Tristate City Netwo...
 
Notifiche
Cancella tutti

Tristate City Network vuole trasformare i Paesi Bassi in una "metropoli intelligente''


ekain3
Estimable Member
Registrato: 9 mesi fa
Post: 221
Topic starter  
di Ido Dijkstra e Simone Beer
I Paesi Bassi come una grande metropoli verde con 30 milioni di abitanti. Questa è l'idea del Tristate City Network. Il progetto è stato messo davvero alla prova da questa estate. I critici sospettano che i piani per l'azoto del governo olandese servano da veicolo di governo per allontanare gli agricoltori dalle loro terre e quindi aprire la strada alla trasformazione del nostro paese e di parti della Germania e del Belgio in una "metropoli intelligente".
I piani per trasformare i Paesi Bassi, parti del Belgio e l'area tedesca della Ruhr in una megalopoli non sono segreti, anche se i media ci prestano poca attenzione e non è stato quasi mai discusso alla Camera dei Rappresentanti.
Pietro Savelberg è sicuramente sul mercato con il suo concetto dal 2013.
Lo rivela in interviste a giornali professionali, conferenze e film.
"Tristate è un concetto in cui vogliamo presentare i Paesi Bassi come una megalopoli molto verde, con l'obiettivo di offrire alla comunità imprenditoriale una vetrina internazionale per la promozione delle esportazioni", afferma su YouTube.
Tristate City dovrebbe diventare la variante europea di metropoli molto più normali in altre parti del mondo, dice. Riguarda il triangolo Amsterdam, Bruxelles, Düsseldorf o Colonia. In quest'area, il Tristate City Network dovrebbe "crescere organicamente" in una metropoli intelligente per competere, ad esempio, con Shanghai (25 milioni di abitanti). “Entro il 2025, il 70 per cento della popolazione mondiale vivrà nelle grandi città. In questa battaglia delle città, vogliamo mettere i Paesi Bassi sulla mappa in modo molto più forte, come una grande metropoli verde con 30 milioni di abitanti e insieme alle nostre regioni vicine Fiandre e Renania settentrionale-Vestfalia. A livello internazionale, è meglio che un'azienda dica 'Mi trovo in una città con 30 milioni di abitanti' piuttosto che 'Sono a Emmen, Bergen op Zoom o Soest'”, spiega.
Dal momento che il ministro della natura Christianne van der Wal e il ministro dell'azoto e dell'agricoltura Henk Staghouwer hanno pubblicizzato la loro visione delle aree rurali e l'approccio all'azoto il 10 giugno di quest'anno, il numero di visitatori del sito web tristate-city.nl è aumentato esponenzialmente.
Savelberg, un uomo di marketing che normalmente attira l'attenzione in maniera invadente, ha fatto un notevole passo indietro rispetto al suo concetto. Il 12 giugno la pagina "visione e progetti" è stata rimossa dal sito web. Anche i dati di contatto sono stati rimossi. Dal 15 giugno sono state mostrate solo poche immagini e l'originale e secolare slogan "scopri le forze, unisci le forze, usa le forze" è scomparso. È noto che il Savelberg ha ricevuto molte domande difficili da cittadini critici che sospettano che gli agricoltori della loro terra siano vittime di bullismo, cacciati, acquistati o espropriati per aprire la strada a Tristate City.
Lo stesso Tristate City Network lo nega con forza. Al sito è stato aggiunto un disclaimer: “Questo modello non ha alcun rapporto con la politica dell'azoto del governo olandese! nel 2022 in quest'area vivranno già 45 milioni di persone (Paesi Bassi 17, Nord Reno-Westfalia 18 e Fiandre 10 milioni)”. Anche DPA Factchecking segue questa linea di ragionamento e chiama Tristate City nient'altro che "un piano di marketing del 2016 separato dalla politica dell'azoto". Quindi il ragionamento è: ci abitano già tante persone, quindi nulla cambia davvero, se non dal punto di vista tecnico-marketing. "Possiamo attrarre partner stranieri solo se disponiamo di una buona agenda di investimenti nazionali", ha affermato Savelberg.
È davvero una sciocchezza pensare che la politica dell'azoto che è distruttiva per gli agricoltori e il progetto Tristate City abbiano qualcosa a che fare l'uno con l'altro? I piani del gabinetto giocano inequivocabilmente a favore della possibile realizzazione di una Tristate City.
Bart-Jan Oplaat, presidente dell'Unione olandese per gli allevatori di pollame, vede anche grandi somiglianze tra la mappa dell'azoto del governo e la mappa di Tristate City.
"Puoi quasi sovrapporle una all'altra, dice. Ad esempio, la mappa dell'azoto del governo suggerisce una forte riduzione nel Limburgo, specialmente intorno a Maastricht.
Quasi tutta la provincia si colora di viola e verde, il che corrisponde a una riduzione fino al 47 per cento e fino al 95 per cento in quelle zone, in altre parole: lì gli agricoltori devono scomparire. La mappa di Tristate City mostra nella stessa regione che vi saranno localizzate diverse grandi città. È quindi una coincidenza che aziende come Dokvast, società di investimento in immobili intelligenti e sostenibili, si stabiliscano nel Limburg Echt-Susteren “perché questa fa parte di Tristate City”, come si legge in un rapporto sul loro sito. (fonte: bit.ly/Susteren-tristate) https://www.dokvast.com/.../09/uploades_Echt-Susteren.pdf
Oplaat è a conoscenza dei piani di Tristate dal 2019. “Perché anni fa ho iniziato a pormi tutte le mie domande sulla politica, che va sempre a scapito del settore agricolo. Poi mi sono imbattuto nei piani di Tristate City.  Le persone che la chiamano teoria del complotto o illusione, hanno una mancanza di conoscenza. Rutte chiede da molto tempo di voler trasformare i Paesi Bassi in un'economia della conoscenza e dei servizi. La bilancia sta cadendo sulla testa di sempre più agricoltori.
Recentemente siamo stati a Stroe per dimostrare. Poi si è scoperto che il villaggio era stato scelto per costruire 25.000 case (Stroe City, ndr).
Questo ha risvegliato molti alla realtà di Tristate City. In quel concetto c'è spazio solo per alcune fattorie di Ot e Sien; la fattoria come museo”.
 
Tristate city ha possibilità di successo?
È difficile rispondere a questa domanda. Il fatto è che grandi organizzazioni come l'organizzazione dei datori di lavoro VNO-NCW, l'organizzazione ombrello degli investitori istituzionali nel settore immobiliare IVBN, l'organizzazione immobiliare CBRE Group, Rabobank, la società di consulenza e ingegneria Arcadis, nonché le università (tra cui l'Università di Wageningen WUR, strettamente coinvolti nella politica dell'azoto) hanno accettato con entusiasmo il piano.
Il concetto è stato anche ben accolto nel 2016 da "diversi ministeri olandesi, il G5, le province di Randstad e la provincia del Brabante Settentrionale", secondo un rapporto del WUR scritto da Rianne de Reus.
Anche l'ONU sostiene i piani Tristate, perché sono in linea con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG). In particolare, l'obiettivo numero 11, che afferma, tra l'altro, che entro il 2030 bisogna “costruire uno sviluppo urbano inclusivo e sostenibile e capacità di pianificazione e gestione partecipata, integrata e sostenibile degli insediamenti umani in tutti i Paesi”.
Inoltre, il concetto è pienamente in linea con ciò che la tanto discussa organizzazione di rete World Economic Forum (WEF) immagina "come una città intelligente e resiliente del futuro". “Gli abitanti chiedono che le città siano costruite meglio (letteralmente: build back better – ndr) per diventare più vivibili, sostenibili e convenienti. Ciò richiede un'azione sul clima e la resilienza, fornendo infrastrutture sociali vitali (salute e alloggi) e abilitando l'infrastruttura digitale necessaria per la nostra Nuova Normalità”, secondo il Global Future Council on Cities of Tomorrow del WEF.
Coincidenza o meno, anche costruire nei Paesi Bassi diventerà più facile dal 1° gennaio del prossimo anno. Il ministro Hugo de Jonge (Edilizia pubblica) sta lavorando duramente dietro le quinte per far passare una nuova legge sull'ambiente. In questo atto, tutte le regole e le leggi per la pianificazione territoriale e l'ambiente di vita sono raggruppate e semplificate. Si stanno accelerando le procedure per concedere più rapidamente i permessi. In breve: avviare un progetto di costruzione (sul terreno agricolo libero) sarà meno difficile.
Sebbene i politici al potere siano effettivamente a conoscenza dei piani, quasi nessuna domanda viene posta al riguardo dall'opposizione alla Camera dei Rappresentanti, a parte un solo riferimento dal Forum per la Democrazia.
Savelberg sostiene che nemmeno la politica è l'interlocutore più importante. "Non abbiamo ambizioni amministrative e non aspetteremo che amministratori provinciali, sindaci e assessori siano d'accordo su questo, perché poi ci toccherebbe aspettare ancora 20 anni".
Questa argomento è stata modificata 1 settimana fa 2 volte da ekain3

Citazione
Condividi: