DRONI SULLE STRADE,...
 
Notifiche
Cancella tutti

DRONI SULLE STRADE, RICONOSCIMENTO FACCIALE SULLE AUTO!


Maryland
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 228
Topic starter  

Comparsi pali neri sulle autostrade: sono stazioni di ricarica per droni che monitoreranno le strade!!

L'UE impone videocamere per il riconoscimento facciale all'interno delle auto nuove, peggio che in Cina!!

a) Comparsi pali neri sulle autostrade: sono stazioni di ricarica per droni che monitoreranno le strade!! Muniti di sensori, alimentano anche un sistema wi-fi che servirà a tenere sempre connessi a internet gli automobilisti. I droni invieranno messaggi sullo smartphone del conducente o al sistema di navigazione di bordo di ciascun veicolo che, a sua volta, può restituire il proprio feedback al sistema.

https://t.me/vvincvvv/17824

b) L'UE impone videocamere per il riconoscimento facciale all'interno delle auto nuove, peggio che in Cina!! Vogliono eseguire il piano di Great Reset del WEF nel silenzio generale!!

https://t.me/vvincvvv/16167

Per lottare contro questi criminali prima che sia troppo tardi, cerca su Telegram ENTRA IN V_V


Brule hanno apprezzato
Citazione
Bertozzi
Eminent Member
Registrato: 9 mesi fa
Post: 38
 

Ma su tutte le strade o solo sulle autostrade? E la privacy? Non dice nulla il garante della privacy?


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 228
Topic starter  

Ciao, l'articolo originale (il cui link lo trovi all'interno del primo collegamento) recita:

Sarà capitato a molti di vedere, attraversando l'autostrada Palermo-Catania, dei pali neri. Mai visti prima.

Eppure non è l'unica tratta ad averli. Anche altre autostrade fanno compagnia alla A19, in particolare la A2 Autostrada del Mediterraneo - la Salerno-Reggio Calabria -, il Grande raccordo anulare di Roma e la RA15, Tangenziale di Catania.

Ma a cosa servono e chi li ha piazzati lì? Colpa della rivoluzione digitale (...)

L'obiettivo cui mirano è arrivare ad un controllo totale: ovunque, persino dentro il corpo e dentro la mente. Sono psicopatici nazi comunisti.

 

Per quanto riguarda il Garante della Privacy,

L'Autorità Garante Privacy è un organo collegiale composto da 4 membri, due dei quali eletti dalla Camera e agli altri due dal Senato.

(Tratto da Studio Cataldi)

non possiamo contare su di lui nè sulla politica, nè sul resto.

Nessuno verrà a salvarci.

La lotta spetta a noi e oggi c'è solo la lotta V_V. Se questa non aumenta, saremo o morti o schiavi.

I V_V, al contrario di altri finti ribelli, non chiedono il voto e non chiedono soldi. Invitano solo ad unirsi alla lotta non violenta, ognuno secondo le sue possibilità e capacità, prima che sia troppo tardi.

 

 

 

 


RispondiCitazione
Cleon XIII
Active Member
Registrato: 4 mesi fa
Post: 9
 

Chissà quanti droni fregheranno!

Il riconoscimento facciale c'è già sui telefoni, solo che non serve a nulla per via delle mascherine!


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 228
Topic starter  

Sì, abbiamo già un certo controllo ma questo è niente, sarà sempre maggiore!! E manipolano dicendo che è una cosa positiva.

Riconoscimento facciale, droni controllori, droni assassini... https://www.youtube.com/watch?v=-MTxSh22bJI


Brule hanno apprezzato
RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 228
Topic starter  

A Camere sciolte Draghi trova 12,5 miliardi per droni, satelliti spia e bazooka

Sempre secondo quanto riporta l’osservatorio, altri dieci programmi di riarmo riguarderebbero elicotteri d’addestramento, gestione droni, navi anfibie per la marina, radiotrasmissioni, satelliti spia, bazooka, un sistema di piattaforma stratosferica, droni di sorveglianza, potenziamento di capacità per brigata tattica, nuovi carri armati leggeri.

Fonte originale: https://www.rassegneitalia.info/a-camere-sciolte-draghi-trova-125-miliardi-per-droni-satelliti-spia-e-bazooka-per-le-bollette-degli-italiani/


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 228
Topic starter  

Lo stato del Nebraska sta pianificando di testare la tecnologia di riconoscimento facciale e di tutto il corpo da sensori lontani.

Il progetto, finanziato dal Dipartimento della Difesa, mira a testare l'accuratezza dell'IA nell'identificazione dei soggetti da immagini e video catturati da torri fisse e droni posizionati lontano dai soggetti.

Il progetto è supportato dall'Intelligence Advanced Research Projects Activity (IARPA) come parte del suo programma di riconoscimento e identificazione biometrica ad altitudine o distanza, alias Briar. La prima fase, denominata WatchID, del programma in tre parti durerà 18 mesi.

Secondo IARPA, le telecamere saranno posizionate a 300 o più metri di distanza dai soggetti con angoli di 20 gradi.'

Ammettono persino che si tratta di un "programma di ricerca competitivo del governo federale" con una ricompensa di 1 milione di dollari per la squadra con i migliori risultati...

 

https://t.me/vvincvvv/14857

 

 


RispondiCitazione
Condividi: