Notifiche
Cancella tutti

Il radar "quantistico" cinese?


PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4109
Topic starter  

Articoli e voci dall'altro lato del mondo affermano che la Cina sarebbe in possesso di un radar capace di individuare aerei stealth invisibili agli altri radar :
http://www.nzherald.co.nz/world/news/article.cfm?c_id=2&objectid=11808474

Dove il principio di funzionamento viene descritto così :
...............................
Where radar sends out a beam of photons as radio waves, quantum radar uses entangled photons.

Put simply, entangled photons are two separate photons that share a deep quantum link. The upshot is the photons mirror each other's behaviour when one of them is influenced in some way.

In sostanza vorrebbero sfruttare la proprietà quantistica dell'entanglement di due particelle , in questo caso fotoni, per poter registrare istantaneamente i cambiamenti nelle proprietà di una particella quando l'altra, non importa quanto distante subisce un cambiamento. Il fenomeno è descritto bene in Wikipedia : https://it.wikipedia.org/wiki/Entanglement_quantistico
Il problema però è che non si possono inviare informazioni di nessun tipo tra le due particelle e quindi sebbene correlate il risultato di un sistema di misura basato su questo fenomeno da risultati che sono totalmente casuali.
Per una discussione approfondita vedere : http://motls.blogspot.it/2017/03/chinese-quantum-radar-is-thing-that.html


Citazione
cedric
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1697
 

I due link citati nella discussione (sulla quale non faccio commenti) sono molto interessanti e li evidenzio per chi ha voglia di leggerli.

1)) link citato da Paul_A_Martin (forse l'unico con le idee chiare su cosa dovrebbe essere un radar quantistico) che così commenta il documento

un sistema che consente di ottenere un miglioramento di 3 dB [IL DOPPIO] oltre il limiti classici rilevando il fotone riflesso di una coppia entangled mantenendone uno in rotazione intorno alla sorgente e utilizzandolo per "riconoscere" la natura non-casuale di quello riflesso.

Probabilmente (ma forse sbaglio) l'uso del termine riflesso è usato per facilitare la comprensione del principio.
https://arxiv.org/pdf/0911.0950.pdf

2) link citato in risposta da Luboš Motl (iniziatore del 3D che almeno conosce un pò di bibliografia)
ftp://nozdr.ru/biblio/kolxo3/P/PE/Lanzagorta%20M.%20Quantum%20Radar%20(MC,%202012)(ISBN%209781608458264)(O)(141s)_PE_.pdf

Per quel che ne so io un radar quantistico basato sull'entangement non dovrebbe funzionare sul principio dell' illuminamento/ riflessione (e quindi col la quarta potenza della distanza) ma sul principio del disturbo/rottura della coppia legata e conseguente rivelazione istantanea. Non si trasmette quindi informazione e non si viola nessun postulato sulla velocità della luce ma si evidenzia che qualcosa ha rotto l'entaglement (come in tutti gli esempi di crittografia quantistica).

E se c'è un disturbo dove non dovrebbe esserci, allora forse c'è anche qualcosa che ha causato il disturbo, magari un F35 che si avvicina quatto quatto.


RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4109
Topic starter  

"E se c'è un disturbo dove non dovrebbe esserci, allora forse c'è anche qualcosa che ha causato il disturbo, magari un F35 che si avvicina quatto quatto."
Il disturbo non è rilevabile. Infatti sarebbe sempre informazione. Quello che si ottiene, anche se le particelle sono correlate, sono numeri a random. Motl lo spiega bene.


RispondiCitazione
Cataldo
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 269
 

In attesa di approfondire la faccenda di questo illuminatore quantisticamente tarato, c'è uno sviluppo più a portata di mano della ricerca cinese,stanno cercando di utilizzare l'entaglement quantistico per la cifratura dei dati trasmessi dai link satellitari, che è cosa molto diversa, e della quale si conosce in linea di massima il principio di funzionamento, a tal scopo sono gli unici ad avere in corso esperimenti sul tema, dopo aver assoldato almeno tre dei principali studiosi del settore, hanno spedito dei satelliti per la ricerca; questa è la pietra filosofale delle comunicazioni del futuro, che renderebbe invulnerabili da ogni intercettazione le comunicazioni con i link satellitari.
Per quanto riguarda i radar in grado di localizzare gli aerei "furtivi" esistono da sempre, si tratta dei vecchio radar a grande lunghezza d'onda che oggi con il digitale sono diventati molto più performanti, in quanto possono ovviare ai limiti intrinseci della ampiezza dell'onda con la rielaborazione del segnale, in altri termini questi radar sono sempre stati in grado di rilevare una minaccia del tipo "stealth" ma non erano in grado di dare una posizione precisa al punto da indirizzare un missile, davano una sfera di interesse nella quale cercare con altri mezzi, inoltre erano penalizzati dalle enormi dimensioni richiesta all'antenna, oggi invece sono in grado di generare una prima traccia base molto più precisa, con antenne di dimensioni più ragionevoli. Esiste poi una tipologia di radar, nella quale l'Italia è all'avanguardia, che sono i radar bistatici, dove si sfrutta l'alterazione indotta dall'aereo furtivo in una frequenza nota, tipo il digitale terrestre, o l'FM delle radioline, questi onde non quelle per le quali sono stati progettati gli aerei stealth, che in questo caso possono contare parzialmente solo sulle proprietà dei costosi rivestimenti antiradiazione delle superfici, che sappiamo essere una cosa delicata, in quanto il numero di missioni utilizzabile per ogni applicazione della vernice miracolosa è ridicolmente basso, specie in caso di utilizzo in ambienti corrosivi o soggetti a piogge forti.
In breve gli USA hanno messo tutte le uova nello stesso paniere, incrementando a dismisura i costi dei loro aerei, per ottenere un vantaggio che potrebbe svanire prima ancora che sia sfruttato sul campo.


RispondiCitazione
comedonchisciotte
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 634
 

Che io sappia, da tempo esiste un radar ucraino passivo, con almeno tre sensori ben distanziati, in grado di rilevare gli aerei stealth, amplificando semplicemente le radiazioni ricevute da tale aereo (radar di bordo necessariamente sempre in funzione). Adesso l'Ucraina è in qualche modo inglobata nella NATO, ma è una storia vecchia e sicuramente nel frattempo i russi hanno acquisito tutta la tecnologia necessaria. Del resto non mi pare che Putin abbia paura di tali aerei. Insomma non sarei per niente sorpreso se gli stealth fossero perfettamente rilevabili da parte delle ultime batterie missilistiche russe.


RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4109
Topic starter  

Ho l'impressione anch'io, anche se non sono esperto di radar, che gli accorgimenti passivi, tipo forma della fusoliera e vernici assorbenti abbiano ormai fatto il loro tempo.


RispondiCitazione
yakoviev
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1671
 

Che io sappia, da tempo esiste un radar ucraino passivo, con almeno tre sensori ben distanziati, in grado di rilevare gli aerei stealth, amplificando semplicemente le radiazioni ricevute da tale aereo (radar di bordo necessariamente sempre in funzione). Adesso l'Ucraina è in qualche modo inglobata nella NATO, ma è una storia vecchia e sicuramente nel frattempo i russi hanno acquisito tutta la tecnologia necessaria. Del resto non mi pare che Putin abbia paura di tali aerei. Insomma non sarei per niente sorpreso se gli stealth fossero perfettamente rilevabili da parte delle ultime batterie missilistiche russe.

Non mi intendo di radar e simili, ma ho letto più volte che gli aerei "stealth" sono parzialmente rilevabili usando radar "a bassa frequenza". Cosa voglia dire non so. Sta di fatto che sicuramente uno stealth F117 fu abbattuto in Jugoslavia da un missile antiaereo a guida radar S 125, in produzione dagli anni '50


RispondiCitazione
Cataldo
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 269
 

Il famoso F117 fu abbattuto grazie ad una serie di eventi, che partono dalla stolida incapacità dei generali NATO che hanno usato per diversi giorni le stesse rotte di ingresso per gli aerei, i serbi avevano qualcuno con un semplice telefonino che dalle basi, tipo Aviano, annunciavano la partenza degli aerei, cosi si potevano accendere al momento giusto i radar, che altrimenti sarebbero stati individuati prima del tempo utile al lancio dei missili, i radar puntavano su un settore preciso potendo focalizzare l'area di ingaggio, una umidità elevata e l'addestramento degli operatori hanno fatto il resto.


RispondiCitazione
cedric
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1697
 

... i serbi avevano qualcuno con un semplice telefonino che dalle basi, tipo Aviano, annunciavano la partenza degli aerei, ..

Solo ai soldati italiani (dal fante al generale) è permesso usare telefonini per chiamare la mamma ogni sera. In ogni esercito che si rispetti tutte (e dico davvero tutte) le comunicazioni sono vietate e chi infrange la regola viene messo a morte. SI chiama guerra mica videogame sulla playstation.


RispondiCitazione
Condividi: