La parola "Decima" ...
 
Notifiche
Cancella tutti

La parola "Decima" è stata in uso dal 1941 al 1945. Dire che è "fascista" è sbagliato ?


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8310
Topic starter  

 

La [2] Flottiglia MAS, anche nota come Decima MAS, X MAS, 10ª Flottiglia MAS, o "la Decima", fu un'unità speciale della Regia Marina italiana, prima flottiglia MAS istituita, il cui nome è legato a numerose imprese belliche di assalto e incursione. Nata nel 1939 come Iª Flottiglia M.A.S., era una delle tre flottiglie MAS della Regia Marina allo scoppio della seconda guerra mondiale. L'unità mutò ufficialmente la propria denominazione in "10ª Flottiglia M.A.S." il 14 marzo 1941.[3]

da wikipedia che è inattendibile ma correggibile


Citazione
Tag argomenti
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4108
 

https://www.ilgiornale.it/news/politica/sinistra-scivola-sulla-parata-2-giugno-saluto-marina-2161524.html

 

La sinistra sbrocca sulla parata del 2 giugno e la butta (come al solito) sul fascismo. Stavolta però l'inciampo è clamoroso, rilanciato fino a ieri sera anche dal sito di Repubblica. Copione già visto in altre e tante occasione. È un susseguirsi di allarmi sul pericolo dittatura. L'elezione dei componenti della Corte Costituzionale da parte del Parlamento (sancita in Costituzione) diventa - secondo i giornali di sinistra assalto fascista alle Istituzioni. Il decreto che rimodula le prerogative della Corte dei Conti? Sono leggi fasciste che cancellano i poteri degli organi di garanzia. Il rinnovo della governance della Rai? Propaganda fascista. Il fascismo è ovunque e comunque per la sinistra. Ogni occasione è buona per agitare il fantasma. Anche sugli abiti che indossa il premier Meloni. Il colmo fu quando Annalisa Cuzzocrea, ex giornalista di Repubblica, oggi a La Stampa, sottolineò il colore «nero» (evocando le camicie nere) dell'abito indossato da Meloni in un intervento in Aula. Inciso: il vestito era di colore blu. Sulla festa della Repubblica la scivolata è enorme. L'accusa è frutto di un'allucinazione. L'intelligentia confonde la Marina Militare con la Decima Mas, un reparto speciale dell'epoca fascista. Associando il saluto militare al Capo dello Stato Sergio Mattarella con quello romano. Un delirio. È Michela Murgia che fiuta l'occasione per sparare su Instagram la bomba falsa contro Meloni: «Alla parata militare del 2 giugno, sotto gli occhi impassibili del presidente Mattarella, è successo anche questo. Tutto normale, perché sono anni che va avanti il processo di normalizzazione. Se il senso del video non fosse chiaro, cercate X flottiglia MAS su Wikipedia. Vi sarà subito chiaro perché La Russa sorrida tanto e faccia il segno della vittoria. (Ma che serve ancora per capire cosa sta accadendo?)».

In sovrimpressione al video condiviso, una didascalia suggestiva riguardo a un militare: «Entra in parata con il saluto romano». Traduzione: una accolita di fascisti sotto al naso del Capo dello Stato. La scrittrice si riferisce al video di un militare della Marina Militare che avrebbe urlato «Decima» (rievocando il reparto speciale di epoca fascista) al passaggio sotto la tribuna dove erano seduti Meloni, La Russa e Mattarella. Un racconto tanto fantasioso quanto pretestuoso. I vertici militari smentiscono: «Il braccio alzato è per l'attenti a sinist, che è il saluto alla tribuna autorità che fanno tutti i reparti che sfilano. Il grido Decima è poi il motto del Goi (il Gruppo operativo incursori del Comsubin) e non c'entra con la X». Esplode la polemica. Il ministro della Difesa Guido Crosetto bolla l'accusa come «assurda». Il capogruppo Fdi al Senato Lucio Malan ribatte: «Accuse surreali e farneticanti».

A smontare in modo secco l'accusa di Murgia non è un esponente di Fdi ma un giornalista del gruppo Espresso, Massimiliano Coccia, che su Twitter scrive: «Non esiste nessuna decima Mas in servizio alla Marina Militare, quella della RSI è morta e sepolta dal 1945. Il saluto che vedete non è un saluto romano è un saluto militare di marcia».

Tra l'altro bastava andare su YouTube e verificare che «le stesse immagini si sono ripetute anche negli anni scorsi». Basterà? Niente affatto. La sinistra è già pronta a evocare il nuovo pericolo fascista dietro il prossimo provvedimento.


BrunoWald e sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
Cachafaz
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 56
 

L maglietta di Montesano era fascista.  Invece il  saluto militare e grido decima del 2 giugno...no no, e' la decima del sud italia ! ( mai sentita prima... chi l'ha mai conosciuta militarmente,  Cosa ha fatto? Quanto erano? Le sue battaglie? ). Sono ridicoli 🤣


RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 448
 

Il fascismo è stato distrutto per decisione di Londra e Washington, presa ben prima che entrassimo in guerra. Pensare che gli attuali militari italiani, dopo ottant'anni di servaggio e indottrinamento NATO, siano "fascisti", farebbe ridere i polli, se i polli a sinistra non fossero così numerosi. Ci sarà forse qualche caso isolato, che costituisce un auto-inganno: non puoi essere sul serio fascista e stare in un esercito di ascari al servizio dell'occupante. Per la stessa ragione, si poteva stare in un partito come il MSI solo per sbaglio e per poco tempo, e MAI, per nessuna ragione, in vergognose compagini come AN o FdI. Non parliamo poi di fare il saluto romano a personaggi come Mattarella, o Meloni... atto surreale, che costituirebbe in primis un insulto alla memoria di chi diede la vita per l'Italia e per un'Idea. (Infatti il gesto compiuto dal militare è tutt'altra cosa, come risulta evidente).

Il fascismo potrà piacere o dispiacere, ma in essenza è nazionalismo. Chi lustra le scarpe all'occupante è qualsiasi cosa, meno che fascista. Infatti, i veri fascisti furono massacrati tutti alla fine della guerra, per volontà degli americani e ad opera delle bande dei loro tirapiedi, con o senza stella rossa, che già che c'erano massacrarono, stuprarono e rapinarono anche migliaia di innocenti; pochi scamparono, e quei pochi espatriarono o non ebbero alcun ruolo rilevante nella politica del dopoguerra.

Analogamente, il comunismo italiano era già morto con la spartizione di Yalta. Il comunismo è rivoluzione e abolizione della proprietà privata: quando il PCI accettò di deporre le armi e partecipare alla spartizione della torta post-bellica, con le cooperative e tutto il resto, cessò semplicemente di essere un movimento comunista per trasformarsi in una delle tante parrocchie consociate al sistema. Ai pcisti, non potendo più svolgere una politica autenticamente comunista, non restava che "l'antifascismo" (in assenza di fascismo...) per legittimarsi agli occhi degli sprovveduti che li votavano.

Con lo sbracamento del 1989 caddero anche le foglie di fico dell'operaismo e del sindacalismo, e gli ex pcisti riciclatisi in diessini/piddini, ormai al governo, si afferrarono convulsamente all'antiberlusconismo, malattia terminale della cosiddetta sinistra. Ma ormai il satiro di Arcore è un povero vecchio ammalato, ed ecco che gli scribacchini, nani e ballerine della sinistra nichilista hanno la disperata necessità di riesumare il fascismo - sfruttando la circostanziale presenza dei magliari di FdI a Palazzo Chigi - per compattare il loro seguito di minus habentes, in modo non dissimile da Galvani quando faceva passare elettricità attraverso il cadavere di una rana. Ciò spiega, prosaicamente, le indegne sceneggiate come quella di cui si discute.

E il fatto stesso che nel 2023 si debbe ancora stare a discutere su queste cose, e si rendano necessari certi chiarimenti, ci dà la misura dell'abisso in cui siamo sprofondati.

 


oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4108
 

Uno potrebbe anche archiviare il caso come una svista della sinistra che ormai ha come programma solo i miraggi nel deserto di un fascismo alle porte. Invece, questa è una bella fotografia di quello che è diventata oggi la ex-rappresentante della classe operaia italiana. Una accozzaglia di gente senza identità, senza programma politico con la paura che un domani non avranno più nemmeno più un elettorato. Hanno eletto come segretaria del Pd una che non è neanche italiana e che degli italiani non gliene frega un beneamato piffero. Sta lì per promuovere l'omosessualità (cosicché gli italiani facciano sempre meno figli),  e l'immigrazione.

Il bello è che a sinistra credono di aver trovato una rappresentante del ceto intellettuale di sinistra italiano che si crede cosmopolita. Non si sono accorti che lei è cosmopolita solo per finta, in realtà appartiene al popolo ebraico, non è una 'cittadina del mondo ' . E i 'cittadini del mondo' non si sono accorti che il mondo nel quale  credono loro non esiste, esistono i popoli e i Paesi dove l'identità nazionale, tranne che  nell'occidente in declino terminale, è (horribile dictu!) di tipo etnico. Il propagandista principe della sinistra (Formigli) ha già dichiarato qualche settimana fa che la cultura italiana non esiste. Tra un po' dichiarerà che il popolo italiano non esiste e siamo a posto. Il povero Belinguer, il quale magari sbagliava, ma aveva almeno una distinta considerazione per la classe operaia italiana, si starà rivoltando nella tomba e sarà contento di non aver dovuto vedere questo schifo. 

Quanto alla segretaria 'Vogue', di economia capisce solo il prezzo del guardarobe femminile, e come la moglie di Soumahoro, rivendica per se il diritto al lusso.... ovviamente pagato con i soldi del contribuente. Questa è una classe politica al collasso e l'astensione durante le tornate elettorali sta a significare che c'è sempre più gente stanca di questo andazzo. La corda, a forza di tirarla, prima o poi si spezzerà.


oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3203
 

Il 'nazionalismo' è solo l'estensione della coscienza individuale oltre le proprie barriere, specie quelle ricevute ed estese sotto l' ombrello del paradigma dell'autoconservazione individuale.

Quali le barriere allora ? Qui in Italia la famiglia, il paesello ( sopratutto un tempo ), i propri interessi bottegai ( qui è sempiterno ), le proprie differenze regionali ed anche quelle prepolitiche ( tipo il calcio e affini ), nonchè la propria finitezza umana.

E' un passo in avanti rispetto al mero individualismo asfittico e miserabile oggi propagandato da cenacoli anglosionisti sotto le mendaci spoglie della teoria economica liberista, già paravento secolare dell' altrui volontà di potenza.

Questa viene mantenuta e rinvigorita sotto l'egida ( ritenuta indiscutibile ) del vantaggio differenziale del più forte, del meglio riuscito nella 'struggle of life', a cui è proprio il dominio strategico del futuro dell'essere umano, mentre ai subjecti e perdenti si fa capire e patire l' inverso, la denegazione di valore e di significato della propria esistenza sociale...sino all' annichilimento riproduttivo e vitale.

Potrà mai un presidente della repubblica ipocritamente massone capire questo o dei parlamenti coloniali di venduti e mascalzoni in gran spolvero di follie militaristiche o di travestimenti parasessuali, farne oggetto di saggia attività propositiva per il futuro degli europei ?

Chi se ne frega, verrebbe da rispondere riprendendo un noto slogan del Ventennio. Oramai la vera politica si fa altrove....qui sui blog e forse davvero la si mette in pratica chiavando e facendo figli come fanno i muslim in terra santa.

Per chi ci riesce naturalmente.

Questo post è stato modificato 12 mesi fa da oriundo2006

BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8310
Topic starter  

Tre integrazioni sulla questione 

 

1) Junio Valerio Borghese comandante della Decima Mas anche in alleanza con i nazisti e la Repubblica di Salò è stato presidente del Movimento Sociale Italiano

 

2) la Decima mas è nata nel 1941 quindi, chi ha detto (Crosetto, Forze Armate, giornalisti vari ?)che il grido di battaglia del Goi si riferiva anche agli eroi della prima guerra Mondiale

ha MENTITO.

Decima Si riferisce SOLAMENTE ALLA II GUERRA MONDIALE. Cioè al periodo italiano fascista

 

3) ma l' ANPI perchè sta zitta ?

Ha paura di disturbare Mattarella, Schlein, il Pd ?


RispondiCitazione
Cachafaz
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 56
 

La decima mas era comunque abbastanza autonoma sia da tedeschi che dai fascisti, a volte in polemica, se non erro. Infatti Borghese non era fascista ma  monarchico, che riprese le armi per il tradimento del Re, cioe' per il modo come agi'(la resa era tuttavia  inevitabile) , rovinandosi personalmente per armare la sua divisione, era molto ricco. Non so' nel dopoguerra gli sviluppi, se corrisponde al vero che divento' praticamente un agente degli americani, visto che la storia la descrivono come vogliono.


BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 448
 

1) Junio Valerio Borghese comandante della Decima Mas anche in alleanza con i nazisti e la Repubblica di Salò è stato presidente del Movimento Sociale Italiano

Coi suoi trascorsi, di chi volevi che fosse presidente, dei radicali? Avendo scelto a guerra finita di collaborare con l'occupante, ha fatto parte coerentemente di quello, tra i tanti partiti collaborazionisti, che fingeva di rappresentare l'eredità della Repubblica Sociale Italiana.

2) la Decima mas è nata nel 1941 quindi, chi ha detto (Crosetto, Forze Armate, giornalisti vari ?)che il grido di battaglia del Goi si riferiva anche agli eroi della prima guerra Mondiale

ha MENTITO.

Decima Si riferisce SOLAMENTE ALLA II GUERRA MONDIALE. Cioè al periodo italiano fascista

La X Flottiglia MAS erano gli incursori della Regia Marina, formazione dello stato italiano in guerra contro gli inglesi, che assunse tale denominazione il 14 marzo 1941 e che, dopo l'8 settembre, anziché sbandarsi decise di continuare a combattere nelle forze armate della Repubblica Sociale Italiana, unico stato costituito da italiani sul territorio nazionale, dopo il tradimento e la fuga della monarchia. Si coglie il nesso logico? 

Va aggiunto però che una parte degli effettivi era rimasto al sud e collaborò con gli inglesi.

Il Comando Subacquei e Incursori sono le forze speciali dell'attuale Marina Militare, che si originano dalla formazione analoga che li precedette, nella storia militare italiana, la X MAS appunto - che a sua volta derivava le proprie tradizioni militari dalle flottiglie di assaltatori che operarono nella prima guerra mondiale. Le formazioni militari hanno una storia e una genealogia. Non sapevo che il saluto degli attuali incursori fosse "Decima!": ma considerando che lo stendardo di quest'ultima è decorato con Medaglia d'Oro al Valor Militare, saranno pure cazzi loro?

3) ma l' ANPI perchè sta zitta ?

Un insperato senso del ridicolo? Una repentina fiammata d'intelligenza? Un'improbabile riscoperta del senso del pudore? Hai voglia, con le possibili ipotesi...


PietroGE hanno apprezzato
RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 448
 

(la resa era tuttavia  inevitabile)

La resa è inevitabile per chi vuole arrendersi.

Questo post è stato modificato 12 mesi fa da BrunoWald

RispondiCitazione
Condividi: