. Lucio Malan, capogruppo senatori FdI ha osato dubitare del dogma sui cambiamenti climatici (che prima chiamavano riscaldamento globale, ora correggono il tiro per ovvi motivi). 

Le regioni stanno chiedendo lo stato d'emergenza perché hanno i conti in rosso e sono alla frutta ma non toccheranno un soldo e verranno tutte commissariate molto probabilmente.
Arriveranno soldi ma direttamente nelle tasche dei cittadini danneggiati. Bonaccini se la prenderà in quel posto, sperando che non piaccia pure a lui!
Non si escludono manovre in tal senso da parte di regioni di centro-destra (Zaia, Cirio...). L'attacco al governo è concentrico. Perfino le reti mediaset portano avanti la narrazione dei cambiamenti climatici, in contrapposizione al governo, ma non è una novità che stanno pappa e ciccia con l'establishment sinistro.
Sta succedendo il contrario rispetto alla questione covid: allora regioni e governo (e mass media di ogni risma) appoggiavano la narrazione dominante. Ora il governo, abbastanza in sordina e timidamente a parole, è contrario a questa narrazione, in guerra con tutti. E la vincerà, perché sono tutti alla frutta e perché abbiamo finalmente un governo stabile di vera destra sovranista.


RispondiCitazione
Condividi: