Bluethoot per vacci...
 
Notifiche
Cancella tutti

Bluethoot per vaccinati

Pagina 2 / 2

fantelesto
Active Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 5
 

per creare una stazione di registrazione dei famosi codici basta procurarsi una SBC raspberry (versione con bluetooth) + microSD + alimentatore. Esiste ampia documentazione su come caricare il sistema operativo. Il maggior vantaggio sono le dimensioni ridotte che permettono di nasconderlo ovunque ci sia disponibile una presa di alimentazione. Non ha ventole quindi nessun rumore.  Io uso realVNC come desktop remoto in quanto è gratis fino a cinque utenze. Aprire finestra comandi linux che presenta già nativo hcitool per la scansione bleutooth.

digitare $:  sudo hcitool -i hci0 lescan >> filelog.txt 

per salvare su un file testo sutte le scansioni fino a quando non interrompiamo con Ctrl + C.  Digitando $ hcitool --help illustra le opzioni disponibili.

in alternativa installare:

$ sudo apt-get install python-pip

$ sudo pip install bluepy

per lanciarlo digitare:

$ sudo blescan -t 0 >> altrofilelog.txt

occhio che il dispositivo in funzione è rilevabile da chiunque. 

Se qualche buon'anima volesse creare un app per android sarebbe utile per la diffusione. 


oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
Pfefferminz
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 548
 

@Violetto

"Il Dr. Arne Burkhardt è un patologo che ha insegnato all’Università di Amburgo, Berna e Tubinga. È stato professore invitato/visitatore in Giappone (Nihon University), Stati Uniti (Brookhaven National Institute), Corea, Svezia, Malesia e Turchia. Ha diretto l’Istituto di Patologia di Reutlingen per 18 anni. Successivamente, ha lavorato come patologo praticante indipendente con contratti di consulenza in vari laboratori negli Stati Uniti. Burkhardt ha pubblicato più di 150 articoli in riviste scientifiche tedesche ed internazionali, ha anche contribuito alla stesura di manuali in tedesco, inglese e giapponese. Per molti anni ha controllato e certificato gli istituti di patologia tedeschi."

https://comedonchisciotte.org/bhakdi-burkhardt-i-reperti-autoptici-mostrano-che-il-93-dei-decessi-dopo-la-vaccinazione-erano-stati-causati-dal-vaccino-covid/

Il Prof. Bhakdi non ha trovato ossido di grafene nei vaccini da lui esaminati. La dott.ssa Kathrin Haas, un medico che contribuisce alla discussione con gli ascoltatori del canale svizzero Bittel TV, dice che secondo lei il grafene non è contenuto nei vaccini, ma ritiene che sia possibile una contaminazione nel corso della produzione. Che si tratti di una contaminazione è una possibilità reale, nominata anche dall'ingegnere industriale Holger Reissner di cui ho postato il video con i sottotitoli in inglese. Holger Reissner chiede appunto nel video che l'esame dei vaccini venga ripetuto, per vedere se il grafene è contenuto anche in altri vaccini o se si tratta di una contaminazione sporadica.

Nel seguente video in inglese  del Comitato Corona dell'avvocato Füllmich viene mostrato un grafico di studiosi statunitensi, secondo i quali non tutti i vaccini contengono le stesse sostanze. Ci sarebbero vaccini più tossici di altri. Allo stesso modo, in teoria, potrebbero esserci vaccini che contengono ossido di grafene e altri no. Ti risulta che ci sia un istituto pubblico che ha il compito di esaminare il contenuto dei vaccini? O anche di controllarne la qualità costante? Secondo le mie informazioni, ci sono istituzioni a livello europeo preposte al controllo dei vaccini, ma sono sparse in alcuni sedi europee, non sono a livello nazionale. Gli Stati devono fidarsi dei controlli di queste istituzioni. 

https://t.me/AllesAusserMainstream/18949

 

 


RispondiCitazione
dom
 dom
Active Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 11
 

le masse non rappresentano un problema per il potere se le si ammannisce ma se la massa s'incazza sono problemoni, a me pare che i non conformi siano privi di credibilità, al momento non hanno alcuna presa sul popolo suggestionato, usciranno dal campo visivo dell'occhio magico e secondo me c'è un'opportunità unica di trovare l'equazione della felicità uscendo da matrix. Tornando agli indirizzi MAC ho un telefono apple stagionato mi sono scaricata da apple store "bluetooth BLE device finder" la versione gratuita non visualizza gli indirizzi MAC ma i nomi dei dispositivi e se non li riconosce li chiama unknown name signal, ieri ero in aereo e oltre ai soliti iphone orologi e diavolerie varie, ha trovato decine di unknown name signal. Da quello che ho letto l indirizzo mac lo possiede il dispositivo che si deve collegare a una rete wifi o internet, è pari al numero di telaio e identifica univocamente quell'oggetto nella rete. La prova da fare è in mezzo al campo ad almeno 20 metri da manufatti.


RispondiCitazione
albsorio
New Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 2
 

Ho provato un telefono cinese del 2015, bluetooth 4.0 versione android 4.4 marca Jiayu S3 Advanced, la scansione bluetooth nativa rivela dei codici mac senza nome.

Questo in presenza di un pluripremiato, teoria interessante, bisognerebbe chiedere a cingolati.

La nanotecnologia è una realtà da anni nei prodotti di largo consumo.

Sarebbe interessate sapere se esistono forme di "vita" non biologiche, purtroppo ignoro troppe cose.


RispondiCitazione
cedric
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1697
 

Se qualche buon'anima volesse creare un app per android sarebbe utile per la diffusione. 

Basta cercare nei vari store BLE SCANNER e se ne trovano almeno 4 o 5 pure gratis (con la solita pubblicità per acquisti). Ne ho usate un paio per puro sfizio e si vede davvero di tutto e di più.

 Ad ogni modo ripropongo anche qui sul forum il mio commento all'articolo pubblicato sul sito principale per una possibile  (ed ovviamente non esaustiva) spiegazione dei millanta "mac fantasma" in giro per l'aere

Cedric 1 Gennaio 2022 18:26

La domanda è lecita: da dove vengono i MAC o BD_ADDR?

Le elites ci hanno riempito di dispositivi IoT con il bluetooth BLE. Tutti gli elettrodomestici recenti li hanno: lavatrici, frigoriferi, forni, televisori, impastatrici, ecc. C’è la domotica: interruttori, timer, lampadari, motori per tende e tapparelle. Gli accessori dei cellulari hanno un BT BLE: auricolari, orologi, contapassi,ecc. In strada ci sono le nuove automobili, i semafori, le vetrine di negozi che “sentono” chi passa per riconoscerli in seguito, i bus, treni, taxi, bici a noleggio. Poi ci sono i pacemaker, le pompe per insulina e gli holter. Quelli sono davvero dentro il corpo umano.  Il nostro smartphone ogni 10 secondi emette il suo MAC/BD_ADD. Non serve la malefica Immuni o la IO, basta che il BT sia attivo.

Il BT BLE consuma pochissimo, una pila a moneta dura un paio di anni, ma serve una pila. L’unico senza pila è RFID (antitaccheggio e carte di pagamento da appoggio) ma hanno una portata di soli 4-5 centimetri. L’articolista dovrebbe riprovare con soggetti vaccinati nudi perchè gli IOT BLE ormai sono in oggetti impensabili, tipo le scarpe smart o le borse firmate. Vanno a effetto triboelettrico senza pila.

Un vero delirio.

Il tracciamento totale  ormai è generalizzato, tutto quello che facciamo ed anche tutto quello che non facciamo viene registrato e analizzato per valutare se serve a qualcosa (di solito farci quattrini). Ogni tanto si interviene pure per prevenire  che a detta di taluni sarebbe meglio di reprimere. Non serve neppure spegnere il cellulare: anche lo spegnimento genera una "evidenza"  a cui segue la domanda  "perchè mai costui ha spento il cellulare?" e l'apposizione di opportuna nota.

Benvenuti a bordo......

 


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 2739
Topic starter  

https://www.maurizioblondet.it/ci-sara-sicuramente-una-spiegazione-terapeutica/

E' stato citato anche altrove.


RispondiCitazione
fantelesto
Active Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 5
 

intendevo un'app fantasma che rilevi e registri solamente i codici grezzi. Le app commerciali gratis o a pagamento comunicano sempre con i server google. Lo scopo è quello di raccogliere un numero elevato di codici univoci e vedere se hanno un logica. Non trovo nulla al riguardo, questo è il fatto strano. 


RispondiCitazione
AnnaReds61
New Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3
 

Che si tratti dei codici dei vaccinati è certo. Scaricai BLEScanner ad inizio 2020, ad apertura campagna vaccinale, e quando lo attivavo in luoghi pubblici apparivano pochissimi codici. Ora ormai mi si aprono pagine e pagine di tali codici, ovviamente. Bisognerebbe riuscire a decodificare, per capirne il senso, a parte quello, ovvio, del controllo da remoto di quegli sciocchi, infelici post umani. Sarà solo per verificare che sono stati inoculati oppure un bel giorno potranno in qualche modo attivare un segnale che "li spegne"? Quei video che girano e sembrano terribilmente autentici di persone che prendono fuoco da dentro non è che siano collegati a nano robot che uccidono a comando? Non credo purtroppo di essere andata oltre con la fantasia, visto ciò che ho letto in questi mesi (e che mio marito ingegnere ed esperto sia di campi elettromagnetici che di AI ritiene essere la punta dell'iceberg dell'orrore).    


oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
cedric
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1697
 
Pubblicato da: @annareds61

 Ora ormai mi si aprono pagine e pagine di tali codici, ovviamente.   

I motivi sono essenzialmente due. 

Primo, sempre più gente ha attivato l'app IMMUNI che lavora in BLE e che lancia per l'aere i suoi avvisi quando sente un altro BLE.  Secondo, un sacco di gente sta acquistando (contenti loro...) tutti i possibili accessori per i propri smartphone: auricolari , orologi, contacalorie, chiavi della macchina,  lettori mp3, rintracciatore del barboncino, ecc:  tutti vanno in BLE e tutti mandano in giro i loro bravi codici.

Si innesca un perverso meccanismo moltiplicativo per cui basta che si incontrino due BLE e che ci siano 3-4 persone con IMMUNI attivo che lo scambio di indirizzi MAC e codici di tracciamento si propaga per svariate continaia di metri interrogando tutti (ma proprio tutti) i BLE accesi. E' normale che sembri il centro di controllo del traffico aereo di Francoforte.

Ad ogni modo chi non vuole leggere gli indirizzi BLE  ma cerca proprio i codici di tracciamento puo' usare (ironia del caso la faccenda è pure legale) proprio IMMUNI. L'app malefica ha una funzione che permette di scaricare i codici di tracciamento letti in giro per poi  analizzarli con comodo. Essendo crittografati si possono solo giocare al superenalotto, magari si vince pure.


RispondiCitazione
Pagina 2 / 2
Condividi: