Notifiche
Cancella tutti

L'insostenibile leggerezza di Paolo Mieli


Tao
 Tao
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 33516
Topic starter  

L'insostenibile leggerezza di Paolo Mieli " storico" dei miei zebedei.

Sul Corriere della sera del 24 agosto, Paolo Mieli si è prodotto in un volteggio quasi filo siriano ammettendo manchevolezze americane e francesi , contornate de calunnie anti regime miranti a far spazio a una fantomatica opposizione democratica che potrebbe apparire prima o poi.

Dovendo salvare il regime siriano - o quel che ne resta- bisognava comunque sputtanarlo, mettere l'accento sul l'agonia di Aleppo e tutte le geremiadi cui ci sta abituando la propaganda Israele-franco-americana.

Ecco la perla migliore dell'articolo:

" eppure siamo costretti a registrare che dall'inizio del conflitto (2011) o quanto meno da un'altra estate, quella del 2013- nella quale il presidente americano rinunzio a intervenire il Siria nonostante l'esercito di Assad avesse manifestamente oltrepassato la " linea rossa"
Dell'uso di armi chimiche da Obama fissata come confine varcato il quale gli Stati Uniti sarebbero intervenuti militarmente a sostegno dei ribelli ...."

Capito?

Sapendo che pochi seguono e ricordano l'accaduto, il furbetti da per scontato che il gas sia stato usato da Assad, mentre la inquirente Svizzera ( Carla Del Ponte) dichiarò a chiare lettere che era provato che si era trattato di una iniziativa dei ribelli.

Ci fu anche la conferma a denti stretti del Pentagono e scaricarono le colpe sul capo dei servizi segreti sauditi ( Bandar Bush).

In realtà si è trattato di Israele tanto è vero che Mieli e confratelli si affannano ancora sul tema è la stampa israeliana ha fatto " fuoco di preparazione" insinuando, nei giorni scorsi, che Assad non avrebbe consegnato tutti i gas quando concluse l'accordo con gli USA che raccolsero il tutto e lo dispersero al largo di Creta.

Fortuna che non tutti dimenticano .
Sfortuna che la direzione del "Corriere" faccia la smemorata di Collegno.
Resta scritto anche se Mieli reinventa ad usum Delphini.

Antonio de Martini
Fonte: www.facebook.com
25.08.2016


Citazione
LinCad
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 110
 

Resta da capire come e' possibile che qualcuno ancora legga i giornali italiani -ma non solo italiani-
Solo pochi giorni fa il corriere pubblico un articolo che affermava che putin aveva un'arma per influenzare le opinioni dei suoi cittadini.
Mieli e' un venduto ed uno sporco bugiardo, le cui menzogne contribuiscono allo stato pietoso in cui si trova il popolo italiano.
Personalmente spero che i soldi che si guadagna con il suo sporco lavoro li debba spendere tutti in medicine.


RispondiCitazione
yakoviev
Noble Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 1671
 

Mieli è un arcisionista per cui logicamente tifa contro la Siria e a favore dei jihadisti amici dei sionisti.


RispondiCitazione
annibale51
Prominent Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 845
 

Il problema è che Mieli parla a milioni di persone mentre qui in CDC siamo in quattro gatti.


RispondiCitazione
neroscuro2014
Eminent Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 49
 

Sapendo che pochi seguono e ricordano l'accaduto, il furbetti da per scontato che il gas sia stato usato da Assad, mentre la inquirente Svizzera ( Carla Del Ponte) dichiarò a chiare lettere che era provato che si era trattato di una iniziativa dei ribelli.

Scusa, mica vorrai che un giornalista importante come Mieli si occupi anche di fatti? Egli elucubra e attinge dalla sua mente e dai propri ricordi, ciò di cui ha bisogno per scrivere un bellissimo "pezzo".


RispondiCitazione
Condividi: