I Panama Papers, se...
 
Notifiche
Cancella tutti

I Panama Papers, secondo Mincuo

Pagina 2 / 3

Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4401
 

Tra l'altro quella questione della cultura indotta e' da tempo che vorrei approfondirla.

Ottima occasione.

Io di sociologia non ne so un gran ché, ma se volessi approfondire sulla cultura indotta comincerei con la famosa Scuola di Francoforte, la sua influenza sulla cultura occidentale e le conseguenze, nefaste a mio avviso, che ha prodotto. Un bel post da qualcuno che la ha studiata bene sarebbe un buon avvio.

Ma Pietro, le culture indotte esistono da sempre, lo si scrive anche sopra. Poi le culture andrebbero viste nei loro risvolti caso per caso, e ci saranno casi giudicabili di merda e altri no, dipende. Io posso esprimere la mia opinione sul mio modo di vedere il giusto e sbagliato.

Misuri dal risultato? Ma l'oggi non e' mica la fine, e nessuna diffusione di cultura e' esente da resistenze.
Secondo te il detto di Gesu (per fare un esempio con una metafora) quello dei frutti (giudicherai dai frutti) intendeva in assoluto solo i frutti del dato momento presente?

E se a qualcuno non piacciono i frutti tondi e te li distrugge?
Cosa giudichi? I frutti tondi distrutti?

Allora bisognerebbe parlare, quali frutti piacciono a te?
Quali frutti detesti?


RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4099
 

Ma Pietro, le culture indotte esistono da sempre, lo si scrive anche sopra. Poi le culture andrebbero viste nei loro risvolti caso per caso, e ci saranno casi giudicabili di merda e altri no, dipende. Io posso esprimere la mia opinione sul mio modo di vedere il giusto e sbagliato.

Misuri dal risultato? Ma l'oggi non e' mica la fine, e nessuna diffusione di cultura e' esente da resistenze.
Secondo te il detto di Gesu (per fare un esempio con una metafora) quello dei frutti (giudicherai dai frutti) intendeva in assoluto solo i frutti del dato momento presente?

E se a qualcuno non piacciono i frutti tondi e te li distrugge?
Cosa giudichi? I frutti tondi distrutti?

Allora bisognerebbe parlare, quali frutti piacciono a te?
Quali frutti detesti?

Va bene, ma quì si parlava di "potere culturale" e di " Chi indirizza cultura, informazione, percezione e inconscio" nella società moderna. Se uno ogni volta deve ritornare alla cultura dei dipinti nelle caverne per cercare di comprendere quello che si vede oggi nei media, stiamo freschi.

Il discorso va limitato all'essenziale e approssimato alle influenze che incidono di più. Nel Medioevo la componente cristiana avrebbe occupato un posto di primo piano per quanto riguarda il potere culturale, oggi ci sono altri soggetti che, muniti di strumenti di controllo delle masse, indirizzano il corso della storia dove vogliono loro. Di loro stava parlando mincuo.


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4401
 

La cultura dei dipinti e caverne e' una figura retorica Pietro. Le culture in generale possiedono tanti aspetti che non hanno tempo.

Si puo citare passo a passo le varie parti delle culture e ragionarci se le riteniamo giuste o meno. Puoi per esempio estrapolare passi di Fromm o altri che ritengo una schifezza, ma altri no..come lo stesso delle sociologie elitiste per esempio. Oppure notare diversita importanti tra vari aspetti del pensiero di una persona verso un'altra, dove invece i detrattori accumunano come un unicum uguale di cultura.

Ma non ho ancora argomentato nulla nel merito sopra, se non innocue provocazioni, se mai dopo ci ragioniamo.
Cosi vediamo anche quella cosa delle culture indotte... se meritevoli di giudizio autonomo derivante dalla persona che le valuta oppure...la persona possibile di autonomia che le valuta "non esiste" perche risponderebbe solo a riflessi pavloviani come un automa (che e' la credenza che spesso si vuole indurre per proselitismo e far credere ad alcuni di essere meglio di altri, in questo senso, per qualita innate, cosi da renderli docili e cooptabili)


RispondiCitazione
fuffolo
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 686
 

Ma da quanto tempo si è "consolidato" questo sistema? Da quello che scrive mincuo sembra adatto anche per le monarchie e prima per i regni ed imperi, ma forse è ancora più risalente. Da sempre sfruttati ed oppressi, senza conoscerlo il cetriolo si digerisce meglio


RispondiCitazione
Alois
Eminent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 46

RispondiCitazione
bysantium
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 481
 

Attendevo l'intervento, come sempre molto informato ed incisivo, di Mincuo che quindi ringrazio.
Due cose vorrei ulteriormente conoscere :
- chi è nei nomi dei panama papers è inevitabilmente evasore oppure potrebbe esserci per altri motivi?
- che tipo di ricerca posso fare per risalire ai nomi delle cinquanta famiglie?


RispondiCitazione
Jor-el
Prominent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 990
 

sta storia dei paMpers è interessante come il nuovo flirt della belen XD

tanto clamore per nulla, o meglio l'ennesima coltre di nebbia che ha lo scopo di coprire altre cose (basti pensare ciò che accadde con mani pulite)

Anche questa volta mi trovo d'accordo con te.
La sensazione che mi comunica questa vicenda è tedio allo stato puro.
Chi non sa, almeno dall'età di 7 anni, che i ricchi tengono soldi nei paradisi fiscali?
Tesi ufficiale (ripetuta da decenni): i paradisi fiscali sono una malattia del sistema bancario mondiale, sono usati da mafie, evasori fiscali, corrotti, corruttori e dittatori sanguinari. Da qui la nota frase fatta:"la lotta ai paradisi fiscali", meritoria battaglia da anni promossa dall'Occidente e dalla parte sana del sistema bancario. Ne sento parlare da quando portavo i calzoni corti, di questa "lotta".
Riflessione: come mai allora esistono ancora? Ci sono Stati canaglia che sono stati rasi al suolo per molto meno.
Conclusione: i paradisi fiscali forse non sono una malattia, forse sono una parte importante del sistema bancario mondiale.
Adesso escono dei nomi. 11 milioni e passa di nomi. Come dire NIENTE.
Che significa apparire in quella lista? Tutto e niente.
Faccio un esempio. L'OLP ha dei conti segreti in banche offshore. Che significa questa "rivelazione"? Che l'OLP è corrotta? Che è finanziata da Hitler resuscitato? Dagli stessi Israeliani? Oppure che i finanziatori dell'OLP richiedono qualche livello di discrezione, visto che gli "omicidi mirati" in Israele non passano mai di moda?

Io penso che sia in atto un progetto di cambiamento dell'intero sistema, parallelo alla progressiva cessione di sovranità degli stati verso istituzioni legate alle banche. Una riconfigurazione dello shadow banking che passa anche attraverso una "riforma" dei paradisi offshore. Ma sono solo congetture. Forse avremmo qualche indizio in più dai prossimi film della serie 007. Non certo dall'Internationa Consortium of Investigative Jew... ehm, Journalists.


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4401
 

A ecco , il piano di dominio mondiale degli ebrei, mi sfuggiva la cosa. In effetti, se i cattivi sono un monolite unico e fatto di buoni, perche non hanno punito prima le banche e paradisi cattivi?

Sara perche sono cattivi dentro?


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 2 anni fa
Post: 10314
 

sta storia dei paMpers è interessante come il nuovo flirt della belen XD

tanto clamore per nulla, o meglio l'ennesima coltre di nebbia che ha lo scopo di coprire altre cose (basti pensare ciò che accadde con mani pulite)

Anche questa volta mi trovo d'accordo con te.
La sensazione che mi comunica questa vicenda è tedio allo stato puro.
Chi non sa, almeno dall'età di 7 anni, che i ricchi tengono soldi nei paradisi fiscali?
Tesi ufficiale (ripetuta da decenni): i paradisi fiscali sono una malattia del sistema bancario mondiale, sono usati da mafie, evasori fiscali, corrotti, corruttori e dittatori sanguinari. Da qui la nota frase fatta:"la lotta ai paradisi fiscali", meritoria battaglia da anni promossa dall'Occidente e dalla parte sana del sistema bancario. Ne sento parlare da quando portavo i calzoni corti, di questa "lotta".
Riflessione: come mai allora esistono ancora? Ci sono Stati canaglia che sono stati rasi al suolo per molto meno.
Conclusione: i paradisi fiscali forse non sono una malattia, forse sono una parte importante del sistema bancario mondiale.
Adesso escono dei nomi. 11 milioni e passa di nomi. Come dire NIENTE.
Che significa apparire in quella lista? Tutto e niente.
Faccio un esempio. L'OLP ha dei conti segreti in banche offshore. Che significa questa "rivelazione"? Che l'OLP è corrotta? Che è finanziata da Hitler resuscitato? Dagli stessi Israeliani? Oppure che i finanziatori dell'OLP richiedono qualche livello di discrezione, visto che gli "omicidi mirati" in Israele non passano mai di moda?

Io penso che sia in atto un progetto di cambiamento dell'intero sistema, parallelo alla progressiva cessione di sovranità degli stati verso istituzioni legate alle banche. Una riconfigurazione dello shadow banking che passa anche attraverso una "riforma" dei paradisi offshore. Ma sono solo congetture. Forse avremmo qualche indizio in più dai prossimi film della serie 007. Non certo dall'Internationa Consortium of Investigative Jew... ehm, Journalists.

il ragionamento non fa una piega Jor-el

quoto

p.s.

complimenti per la chiusura

8)


RispondiCitazione
mincuo
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 6059
Topic starter  

Mincuo, come sempre molto interessante e ricco di spunti questo tuo post.
Avrei qualche chiarimento da chiederti:
1) "...società di tipo Lussemburghese, Panamense, Irlandese ecc. (che non vuol dire che stanno a Panama, Lussemburgo ecc..)...". Potresti dire qualcosa di più su questa distinzione, che non mi è del tutto chiara?
2) "...Anche riguardo a scandali finanziari-fiscali di proporzioni enormi, mondiali, quelli sono stati confinati appena appena alla conoscenza di specialisti del settore e il teleutente non sa nemmeno che siano mai esistiti. E anche gli specialisti più a fondo di tanto comunque non sono riusciti MAI a sapere...". Anche su questo mi interesserebbe molto avere qualche informazione in più, ovviamente compatibilmente con quanto puoi e vorrai dire...
3) "...Oppure in effetti si va a fondo, almeno un po', anche su J.P.M. e Black Rock e allora il significato è differente. Ed è non del tutto escluso in linea teorica, anche se non è semplice da spiegare...". Ti riferisci alla possibilità che si tratti di una manovra attuata da, o comunque nell'interesse di, una o più elite che sono attualmente al di fuori del giro di quelle famiglie che formano l'oligopolio del potere mondiale di cui parlavi, e che cercano così di guadagnare terreno e spazio?
Grazie mille come sempre

1) Le società hanno delle proprietà a seconda. Un fondo di tipo Lussemburghese è diverso da un altro. Ha regole differenti. Una società può essere registrata alla Caymans (Camera di Commercio) come sede legale, è di tipo Panamense (con delle regole specifiche) e sta in Svizzera come sede operativa o filiale.

2) Sono molti Capablanca. Se dicessi dei nomi non ti direbbero molto.
Ne prendo solo uno che perlomeno si è sentito nominare. Lo scandalo LIBOR ad esempio che è di dimensioni enormi. Forse il più grande di tutti i tempi. Sia come importi sia poi come coinvolgimento.
Solo che per il teleutente è enorme solo quello che evidenziano e ripetono TV e giornali.
E può essere anche l'orsetto allo zoo che si è rotta la zampetta. Basta che vadano avanti a farci su titoli.....
Non conta più l'oggetto ormai. La gente l'hanno schiantata del tutto.
Quello del LIBOR lo hanno subito sfumato, hanno detto due acche e fine. Poi più comparso. Ma ha coinvolto tutte le maggiori banche mondiali e le Banche Centrali. Una cosa enorme e in teoria con decine di capi di imputazione. Una truffa inoltre durata anni e anni...
Ma non avendo "titolato" non è "grave" per il teleutente.
Poi manco sa bene cos'è 'sto Libor. Forse saranno i cioccolatini "Lindor"....
Ma anche gli specialisti poi hanno fatto fatica a sapere qualcosa.
C'è stato letteralmente un muro.

3) No mi riferisco al fatto che nell'elite c'è una discussione sulla corruzione e l'etica. Non è che elite sia sinonimo di "cattivo" per forza. Inoltre c'è qualche studio che dimostra che la corruzione quando diventa sistemica, pervasiva, non porta nemmeno vantaggi, anzi.


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4401
 

Mmm, il piano del dominio mondiale sionista che tira le orecchie ad alcuni scagnozzi :" se esagerate mangiano la foglia " e allora vi diamo una sberletta. Se esce qualche nome, non sara il pesce grosso, se esce il pesce grosso, non sara quello, e poi, non e' di rilevanza mediatica come una le pen o putin.

Be si, come ipotesi.

Ma non spiega la parte "filosofica" delle premesse. E' vero che si, si potrebbe fare una sintesi di ipotesi col piano di dominio "della sola famiglia" (chissa le indagini sui cognomi), e' un po semplicistica ma potrebbe essere.
Ma non spiega tanto tutto l'ambaradam sulla cultura ecc..pero.


RispondiCitazione
mincuo
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 6059
Topic starter  

Disturbo delirante:
Sintomi e diagnosi
Il disturbo delirante può insorgere nel contesto di un disturbo paranoide di personalità preesistente . In tali persone, nella prima età adulta si manifestano una sfiducia e una sospettosità pervasive nei confronti degli altri e delle loro intenzioni, che si protrae per tutta la vita.

I primi sintomi possono comprendere la sensazione di essere circondato da molti nemici, di essere sfruttato, preoccupazioni per la lealtà o l'affidabilità anche degli amici, una tendenza a leggere significati minacciosi o persecutori in osservazioni o eventi, un rancore costante e una reattività immediata a quelli che vengono percepiti sempre come degli affronti o delle macchinazioni o degli intenti oscuri e comunque cattivi...

In generale questi soggetti manifestano sempre la necessità impellente di fornire immediatamente un qualche loro precetto “morale”o “filosofico”, indipendentemente dall'oggetto e indipendentemente dal fatto che qualcuno glielo abbia richiesto o che l'intervento sia completamente a sproposito.
Il fatto poi che magari non interessino a nessuno per loro diventa un'ulteriore conferma dei loro “sospetti”. Il che in genere li porta a moltiplicare questi loro “precetti” e considerazioni “filosofiche” in un crescendo ancor più confusionario o sconclusionato.

Molto spesso infatti il disturbo delirante è connesso a sindromi ossessivo-compulsive. E quasi sempre in un quadro dissociativo con relativa perdita o distorsione o limitazione dei nessi associativi, con difficoltà di comprensione anche di un testo, con la frequente incongruenza tra idee e emotività, tra contenuto di pensiero e comportamento, e inoltre tra idee e idee, e con una separazione o un nesso arbitrario tra i diversi elementi della vita psichica.


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 2 anni fa
Post: 10314
 

Disturbo delirante:
Sintomi e diagnosi
Il disturbo delirante può insorgere nel contesto di un disturbo paranoide di personalità preesistente . In tali persone, nella prima età adulta si manifestano una sfiducia e una sospettosità pervasive nei confronti degli altri e delle loro intenzioni, che si protrae per tutta la vita.

I primi sintomi possono comprendere la sensazione di essere circondato da molti nemici, di essere sfruttato, preoccupazioni per la lealtà o l'affidabilità anche degli amici, una tendenza a leggere significati minacciosi o persecutori in osservazioni o eventi, un rancore costante e una reattività immediata a quelli che vengono percepiti sempre come degli affronti o delle macchinazioni o degli intenti oscuri e comunque cattivi...

In generale questi soggetti manifestano sempre la necessità impellente di fornire immediatamente un qualche loro precetto “morale”o “filosofico”, indipendentemente dall'oggetto e indipendentemente dal fatto che qualcuno glielo abbia richiesto o che l'intervento sia completamente a sproposito.
Il fatto poi che magari non interessino a nessuno per loro diventa un'ulteriore conferma dei loro “sospetti”. Il che in genere li porta a moltiplicare questi loro “precetti” e considerazioni “filosofiche” in un crescendo ancor più confusionario o sconclusionato.

Molto spesso infatti il disturbo delirante è connesso a sindromi ossessivo-compulsive. E quasi sempre in un quadro dissociativo con relativa perdita o distorsione o limitazione dei nessi associativi, con difficoltà di comprensione anche di un testo, con la frequente incongruenza tra idee e emotività, tra contenuto di pensiero e comportamento, e inoltre tra idee e idee, e con una separazione o un nesso arbitrario tra i diversi elementi della vita psichica.

leggere tutto questo mi ha ricordato una mia conoscenza (ha 24 anni)...

costui alle 19 in punto iniziava a parlare come quelli di lotta comunista, cambiava persino il tono di voce, saltellava qui e la tra incontri dei testimoni di geova, poi quelli di casapound, serate alla caserma rossani ovvero un posto che ve lo raccomando 😆 per poi finire dagli evangelisti

😯 😯 😯

grazie mincuo, mi stai facendo sbellicare stasera

😀

p.s.

questa è la caserma rossani

https://it-it.facebook.com/Excasermaliberata

😉


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4401
 

Ma no..la "filosofia" sta sopra, non ci ho ancora ragionato seriamente, fino qua sono leggerezze che seguono il discorso introdotto da Jor el e proseguito da Spada.

Mi e' venuta anche a me la tentazione di copia incollare citazioni, e l'ipotesi nuova del piano di dominio mondiale ebraico non ci avevo ancora pensato, e' una delle tante possibili spiegazioni.

Perche Spada l'hai capita poi quella dei criminali "non cattivi" ?


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 2 anni fa
Post: 10314
 

Ma no..la "filosofia" sta sopra, non ci ho ancora ragionato seriamente, fino qua sono leggerezze che seguono il discorso introdotto da Jor el e proseguito da Spada.

Mi e' venuta anche a me la tentazione di copia incollare citazioni, e l'ipotesi nuova del piano di dominio mondiale ebraico non ci avevo ancora pensato, e' una delle tante possibili spiegazioni.

Perche Spada l'hai capita poi quella dei criminali "non cattivi" ? Ti spiego la mia interpretazione?

spiega GJ però sii sintetico, a volte faccio davvero fatica a leggere i tuoi commenti

🙄

io, purtroppo, ho letto i savi al ginnasio, evidentemente quella lettura è stata nociva per me

8)

p.s.

la mia non vuole essere una critica, ma a volte metti troppa carne sul fuoco e...

mi perdo

😆

p.s.

all'epoca studiai sia il capitale di levi, sia i protocolli

il primo mi sembrava fuorviante e intriso di qualcosa che puzzava (successivamente capii cosa fosse) mentre il secondo fin dall'inizio mi aprì un mondo fino ad allora sconosciuto e iniziai a guardare ogni cosa (soprattutto tv e giornali) con occhi completamente diversi


RispondiCitazione
Pagina 2 / 3
Condividi: