IN BRASILE TORNA L’...
 
Notifiche
Cancella tutti

IN BRASILE TORNA L’INCUBO DELLA PANDEMIA


mystes
Prominent Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 986
Topic starter  

 

L’incubo dell’isolamento da Covid 19 batte alle porte del Brasile. Sarà un caso? In concomitanza con il risultato elettorale e con le massicce manifestazioni popolari di protesta contro la frode elettorale, torna la minaccia dell’epidemia da Covid 19. Se non fosse confermato il presidente Bolsonaro che aveva garantito durante la pandemia la libertà di circolazione e la libera decisione dei cittadini di vaccinarsi o meno, sarebbe questa una buona occasione per un eventuale governo di sinistra, di ordinare la chiusura della popolazione presunta infetta in una bella prigione domiciliare, e di imporre l'obbligo vaccinale, come si è visto in Italia durante il governo Draghi.

In dettaglio la situazione è la seguente; il numero di pazienti ricoverati in ospedale con Covid-19 nelle unità di terapia intensiva nello Stato di San Paolo è cresciuto del 65,1% in due settimane. Il 25 ottobre, 215 pazienti sono stati registrati con questa condizione. Martedì scorso, il numero è balzato a 335. I dati sono del Dipartimento della Salute di Stato. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati in infermeria, nello stesso periodo si è registrato un aumento dell'81,3%, con 364 ricoverati saliti a 660. In tutto lo stato si è registrato anche un aumento significativo dei pazienti ricoverati con coronavirus in terapia intensiva. Da 288 è balzato a 448, ovvero un aumento del 55,5%. Secondo il rapporto della Fondazione Oswaldo Cruz nelle ultime quattro settimane il numero dei contagiati dalla malattia è aumentato del 36,9%.

Il coordinatore della Fondazione afferma che il Paese dovrebbe essere in allerta con la crescita dei casi. “Nell'aggiornamento, osserviamo non solo il mantenimento di questa tendenza nello stato di Amazonas, ma anche in altri tre stati. È importante ricordare che i dati dei risultati di laboratorio sono parziali, sono ancora informazioni incomplete rispetto allo scenario recente e anche così è stato possibile osservare un aumento dei casi accertati”, spiega. "Poiché i dati di laboratorio impiegano più tempo per entrare nel sistema, si prevede che il numero di casi nelle ultime settimane sarà superiore a quello osservato in questo bollettino e potrebbe persino aumentare il numero di stati in una situazione del genere", ha concluso.

Fonte: https://jovempan.com.br/noticias/brasil/casos-da-nas-farmacias-do-brasil-aumentam-465-em-um-mes.html

 


Brule hanno apprezzato
Citazione
emilyever
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 185
 

Mi sa che Lula deve pagare dazio ai suoi finanziatori: ora arriveranno vaccini obbligatori a tutte le età. e spero tanto di sbagliarmi


Brule hanno apprezzato
RispondiCitazione
mystes
Prominent Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 986
Topic starter  
Pubblicato da: @emilyever

Mi sa che Lula deve pagare dazio ai suoi finanziatori: ora arriveranno vaccini obbligatori a tutte le età. e spero tanto di sbagliarmi

No, non ti sbagli sono i più forti e convinti vaccino-dipendenti e considarono untori (come in Manzoni) quelli che la pensano in maniera differente.

 


Brule hanno apprezzato
RispondiCitazione
Andreabras
Eminent Member
Registrato: 2 mesi fa
Post: 38
 

Tutti i bolsonaristi che conosco  sono vaccinati con tre o quatro dosi.  Io lulista solo una dose e con il vaccino cinese che non è a RNA messaggero e di cui non si hanno notizie di reazioni avverse. Vaccino cinese che Bolsonaro ha poi proibito per ragioni ideologichhe e per favorire la Pfizer. La verità ha molte sfaccettature


emilyever hanno apprezzato
RispondiCitazione
mystes
Prominent Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 986
Topic starter  

Conosco persone sane e inteligenti che hanno rifiutato il vaccino e che non corrono nessun rischio: hanno difeso il sitema immunitario del loro corpo con vari accorgimenti che le persone intelligenti sanno trovare in natura senza farsi avvelenare dai cinesi o dagli americani.

Quanto al modo come operò il governo Bolsonaro durante la pandemia ecco una informazione tratta dal sito del Senato da Republica Federativa do Brasil:

"Os senadores Marcos Rogério e Ciro Nogueira contestaram que a Pfizer pudesse entregar as vacinas ainda em dezembro ao Brasil, diante do fato de que somente em 11 de dezembro essas vacinas foram autorizadas pela agência federal do Departamento de Saúde e Serviços Humanos dos Estados Unidos (FDA), tendo sido iniciada a vacinação naquele país em 14 de dezembro.

Os dois parlamentares alegaram que em dezembro não havia disposto legal para aceitação contratual com a empresa no Brasil, o que só teria ocorrido após a publicação em março de 2021 da Lei 14.125, de 2021, que dispõe sobre a responsabilidade civil relativa a eventos adversos pós-vacinação contra a covid-19.

— Há três cláusulas jurídicas consideradas incompatíveis com a legislação brasileira. Imposição da farmacêutica: que o Brasil dispusesse de valores em uma conta no exterior, da Pfizer, como garantia de pagamento, na chamada pré-compra; que qualquer questão contratual fosse julgada em um tribunal de Nova York, nos Estados Unidos; e que o Estado brasileiro assumisse a responsabilidade por eventuais efeitos colaterais da vacina. A legislação não permitia, até então, a assinatura do contrato com cláusulas impostas nessas condições. Foi por isso que o Senado Federal e o Congresso brasileiro tiveram que aprovar uma legislação permitindo ao governo assinar esse contrato com a Pfizer — pontuou Marcos Rogério.

Para Ciro Nogueira, “caem por terra” narrativas como a de que a população estaria vacinada se essas tratativas tivessem acontecido.

— Acho que ficou bem claro, pelos números, contra esses fatos, o que Dr. Carlos Murillo colocou, que a quase totalidade das vacinas ofertadas pela Pfizer é para o terceiro semestre em diante, em especial o segundo semestre, no nosso país. E a segunda [narrativa] é a de que o país teria condições legais de ter comprado essas vacinas no ano passado."

https://www12.senado.leg.br/noticias/materias/2021/05/13/representante-da-pfizer-confirma-governo-nao-respondeu-ofertas-feitas-em-agosto-de-2020

Dovrebbe bastare, ma in rete ci sono tantissime informazioni su come il governo Bolsonaro agì durante la pandemia, Certo non come il signor Draghi tanto caro alle sinistre europee!

 

Questo post è stato modificato 4 settimane fa da mystes

RispondiCitazione
emilyever
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 185
 

... e cioè, in sintesi? confermi quello che dice andreabras? sulla gestione della pandemia prima dell'arrivo dei vaccini sapevo, compreso i casini che hanno combinato i medici di Manaus con le sovradosi di idrossiclorochina, ma dei vaccini non sapevo più nulla


RispondiCitazione
Condividi: