Magia Nera, come fu...
 
Notifiche
Cancella tutti

Magia Nera, come funziona ?


GioCo
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2178
Topic starter  

Iniziamo da qualcosa di semplice: FUNZIONA. Punto. Non c'è alcun dubbio. Ma in che senso ? Le sue caratteristiche estetiche poggiano integralmente sul Fascino. La Magia Nera è intrisecamente affascinante e con un potere magnetico infinito. Tanto da far credere chi la pratica di averne bisogno, di essere indispensabile per ottenere gli obbiettivi che promette.

Ripeto per le orecchie dure, FUNZIONA ! Se tu vuoi benessere, lo avrai. Se vuoi ricchezza, la avrai. Se vuoi salute la avrai. Se tu vuoi quello che vuoi, lo avrai, ivi incluso salvezza per te stesso o per chi vorrai salvare. Certo, non gratis. Anche se spesso il prezzo è nascosto. Scritto in piccolino, ribadito "male" ove non capisci o non vedi bene, ove non farai bene attenzione. Ti verrà detto "chiaramente" ma anche no. Diciamo che ti verrà detto "più chiaramente" a seconda di quanto sei disposto a farti fascinare. Tanto meno dipendi da scrupoli, tanto più la Magia Nera svela il prezzo "reale". Così se sei privo di scrupoli (ma dovremmo dire "li hai consumati nel processo di fascinazione" nel cadere verso la corruzione lentamente ma inesorabilmente) finisce che vieni "smaliziato". Questo fa sentire chi pratica la Magia Nera più "maturo", più "saggio" o "cosciente", perché "la capacità di un mago di comprendere e controllare un potere maligno e soprannaturale" (com'è considerata tradizionalmente questa pratica) corrisponde esattamente ad essere smaliziati.

Scordaveti poi tutte quelle sciocche pratiche, tipo pentacoli, ossa o chissà quale schifo di intruglio mistico. Non serve nulla. Voi (da soli) siete più che sufficienti. Ciò che conta è unicamente il livello di corruzione che siete disposti ad accettare. Il "prezzo". Il resto è puro contorno. Ritualità vuota.

Facciamo un esempio "limite" per capirci: sventrare un neonato (vivo) e raccogliere sangue e interiora, non serve a fare quello che intende il sacerdote. Per esempio raccogliere "potere" tramite il sangue e leggere il futuro nelle interiora. Serve a stabilire il "prezzo" e a fare la "transazione". Con chi ? Ecco, questo è il cuore nero, inconfessabile, di questa pratica. Per ciò a partire dallo stesso officiante, vi sarà molto, ma molto difficile "sapere" chi è... O più spesso cos'è...

Perché la fascinazione ha un solo fine (dal lato di chi concede il vincolo del patto e realizza la brama del richiedente) ed è la possessione. Cioè il possesso di un corpo. Magari perché la fonte di tale potere è bella che morta e sepolta da un pezzo. Ma qui vi "vedo" un po' persi... Si, siamo già abbastanza in area complessa. Facciamo rollback...

PREMESSA D'ORDINANZA: quello che scrivo non è vero, non spaccio ne cerco verità. Per favore tenetelo a mente mentre scorrete queste parole, perché poi mi trovo sempre gente che invece scambia la ricerca di coerenza per verità e fa casino !!! Non è verità, non c'entra un tubo con la verità, nemmeno con la V maiuscola. E' un altra cosa che richiede un altra prospettiva e un altro atteggiamento che riguarda uno specifico "riflettere" più vicino a raccontare Fiabe oppure a fare ipotesi. Come la bussola e la cartina per il navigante, si tratta di costruire strumenti cognitivo~semantici alternativi a quelli dati, arricchendo la nostra coscienza, non altro. Questo anche se a volte uso per comodità personale un liguaggio diretto ed esplicito che invece pare proprio indicare qualcosa di vero... Non lo è e per piacere non provare nemmeno a considerarlo in quel modo.

Bene, comunicazione di servizio conclusa. Procediamo...

Il Mondo dei Morti è diviso in vari "strati". Quello piatto è il primo e più vicino, diciamo la "Terra Piatta" che esiste ma nell'aldilà, perché per coerenza è "attaccata" gravitazionalmente come un telo di PVC alla dimensione terrena (=alle cose caduche) e alla Vita Corporea dei viventi. Non si trova "sopra" ma è proprio "in mezzo" a noi. Tra di noi. Accanto. Esso fa parte del Mondo Sottile e in un certo senso da quelle parti la Magia è una realtà come per i viventi l'aria. In particolare la possibilità di ottenere qualsiasi cosa a piacere, senza soluzione di continuità. In altre parole "il bisogno" (grezzo) è assente. Come l'età biologica, dato che si può assumere l'aspetto di un infante o di un vecchio senza soluzione di continuità. L'aspetto in particolare, non è una discriminante a meno che non si considera il "dettaglio" morfogenico del luogo che segue regole metaforico~simboliche. Per cui ad esempio avremo avanti a noi uno dei nostri genitori, però magari pallito ed emaciato o sofferente. Se ci si ferma un attimo a riflettere, di quale "sofferenza" soffrirebbe uno che di fatto vive ove non esiste più alcun "bisogno" ? Non deve riposare, non ha bisogno di nutrirsi o di un riparo. L'aspetto quindi ci dice certamente qualcosa, ma non in via diretta ed è pregnante il particolare, non l'aspetto generale ove quel particolare "fuori posto" è stemperato.

Certo, per notare particolari minuti che sono tanto più minuti quanto più l'essenza che abbiamo davanti è "smaliziata" (cioè a conoscenza dei "segreti principi" della Magia Nera) o per i corrotti "potente", cioè in grado di soddisfare brame "Grandi", poi ci vuole lucidità ed è sempre un lotta (interiore) perché evidentissimamente è più conveniente per l'entità la tua confusione, piuttosto che la sua abilità a nascondere questi "particolari fuori posto" (cioè farsi riconoscere).

Insomma, siamo in una spece di "abracadabra a me gli occhi" che di solito funziona benone anche con l'illusionismo da palcoscenico, figuriamoci con chi la Magia è in grado di farla realmente, ma non intende minimamente renderla "disponibile" gratis. Se vi state chiedendo come sia possibile far transitare quello che viene realizzato nel sottile verso la realtà che ci domina e che ci include, vi ricordo che gli atomi sono costrutti totalmente illusori. Come la sensazione della tangibilità. Quindi è semplicemente un dominio che riguarda la capacità di riorganizzare l'energia psichica, informandola e che sta logicamente "dalla parte del vivente". Una cosa che si avvicina più al Sogno che alla concreta capacità di manipolare i minerali. Come accade con la tecnologia ad esempio.

L'entità non "paga" quello che realizza. E' semplicemente il suo ambiente che glielo permette. Come per noi non costa nulla un Sogno. Semplicemente andiamo a dormire e "succede". Tuttavia ottenere quello che vogliamo sa perfettamente che per noi è prezioso. Oro, gioielli, successo, potere... Non c'è limite che nel Mondo caduco dei viventi. Virtualmente nell'aldilà non esiste quel "bisogno". Però (diciamo) che il transito dall'aldilà a noi ci viene fatto pagare se il veicolo è Magia Nera e non puro amore (impersonale). Perché come ogni principio o patto di scambio, quello che a me non serve o è meno prezioso perché ne godo in abbondanza, tu magari lo puoi scambiare con qualcosa che per te è altrettanto meno prezioso. Tipo il tuo corpo che tratti come "un oggetto" a tempo. Perché nella relazione schiavile tra umani (lavoro salariato) è questo che succede ed in particolare se la intendi "bisogno". Siccome il valore è a parti invertite (cioè sta dove è desiderato e non dove è posseduto) ognuna cerca di "tirare l'acqua al suo mulino" e nella contrattazione ognuno cerca di ottenere il massimo spendendo il minimo. Per esempio da parte tua potere e per l'entità (la tua) corruzione. Vi starete ora chiedendo, ma se non "costa nulla" creare nell'aldilà (un bene come l'oro non ha valore) nel contraccambio l'entità perché dovrebbe preoccuparsi che la sua spesa sia minore possibile ? Non ce l'ha... Perché dall'altra parte (non dimentichiamolo) il fine è la possessione. Cioè accedere al Mondo dei Vivi dato che è difficile. Molto difficile (dalla parte dei Morti). Solo noi viventi possiamo concederlo. Meglio quindi se si ottiene a prescindere dalla "volontà della vittima". Per l'entità quindi "la perdita" è di fascino o "legame psichico", non quello che promette in cambio. In altre parole, tanto più "dipendi" e "torni" dall'entità per chiedere servigi, tanto più questa si lega a te e al tuo corpo.

E' come il dolore. Tanto più patisci e tanto più la tua attenzione viene catalizzata dal dolore. Il principio è lo stesso ed è la radice del disagio emotivo ma anche quello dell'amore (sbagliato). Dipendere. Avere "bisogno", reiterare in via ossessiva un certo pensiero è la radice di un "legame psichico" con il Mondo bigio, il principio stesso della fascinazione e del non potere fare a meno (=impotenza). TINA, There Is No Alternative. Diventa per ciò l'impossibilità di fare attenzione ad altro e quindi pedissequamente tutto quello che potrebbe aiutarti a uscire dal vincolo, viene cancellato. Rimosso. Occultato in modo da rimanere tale il più a lungo possibile. Meglio per sempre.

Quando sentite dire o se siete abbastanza onesti con voi stessi e vi ascoltate quando dite "non posso farne a meno", rifletteteci. Aprioristicamente quello è il segnale inequivocabile di un contratto di fascinazione in essere. Con chi (come già spiegato) non è dato sapere.

Spesso poi non occorre nemmeno svelare che siamo dipendenti da "legami psichici". Cioè della Mente (che mente). Possiamo raccontarci qualsiasi palla per nasconderlo a noi e al prossimo. Per esempio che siamo veniali in quanto umani o che "esiste la cattiveria nel Mondo". Certo che esiste, ma a te non interessa affatto, lo dici solo per nasconderti dietro un dito. Al Cuore non Menti e se lo hai messo al centro Vedi. Chiaramente. Non c'è modo di scappare. Sei inchiodato come Cristo alla Croce.

Tuttavia è più facile dirlo che farlo perché (davvero) nessuno ha voglia di farsi inchiodare da qualsivoglia parte. Prima di tutto perché "la qualsiasi" attorno a noi spinge per tenere il pensiero al centro. Quel pensiero ossessivo lì... Fatto di bisogno e desiderio... Il Mondo caduco (sensibile del corpo) esercita di suo un enorme influenza su di noi ed è inutile resistergli. Prima ancora di tentare, già la Mente avrà per noi scelto un argomento che ci catalizzerà invariabilmente l'attenzione o accadrà qualcosa di urgente che ci richiamerà verso "le cose serie". Manco avremo iniziato che saremo già lontano da tutto ciò che può essere considerato coerente.

Una vera e propria "lotta interiore".

Nel perderla accetteremo di buon grado che gli ossimori come "la guerra è pace" guidino il nostro intendere. Le evidenze evidenti quindi saranno nient'altro che illusioni distorte dalle lenti dell'incoerenza. Vedremo quell'accadere senza vedere altro se non quello che l'assurdità surreale dei prismi che abbiamo assunto per Veri (quello in cui crediamo) ci raccontano degli eventi. Uccideremo per essi in quanto per noi saranno "giusti e sacrosanti". Financo accettare di bruciare vive le persone per liberarle dal Male. Tutto ciò che avremo è "fede", per esempio nella nostra superiorità morale e intellettuale.

Come le élite... Meglio forse ?! Ditemelo voi...

Questo, lo ribadisco, a prescindere che poi si commettano crimini contro l'umanità. Lo stesso concetto di umanità mano a mano che si scende verso la corruzione e l'assunzione, svanisce perché viene assorbita dal Mondo bigio e dalle sue regole. La prospettiva diventa quindi quella del Mondo dei Morti a noi prossimo. Infinita, priva di scrupoli, senza bisogni che non siano capricci, senza volontà che non sia possedere "la qualsiasi in qualunque momento". Cioè la "gioia" del vivere terreno. Come il sesso.

Certo, poi in noi si fa anche strada (per fare confusione) pure spesso "la sindrome della crocerossina". In spece se abbiamo a che fare con legami affettivi che si svelano più corrotti di quello che credevamo. Tipo "io ti salverò" (dalla possessione/corruzione/assunzione/fascinazione) che già dalla premessa ("io") parte molto male. Perché tutto questo poggia sul pilastro della identificazione. E' possibile perché non viene esercitato Amore Impersonale.

"Io". Primo pronome personale. Che poi generalmente se parliamo di Magia Nera è un condominio, cioè un grumo di entità che si raduna per ottenere più facilmente quello che brama in quanto più facilmente la coerenza concentrata del pensiero mantiene il legame psichico in via più stabile e duratura. Per esempio (dalla parte della vittima) con la personalità multipla che in programmi come MKUltra sono poi il fine. Esattamente il fine.

Quindi, il legame tra programmi di manipolazione e la Magia Nera non è casuale. Ma scontata. Non potrebbe essere altrimenti. Così come il legame tra la Magia Nera e le élite. Non può essere altrimenti. Così come il legame tra Magia Nera e Chiesa Cattolica che si fonda sulla fascinazione o il potere terreno Aschenazita che si fonda sul bisogno materiale. Ma anche il PCC che fa della prevaricazione soft la sua puttana o chi volete voi. Se vuoi ciò che vuoi e lo desideri fermamente, la tua brama sempre ti porta lì... Non c'è bisogno che ti sbracci o che vai dalla fattucchiera... Non c'è bisogno di comperare tavole Ouija per rituali fai da te. Non c'è bisogno di andare di notte nei cimiteri a officiare chissà quali rituali... Tutto ciò è ridicolo anche se serve per predisporsi al legame. Perché ti basta il pensiero. Non ti occorre altro. Il contatto c'è già, devi solo impegnarti a usarlo e il modo più sbagliato (quello che non tenta nemmeno di scioglierlo) è la via più breve e comoda. Sempre.

Tutto qui...


oriundo2006 hanno apprezzato
Citazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3104
 

Meglio evitare la fascinazione ed il contatto. Ricevi un dono avvelenato. Solo il buddismo, specie Nichiren, può svelenire la nostra psiche da malevoli intenti dovuti ad influenze estranee: li elimina senza residui. Perchè se è vero che 'bene' e 'male' sono in noi e che a noi sta scegliere, tale 'scelta' deve essere davvero priva di residui mentali nostri od altrui che ci fanno deviare verso ... la caduta di coscienza.

Perchè non basta desiderare, occorre 'sacrificare' a tale desiderio 'qualcosa'...mettere sulla bilancia 'qualcosa'...

Il prezzo da pagare poi essendo sempre e solo quello : la caduta della coscienza in reami inferiori abitati da alterità che occupano la nostra sede spirituale e la dominano in vece nostra, destituendo di significato e 'potenza' l'autonomia nostra mentale.

Venderemmo la cosa più preziosa che abbiamo: e per nulla, proprio per nulla, perchè è solo la coscienza che ci fa apprezzare quanto desideriamo, le cose del mondo intendo, e da loro valore appropriato.

Senza questa, che illumina le parti superiori della nostra psiche, è solo un regurgito di materialità senza senso che alla fine costituisce il segno della nostra pena su questa Terra: ne ricerchiamo dosi maggiori perchè abbiamo perso il senso del nostro Sè, di noi stessi in quanto stille di Luce Eterna.

Nel modo di poi, è assai peggio. Meglio non dire.


RispondiCitazione
Condividi: