Bossi e le banche: ...
 
Notifiche
Cancella tutti

Bossi e le banche: “Tengo o core italiano”


Tao
 Tao
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 33516
Topic starter  

I rompicapo della politica italiana. A rappresentare gli interessi dell’Italia nella partita che si è aperta per la successione ad Alessandro Profumo alla guida di Unicredit c’è Umberto Bossi e la Lega. Per orientarsi nell’intricato milieu delle banche europee occorre tenere sempre a mente una domanda: “A chi prestare e a chi no i soldi”? Tutte le altre importanti questioni, dalle fusioni agli aumenti di capitale, dalle scalate alle ristrutturazioni per essere più efficienti nella conquista di quote nel mercato del risparmio, assumono un significato particolare e si inquadrano in una logica comune quando quella domanda ha avuto una risposta.

Nelle proiezioni all’estero della propria economia i tedeschi considerano l’area del centro e dell’est Europa una loro riserva di caccia. Al punto che nei momenti di cattivo umore verso l’euro fanno capolino le nostalgie per il caro vecchio marco, che loro vedrebbero bene come moneta di scambio di un’area che va dall’Olanda alla Polonia (e chissà, magari domani la stessa Russia), senza impelagarsi nelle complicate faccende del sud dell’Europa. Certo, sono solo brevi momenti di scoramento, e quando il cielo si rimette al sereno — come ora — tornano a guardare a noi terroni con una bonomia da Oktober Fest inoltrata. Siamo tutti amici. Ma non al punto di essere contenti nel vedere crescere il profilo delle nostre aziende come loro concorrenti nella propria riserva di caccia. In tutto ciò rientra la faccenda di Unicredit e il post-Profumo, perché nella misura in cui il gruppo ormai multinazionale fa merchant banking, potrebbe funzionare da polmone finanziario per quella parte dell’industria italiana che guarda verso quelle plaghe.

O almeno così sarebbe se le linee di credito fossero concepite secondo questa strategia. Ma decidere le linee di credito è compito del consiglio di amministrazione, e in quello di Unicredit i tedeschi sono presenti con un peso superiore al loro pacchetto azionario (6 su 24), e un’influenza — in quanto tedeschi — superiore agli stessi seggi in consiglio. E i banchieri tedeschi non sono uomini d’affari come gli altri, sono gli interpreti di un capitalismo nazionale fortemente integrato e con confini vaghi tra pubblico e privato. Non c’è da aspettarsi da parte loro molta comprensione per le necessità di fido di imprese italiane intenzionate ad andare a rompere le uova nel paniere delle aziende tedesche.

E arriviamo così a Bossi, la cui conoscenza dei classici lo porta a tradurre l’acronimo SPQR in Sono Porci Questi Romani, ma se fosse uomo di migliori letture direbbe forse sull’affare Unicredit “Temo i tedeschi e i doni che portano”. Saggio ammonimento se non fosse per la guerra di logoramento che il sindaco leghista Flavio Tosi per il tramite della Fondazione Cariverona ha condotto contro Profumo, le cui dimissioni aprono la strada alla conquista del gruppo. Il contrappeso all’ipotetica offensiva tedesca sarebbe affidato niente meno che alle Fondazioni, cioè a enti che rispondono a input politici che con l’avvento delle vacche magre nei dividendi azionari si fanno più pressanti e invadenti.

Se qualcuno credesse che gli “input politici” in questa vicenda internazionale sono pur sempre espressione della nostra sovranità farebbe bene a collocare i nuovi entusiasmi di nazionalismo bancario di Bossi con una frase da lui detta qualche mese fa: “La gente ci chiede di prenderci le banche”. Un programma non particolarmente eccitante se enunciato come rimedio al forte spirito di corpo con cui i tedeschi cercano di acquisire posizioni strategiche in ogni punto del globo a cui mira il loro export. Quanto al nostro spirito di corpo di certo sarebbe molto aiutato da una politica industriale che aiutasse a coordinare asset finanziari e strategie commerciali all’estero. Ma i nostri “input politici” non si preoccupano neanche di nominare il sostituto di Scajola al ministero delle attività produttive, vacante da quasi 5 mesi.

Gianliuca Bifolchi
Fonte: http://subecumene.wordpress.com
Link: http://subecumene.wordpress.com/2010/09/27/bossi-e-le-banche-tengo-o-core-italiano/
28.09.2010


Citazione
Condividi: