ABBIAMO UN MINISTRO...
 
Notifiche
Cancella tutti

ABBIAMO UN MINISTRO DELL’ECONOMIA CHE NON SA COSA SIA LA MONETA! Superbonus: "Il credito d'imposta non è moneta" - Giancarlo Giorgetti riscrive secoli di storia economica. Siamo alle comiche: il governo Meloni si appresta a far ridere il mondo.


Violetto
Eminent Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 30
Topic starter  

Intanto interessante che non siano (al momento) possibili i commenti a questo articolo.

Secondariamente: ormai non mi stupisco più della ignoranza e ingenuità abissale di non capisce il senso delle parole di Giorgetti.

 

Il credito d'imposta NON è moneta! È piuttosto ovvio e banale!

Siamo al livello dei "minibot" (del resto inventati dai geni della lega come Borghi e Bagnai).

 

Perché non è moneta?

Se facciamo girare i crediti d'imposta come moneta succede una cosa molto semplice: alla fine del giro mancheranno dei soldi! euro! quelli veri! La MONETA.

Per lo stesso identico meccanismo dei minibot.

Non c'è bisogno d'altra spiegazione. chi può capire ha già capito, gli altri staranno ancora col pallottoliere!

Questa argomento è stata modificata 1 mese fa da Violetto

Citazione
Pfefferminz
Honorable Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 608
 

@Violetto 

"Per lo stesso identico meccanismo dei minibot." 

Riporto da un vecchio articolo sui minibot:

"I tagli saranno da 100 a 5 euro e rappresenteranno dei crediti d’imposta utilizzabili per il pagamento delle imposte e delle prestazioni previdenziali, ma, essendo trasferiti, potranno essere ceduti a terzi per il pagamento.

La differenza con l’Euro è che questi strumenti non sono una valuta “In senso stretto”, sia perchè il loro valore facciale è in euro, sia perchè non esiste il cosiddetto “Corso Forzoso”, cioè l’obbligo legale di accettare il buono in pagamento. L’accettazione sarà su base volontaria, ma la diffusione ne determinerà il successo o meno: infatti se i buoni fossero immediatamente impiegati per il pagamento delle imposte la loro circolazione sarebbe minima, mentre se attivassero un circuito di pagamento parallelo, come nella speranza del governo potrebbero essere di forte stimolo all’economia.

La misura, oltre a saldare il valore dei crediti, rimettendo parzialmente in bonis le aziende, avrebbe anche il vantaggi, se avesse successo come circolazione, di aumentare la massa monetaria M1 italiana, e sottolineiamo italiana, di diversi punti percentuali, e quella esclusivamente legata all’economia reale, non a quella finanziaria come è accaduto per il QE. L’aumento non sarebbe rilevato in termini “Legali”, in quanto manca il corso forzoso, ma nell’uso, elemento che comunque è cioè che interessa per gli effetti economici e di governo. "

https://scenarieconomici.it/minibot-piu-vicini-primo-passo-per-rilanciare-leconomia-e-sfa-tare-moscovici/


RispondiCitazione
Pfefferminz
Honorable Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 608
 

Mi viene in mente un detto. 

La moneta cattiva scaccia quella buona. 

 


RispondiCitazione
Violetto
Eminent Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 30
Topic starter  

vedi il problema  coi minibot è semplice:

 

Ci paghi le tasse?

se ci paghi le tasse allora allo stato entreranno dei minibot invece che euro e dovrà "compensare" l'ammanco con l'emissione di moneta.

Non ci paghi le tasse? Allora non sarà accettato da tutti come pagamento e infine da nessuno.

 

Problema simile con i crediti d'imposta

Giorgetti aggiunge : "chiunque si avvia a fare un investimento dovrà valutare se l'impresa costruttrice o la banca siano disponibili a riconoscere il credito d'imposta. "

e poi:"  Ricordo che il credito d'imposta, che ovviamente è un beneficio per il contribuente, significa minori tasse che dobbiamo scontare nel bilancio dello Stato".

 

credo sia chiaro


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 202
 

Una sorta di moneta parallela, dipende dalla diffusione e dal grado di accettazione.

Anche un buono pasto potrebbe essere paragonato a questo discorso.

Un saluto a Gresham che ci sta seguendo!

(comunque Giorgetti non può dire urbi et orbi che è una moneta o sottospecie, dato che è vietato dai trattati)


RispondiCitazione
Violetto
Eminent Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 30
Topic starter  

dipende dal grado di accettazione e se ci paghi le tasse.

Se ci paghi le tasse allo stato mancheranno gli introiti relativi.

Se non ci paghi le tasse l'accettazione resterà troppo bassa.

 

Basta fare esempi pratici e intuitivi: se non ci paghi le tasse, li accetteresti (qualunque cosa siano) come compenso per la tua (qualunque sia) attività? Mettiamo che il 25% della tua attività viene remunerata con qualcosa che alla fine non ti serve per pagare le tasse: alla fine avrai il 25% in meno disponibile per pagarle.

Considera che se non ci paghi le tasse tutto ciò che "contiene" tasse andrebbe pagato in altro modo: cioè tutto!

Ogni prodotto acquistato e venduto ha l'IVA. La benzina ha le accise, le bollette hanno le tasse etc.

 

Di conseguenza alla fine quel tipo di "pagamento" finirà rapidamente il suo corso o resterà relegato ad attività minori e del tutto marginali.


RispondiCitazione
Condividi: