Ursula von der Leye...
 
Notifiche
Cancella tutti

Ursula von der Leyen: Accordo gigante con Pfizer, ma si rifiuta di consegnare i propri messaggi di testo


ekain3
Estimable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 193
Topic starter  

https://steigan.no/2022/06/eu-kommisjonen-kan-ikke-finne-von-der-leyens-meldinger-til-pfizers-toppsjef/

La presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen sta affrontando un'ondata di critiche. Ha firmato un accordo con il gigante dei vaccini Pfizer del valore di 35 miliardi di euro, ma mantiene segreti i messaggi di testo che ha scambiato con il capo della Pfizer Albert Bourla prima dell'accordo. Ciò ha spinto il Mediatore dell'UE a reagire. Von der Leyen sostiene che i messaggi di testo sono stati "di breve durata" e quindi non rientrano nel requisito della trasparenza. Questo non è accettato da Emily O'Reilly, che ha il compito di controllare l'amministrazione nell'UE.

Il quotidiano online netzpolitik.org ha chiesto la pubblicazione degli sms, ma finora ha incontrato una fredda spallata da parte della Commissione europea.
 
1,8 miliardi di dosi di vaccino per il covid19

Si tratta di un accordo del valore di miliardi che doveva accelerare la fine della pandemia: la scorsa primavera, la Commissione europea ha accettato di acquistare 1,8 miliardi di dosi di vaccino mRNA da Pfizer. Ciò rende il colosso farmaceutico il principale fornitore della Commissione. Si dice che la svolta nei negoziati sia venuta dalla linea diretta tra la presidente della Commissione Ursula von der Leyen e il capo della Pfizer Albert Bourla. I due hanno discusso l'acquisto in dettaglio in conversazioni e messaggi, secondo quanto riferito all'epoca dal New York Times .

Ma fino ad oggi, il pubblico sa poco del business che ora rende possibili le vaccinazioni di richiamo in tutta Europa. Come per i contratti con altri produttori, la commissione ha rivelato un accordo preliminare e un contratto di acquisto con Pfizer, ma ha saltato il prezzo di consegna e le clausole di responsabilità. Anche la Commissione europea agisce in modo opaco quando viene raggiunto l'accordo. Si rifiuta di guardare i messaggi tra Von der Leyen e Bourla.

Nell'estate del 2021 , la Commissione ha respinto una richiesta di netzpolitik.org ai sensi del Freedom of Information Act dell'UE. Non vogliono nemmeno rivelare se i messaggi esistono ancora o se sono già stati cancellati nel frattempo. Questa mancanza di trasparenza è stata denunciata al Mediatore europeo Emily O'Reilly. La sua autorità può indagare su tali denunce e condannare pubblicamente la cattiva gestione nell'UE. Non prende decisioni giuridicamente vincolanti.

Errori nell'amministrazione

Il 28 gennaio 2022, il difensore civico O'Reilly ha pubblicato le sue raccomandazioni alla Commissione : le considera "cattiva amministrazione", cattiva condotta da parte della Commissione. Il difensore civico non può essere d'accordo con l'affermazione della commissione secondo cui i messaggi tramite SMS e servizi di messaggistica come WhatsApp non sono generalmente documenti e quindi non sono coperti dalla libertà di informazione. Indipendentemente dal canale attraverso il quale viene inviato un messaggio, se il contenuto riguarda il lavoro della commissione, deve essere fornito l'accesso pubblico.

Il difensore civico chiede alla commissione di riconsiderare la richiesta di netzpolitik.org. "Se i messaggi di testo menzionati nelle relazioni esistono e vengono trovati, la Commissione dovrebbe esaminare se può essere concesso l'accesso del pubblico ai sensi del regolamento 1049/2001. »La Commissione aveva tempo fino al 26 aprile 2022 per commentare in dettaglio. La Commissione non desidera commentare per il momento, come ha sottolineato un portavoce sulle domande dirette.

I messaggi sono documenti

Il difensore civico O'Reilly scrive nella sua raccomandazione alla Commissione con riferimento al regolamento 1049/2001:

Questa formulazione chiarisce che l'elemento cruciale di un documento non è il suo supporto. Inoltre, non è rilevante se un documento è registrato nel sistema di gestione dei documenti dell'ente. Ciò che conta è il contenuto del documento e se è correlato a "politiche, attività e decisioni" di cui l'ente è responsabile. Per quanto riguarda l'esistenza di contenuti, i giudici dell'UE hanno ritenuto che la definizione di un documento, ai fini del Regolamento 1049/2001, si basi principalmente su contenuti che possono essere “memorizzati, copiati o consultati dopo che è stato generato”. I messaggi di testo costituiscono quindi documenti e il pubblico può richiederne l'accesso, se riguardano l'operato dell'istituzione e se l'istituzione ne è in possesso.

Il vaccino Pfizer è stato approvato?

Un presunto scambio di e-mail tra i dipendenti dell'UE e l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) mostra che l'Agenzia norvegese per i medicinali non era a suo agio con il ritmo rapido di Pfizer nell'ottenere l'approvazione dei vaccini Pfizer e Modernas Covid-19. Lo riporta Le Monde:   https://www.lemonde.fr/planete/article/2021/01/16/vaccins-ce-que-disent-les-documents-voles-a-l-agence-europeenne-des-medicaments_6066502_3244.html :  
 
Secondo Le Monde, i documenti hackerati contengono i primi dettagli che l'EMA aveva con il vaccino PfizerBioNTech. Coloro che hanno dovuto approvare hanno avuto tre  "grandi obiezioni " al vaccino. Alcuni luoghi in cui avveniva la produzione non erano ancora stati ispezionati, mancavano ancora i dati sui lotti prodotti per uso commerciale. 

E, soprattutto, i dati disponibili hanno rivelato differenze qualitative tra i lotti commerciali e quelli utilizzati durante le sperimentazioni cliniche.


ducadiGrumello hanno apprezzato
Citazione
LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 355
 

Ah l'ho appeno letto. Dicono che i messaggi se li sono persi. Non sono stati salvati e quindi cancellati.

Son favolosi questi qua.

A questo punto spero solo nell'invasione aliena 😎 


ekain3 hanno apprezzato
RispondiCitazione
Arian Van Heisen
Eminent Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 44
 

Come mai in Eu nessuno indaga sul conlitto di Interessi di questi non eletti ??

: “In questo intreccio tra interessi medico-scientifici e politica è esploso in questi giorni in rete il capitolo riguardante il marito della von der Leyen. Heiko von der Leyen risulta infatti essere, come direttore medico, nel team di gestione di ‘Orogenesis’, azienda di biotecnologia americana specializzata in terapie cellulari e geniche: proprio le stesse tecnologie coinvolte nei vaccini a mRna utilizzate dalle più note case farmaceutiche contro il covid. Sarà un caso, ma sono le stesse su cui la moglie Ursula ha chiuso in fretta i contratti d’emergenza con Pfizer, al centro di numerosi dubbi e diatribe. Nel maggio 2020 ‘Orogenesis’ annuncia con grande enfasi a CNN Business una piattaforma di vaccini contro il covid-19: ‘la Società ha lavorato in modo aggressivo negli ultimi mesi per riutilizzare la sua piattaforma di vaccini cellulari mirati ai tumori solidi per l’uso contro malattie virali’”.


sarah e ekain3 hanno apprezzato
RispondiCitazione
ducadiGrumello
Trusted Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 71
 

non oso pensare alle dimensioni della tangente che deve aver intascato la VDL. Ciò nonostante, riuscirà a spenderne una buona metà dal parrucchiere


RispondiCitazione
marcabolario
Active Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 6
 

Vabbè ma con tutti i figli che ha... Deve pensare al loro futuro, come farebbe ogni mamma 


RispondiCitazione
Condividi: