Le auto elettriche ...
 
Notifiche
Cancella tutti

Le auto elettriche funzionano con "il sangue dei congolesi"


ekain3
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 417
Topic starter  
di Silvia Slegers
Uomini, donne e bambini congolesi sono esposti ogni giorno a gravi pericoli nell'estrazione del cobalto. Molti africani estraggono il composto velenoso in "condizioni degradanti", afferma Siddharth Kara, autore del libro "Cobalt Red - come il sangue del Congo alimenta le nostre vite". Il minerale è fondamentale per la produzione di batterie al litio-ferro necessarie per smartphone, laptop e auto elettriche.
 
Centinaia di migliaia di uomini e donne congolesi - a volte con neonati sulla schiena - e decine di migliaia di bambini dai 4 anni in su, sudano per ore ogni giorno per estrarre il cobalto "oro blu". Per uno o due dollari al giorno. Strumenti specifici e dispositivi di sicurezza – come mascherine o indumenti protettivi – spesso mancano, afferma l'attivista e ricercatore americano Siddharth Kara.
 
Kara, un ex banchiere di investimenti presso l'Università di Harvard negli Stati Uniti e professore associato presso l'Università di Nottingham in Inghilterra, ha viaggiato per il mondo per più di 20 anni coprendo quella che chiama "schiavitù moderna". Attivista ed esperto di tratta di esseri umani, lavoro minorile e questioni relative ai diritti umani, ha pubblicato l'allarmante libro Cobalt Red: How the blood of the Congo Powers our lives nel gennaio 2023. È rimasto in Congo tra il 2017 e il 2021 per le sue ricerche. "Molti nell'industria mineraria del cobalto lavorano in condizioni abrasive e degradanti", scrive. “Usano picconi, pale e pezzi di armatura per tagliare il terreno.
 
Si affaticano in trincee, pozzi e tunnel per raccogliere il cobalto. Il lavoro minorile è normale, ha detto Kara in un'intervista al noto podcaster di Joe Rogan. "Sono stato in quasi tutte le principali miniere industriali del Congo e non ne ho vista una in cui non fosse così".
 
Lavorare con il cobalto è pericoloso. Il minerale è tossico e può causare malattie polmonari mortali. Il minerale di cobalto è spesso mescolato con uranio radioattivo. Gli scienziati hanno registrato livelli allarmanti di radioattività in alcune regioni minerarie. Inoltre, i rifiuti minerari inquinano i fiumi, l'acqua potabile e l'aria. Anche i residenti locali che non lavorano nelle miniere sono esposti a questo. Problemi respiratori, dermatiti acute, malformazioni congenite e cancro sono comuni nelle regioni minerarie.
 
Poiché c'è una grande povertà in Congo, ci sono poche alternative per la popolazione per guadagnare denaro. L'industria del cobalto determina l'economia della regione. La Cina ha firmato un accordo con il governo congolese nel 2009. In cambio di tre grandi miniere di cobalto, gli asiatici fornirebbero sei miliardi di dollari in aiuti e prestiti al Congo, con i quali potrebbero essere costruite scuole e università. La Cina ha anche promesso di costruire 2.000 chilometri di strade asfaltate. Nel frattempo, quindici delle diciannove miniere di cobalto sono già in mani cinesi, la più grande delle dimensioni della città di Londra. Delle promesse, solo quella delle strade asfaltate è stata mantenuta, scrive Kara nel suo libro.
 
Le vene di cobalto iniziano sulla superficie della crosta terrestre. Il cobalto più profondo è spesso di migliore qualità. Ecco perché, oltre a pozzi profondi dai quindici ai venti metri, vengono scavate manualmente anche migliaia di gallerie profonde dai cinquanta ai sessanta metri. I minatori lavorano lì dentro per almeno dodici ore al giorno. Respirare e muoversi è quasi impossibile. Questi tunnel crollano regolarmente, seppellendo vivi i lavoratori.
 
Il cobalto scavato manualmente viene eufemisticamente indicato come cobalto "artigianale", in contrasto con il cobalto industriale, che viene estratto utilizzando gli escavatori. "I responsabili politici, le grandi aziende tecnologiche e i produttori di auto elettriche affermano che non viene acquistato cobalto artigianale, ma il cobalto" artigianale "viene venduto a un intermediario che poi lo vende a un altro intermediario o direttamente a una società mineraria industriale", dice Kara in un'intervista online con il giornalista Mitch Jeserich. “A quel punto, il cobalto ‘tradizionale’ è nella catena industriale e prima che lasci il Congo, non è più possibile risalire alla sua provenienza”.
 
Il cobalto, estratto principalmente in Congo, svolge un ruolo cruciale nella transizione dell'Occidente verso un'economia sostenibile. Il minerale è un componente essenziale delle batterie ricaricabili al litio-ferro, necessarie tra l'altro per telefoni cellulari, computer portatili e auto elettriche.
 
Una batteria per auto al litio contiene quattordici chilogrammi di cobalto raffinato. Le vendite globali di auto elettriche sono fortemente spinte, in particolare nell'UE. Secondo alcune previsioni, entro il 2040 ci sarebbero 500 milioni di auto elettriche in circolazione in tutto il mondo. Per questo, sarebbero necessari 7 milioni di chili di cobalto. Il Congo ha prodotto 130.000 tonnellate nel 2022, pari al 70% della produzione mondiale di cobalto.
 
L'Occidente si è spinto verso una spaccatura, sostiene. “Nessuno vuole andare in giro con una batteria incrostata di sangue in tasca o digitare su un laptop macchiato di sangue. Nessuno vuole fare una scelta ecologica per salvare il pianeta acquistando un'auto elettrica, solo per scoprire in seguito che sta causando enormi distruzioni e violenze nel cuore dell'Africa. Questa realtà manca nella discussione sulla sostenibilità ", afferma in un'intervista online con Break Through News. “Non può essere verde per noi e rosso e nero e orribile per gli africani. Questo è ipocrita e sfida tutti i concetti di decenza, dignità e confini morali”.
 
Su iniziativa di tredici famiglie congolesi, l'avvocato americano per i diritti umani Terry Collingsworth di International Rights Advocates ha portato in tribunale Tesla, Apple, Dell, la società madre di Google, Alphabet e Microsoft, nel 2019. L'accusa: approfittare consapevolmente, assistere e incoraggiare il lavoro minorile nelle miniere di cobalto congolesi. Le società tecnologiche hanno vinto la causa sostenendo di non avere alcun controllo sulle condizioni delle società minerarie. In risposta alla CBS, Apple ha affermato che "sta stabilendo gli standard più severi per i fornitori". Un portavoce di Google ha indicato di essere un membro attivo della Responsible Minerals Initiative (RMI, un'organizzazione ombrello fondata nel 2008 con l'obiettivo di sostenere e realizzare l'approvvigionamento responsabile delle materie prime minerali - ndr). Google afferma di impegnarsi "a procurarsi tutti i materiali in modo etico ed eliminare il lavoro minorile nelle catene di approvvigionamento globali".
 
De Andere Krant ha chiesto informazioni ad Apple, Microsoft, Samsung, Sony, Tesla, BMW, Volkswagen, Daimler, Renault e Mercedes-Benz e ha ricevuto solo due risposte. “Siamo membri del Drive Sustainability Working Group”, scrive Volkswagen. “Questo istituto monitora, tra l'altro, l'estrazione sostenibile delle materie prime nel rispetto delle persone e degli animali. Siamo inoltre affiliati all'RMI, che lavora sulla certificazione dei minatori di cobalto, con l'obiettivo di migliorare le condizioni nelle miniere di cobalto e rendere possibile la tracciabilità dell'origine del minerale. Siamo anche membri della Global Battery Alliance (GBA) del World Economic Forum, che mira a garantire una produzione sostenibile di batterie”. Un addetto stampa di Tesla fa riferimento al Tesla Conflict Minerals Report, in cui si afferma che segue RMI e il relativo Responsible Minerals Assurance Process (RMAP). "Consentiamo l'acquisto di cobalto dal Congo se può essere effettuato in modo responsabile e controllato", afferma il rapporto.
 
Kara non è convinta dalla retorica delle multinazionali. “Non esiste cobalto pulito. Questa è finzione di marketing ", dice a Break Through News. "Durante tutto il mio tempo in Congo, non ho mai visto né sentito nulla delle attività del RMI, del RMAP o del GBA", scrive nel suo libro. “La tolleranza zero verso il lavoro minorile e le violazioni dei diritti umani sono stati finora slogan vuoti. Non esiste azienda che realizza dispositivi con all'interno una batteria ricaricabile al cobalto che possa affermare che il minerale non provenga da miniere artigianali. Chiunque affermi il contrario mente.''
 
 
 
 

ducadiGrumello e Brule hanno apprezzato
Citazione
Brule
Eminent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 26
 

lo scopo però non è sostituire il parco auto, ma è quello di lasciarlo solo ai nobili.

Questa fase serve a prendere una barca di soldi dai margini più elevati (le auto elettriche hanno meno meccanica, che è quella che costa), e ad abituare a spese folli per comprarle. Quando la classe media si sarà estinta e i poveri useranno solo l'autobus o le bici, torneranno in auge le termiche, con motori formidabili, e guidate solo da super ricchi.

I peones le guarderanno sfrecciare, di sottecchi da sotto un sombrero, mentre raccolgono cotone o pomodori.


ducadiGrumello hanno apprezzato
RispondiCitazione
ducadiGrumello
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 178
 

@Brule: lo penso da mo' anche io, anche perchè per rimpiazzare fisicamente l'intero parco auto mancano, semplicemente, i materiali. Punto. C'è poi il vantaggio che senza auto tutti gli esemplari della mandria saranno costretti ad ammassarsi nelle città-panopticon, dove tutte le tecnologie di controllo ossessivo sono facilitate


Brule hanno apprezzato
RispondiCitazione
Condividi: