Pacifismo dal basso...
 
Notifiche
Cancella tutti

Pacifismo dal basso: NO ARMI IN UCRAINA, un coordinamento nato da alcune petizioni e gruppi Fb


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 7642
Topic starter  

Pacifismo dal basso: “ NO ARMI IN UCRAINA ,“

un coordinamento nato da alcune petizioni e pagine Fb

 

Da inizio marzo 2022 è stata lanciata più di una petizione-online contro l’ invio di armi italiane all’ Ucraina in guerra.

 

Quasi tutte sono nate dall’ iniziativa di singole persone,

fortemente contrarie alla scelta governativa, convinte che altri condividano la loro opposizione,

ma che non hanno trovato iniziative organizzate che andassero nella stessa direzione.

 

Alcuni dei promotori delle petizioni si sono poi conosciuti sul web e hanno costituito un coordinamento, per il momento informale:

NO ARMI IN UCRAINA

 

L’ aggregazione ad oggi sostiene tre petizioni online,

comprende tre gruppi Fb:

a Vicenza, a Catania e un terzo nazionale;

e una pagina facebook

 

 

Oltre al NO

all’ invio di Armi in Ucraina

 

sosteniamo il SI

 

a negoziati internazionali

e a tutti i tentativi di riconciliazione e di dialogo,

tra le istituzioni delle due parti in conflitto ma soprattutto tra i loro popoli.

 

Siamo inoltre convinti dagli argomenti dei giuristi che ritengono l’ invio di armi in conflitto con l’ articolo 11 della nostra Costituzione,

 

siamo contrari al segreto governativo sulle armi inviate in Ucraina e sul loro costo per le finanze del nostro paese,

 

Il numero delle persone raggiunte da ogni singola iniziativa proposta dai membri del coordinamento

è dell’ ordine di alcune centinaia,

 

poca cosa rispetto ai quasi 60 milioni di cittadini italiani,

ma enorme rispetto al numero dei promotori iniziali,  meno di dieci.

 

Ecco l' elenco delle iniziative, e invitiamo tutti a sostenerle.

Firmate le petizioni, iscrivetevi ai gruppi, e partecipate alle discussioni e proposte , nella speranza che si arrivi ad organizzare insieme iniziative più incisive.

Per contattarci andate ai link segnalati di seguito.

 

Partecipano al coordinamento No Armi in Ucraina:

 

Petizione:

No al rifornimento delle armi all' Ucraina da parte dello stato italiano !

 

https://www.change.org/p/no-al-rifornimento-di-armi-all-ucraina-da-parte-dello-stato-italiano

 

Lanciata il 3 marzo 2022

da Diego Pertile, Vicenza

 

249 adesioni al 22 aprile

 

Alla petizione è abbinato il gruppo

 

No armi in Ucraina – Vicenza

https://www.facebook.com/groups/1796966810500568

 

------------------------------------------------------------

Appello-petizione

Per la cessazione subito del conflitto in Ucraina: contro l' invio di armi in Ucraina

 

Petizione lanciata il 12 marzo 2022

da Paolo Maria Rocco, Fano, e Lia Aurioso

 

235 adesioni su change, altre a un indirizzo email personale, per un totale di 767 adesioni il 22 aprile,

 

https://www.change.org/p/per-la-cessazione-subito-del-conflitto-in-ucraina-contro-l-invio-di-armi-in-ucraina

 

----------------------------------------------------------------------

 

Petizione

L' Italia non invii armi all' Ucraina in guerra

 

Lanciata il 28 febbraio 2022 da Marco Palombo, Roma,

 

https://www.petizioni.com/l_italia_non_invii_armi_all_ucraina_in_guerra

 

458 adesioni al 22 aprile

 

petizione rilanciata dal 22 marzo insieme a Elena Urgnani, Abbiategrasso,

 

che ha creato la pagina Facebook

 

No armi all' Ucraina

 

https://www.facebook.com/No-Armi-allUcraina-106389735354440

 

---------------------------------------------------------------

Abbiamo poi altri due gruppi all' interno del coordinamento

 

Un gruppo nazionale:

 

Stop all' invio anticostituzionale di armi !

 

 

https://www.facebook.com/groups/329674042528331

 

------------------------------------------------------------------------------

e un gruppo a Catania

 

No all' invio di armi in Ucraina

 

https://www.facebook.com/groups/710101896791575

 

--------------------------------------------------------------------------------------

 

Cercando di fare un passo alla volta,

intanto segnaliamo il coordinamento invitando a sostenerlo ed a parteciparvi,

 

 

I sondaggi dicono che nel paese i contrari all’ invio di armi all’ Ucraina sono in maggioranza,

ma nelle ultime settimane è aumentata la percentuale di coloro che invece sono favorevoli alle forniture di armamenti a Kiev.

 

Il problema è stato, e continua ad essere, la frammentazione di questa area di opinione disarmista, maggioritaria nel paese.

Il nostro, per ora,  piccolo coordinamento vuole indicare invece una strada diversa:

 

perseguire insieme gli obbiettivi comuni,

senza nascondere le differenze tra noi,

 

 ma accettarle e considerare la presenza di opinioni diverse una condizione normale, inevitabile.

 

Marco Palombo

 

 


Citazione
Condividi: