Isis, quintessenza ...
 
Notifiche
Cancella tutti

Isis, quintessenza liberista


Tao
 Tao
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 33516
Topic starter  

A detta di Said, “la religione per loro è solo un pretesto. Se ne fregano alla grande, della religione. Te lo dicono anche, senza rendersene conto. Se credono in Allah, è solo perché Allah gli ha promesso le vergini. E basta. Credono di rispettare la religione, ma non hanno né rispetto, né religione”. Più il gruppo di Oussama si allarga, più Said vi si inoltra, più emergono l’assenza di sensibilità religiosa o politica e – al contrario – una certa morbosità dei militanti. “Una volta Oussama ha cominciato a parlarmi delle vergini del paradiso, con gli occhi persi nel vuoto. E ha concluso che quella sera sarebbe stato da solo in camera sua, mentre avrebbe potuto essere in paradiso con le famose vergini se, armato di coltello, avesse assaltato un commissariato quello stesso giorno”.

La volontà di lanciarsi in attacchi estemporanei denota la mancanza di una qualsiasi strategia. “Quando ne hai una”, riflette Said, “è perché in qualche modo aspiri a cambiare il mondo, nel bene o nel male. Quelli di Daesh non hanno alcuna intenzione di cambiare il mondo. Se ne strafregano, del mondo. Fanno tutto solo ed esclusivamente per sé stessi, per le loro vergini. In qualche modo, sono la quintessenza dell’ultra-liberismo. Sono dei mercenari, in fondo”.

“Io infiltrato in una cellula del Califfo”, l’Espresso, 1 agosto 2016

Fonte: www.ilfoglio.it
10.08.2016


Citazione
AlbertoConti
Membro
Registrato: 12 mesi fa
Post: 1539
 

A detta di Said, “la religione per loro è solo un pretesto. Se ne fregano alla grande, della religione. Te lo dicono anche, senza rendersene conto. Se credono in Allah, è solo perché Allah gli ha promesso le vergini. E basta. Credono di rispettare la religione, ma non hanno né rispetto, né religione”. Più il gruppo di Oussama si allarga, più Said vi si inoltra, più emergono l’assenza di sensibilità religiosa o politica e – al contrario – una certa morbosità dei militanti. “Una volta Oussama ha cominciato a parlarmi delle vergini del paradiso, con gli occhi persi nel vuoto. E ha concluso che quella sera sarebbe stato da solo in camera sua, mentre avrebbe potuto essere in paradiso con le famose vergini se, armato di coltello, avesse assaltato un commissariato quello stesso giorno”.

La volontà di lanciarsi in attacchi estemporanei denota la mancanza di una qualsiasi strategia. “Quando ne hai una”, riflette Said, “è perché in qualche modo aspiri a cambiare il mondo, nel bene o nel male. Quelli di Daesh non hanno alcuna intenzione di cambiare il mondo. Se ne strafregano, del mondo. Fanno tutto solo ed esclusivamente per sé stessi, per le loro vergini. In qualche modo, sono la quintessenza dell’ultra-liberismo. Sono dei mercenari, in fondo”.

“Io infiltrato in una cellula del Califfo”, l’Espresso, 1 agosto 2016

Fonte: www.ilfoglio.it
10.08.2016

Prima che mercenari sono dei gran coglioni!
Dall'utile idiota si è passati all'utile coglione. C'è sempre un peggio, ma quale potrà mai essere? Difficile immaginare un peggio di così.


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 12 mesi fa
Post: 10314
 

A detta di Said, “la religione per loro è solo un pretesto. Se ne fregano alla grande, della religione. Te lo dicono anche, senza rendersene conto. Se credono in Allah, è solo perché Allah gli ha promesso le vergini. E basta. Credono di rispettare la religione, ma non hanno né rispetto, né religione”. Più il gruppo di Oussama si allarga, più Said vi si inoltra, più emergono l’assenza di sensibilità religiosa o politica e – al contrario – una certa morbosità dei militanti. “Una volta Oussama ha cominciato a parlarmi delle vergini del paradiso, con gli occhi persi nel vuoto. E ha concluso che quella sera sarebbe stato da solo in camera sua, mentre avrebbe potuto essere in paradiso con le famose vergini se, armato di coltello, avesse assaltato un commissariato quello stesso giorno”.

La volontà di lanciarsi in attacchi estemporanei denota la mancanza di una qualsiasi strategia. “Quando ne hai una”, riflette Said, “è perché in qualche modo aspiri a cambiare il mondo, nel bene o nel male. Quelli di Daesh non hanno alcuna intenzione di cambiare il mondo. Se ne strafregano, del mondo. Fanno tutto solo ed esclusivamente per sé stessi, per le loro vergini. In qualche modo, sono la quintessenza dell’ultra-liberismo. Sono dei mercenari, in fondo”.

“Io infiltrato in una cellula del Califfo”, l’Espresso, 1 agosto 2016

Fonte: www.ilfoglio.it
10.08.2016

Prima che mercenari sono dei gran coglioni!
Dall'utile idiota si è passati all'utile coglione. C'è sempre un peggio, ma quale potrà mai essere? Difficile immaginare un peggio di così.

dei coglioni che rappresentano una minaccia per Nazioni che possiedono milioni e milioni di soldati e abbastanza testate nucleari da distruggere il pianeta più volte...

ma i più coglioni sono quelli che si bevono le katzate della tv


RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 3899
 

Forse era l'" infiltrato in una cellula del Califfo" che pensava solo alle schiave sessuali che questi avevano catturato.
Senza una qualche visione strategica non si conquista neanche il Bar all'angolo e senza una motivazione più che forte non si va a farsi esplodere per ammazzare qualche nemico. Quest'articolo sul foglio che cerca di smitizzare l'IS per salvare l'islam è francamente patetico.


RispondiCitazione
Condividi: