Procuratore general...
 
Notifiche
Cancella tutti

Procuratore generale: - I soldati americani possono aprire il fuoco sui manifestanti


ekain3
Estimable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 193
Topic starter  

Procuratore generale: - I soldati americani possono aprire il fuoco sui manifestanti

Dal quotidiano danese Arbejderen .   https://arbejderen.dk/udland/norsk-rigsadvokat-amerikanske-soldater-kan-aabne-ild-mod-demonstranter/

 
In Norvegia, l'accordo di base conferisce alle forze armate statunitensi il diritto di usare la forza contro i civili. Il governo danese sta attualmente negoziando un profondo accordo con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti su basi simili.

Il procuratore generale norvegese conclude in consultazione la risposta all'accordo  https://www.regjeringen.no/contentassets/0a7035b6c001426daf41e6158e8f9b4c/tilleggsavtale-mellom-kongeriket-norges-regjering-og-amerikas-forente-staters-regjering-om-forsvarssamarbeid.pdf   che conferisce agli Stati Uniti il ​​diritto di stabilire quattro basi militari in Norvegia.

L'accordo è stato approvato dallo Storting il 3 giugno. L'accordo stabilisce il quadro per la presenza militare statunitense in Norvegia.

L'accordo ha creato un acceso dibattito perché lascia una vasta gamma di questioni irrisolte, come la portata dell'uso della forza da parte delle forze armate statunitensi contro i civili in Norvegia.

Allo stesso tempo, l'accordo dà un'idea di ciò che la Danimarca può aspettarsi da un simile accordo con gli Stati Uniti, che il governo danese è attualmente - nel più profondo segreto - in corso di negoziazione con gli Stati Uniti.

Può usare la forza contro i civili

Una clausola speciale nell'accordo offre ai soldati americani in Norvegia un ampio accesso all'uso della forza contro i cittadini norvegesi.

L'articolo tre dell'accordo conferisce ai soldati americani il diritto di usare la forza in Norvegia contro i cittadini norvegesi per "proteggere le forze americane" o "mantenere o ristabilire l'ordine".

Spetta interamente alle stesse forze americane definire quando è giusto usare la forza per "proteggere" le loro forze o "ristabilire l'ordine".

"Ad esempio, in relazione a movimenti o esercitazioni di truppe, possono sorgere situazioni in cui cittadini norvegesi violano le zone di sicurezza predefinite americane e le forze americane aprono il fuoco", scrive il procuratore generale nella sua risposta all'udienza .

E il procuratore generale norvegese ha diverse domande sulla portata dell'uso della forza militare da parte degli Stati Uniti in Norvegia: "In che misura le forze americane possono sequestrare telefoni cellulari che hanno scattato foto di installazioni americane? In caso affermativo, qual è la base giuridica e cosa succede se un cittadino norvegese non soddisfa la richiesta? »

Il procuratore generale norvegese avverte che non è chiaro quando le forze armate statunitensi possano usare la forza armata per "mantenere o ristabilire l'ordine" e quando i civili norvegesi rappresentino una "minaccia alla sicurezza".

Il procuratore generale afferma inoltre che potrebbero esserci "punti di vista diversi su cosa sia una minaccia alla sicurezza e quali contromisure siano accettabili in quel caso".

Cos'è una minaccia?

Lo stesso avvertimento arriva dall'autorità giudiziaria militare in Norvegia, il procuratore generale. Avverte che la percezione da parte dell'esercito americano di quando c'è una "minaccia alla sicurezza" per i soldati statunitensi potrebbe differire da quella delle autorità norvegesi.

"Non è un dato di fatto che la comprensione americana di una minaccia - e quindi la necessità di combatterla - coincida con la visione che sarebbe stata promossa dalla polizia norvegese o dalle forze armate norvegesi", ha scritto l'avvocato generale nella sua risposta al udienza . Il procuratore generale ritiene addirittura che sia "prevedibile" che Stati Uniti e Norvegia abbiano opinioni diverse su quali situazioni ci saranno una minaccia per le forze americane in Norvegia.

 
 
 

L'avvocato generale osserva che gli Stati Uniti e la Norvegia hanno un "approccio diverso" alle immagini delle minacce e alle modalità di risposta alle minacce.

L'uso della forza da parte dell'esercito americano in Norvegia, ad esempio, può avere gravi conseguenze per i marittimi norvegesi che si avvicinano troppo alle navi da guerra americane, avverte il procuratore generale.

Se, ad esempio, un ordine permanente degli Stati Uniti prescrive l'uso di munizioni affilate e il fuoco diretto verso violazioni più definite di una zona di sicurezza attorno a una nave statunitense, ciò potrebbe comportare la necessità di informare anche la popolazione norvegese sui pericoli di (presumibilmente) essere un ostacolo alle operazioni statunitensi e alle loro navi e violare gli Stati Uniti.

Minaccia la responsabilità dello Stato

Amnesty International in Norvegia avverte anche delle conseguenze dello scatenare l'esercito statunitense in Norvegia e del consentire alle truppe statunitensi di usare la forza militare contro i civili sul suolo norvegese.

- Aiuta a minare la responsabilità dello stato norvegese per la salvaguardia dei diritti umani. Quando le persone in Norvegia sono esposte all'uso della forza da parte dello stato, questo deve essere valutato in base alla legge norvegese e al sistema legale norvegese, afferma ad Arbejderen il consigliere politico di Amnesty International Norvegia Gerald Folkvord.

L'uso della forza non da parte dello Stato dovrebbe essere possibile solo in situazioni di emergenza. Ciò è indebolito dal fatto che siano le forze di altri paesi ad avere accesso all'uso della forza, e peggiora solo il fatto che gli Stati Uniti abbiano una soglia completamente diversa e molto più bassa per l'uso della forza da parte dello stato rispetto alla Norvegia.

Nella sua risposta alla consultazione , Amnesty International Norvegia fa riferimento alla Costituzione norvegese.

"Secondo l'articolo 3 della Costituzione, il potere esecutivo spetta al re. Questa sezione si basa sulla premessa che il potere fisico in Norvegia può essere esercitato solo dagli enti statali norvegesi. Qui siamo al centro di quella che tradizionalmente è stata intesa come sovranità nazionale”.

Allo stesso tempo, l'organizzazione per i diritti umani critica il fatto che sia poco chiaro in quali situazioni e in che misura i soldati americani in Norvegia possano usare la forza contro la popolazione civile norvegese.

Chi controllerà l'uso della forza da parte dei soldati americani?

Amnesty International si chiede se, e in caso affermativo come, le autorità norvegesi possano verificare che l'uso della forza da parte dei soldati americani in Norvegia non sia in contrasto con la legge norvegese e gli obblighi della Norvegia in materia di diritti umani e internazionali.

Amnesty non è solo preoccupata per l'uso della forza da parte degli Stati Uniti contro i cittadini norvegesi sul territorio norvegese.

Amnesty teme anche che le basi statunitensi nel paese possano essere utilizzate come trampolino di lancio per violare i diritti umani in altri paesi o contro cittadini di altri paesi.

"Amnesty ha precedentemente criticato gli Stati Uniti per diversi atti di guerra che secondo Amnesty violano il diritto umanitario internazionale. Amnesty è quindi preoccupata per il fatto che gli Stati Uniti - acquisendo il diritto a un maggiore esercizio dell'autorità - saranno in grado di compiere o sostenere più facilmente azioni illegali all'interno dei confini della Norvegia", avverte Amnesty.

- Nelle quattro aree coperte dall'accordo, le forze americane hanno un ampio grado di controllo senza dover chiedere la legislazione alla Norvegia. È spaventoso se si considera come gli Stati Uniti abbiano utilizzato altri paesi della NATO per arrestare e torturare persone che erano state rapite nella cosiddetta guerra al terrorismo, spiega Gerald Folkvord.

Torturare prigioniero in territorio norvegese?

Con l'accordo, la Norvegia rischia anche di diventare corresponsabile dei crimini di guerra statunitensi.

La sezione norvegese della Commissione internazionale dei giuristi (ICJ) - avverte nella sua risposta di consultazione che gli Stati Uniti possono torturare i prigionieri in Norvegia o usare la Norvegia per fare scalo con aerei con prigionieri a bordo e portarli in terra di tortura.

L' ICJ sottolinea che nel 2014 la Polonia è stata condannata dalla Corte europea dei diritti umani perché l'esercito americano ha torturato e maltrattato prigionieri durante l'interrogatorio in una prigione segreta gestita dagli Stati Uniti in Polonia.

"Un gran numero di persone è stato ricollocato in diversi paesi dove sono stati effettuati brutali interrogatori con tortura. Nessuno con la responsabilità generale della tortura è stato condannato. Gli Stati Uniti non hanno concluso la loro guerra globale al terrore, e la Norvegia non ha alcuna garanzia che un nuovo programma di tortura non verrà lanciato - e parzialmente attuato sul suolo norvegese nelle aree concordate - entro il periodo di dieci anni non annullabile dell'accordo". avverte l'ICJ nella sua risposta di consultazione.

"Per come comprendiamo l'accordo, non c'è nulla che impedisca agli americani di utilizzare le aree concordate per, ad esempio, il trasferimento di prigionieri dalle aree di conflitto. Allo stesso tempo, l'accordo prevede un controllo minimo della Norvegia sull'ingresso e l'uscita degli americani da e verso la Norvegia", afferma ICJ.

Amnesty International Norvegia teme che la Norvegia possa diventare un "porto franco" per il programma di tortura americano, noto per aver torturato prigionieri al di fuori degli Stati Uniti e per aver utilizzato altri paesi come scalo per far volare i prigionieri per essere interrogati in paesi di tortura noti.

"Poiché l'accordo limita le possibilità della Norvegia di intervenire negli atti criminali commessi dal personale americano, che gli Stati Uniti definiscono "atti di servizio", la Norvegia può diventare rapidamente un porto franco per le sparizioni forzate degli Stati Uniti, afferma Gerald Folkvord.

Difficile perseguire i soldati americani

Con l'accordo militare con gli USA, anche la Norvegia rinuncia alla possibilità di perseguire i soldati americani nei tribunali norvegesi.

- L'accordo limita la capacità delle autorità norvegesi di perseguire il personale americano in Norvegia che viola la legge norvegese. Secondo l'accordo, gli Stati Uniti hanno giurisdizione penale sul personale americano in Norvegia, compresi i cittadini norvegesi che lavorano per le forze americane, spiega Gerald Folkvord di Amnesty.

Egli continua:

- Se le autorità norvegesi vogliono perseguire i membri delle forze americane per aver violato il diritto penale norvegese, hanno solo 30 giorni per chiedere di assumere la giurisdizione per il caso. Gli Stati Uniti possono negare alla Norvegia la giurisdizione sul proprio personale in Norvegia dichiarando che si tratta di un "atto di servizio".

- È un problema. Perché limita la capacità della Norvegia di proteggere le persone in Norvegia dagli abusi. È responsabilità della Norvegia garantire la sicurezza delle persone in Norvegia. È anche responsabilità della Norvegia perseguire le persone residenti in Norvegia sospettate, ad esempio, di crimini di guerra o tortura in altri paesi.

I soldati americani accusati di un atto criminale in Norvegia rimangono sotto il controllo americano per tutto il processo e la polizia norvegese deve chiedere gentilmente l'accesso se vuole interrogarli.

Se una causa contro l'imputato non viene completata entro un anno, il dovere degli Stati Uniti di garantire che l'imputato sia a disposizione del tribunale cessa. Ciò significa che gli Stati Uniti possono mandare l'imputato fuori dalla Norvegia per proteggerlo dall'essere punito.

Il ministero della Giustizia norvegese ha familiarità con la questione.

Il ministero ammette in una nota di quasi 100 pagine che “l'accordo in casi specifici può comportare un rischio maggiore e che le autorità norvegesi non siano in grado di svolgere un'indagine efficace su un possibile atto criminale. È una conseguenza inevitabile del passaggio del controllo dell'indagato/imputato in un procedimento penale a un altro caso”.

Non fornisce molto per le garanzie del governo e degli Stati Uniti

Il governo norvegese sottolinea che gli Stati Uniti nell'accordo promettono "il pieno rispetto della sovranità norvegese, delle leggi norvegesi e degli obblighi previsti dal diritto internazionale".

Ma quella garanzia non dà alcuna sicurezza ad Amnesty International Norvegia dato che:

- Abbiamo visto più e più volte che gli Stati Uniti mettono da parte il diritto internazionale e le leggi di altri paesi quando intralciano gli interessi americani. Le autorità statunitensi sono state chiare nel non accettare che i soldati americani siano perseguiti per crimini di guerra o violazioni dei diritti umani altrove, e hanno minacciato di punire i paesi che estradano cittadini statunitensi alla Corte penale internazionale. Abbiamo anche visto che gli Stati Uniti hanno attivamente impedito che i subappaltatori che lavorano per la difesa degli Stati Uniti venissero perseguiti per crimini di guerra in altri paesi, avverte Gerald Folkvord.

 


 
 
 

Fantine hanno apprezzato
Citazione
Condividi: