Notifiche
Cancella tutti

Ma veramente l'ultimo attentato favorisce i palestinesi


Chiloe12
Active Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 5
Topic starter  

Ma chi è Hamas e perché all'inizio i Governanti Israeliani le hanno lasciato spazio? Perché poteva diventare un'avversario dell'Olp(basta leggersi l'articolo di Hassane Zerouky "Hamas è una creazione del Mossad"). Perché con i suoi attentati ha fatto fallire i negoziati di Oslo del 1993, che erano stati firmati tra Peres e Arafat con l'avallo di Clinton e che legittimavano la nascita di uno Stato Palestinese(Rabin uomo di pace venne ammazzato nel 1995 da un israeliano!). E guarda caso quest'ultimo episodio di terrorismo avviene nel momento in cui la Svezia RICONOSCE lo Stato Palestinese, il Parlamento Inglese RICONOSCE lo Stato Palestinese, il Parlamento Spagnolo RICONOSCE lo Stato Palestinese!


Citazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 16537
 

Ma di che cosa parli?


RispondiCitazione
Jor-el
Prominent Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 990
 

Nonostante la stampa attribuisca l'attacco ad Hamas, organizzativamente il movimento d'ispirazione islamista non c'entra nulla.
L'attacco è stato rivendicato dal Fronte Popolare per la liberazione della Palestina, di ispirazione marxista.
Hamas e il Jihad Islamico hanno elogiato l'azione ma non l'hanno rivendicata. Hamas si è congratulata con il PFLP e con i Palestinesi di Gerusalemme Est, auspicando che tali atti di resistenza diventino più frequenti fino a dar vita a una terza Intifada.

http://pflp.ps/english/2014/11/18/occupation-is-responsible-for-escalation-in-jerusalem/

Nonostante i riconoscimenti formali dell'inesistente "Stato Palestinese" di Abu Mazen, da alcuni mesi la tensione a Gerusalemme Est è altissima, con quotidiani scontri fra polizia e manifestanti. Durante le manifestazioni in ricordo dell'assassinio di Arafat, Marwan Barghuti dirigente di al-Fatah in carcere, ha lanciato un appello per una terza Intifada.


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 16537
 

Nonostante la stampa attribuisca l'attacco ad Hamas, organizzativamente il movimento d'ispirazione islamista non c'entra nulla.
L'attacco è stato rivendicato dal Fronte Popolare per la liberazione della Palestina, di ispirazione marxista.
Hamas e il Jihad Islamico hanno elogiato l'azione ma non l'hanno rivendicata. Hamas si è congratulata con il PFLP e con i Palestinesi di Gerusalemme Est, auspicando che tali atti di resistenza diventino più frequenti fino a dar vita a una terza Intifada.

http://pflp.ps/english/2014/11/18/occupation-is-responsible-for-escalation-in-jerusalem/

Nonostante i riconoscimenti formali dell'inesistente "Stato Palestinese" di Abu Mazen, da alcuni mesi la tensione a Gerusalemme Est è altissima, con quotidiani scontri fra polizia e manifestanti. Durante le manifestazioni in ricordo dell'assassinio di Arafat, Marwan Barghuti dirigente di al-Fatah in carcere, ha lanciato un appello per una terza Intifada.

e pensare che il tutto è stato postato diversi giorni fa
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=77417

I giornali nostrani hanno attribuito l'attentato subito ad Hamas per poi allegerire i toni e parlare di felicitazioni di Hamas. Chissà perchè non vogliono sia stato il FPLP l'autore dell'attentato ma Hamas


RispondiCitazione
Jor-el
Prominent Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 990
 

La strategia mediatica sionistica è chiara e su certi punti la stampa mainstream non può sbagliare: non esiste resistenza popolare all'occupazione, esiste soltanto un gruppo di terroristi che tiene in ostaggio la popolazione civile. Se non ci fossero i terroristi, i palestinesi correrebbero felici fra le braccia della generosa Israele, unico stato genuinamente democratico del medio oriente se non del mondo. Israele, per stanare quei luridi ratti che si nascondono vigliaccamente sottoterra, è costretta a malincuore a lanciare periodiche iniziative militari in cui muore qualche civile innocente, ma quel sangue ricadrà sulle teste dei maledetti terroristi.
Quindi non è Israele che occupa, sono i terroristi...
Chiaro, no?
Nella semplificazione mediatica terroristi=Hamas=islam, metterci dentro altre sigle e di diverse "parrocchie" potrebbe far sospettare la gente che ad opporsi ad Israele sia un qualcosa di più vasto e articolato di un gruppo di "fondamentalisti islamici pronti a morire per andare in paradiso a fornicare con 70 vergini". I cattivi di Hamas contro i buoni di Abu Mazen pronti a collaborare.


RispondiCitazione
Condividi: