La frutta è cattiva...
 
Notifiche
Cancella tutti

La frutta è cattiva e fa male


Tao
 Tao
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 33516
Topic starter  

Nelle città riaprono i fruttivendoli, ritornano le tentazioni e dunque bisogna pregare per l’abolizione della frutta. La frutta è cattiva e fa male. E’ ormai dimostrato (Jo Robinson in “Un piacere selvaggio”, Einaudi, riporta molti studi in proposito) che la maggior parte della frutta in commercio non è salutare: “La golden delicious contiene una quantità troppo bassa di fitonutrienti per ridurre il colesterolo e così tanti zuccheri da far aumentare i trigliceridi”, ad esempio. Le fragole non sanno di niente perché vengono raccolte immature: e le fragole lontano dalla pianta non maturano come si deve. Il 90 per cento delle prugne e albicocche (il 99 per cento delle prugne ed albicocche in vendita a Parma) passa direttamente dall’immaturità alla marcescenza, saltando la commestibilità, perché nei frigoriferi dei grossisti hanno subito il cosiddetto danno da freddo. Ciò che davvero giova sono le verdure, e neanche tutte. Chi va dal fruttivendolo per comprare banane, un concentrato di amidi, doveva starsene a casa e mettere l’acqua per la pasta: sempre un cibo diabetogeno, ma almeno non ingenera illusioni salutistiche e sostiene l’industria nazionale.

Camillo Langone
Fonte: www.ilfoglio.it
31.08.2016


Citazione
[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 3719
 

E' squalificante dar voce ad una demenzialità del genere. 😈


RispondiCitazione
riefelis
Honorable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 679
 

Ma ci sono studi scientifici a sostegno di questa tesi o sono solo vaneggiamenti del solito cliente dei supermecati che si lamenta che la frutta non ha più sapore?


RispondiCitazione
AlbertoConti
Membro
Registrato: 12 mesi fa
Post: 1539
 

Che la frutta del supermercato sia una vera schifezza è un dato di fatto. Parlo di quella a prezzi abbordabili. Di quella "bio" o supercara non ho esperienza, e neanche m'interessa.


RispondiCitazione
mediterraneo
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 204
 

provo una grande pena per questi scribacchini disinformatori , .. ma il foglio non e' mica il giornale di quel essere immondo del ferrara?
Che la frutta e la verdura " industriale " di oggi , non abbia tutte le qualita' di quelle di anni addietro ,non ci piove ed e' dimostrato ; certo e' straconsigliato lavarle sempre bene, io uso pure il bicarbonato per pulirle ,ma da dire che facciano male , ... vero' e' quando parla della frutta che va a male subito ,immagino che i grandi supermercati ,con le loro catene del freddo quasi congelino i frutti e le verdure e poi una volta esposte con lo sbalzo termico le facciano marcire velocemente , personalmente ho la possibilita' di comprarle da contadini non per forza bio , semplicemente ho cambiato supermercato quando ho trovato che mi vendevano frutta che marciva subito ...

Non voglio entrare nella solita diatriba della guerra carne si ,carne no ,. ho gia' detto che la mia scelta di passare ad una alimentazione vegana e' partita da un discorso salutistico e non perche' gli ANIMAli venivano massacrati ,anche se devo ammettere che qualcosa dentro di me e' cambiato DOPO nel mio rapporto con loro , pero ' lo zerbino del foglio allora poteva fare lo stesso ragionamento con la carne ,e cioe' che la carne oggi fa schifo in confronto a quella di 40 anni fa ,visto come vengono pompati gli animali da allevamento al giorno d oggi

Poi il discorso del farsi la pasta e sostenere l industria nazionale : se per esempio uno si compra la barilla : e' convinto di comprare Italiano , mentre e' straniera e probabilmente usa anche grano straniero e magari transgenico : tutto quello che e' industriale oramai fa cagare ....

Saluti


RispondiCitazione
sandrez
Reputable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 426
 

~certevolteilsolebatteanchesulculodiuncane~


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 1816
 

Nelle città riaprono i fruttivendoli, ritornano le tentazioni e dunque bisogna pregare per l’abolizione della frutta. La frutta è cattiva e fa male. E’ ormai dimostrato (Jo Robinson in “Un piacere selvaggio”, Einaudi, riporta molti studi in proposito) che la maggior parte della frutta in commercio non è salutare: “La golden delicious contiene una quantità troppo bassa di fitonutrienti per ridurre il colesterolo e così tanti zuccheri da far aumentare i trigliceridi”, ad esempio. Le fragole non sanno di niente perché vengono raccolte immature: e le fragole lontano dalla pianta non maturano come si deve. Il 90 per cento delle prugne e albicocche (il 99 per cento delle prugne ed albicocche in vendita a Parma) passa direttamente dall’immaturità alla marcescenza, saltando la commestibilità, perché nei frigoriferi dei grossisti hanno subito il cosiddetto danno da freddo. Ciò che davvero giova sono le verdure, e neanche tutte. Chi va dal fruttivendolo per comprare banane, un concentrato di amidi, doveva starsene a casa e mettere l’acqua per la pasta: sempre un cibo diabetogeno, ma almeno non ingenera illusioni salutistiche e sostiene l’industria nazionale.

Camillo Langone
Fonte: www.ilfoglio.it
31.08.2016

mi mancava leggere pure questa colossale stronzata!
che la frutta (in italia) nei supermercati abbia poco sapere è cosa nota. Io che vivo in Cina e compro la frutta e la verdura nei mercati di strada, ho ritrovato i gusti di un tempo. Quest'anno per esempio, ho mangiato delle albicocche che erano uno spettacolo da tanto erano buone. In Italia, per chi ha la possibilità, rimane coltivarsela da soli.


RispondiCitazione
Condividi: