Gli Stati Uniti fal...
 
Notifiche
Cancella tutti

Gli Stati Uniti falliscono a Ginevra con il loro piano per una dittatura sanitaria dell'OMS, per il momento


ekain3
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 143
Topic starter  

Una proposta radicale del governo degli Stati Uniti per inasprire le Regole sanitarie internazionali (IHR) è fallita alla 75a Assemblea mondiale della sanità dell'OMS a Ginevra a causa della resistenza dell'Africa e di altri paesi che non volevano sottomettersi facilmente alla dittatura sanitaria di Washington e Ginevra. I negoziati sono ora in corso fino al 2024 in parallelo con il previsto accordo sulla pandemia globale.

Dal 22 al 28 maggio i ministri della Salute si sono incontrati a Ginevra per la 75a Assemblea Mondiale della Sanità (OMS), l'organo decisionale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per tutto ciò che il Direttore Generale non può decidere da solo.

All'ordine del giorno c'erano cose importanti, anche spettacolari, anche se i consumatori dei media standard non si erano accorti di nulla: come riportato su alcuni altri media alternativi, il governo degli Stati Uniti aveva presentato una proposta per inasprire drasticamente le norme sanitarie internazionali (IHR) . Equivaleva a conferire al Direttore Generale dell'OMS e ai direttori regionali ampi poteri per dichiarare vari tipi di emergenze sanitarie in modo quasi arbitrario, senza dover coinvolgere i governi interessati. L'assistenza tecnica dell'OMS e dei team internazionali di esperti avrebbe dovuto essere imposta ai governi nei cui paesi si fossero manifestati sospetti incidenti sanitari pericolosi.

Era solo nel riassunto quotidiano dell'OMS per i media del penultimo giorno, il 27 maggio, che si poteva leggere che i delegati avevano concordato di modificare l'IHR in modo che le future modifiche alle regole sarebbero entrate in vigore dopo un anno, invece dei due anni precedenti in cui sarebbero dovute  entrare in vigore. Questa era, in forma annacquata, una proposta contenuta nel documento di riforma del governo degli Stati Uniti. Per inciso, è stato menzionato che un "processo completo per apportare future integrazioni all'IHR" era già stato deciso "all'inizio della settimana".

Il sospetto che la proposta statunitense fosse per il momento fallita, senza che l'OMS lo ammettesse e che i media non volessero denunciarlo, dovrebbe essere motivato. Al termine dell'incontro del 28 maggio, Health Policy Watch ha pubblicato un primo rapporto sostanzioso, seppur fortemente abbellito, tra le righe del quale si può leggere quanto accaduto. Health Policy Watch vuole informare i responsabili delle politiche sanitarie, in particolare nei paesi in via di sviluppo. La rivista online è finanziata dal Wellcome Trust, che è estremamente influente nella politica sanitaria, e da altre fondazioni.

Senza nominare specificamente la proposta statunitense, si dice:

Le decisioni prese questa settimana hanno avviato un processo per aggiornare le vaghe e spesso indirette regole sull'IHR del 2005, mentre continuano i negoziati su un accordo più ampio sulla pandemia. All'inizio della settimana, questa risoluzione procedurale ha incontrato un'opposizione inaspettata da parte di alcuni paesi, incluso il Gruppo africano, che temevano che le modifiche all'IHR potessero essere apportate senza un controllo o un coinvolgimento sufficienti".

Altrove, invece, si dice che le decisioni fanno “parte di un pacchetto di misure altamente tecnico proposto dagli Usa”.

In un post del 25 maggio , Health Policy Watch è stato ancora più schietto, riconoscendo ("certamente") che le proposte statunitensi erano di vasta portata e quindi non avevano possibilità di consenso.

Ma poiché sapevano dove andavano le cose, con sorpresa degli Stati Uniti, non solo Cina e Iran, ma anche molti paesi africani guidati dal Botswana si sono opposti al suggerimento di Stati Uniti, UE e altri paesi di abbreviare inizialmente le scadenze e avviare il processo di riforma in modo strutturato. La decisione finale è un compromesso con questi paesi.

Quindi possiamo concludere dalla sintesi dei pochi rapporti sorvolati: del pacchetto di misure (per niente tecnico, ma estremamente politico) del governo degli Stati Uniti, è stata decisa solo la moderata riduzione dei tempi di attuazione di eventuali modifiche, e come dovrebbero essere ora negoziate eventuali modifiche. La ragione del temporaneo fallimento è stata la resistenza dei paesi più poveri e più deboli, che non hanno voluto accettare alcuna riforma che li depotenziasse senza essere stati coinvolti nel processo di riforma.

Il nuovo programma

Tuttavia, il fallimento è solo temporaneo. Loyce Pace, Segretario alla Salute e ai Servizi Umani degli Stati Uniti, avrebbe affermato :

Se non succede questa settimana, non ci fermeremo. Continueremo a lavorare per raggiungere il nostro obiettivo”.

Si può essere certi che ora, con promesse e minacce, si eserciteranno pressioni sui paesi riluttanti. Secondo Health Policy Watch , la tempistica concordata prevede che tutti i paesi presentino le proprie proposte di riforma entro settembre, che saranno riportate entro gennaio. I negoziati si svolgeranno nel 2023 e un comitato per la riforma dell'IHR di nuova creazione presenterà le proprie proposte. Una decisione sarebbe poi presa nel 2024.

Questo calendario corre più o meno in parallelo con i negoziati pianificati per un trattato sulla pandemia globale per cui l'OMS si sta battendo. Ciò che questo conterrà è ancora aperto, ma sembra che ci sarà una forte enfasi sui test di massa per agenti patogeni nuovi e conosciuti e, naturalmente, sulle campagne di vaccinazione.

Se gli Stati Uniti riusciranno anche solo parzialmente a portare a termine le loro idee di riforma dell'IHR e verrà approvato un trattato pandemico globale, le aziende farmaceutiche possono sperare di poter accettare ordini all'ingrosso anticipati di vaccini e medicinali molto più spesso di prima e di supportare campagne di vaccinazione di massa. E le popolazioni possono adattarsi alla vita in un regime di emergenza sanitaria cronica con diritti fondamentali parzialmente sospesi.

Cosa possiamo fare?

  • mantieni la calma quando viene dichiarata la prossima pseudo-pandemia,
  • Informare le persone nel proprio ambiente
  • non accettare regole senza senso
  • Firma petizioni sul trattato sulla pandemia e sulle norme sanitarie,
  • chiarire agli eurodeputati con lettere e telefonate che la questione è importante per i loro elettori, in modo che non la ignorino più,
  • scendere in piazza.

https://norberthaering.de/macht-kontrolle/wha75-ihr-verschaerfung/

Questa argomento è stata modificata 1 mese fa 2 volte da ekain3

Citazione
Condividi: