Minà - Quel che non...
 
Notifiche
Cancella tutti

Minà - Quel che non sanno gli accusatori di Silvia


Tao
 Tao
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 33516
Topic starter  

E’ un vero piacere salutare la riguadagnata libertà di Silvia Baraldini, che ha usufruito di un passaggio dell’indulto recentemente approvato dal Parlamento italiano, e ha terminato di scontare la sua spropositata condanna. Certamente è più appropriato che usufruisca lei di questa riduzione di quasi 2 anni di pena, dopo averne passato 24 in prigionia (dei quali solo gli ultimi 5 agli arresti domiciliari) che tanti bancarottieri, mestatori della nostra società, rei di spudorati crimini economici e sociali.

Perché Silvia aveva violato le leggi che, negli Stati Uniti, reprimono la protesta sociale delle minoranze e, oltre a partecipare al comitato di difesa, aveva dato il suo contributo all’organizzazione del piano che permise, senza alcuno spargimento di sangue, l’evasione da un carcere di massima sicurezza di Assata Shakur, leader del movimento 19 maggio , ispirato dalle date di nascita di Malcom X e Ho Chi-Minh e contiguo a quello delle Black Panthers.

Ma non ha mai maneggiato un’arma nella sua vita, e nemmeno a mai preso parte ad assalti e rapine, come ancora oggi, con assoluta disonestà, viene affermato dai nostri ipocriti mezzi d’informazione che, pavidamente, si chiedono solo come la prenderanno a Washington e dimenticano che da questa accuse la Baraldini è stata già assolta dalla giustizia Usa.

Non hanno il coraggio, in realtà, di ammettere che una condanna a 43 anni di prigione per reati politici - che in Europa sarebbero stati sanzionati al massimo con 5 anni - è un’aberrazione giuridica, specie se si ricorda che 19 mesi di pena sono stati scontati da Silvia nell’infame unità speciale sotterranea del penitenziario di Lexington in Kentucky, in seguito chiuso per «inumanità» (grazie a una campagna di Amnesty International e delle Chiese protestanti) e successivamente per 4 anni nel carcere di Marianna, nelle paludi della Florida.

Quei disinformati politici della nostra progressista Unione come il sottosegretario Fabris e quei sostenitori insani dell’«ordine» più infame, come Ignazio La Russa, preoccupati di questa piccola riduzione di pena concessa alla Baraldini, dopo che non le è stata risparmiata nessuna sofferenza, materiale e morale, questii signori quale concezione hanno della giustizia, dei diritti umani, del rispetto delle persone o della pietà, visto che si presentano come cattolici e credenti?

Qualunque colpa dovesse scontare, Silvia l’aveva già ampiamente pagata, e da tempo. Se Fabris e La Russa avessero una coscienza, avrebbero dovuto insorgere per difendere i diritti di una cittadina italiana che gli Stati uniti hanno preteso per anni, in contrasto con la Convenzione di Strasburgo, di amministrare secondo i loro codici. Se non ci fosse stata, nel 2001, una delibera della Corte costituzionale sul diritto di un condannato ad essere gestito dal sistema giudiziario del proprio paese d’origine, dove per di più sta scontando la seconda parte di una pena inaudita, la Baraldini sarebbe ancora un essere umano senza diritti civili.

Lo sanno, gli onorevoli signori, che questa donna, disposta, per coerenza alle sue idee, a giocarsi metà della vita, è stata condannata a 20 anni sulla testimonianza di un collaboratore del Fbi che ha sbagliato, nella deposizione, perfino il colore dei suoi inconfondibili occhi azzurri?

Lo sanno che, per caricarle sulle spalle i secondi 20 anni, i giudici del paese vessillo della democrazia hanno generato un aborto giuridico e hanno rubricato come un reato comune quello che era, per loro stessa ammissione nell’istruttoria, un reato politico, e questo per poter applicare la legge Rico , scritta per reprimere i complici mafiosi?

Lo sanno che gli ulteriori tre anni Silvia li ha presi per presunto oltraggio alla corte, solo per non aver saputo dare, secondo i giudici, informazioni esaurienti sulla provenienza di un comunicato delle Fuerzas Armadas de Liberacioòn Nacional de Puerto Rico, ritrovato nella sua abitazione e che era stato, comunque, pubblicato da tutti i quotidiani di New York?

E’ tutto scritto nei faldoni che Janet Reno, ministro della giustizia di Bill Clinton, ha inviato al Parlamento italiano all’epoca della restituzione della condannata Baraldini al suo paese d’origine. Ma forse Fabris e La Russa non sanno leggere l’inglese. E allora io spero che Silvia, malgrado le tante ferite, morali e fisiche, che ha dovuto sopportare in questi anni, anche per la superficialità di politici come questi, trovi la voglia e il tempo di querelare uno come La Russa (e anche il Tg2 che gli concede lo spazio) che si permette di dichiarare «Quest’indulto fa uscire di galera i peggior criminali, i peggiori terroristi e para-terroristi, come la Baraldini».
La verità è che quelli come l’onorevole di An o come Gasparri e Tajani, che hanno continuato per anni a citare Silvia nei loro scombinati interventi in Parlamento o in tv, speravano, con la solita spregiudicatezza, di barattare una Baraldini con i tanti bombaroli neri che hanno insanguinato con 7 stragi il nostro paese negli anni di piombo.

Purtroppo per loro, qualunque slogan continuino a ripetere, Silvia Baraldini non ha mai giocato con la vita degli altri e l’indulto che ha salvato tanti «furbetti» corrotti dell’economia e della politica italiana, per ironia del destino, questa volta ha reso giustizia a una persona esageratamente vittima della violenza della giustizia nordamericana.

Gianni Minà
Fonte: http://www.donvitaliano.it
Link: http://www.donvitaliano.it/?p=268
3.10.06


Citazione
marko
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 224
 

Tutta la mia solidarietà umana alla Baraldini (anche se, una bianca italiana che va a combattere per le Pantere Nere, è una scelta che quantomeno non capisco).

Però mi pare che i molti tifosi della Baraldini libera si dimentichino che la sua scarcerazione anticipata era proprio il motivo alla base delle rigidità americana nei confronti dell'estradizione (non so se è il termine giuridico corretto). Temevano, gli americani, che una volta in Italia, la Baraldini sarebbe stata scarcerata molto presto con ipocrisie tipo servizi sociali, arresti domiciliari e indulti vari. Cosa che è puntualmente successa.

Se mi chiedete di far rispettare delle convenzioni internazionali sui diritti dei detenuti, tra cui anche quello di scontare la galera vicino a casa dei parenti più prossimi, sto con voi. Se mi chiedete di usare una qualsiasi scusa per cancellare una sentenza emessa da un altro stato sovrano, allora, mi dispiace, ma non ci sto. Anche se questa sentenza è opinabile (e quale non lo è?)

Sapete chi ci rimette? Ci rimetterà il prossimo povero cristo italiano in carcere all'estero... L'estradizione sarà vieppiù ostacolata perché nessun sistema giuridico estero (in particolare americano) vorrà fare la figura del fesso di fronte a così poca serietà del sistema penitenziario italiano.


RispondiCitazione
alekxandros
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 72
 

43 anni senza aver mai commesso un fatto di sangue, quella contro la Baraldini era una sentenza orripilante, ricordava l'accanimento che venne già riservato ad altri nostri connazionali (Sacco e Vanzetti, ancora peggiore per il tragico epilogo). E scandalosa fu la sua detenzione nelle carceri che violavano i diritti umani, di cui Minà ha fatto più cenni.
Era una sentenza assurda ed enormemente spropositata, in gran parte scontata peraltro.


RispondiCitazione
marko
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 224
 

Posso essere d'accordo, ma non esiste nessuna convenzione internazionale che consenta di annullare una sentenza di un altro stato sovrano. Pietà e diritto internazionale sono due cose ahimè diverse.


RispondiCitazione
orsodimare
Active Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8
 

infatti non vediamo quella decina di soldati americani condannati in italia e che ancora sono nelle nostre patrie galere! ehi, ma dove c...o sono andati? ora speriamo che arrestino quei 4/5 della CIA legati al rapimento di Omar...ma ho come una impressione... 8)


RispondiCitazione
Interconnessioni
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 254
 

E il Cermis? E Calipari? E le bombe atomiche di Aviano? Quanto durerà ancora Yalta? La realtà è una grande manipolazione, ciò non significa che ogni fatto possa essere esaminato per conto suo e usato per accrescere la nostra coscienza, questa volta sì GLOBALE. ❗


RispondiCitazione
Condividi: