Maledetti buonisti,...
 
Notifiche
Cancella tutti

Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà

Pagina 1 / 2

Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 30947
Topic starter  

http://www.ilprimatonazionale.it/politica/maledetti-buonisti-avete-ucciso-la-pieta-29827/

Roma, 1 set – Cosa c’è di sbagliato negli appelli alla pietà di chi, vedendo barconi di disperati che arrivano sulle nostre coste, invoca le ragioni dell’accoglienza? Nulla, in teoria. Uno Stato sovrano, forte, in salute, sa anche praticare la generosità. Ma qui non c’è né sovranità, né forza, né salute. E la pietà l’hanno uccisa gli sciacalli che ne fanno mercimonio quotidiano.

In particolare, ecco le sette ragioni per cui l’accoglienza, teoricamente bella e buona, è diventata impraticabile per colpa dei pasdaran della società multirazziale.

1) Non si può accogliere chi è onesto e bisognoso finché non ci saranno controlli in grado di separare buoni e cattivi e rispedire a casa celermente chi è disonesto e malintenzionato. Qui abbiamo criminali recidivi che nessuno pensa di espellere, persone espulse che girano indisturbate per le città, migliaia di clandestini con foglio di via in attesa di ricorsi e lungaggini burocratiche che li rendono non espellibili. In queste condizioni che garanzie ci sono contro l’arrivo di nuovi criminali?

2) Non si può aiutare chi “scappa dalla guerra” se le regole per il diritto d’asilo sono talmente ampie e vaghe da garantire accoglienza praticamente a chiunque non viva nell’Europa occidentale. Ghana, Senegal, Costa d’Avorio hanno i loro problemi, come noi del resto, ma non sono devastate da alcuna piaga biblica: perché dobbiamo prenderci ghanesi, senegalesi e ivoriani?

3) Non si può ragionare di accoglienza se non si accetta neanche il principio teorico di un limite alla capacità di accogliere. Si stabilisca una soglia oltre la quale chiunque, per qualsiasi ragione, non può più entrare. Diecimila? Centomila? Un milione? Dieci milioni? Bene, si tenga però a mente che l’immigrato numero dieci milioni e uno se ne va a casa, quale che sia il suo dramma (anche se ovviamente la soglia sostenibile e molto, molto inferiore).

4) Non si possono far entrare per un’accoglienza temporanea i sofferenti, figli dell’emergenza, quando i buonisti premono affinché si cambino le norme per la cittadinanza e si attui un vero e proprio cambiamento antropologico nelle nostre società. Questo non è aiutare i bisognosi, è cambiare volto per sempre alle nostre città.

5) Non si possono far entrare masse di allogeni giovani, vitali, affamati, in una società esangue, in crisi demografica, vecchia nell’età anagrafica e nella mentalità. Un corpo malato può essere ucciso anche da un banale raffreddore. E questo non è esattamente un banale raffreddore.

6) Non si può sottostare al ricatto di “accogliere chi fugge dalle guerre” quando quelle guerre le hanno sponsorizzate, fomentate, talora persino organizzate quelli che oggi invocano l’accoglienza. Chiunque abbia sostenuto i “ribelli libici”, la “opposizione siriana”, le rivolte egiziane o tunisine va estromesso dal dibattito e dalla vita politica. Non c’è via di mezzo, non c’è tolleranza.

7) Non si può dar credito a chi invoca l’intregrazione ed è poi documentato che su questa integrazione ci mangia. Si faccia tabula rasa di tutto l’associazionismo rosso o bianco, si disintegrino le coop cattoliche o di sinistra, si tolgano le mani del Pd dal business dell’accoglienza. E poi ne riparliamo.

Adriano Scianca
3


Citazione
Affus
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3261
 

http://www.ilprimatonazionale.it/politica/maledetti-buonisti-avete-ucciso-la-pieta-29827/

Roma, 1 set – Cosa c’è di sbagliato negli appelli alla pietà di chi, vedendo barconi di disperati che arrivano sulle nostre coste, invoca le ragioni dell’accoglienza? Nulla, in teoria. Uno Stato sovrano, forte, in salute, sa anche praticare la generosità. Ma qui non c’è né sovranità, né forza, né salute. E la pietà l’hanno uccisa gli sciacalli che ne fanno mercimonio quotidiano.

In particolare, ecco le sette ragioni per cui l’accoglienza, teoricamente bella e buona, è diventata impraticabile per colpa dei pasdaran della società multirazziale.

1) Non si può accogliere chi è onesto e bisognoso finché non ci saranno controlli in grado di separare buoni e cattivi e rispedire a casa celermente chi è disonesto e malintenzionato. Qui abbiamo criminali recidivi che nessuno pensa di espellere, persone espulse che girano indisturbate per le città, migliaia di clandestini con foglio di via in attesa di ricorsi e lungaggini burocratiche che li rendono non espellibili. In queste condizioni che garanzie ci sono contro l’arrivo di nuovi criminali?

2) Non si può aiutare chi “scappa dalla guerra” se le regole per il diritto d’asilo sono talmente ampie e vaghe da garantire accoglienza praticamente a chiunque non viva nell’Europa occidentale. Ghana, Senegal, Costa d’Avorio hanno i loro problemi, come noi del resto, ma non sono devastate da alcuna piaga biblica: perché dobbiamo prenderci ghanesi, senegalesi e ivoriani?

3) Non si può ragionare di accoglienza se non si accetta neanche il principio teorico di un limite alla capacità di accogliere. Si stabilisca una soglia oltre la quale chiunque, per qualsiasi ragione, non può più entrare. Diecimila? Centomila? Un milione? Dieci milioni? Bene, si tenga però a mente che l’immigrato numero dieci milioni e uno se ne va a casa, quale che sia il suo dramma (anche se ovviamente la soglia sostenibile e molto, molto inferiore).

4) Non si possono far entrare per un’accoglienza temporanea i sofferenti, figli dell’emergenza, quando i buonisti premono affinché si cambino le norme per la cittadinanza e si attui un vero e proprio cambiamento antropologico nelle nostre società. Questo non è aiutare i bisognosi, è cambiare volto per sempre alle nostre città.

5) Non si possono far entrare masse di allogeni giovani, vitali, affamati, in una società esangue, in crisi demografica, vecchia nell’età anagrafica e nella mentalità. Un corpo malato può essere ucciso anche da un banale raffreddore. E questo non è esattamente un banale raffreddore.

6) Non si può sottostare al ricatto di “accogliere chi fugge dalle guerre” quando quelle guerre le hanno sponsorizzate, fomentate, talora persino organizzate quelli che oggi invocano l’accoglienza. Chiunque abbia sostenuto i “ribelli libici”, la “opposizione siriana”, le rivolte egiziane o tunisine va estromesso dal dibattito e dalla vita politica. Non c’è via di mezzo, non c’è tolleranza.

7) Non si può dar credito a chi invoca l’intregrazione ed è poi documentato che su questa integrazione ci mangia. Si faccia tabula rasa di tutto l’associazionismo rosso o bianco, si disintegrino le coop cattoliche o di sinistra, si tolgano le mani del Pd dal business dell’accoglienza. E poi ne riparliamo.

Adriano Scianca
3

Io metterei solo un limite all' accoglienza : chiunque sia di religione islamica e non ha i mezzi per integrarsi , nè può procuraseli in futuro ,non può rimanere sul territorio italiano e se persiste o è recidivo più di tre volte va internato o eliminato per sempre.
In pratica il mio concetto cristiano è questo . " io sono buono e ti accolgo perché vedo che sei in difficoltà , ma se vuoi rimanere con me devi cambiare tu e non io, altrimenti sei una minaccia alla nostra incolumità : ti elimino. Il concetto buonista invece consiste in questo : ti accolgo e io mi arricchisco di te e tu ti arricchisci di me in quanto allargo i miei orizzonti umani a nuove realtà a tradizioni . Queste loro castronerie psicologiche le chiamano vangelo .


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 30947
Topic starter  

Sì, è il vangelo dei cattocomunisti stile Pax Christi che sta demolendo ciò che resta della Chiesa.


RispondiCitazione
neutrino
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 111
 

Mai avrei pensato di essere così d'accordo con i nazionalisti. ...


RispondiCitazione
lanzo
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 744
 

Il foglio di via e' solo un pezzo di carta senza nessuna conseguenza pratica.
Tante di queste "risorse" fanno collezione di fogli di via.
Col Giubileo e di gente che rimarra' permanentemente - stimo almeno 2 - 3 milioni.
C'e' un meccanismo per cui il Min esteri - e' totalmente appecoronato ai voleri del Vaticano e tramite le ambasciate e consolati DEVE rilasciare visti anche a gente che normalmente non ne avrebbe i requisiti, ma che hanno pagato il vescovo - i soliti 5 mila dollaroni - per metterli nella lista poi timbrata per approvazione dalla nunziatura apostolica locale ed il gioco e' fatto, almeno questi non dobbiamo ripescarli in mare.
Ma non ne parla nessuno in Europa, eppure questi, con regolare visto Schengen probabilmente si sposteranno verso altri paesi dell'area.


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 2 anni fa
Post: 10314
 

sto per dire una cazzata (per molti ma per alcuni no, sarà uno spunto di riflessione)

qualche giorno fa notai la maglietta di un ragazzo un po più piccolo di me

c'era scritto :

fare la cosa sbagliata è la cosa giusta

egli era dalla testa ai piedi uno degli innumerevoli giovani plasmati da m(asonic)tv

capelli rasati ai lati, maglietta stile baseball (con tale scritta in inglese), pantaloncini da basket e sneakers (quelle scarpe di merda che costano tanto solo perché fighe e le sponsorizza la tv, non sanno che un tempo le stesse venivano vendute per 4 soldi in mezzo al mercato)

la società orwelliana è più che mai una realtà (ecco perché ho fatto l'esempio della maglietta del tipo)


RispondiCitazione
Truman
Membro Moderator
Registrato: 2 anni fa
Post: 4113
 

Un ragionamento vuoto si riconosce facilmente dal fatto che pone tutto in negativo. Tutti i punti del post sono dei "NON".
Ragionando con questa metodologia per veti si critica molto e poi si accetta lo stato di cose esistente.
Il saggio Vladimir Ilic Ulianov si interrogava piuttosto sul "Che fare?" mentre faceva una ricognizione dello stato delle cose.

Nel merito dissento certamente dal primo punto. Si può accogliere chi è onesto e bisognoso, entro limiti ragionevoli, tollerando che possa entrare qualcuno disonesto e bisognoso. (Ho difficoltà a credere che tra i disperati dei barconi ci sia qualcuno che non è bisognoso).
In tutti i grandi problemi ha sempre senso fare qualcosa qui e ora (hic et nunc, mi piace di più in latino) senza con questo pensare di aver risolto il problema.

In quanto alle critiche più o meno esplicite a chi ci governa, non posso che essere d'accordo. I discorsi di Renzi e dei vari mass media mi appaiono solo pretesti per aggravare il disastro dell'Italia.


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 2 anni fa
Post: 10314
 

@Truman

se accogliessimo solo gli onesti e i bisognosi bisognerebbe prima aiutare i nostri onesti e bisognosi, non credi?

se venisse applicata una seria scrematura questo esodo cesserebbe dalla sera alla mattina


RispondiCitazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3055
 

Si può accogliere chi è onesto e bisognoso, entro limiti ragionevoli, tollerando che possa entrare qualcuno disonesto e bisognoso. (Ho difficoltà a credere che tra i disperati dei barconi ci sia qualcuno che non è bisognoso)

Questo e' un discorso che puo' fare una Chiesa (qualora, beninteso, lo metta in pratica con risorse proprie e non lo faccia sulle spalle di un contribuente muto che non puo' ribellarsi).
Questo e' un discorso che puo' fare anche un individuo che in prima persona vuole intraprendere determinate iniziative.
Questo e' un tipo di discorso che assolutamente non dovrebbe fare chi e' preposto ad amministrare la cosa pubblica.
Non gli e' consentito.
Non a caso, dato che invece tale discorso lo fanno continuamente , essendo diventato un pilastro di correttezza politica, ha unicamente valenza mistificatoria.


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 2 anni fa
Post: 10314
 

Si può accogliere chi è onesto e bisognoso, entro limiti ragionevoli, tollerando che possa entrare qualcuno disonesto e bisognoso. (Ho difficoltà a credere che tra i disperati dei barconi ci sia qualcuno che non è bisognoso)

Questo e' un discorso che puo' fare una Chiesa (qualora, beninteso, lo metta in pratica con risorse proprie e non lo faccia sulle spalle di un contribuente muto che non puo' ribellarsi).
Questo e' un discorso puo' fare anche un individuo che in prima persona vuole intraprendere determinate iniziative.
Questo e' un tipo di discorso che assolutamente non dovrebbe fare chi e' preposto ad amministrare la cosa pubblica.
Non gli e' consentito.
Non a caso, dato che invece tale discorso lo fanno continuamente , essendo diventato un pilastro di correttezza politica, ha unicamente valenza mistificatoria.

applausi 8)


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 30947
Topic starter  

Si può accogliere chi è onesto e bisognoso, entro limiti ragionevoli, tollerando che possa entrare qualcuno disonesto e bisognoso. (Ho difficoltà a credere che tra i disperati dei barconi ci sia qualcuno che non è bisognoso)

Questo e' un discorso che puo' fare una Chiesa (qualora, beninteso, lo metta in pratica con risorse proprie e non lo faccia sulle spalle di un contribuente muto che non puo' ribellarsi).
Questo e' un discorso puo' fare anche un individuo che in prima persona vuole intraprendere determinate iniziative.
Questo e' un tipo di discorso che assolutamente non dovrebbe fare chi e' preposto ad amministrare la cosa pubblica.
Non gli e' consentito.
Non a caso, dato che invece tale discorso lo fanno continuamente , essendo diventato un pilastro di correttezza politica, ha unicamente valenza mistificatoria.


RispondiCitazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3055
 

Ammazza oh!
Mo' non esageriamo.


RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4108
 

Precisiamo un po'.
La figlia della coppia uccisa in Sicilia ha perfettamente ragione quando dice che lo stato ha la sua parte di responsabilità nell'omicidio.
In primo luogo perché ha come compito garantire la sicurezza dei cittadini e poi perché si è assunto la responsabilità di un fenomeno epocale, capace di cambiare volto al Paese, senza neanche consultare l'opinione pubblica e gli elettori.
La ragione è comprensibile, un referendum sull'immigrazione o sul diritto di asilo vedrebbe una grande maggioranza del popolo contraria. Gli attuali dirigenti si assumono ancor più la responsabilità perché lasciano entrare gente che non ha documenti e non si fa prendere le impronte digitali.


RispondiCitazione
brumbrum
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1643
 

quoto chi mi ha preceduto

melius abundare quam deficere


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 30947
Topic starter  

Ammazza oh!
Mo' non esageriamo.

Mi è venuta spontanea pensando al signore da te quotato. Diciamo che quattro righe di MarioG valgono molto di più di 10 copia/incolla in home di chi sappiamo noi.

Mi chiedo quando mai CDC in home abbia rivendicato per gli italiani (padri separati, licenziati...finiti a dormire in auto, sotto i ponti...) gli stessi privilegi riservati agli allogeni... interrogandosi attorno ad uno stato che non ha mai foraggiato albergatori falliti per garantire un tetto ad un italiano che assieme al lavoro ha perso la casa...ed il wi fi, le ricariche, i corsi di giardinaggio, cucina, cucito e ricamo, i lavori socialmente utili per i quali, evidentemente, gli italiani sarebbero inutili...
Rileggendo truman ne comprendo il motivo...


RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi: