Dal 10 gennaio al S...
 
Notifiche
Cancella tutti

Dal 10 gennaio al Senato decreto armi all'Ucraina. Nel teatrino dovrà essere presente anche chi è davvero contro la cobelligeranza italiana.


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8303
Topic starter  
 
Inizia martedì 10 gennaio la discussione nell' Aula del Senato
 
D-l n. 185/2022 - Proroga invio armi Ucraina: avvio discussione in Aula
Martedì 10 gennaio alle 16,30, è previsto in Assemblea l'avvio della discussione del disegno di legge n. 389, di conversione in legge del decreto-legge n. 185/2022, sulla proroga dell'autorizzazione alla cessione di mezzi e materiali ed equipaggiamenti militari in favore delle Autorità governative dell'Ucraina.
 
La Commissione Esteri e Difesa, martedì 20 dicembre, ne ha concluso l'esame conferendo mandato al relatore, Presidente Craxi, a riferire in Aula.  
 
 
Il 13 dicembre in occasione dell' atto di indirizzo sul decreto , con comunicazione di Crosetto e voto, abbiamo fatto un digiuno di coerenza pacifista
 
Presidio la mattina vicino a Largo Argentina e nel  pomeriggio diretta a radio Radicale e Radio Nuova Resistenza di Firenze.
 
 
 
 
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 3 persone, persone in piedi e attività all'aperto
 
Questa argomento è stata modificata 1 anno fa da marcopa

Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14373
 

possibile che questo popolo sia così ritardato da non capire quanto sia importante sfilarsi dal colonialismo NATO?!?!?!

 


RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 459
 

Quando fai parte della NATO, quando sei un paese che ha firmato l'armistizio di Cassibile, non puoi uscire dalla NATO così, dall'oggi al domani, né puoi sganciarti dalla narrazione sulla guerra sui cattivoni e sui buoni. Chi da fuori dal governo (e dal parlamento) parla di uscire dalla NATO non sa quel che dice e lo dice finché resta in quella posizione. Soprattutto se parliamo di una NATO a guida USA con Biden e la sua mafia che perdono pezzi ogni giorno e che sono sempre più nell'occhio del ciclone. Ergo, se cambia la guida della NATO, se arriva Trump, la pacchia per questi psicopatici guerrafondai finisce. E ve lo dimostrano i suoi 4 anni di presidenza prima di tutto.
In una simile situazione bisogna agire d'astuzia. Far credere di essere dalla parte ucraina, far credere di inviare armi valide, far credere di mandare soldi e nello stesso tempo mantenere segreta la lista degli aiuti e armi.
Vi faccio un esempio:
 
 
https://video.corriere.it/esteri/i-militari-ucraini-bakhmut-usano-mortai-italiani-oltre-55-anni-fa/cc7562d4-7275-11ed-b391-c82cf2fd5f04

Questo mi è stato confermato perfino da alcuni militari italiani di conoscenza diretta e si tratta di armi costose più da smaltire che da inviare a sti psicopatici.
Questa guerra sta aiutando ad esporre l'Ucraina come base per ogni terribile nefandezza commessa in questo mondo (traffico di organi, di bambini, di droga, di armi batteriologiche e presenza di biolaboratori per provocare pandemie).
Di più, ho l'impressione che senza questa guerra Putin non può continuare a mettere al sicuro le popolazioni filorusse in Ucraina.
Non tutti i mali vengono per nuocere...


RispondiCitazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8303
Topic starter  

Martedì 10 gennaio dalle 15 alle 19 

 

Presidio in piazza del Pantheon, vicina al Senato,

 

in occasione del voto nell' aula di Palazzo Madama

 

su DL 185 del 2 dicembre 2022

per l' invio di armi all' Ucraina per tutto il 2023

 

organizzano i Disarmisti Esigenti, seguirà comunicato


RispondiCitazione
Condividi: