MONETA FIAT, la ver...
 
Notifiche
Cancella tutti

MONETA FIAT, la verità.

Pagina 10 / 12

Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 30947
 

Ringrazio mincuo, istwine e tutti gli altri per questa interessantissima discussione, dalla quale emergono chiare alcune verità: innanzitutto di come il controllo e la gestione della moneta siano stati usati efficacemente da sempre dalle elites private per il controllo del potere, dei governi e della società (armi ancora più potenti delle guerre!) e di come i cicli dell'economia siano di fatto causati e controllati da privati, non dalla casualità della storia.
Visto che per uscirne servirebbero decisioni politiche epocali, e una consapevolezza che al momento non esiste minimamente nemmeno ai livelli più alti, ne deduco che "non c'è speranza". Forse tra 1000 anni, chissà, ma non ci sarò. 😥


RispondiCitazione
yahuwah
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1142
 

BANCONOTA:

Wargurg - famiglia ITALIANA EBREA di cognome appunto Del Banco
=
BANCA/O - BANCO-NOTA = BANCONOTA

Cosi la definisce Wikipedia:

Il termine deriva dall'espressione nota del banco, e risale al XIV secolo; in origine essa riconosceva il diritto del possessore della nota di ritirare il metallo prezioso (solitamente oro e argento) depositato presso un orafo-banchiere (si trattava cioè di moneta cartacea rappresentativa).

Il primo a introdurre l'uso di banconote di carta fu l'Imperatore cinese Hien Tsung nell'806 d.C.

Chi possedeva metallo prezioso aveva interesse a depositarlo presso operatori specializzati nella sua conservazione e protezione dai ladri. Inoltre aveva interesse a rivolgersi agli orafi-banchieri per trasferire i metalli preziosi senza doversi sobbarcare il costoso e rischioso trasporto. Bastava trasferire il documento e incassare il metallo presso un secondo orafo-banchiere, collegato al primo da legami di affari.

Tali documenti, già impiegati in Cina ai tempi di Marco Polo, erano più facili da trasportare del metallo prezioso e inoltre potevano essere emessi anche per valori nominali superiori al valore del metallo prezioso custodito dagli orafi banchieri.

Ciò era possibile perché le esigenze di cassa degli orafi-banchieri consentivano loro di tenere sotto forma di riserva solo una parte del metallo prezioso depositato, usando la restante parte per concedere prestiti o effettuare pagamenti per conto di terzi; inoltre le effettive richieste di conversione delle riserve metalliche depositate divennero sempre minori, dato che la fiducia degli operatori aveva determinato l'affermazione delle banconote stesse come circolante; infine l'emissione di moneta sotto forma di banconote, costituendo una forma di credito, aveva effetti espansivi sull'economia (oltre che sui profitti dei banchieri), che pertanto era beneficiata dalla scelta di detenere solo una parte del metallo prezioso sotto forma di riserve.

La Scuola di Salamanca è la " rinascita del pensiero " in diverse aree intellettuali da teologi spagnoli e portoghesi, affonda le sue radici nel lavoro intellettuale e pedagogico di Francisco de Vitoria.

Dall'inizio del XVI secolo la tradizionale concezione cattolica dell'uomo e del suo rapporto con Dio e al mondo fu assalita dal sorgere dell'umanesimo, la riforma protestante e le nuove scoperte geografiche e le loro conseguenze. Questi nuovi problemi sono stati affrontati dalla scuola di Salamanca. Il nome si riferisce alla Università di Salamanca, dove sono stati basati il de Vitoria e altri della scuola.

Francisco de Vitoria (1), Domingo de Soto(2), Martín Azpilicueta (3), Tomás de Mercado (4), Francisco Suárez (5), tutti studiosi del diritto naturale e della morale, fondarono una scuola di teologi e giuristi che hanno intrapreso la riconciliazione degli insegnamenti di Tommaso d'Aquino con il nuovo ordine politico-economico.

I temi di studio s'incentravano sull'uomo e i suoi problemi pratici (moralità, economia, giurisprudenza, ecc.).
La scuola di Salamanca, in senso ampio può essere considerato più strettamente come due scuole di pensiero provenienti in successione, l'Università di Salamanca e dall'Università di Coimbra.

La prima cominciata con Francisco de Vitoria e con Domingo de Soto. I Coimbricensi erano gesuiti che, dalla fine del XVI secolo ha assunto la leadership intellettuale del mondo cattolico dai Domenicani.

Tra i Gesuiti erano Luis de Molina (6) , il suddetto Francisco Suárez e Giovanni Botero (7) , che avrebbe continuato la tradizione in Italia.

La dottrina giuridica della scuola di Salamanca ha rappresentato la fine dei medievale concetti del diritto, con un revindicazione della libertà non abituale in Europa di quel tempo. I diritti naturali dell'uomo è venuto per essere, in una forma o in altra, al centro dell'attenzione, tra cui i diritti come un essere corporeo (diritto alla vita, i diritti economici quali il diritto alla propria proprietà) e spirituale (il diritto alla libertà di pensiero e di dignità umana).

La scuola di Salamanca ha riformulato il concetto di diritto naturale: diritto originario della natura stessa, con tutto ciò che esiste nell'ordine naturale nella condivisione in questa legge. La loro conclusione era, dato che tutti gli esseri umani condividono la stessa natura, condividono anche gli stessi diritti alla vita e alla libertà. Tali opinioni costituivano una novità nel pensiero europeo e sono andate contro a quelli allora predominanti in Spagna e in Europa che la gente indigena in America non ha avuto tali diritti .

Nel 1517, de Vitoria, poi alla Sorbona, è stato consultato da mercanti marrani spagnoli e portoghesi basati ad Anversa (Antwerp: città nota per essere il centro mondiale del commercio dei Diamanti da parte delle comunità Haredi della città) circa la legittimità morale di impegnarsi in commercio per aumentare la propria ricchezza personale. Dal punto di vista odierno, si direbbe che chiedevano per una consultazione sullo spirito imprenditoriale. Iniziato a quel tempo, Vitoria e altri teologi esaminarono le questioni economiche, adottando invece nuove idee basate sui principi del diritto naturale. Secondo questi punti di vista, l'ordine naturale si basa sulla " libertà di circolazione" di persone, merci e idee, permettendo alle persone di conoscersi e di aumentare i loro sentimenti di fratellanza.

Questo implica che mercantilismo non è semplicemente non riprorevole, ma che in realtà serve al bene generale.
I seguaci della scuola di Valencia hanno concordato che la proprietà privata ha l'effetto benefico e stimolante dell'attività economica, che, a sua volta, ha contribuito al generale benessere. Diego de Covarubias y Leyva (1512–1577) considerava che la gente aveva non solo il diritto di possedere delle proprietà ma — ancora una volta, una idea specificamente moderna — avevano il diritto esclusivo al beneficio di tale proprietà, anche se la Comunità potrebbe anche trarre vantaggio. Tuttavia, in tempi di grande necessità, tutti i beni diventano una scorta. Gli sviluppi più completi e metodici di una teoria salamantina del valore, emessa da Martín de Azpilicueta (1493–1586) e da Luis de Molina.

Interessati all'effetto dei metalli preziosi che arrivano dalle Americhe, hanno dimostrato che nei paesi dove i metalli preziosi erano scarsi, i prezzi erano superiori a quelli in cui essi erano abbondanti. Metalli preziosi, come qualsiasi altro bene mercantile, hanno guadagnato piu valore dalla loro scarsità. Questa teoria della scarsità di valore fu un precursore della teoria quantitativa del denaro messa più tardi da Jean Bodin (1530–1596). Fino a quel momento, la teoria predominante del valore era stata la teoria medievale basata sul costo di produzione come il solo determinante di un giusto prezzo (una variante della teoria del valore, che più di recente, si manifesta nella teoria del valore del lavoro nei costi di produzione).

Diego de Covarrubias e Luis de Molina svilupparono una teoria soggettiva del valore e dei prezzi, affermando che l'utilità di un bene varia da persona a persona, quindi soli i prezzi si porrebbero reciprocamente nelle decisioni in un libero commercio, escludendo gli effetti distorsivi dell'intervento di monopolio, di frode o di governo.

Ciò che esprimo i seguaci della scuola di difesa del libero mercato, dove il prezzo equo di un bene sarebbe stato determinato da domanda e offerta.

Su questo Luis Saravia de la Calle ha scritto nel 1544:

" Coloro che misurano il giusto prezzo per la manodopera, costi e rischi sostenuti dalla persona che si occupa di merce o lo produce, o le spese di trasporto o le spese di viaggio... o da ciò che egli ha da pagare i fattori per la loro industria, rischio e lavoro, son
o notevolmente in errore....
Per il giusto prezzo, nasce dall'abbondanza o scarsità di merci, mercanti e soldi... e non dai costi del lavoro e rischio....
Perché dovrebbe essere una balla di lino portata via terra dalla Bretagna con grandi spese vale più di uno che è a buon mercato trasportato via mare?...
Perché dovrebbe essere un libro scritto a mano vale più di quello che viene stampato, quando quest'ultimo è migliore anche se costa meno produrlo?...
Il giusto prezzo è trovato non nel contare il costo ma dalla stima comune."

L' Usura (che in quel periodo significava qualsiasi carica d'interesse su di un prestito) è sempre stato visto negativamente dalla Chiesa cattolica. Il Concilio Lateranense condannò qualsiasi rimborso di un debito con più soldi che originariamente è stato prestato; il Concilio di Vienna esplicitamente vietà l'usura e qualsiasi legislazione tollerante di usura come eretica. Nell'economia medievale, i prestiti erano interamente una conseguenza della necessità (pessimi raccolti, incendio in un luogo di lavoro) e, in tali condizioni, è stato ritenuto moralmente reprorevole addebitare interessi.

In epoca rinascimentale, una maggiore mobilità delle persone ha facilitato l'aumento nel commercio e la comparsa di condizioni adeguate per gli imprenditori ad avviare nuove imprese redditizie. Dato che il denaro preso in prestito non era più rigorosamente per il consumo, ma anche per la produzione, potrebbero non essere visualizzati nello stesso modo. La scuola di Salamanca elaborò vari motivi che giustificavano la carica d'interesse. La persona che ha ricevuto un prestito avrebbe beneficiato; l'interesse si potrebbe considerare un premio pagato per il rischio assunto da parte del prestito. C'era anche la questione dell'opportunità del costo, infine e forse più originariamente, era la considerazione del denaro, come una merce e l'uso del proprio denaro come qualcosa per cui uno dovrebbe ricevere un beneficio sotto forma d'interesse.

Martín de Azpilicueta ha anche considerato l'effetto del tempo, formulando il valore del denaro. Tutte le cose sono uguali, uno preferisce ricevere un determinato bene ora, piuttosto che in futuro. Questa preferenza indica un valore superiore. L'interesse, secondo questa teoria, è il pagamento per il tempo che l'individuo prestatore viene privato del denaro dato in prestito.

(1,2,3,5,6,7 vedere biografie)

(4) Tomás de Mercado O.P. (Siviglia, 1523 o 1530-1575). Economista della scuola di Salamanca e teologo domenicano. Nato a Siviglia, si trasferì in Messico da bambino. Lì prese l'ordine di Santo Domingo. Egli ha studiato lì diventando priore del convento della capitale. Partì per la Spagna per completare i suoi studi a Salamanca. Ha vissuto qualche tempo a Siviglia e morì l'anno 1575 nel mare, di ritorno in Messico.Nei suoi scritti "Tratos y contratos de mercaderes y tratantes" (Salamanca, 1569) e "Suma de tratos y contratos" (Sevilla, 1571), definisce la teoria quantitativa della moneta, studiando l'effetto dei prezzi che ha avuto l'importazione dei metalli americani in Europa e in Spagna. Brillantemente definisce il prezzo equo o il prezzo di mercato:

"È quello che pubblicamente si utilizza questa settimana e in quest'altra, come si suol dire in plaza, non avendo quella forza o inganno, anche se è più variabile, come l'esperienza insegna, il vento."

In questo lavoro, egli riflette sulla base dell'interesse lodando gli usi etici dell'interpretazione restrittiva della Chiesa cattolica che ha avuto per l'usura , genera e approfondisce la teoria quantitativa della moneta dalla tradizione della scuola di Salamanca, in particolare per quanto riguarda il movimento internazionale della valuta.

Questo a dimostrare che l’odierna finanza è assolutamente una teoria Gesuita del XVI secolo - Ignazio da Loyola, un converso, è il fondatore dei Gesuiti - alla quale dopo non piu di 80 anni, si affiliarono i Frankisti Sabbatiani Illuminati ( dai Rothschilds, Rockefeller, Wargurg - famiglia ITALIANA EBREA di cognome appunto Del Banco - , Lazard, ecc... ) ed oggi i loro massimi esponenti sono Mario Monti, Mario Draghi, Bernanke e tutti senza eccezione, i banksters del mondo da noi conosciuti:
DA UNA PARTE I GESUITI ( BCE ) e dall'altra i FRANKISTI ( FED ).

Diceva Frank Jakob:

" Io non sono venuto ad innalzare, sono venuto a distruggere e a degradare tutte le cose finché esse non siano scese così in basso che più in basso non potrebbero scendere. La strada per l’abisso è terrificante e spaventosa. "

Per quanto riguarda "Il primo a introdurre l'uso di banconote di carta fu l'Imperatore cinese Hien Tsung nell'806 d.C.", è una affermazione sbagliata, in quanto Hien Tsung detto Mangku, era Mongole - precursore di Temujin (detto Jenghis KHAN) - nonchè fondatore della dinastia TANG.
Le operazioni bancarie sono state condotte in questo paese su larga scala, principalmente dal governo, sin da quando Ma Tuan-lin, lo storico della moneta cinese, parlando del commercio della Mongolia nel IX secolo afferma: l'imperatore Hien Tsung (806 a 821) emanò un editto che vieta la produzione di attrezzi di rame come bacini e bollitori a causa della scarsità di denaro. L'ordine fu promulgato rendendo vincolanti per i commercianti a portare le loro orde di denaro e acquistare prodotti su larga scala, così che le monete correnti potrebbero essere aumentate a vantaggio del commercio. Durante questo periodo inoltre, commercianti di ritorno dalla capitale preferivano il bagaglio leggero e hanno preso il loro denaro, che era incassabile presso qualsiasi tesoreria di provincia, sotto forma di banconote. Così le note di carta, o che cosa era conosciuta come volare denaro, era per la prima volta introdotta in Cina. Questa disposizione ha continuato anche quando codesti furono rovesciati dai Sungs; le persone che erano autorizzate a pagare in contanti nella città di Kaifeng ( Kaifeng è un città della Repubblica Popolare Cinese, del distretto di Henan. Fu capitale fino alla dinastia Song, che la abbandonò a seguito di un'invasione e per circa 900 anni fu sede di una comunità ebraica, l'unica conosciuta in Cina prima del XIX secolo; Durante la dinastia Ming (1368-1644), un imperatore Ming ha conferito sette cognomi agli ebrei, che sono identificabili ancora oggi: Ai, Shi, Gao, Jin, Li, Zhang e Zhao. All'inizio del XX secolo uno di questi clan di Kaifeng, i Zhang, era in gran parte convertito all'Islam. Due di questi: Jin e Shi sono l'equivalente dei nomi comuni ebrei in Occidente: oro e pietra), per esempio, hanno ricevuto cambiali o assegni circolari. Potrebbero andare in qualsiasi città che gli piaceva, presentare il biglietto e ricevere l'importo denominato. In città provinciali, le tasse sono state pagate in contanti; ma il tesoriere potrebbe dare denaro o sostituire con la seta o altri articoli che sostituiscono la moneta corrente quando tali biglietti sono stati presentati. Durante il Regno del primo imperatore Sung le persone potevano pagare con la moneta corrente del tesoro di governo e ricevere il denaro in città provinciali, su presentazione della cambiale - la Commissione ufficiale era del 2 per cento. Nel 970 d.c. fu istituito un ufficio di cambio ufficiale; i mercanti depositano denaro nell'ufficio, ha ricevuto un certificato e presentazione dello stesso al Ministero del tesoro, ha ricevuto la lettera circolare del tesoriere. Il commerciante è stato autorizzato a prendere la lettera circolare per il magistrato di qualsiasi città, che fu diretto da circolare a pagare senza ritardi l'importo menzionato.

Fu di fatti Marco Polo ad introdurre il concetto della BANCONOTA in Europa, inventata proprio dai Giudei cinesi/mongoli di Keifang; termine coniato proprio dalla famiglia veneziana Del BANCO.

Inutile ri-citare quelle degli al
tri, le sappiamo abbastanza bene.

Biblio-Internet-grafia:

http://www.scribd.com/doc/37141542/The-Power-of-Gold-The-History-of-an-Obsession

- Chinese Currency And Banking
di Srinivas R. Wagel
Editore: North-China Daily News & Herald Ltd , 1915


RispondiCitazione
mincuo
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 6059
Topic starter  

Questo dei Gesuiti è un po' così, ma chissenefrega tanto va bene tutto. I Babilonesi avevano già una cultura finanziaria elevata ma gli Ebrei sono sempre stati avanti secoli. Nel Talmud interi volumi sono dedicati al denaro, ai termini di un prestito, alle condizioni di transazione, alla titolarità, alla riscossione, agli interessi applicabili, alle compravendite, ai fitti, ai noli, alle cessioni ed anche a questioni sofisticate, come inflazione, deflazione, smaterializzazione, ecc... (Divulgare il Talmud era punito colla pena di morte).
Ancora oggi è stupefacente poi il grado di raffinatezza, anche nell'esame delle particolarità, delle eccezioni, dei casi che si possono presentare...
Ci sono intermnabili discussioni e interpretazioni delle varie fattispecie. Per chi ama le minuzie della dialettica ecc... è un divertimento.
Una parte di questa eredità la assunse qui la Repubblica Veneziana, anche per l'influsso diretto degli Ebrei. Tu ricordi Moses Del Banco, famiglia che poi cambiò nome in Warburg, ma ce ne sono altre ancora.
E Ferrara funzionò come una clearing-house (compensazione) tra banchi, che inizialmente regolava, (vado a memoria), le loro posizioni una volta all'anno.

Comunque yahuwah non è la BANCO-nota che prende nome da "del Banco."
E' il capostipite della famiglia, Asher Meshullam, che viene soprannominato Anselmo Del Banco, per via del suo banco, cioè dove prestava, che era il banco più importante. (Ma già ai tempi della Roma antica si esponevano i beni monetari su di un banco).
E il termine "bancarotta" deriva dal fatto che rompevano il banco, quando falliva, e cioè lo facevano proprio a pezzi, e quello incaricato di spaccarlo si chiamava “magistrato dei rotti”.


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 2066
 

...
Quindi vi è una schizofrenia di base, voluta o no, non saprei, ma vi è. A Krugman sembrava assurdo che le banche emettessero moneta nella maniera descritta da me e mincuo, e tuttora lo nega. E Krugman è uno molto seguito, quindi se lo dice Krugman è vero. Fa ridere, perché poi parlano di crisi finanziaria, una crisi che secondo loro nasce da intermediari finanziari! Ma questo è un altro discorso.

Quale è il discorso?


RispondiCitazione
istwine
Prominent Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 824
 

Non ho capito la domanda, Nat.


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 2066
 

"...una crisi che secondo loro nasce da intermediari finanziari!"

Da cosa nasce la crisi secondo te ( ho appena finito di leggere " P. Krugman - Il ritorno dell'economia della depressione e la crisi del 2008 - ultima edizione)? Mi riferisco a quella prima USA e poi mondiale, anche se solo ora mi sembra di capire che tu ti riferissi in particolare a quella europea (scompensi dell'area valutaria UE).


RispondiCitazione
istwine
Prominent Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 824
 

No bé, lì lo sfottò era rivolto al fatto che Krugman ritiene che le banche facciano intermediazione, secondo il classico schema della riserva frazionaria, e quindi non "emettano moneta". Tutto qui.


RispondiCitazione
nuvolenelcielo
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 637
 

me l'ero perso...

mi ero un po' stufato di leggere di economia e moneta perché di solito
è una guerra di religione
- in cui grazie all'oscurità dei vari tecnicismi e meccanismi bancari
vincono tutti...

ma leggere qualcuno che le cose le sa davvero è una boccata...
una bombola d'ossigeno direi.
grazie a mincuo per questa esposizione.


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 11 mesi fa
Post: 10314
 

interessante anche questo 8)


RispondiCitazione
Arcadia
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1704
 

Se posso dare un consiglio all'admin, relativamente a qst 2 post di mincuo datati 2012 e a detta dei più imprescindibili visto la tematica affrontata, è quello di metterli come "fondamentali/importanti" "fermandoli" al vertice della pagina.

Soprattutto per chi si approccia per la prima volta, si schiariscono subito i concetti!

Credo sia una cosa bona e giusta. 😉


RispondiCitazione
sankara
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 546
 

Se posso dare un consiglio all'admin, relativamente a qst 2 post di mincuo datati 2012 e a detta dei più imprescindibili visto la tematica affrontata, è quello di metterli come "fondamentali/importanti" "fermandoli" al vertice della pagina.

Soprattutto per chi si approccia per la prima volta, si schiariscono subito i concetti!

Credo sia una cosa bona e giusta. 😉

Approvo. O quantomeno segnalarle nella sezione sinistra del sito "letture segnalate". Anzi, forse questa sezione potrebbe essere ristrutturata inserendoci principalmente dei post passati di CDC, discussioni che abbiano ricevuto numerose appovazioni da parte degli utenti. D'altronde, perche' dedicare una sezione del sito esclusivamente a letture esterne e non valorizzare alcune discussioni "nutrite" che si sono svolte su questo forum?


RispondiCitazione
Arcadia
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1704
 

Se posso dare un consiglio all'admin, relativamente a qst 2 post di mincuo datati 2012 e a detta dei più imprescindibili visto la tematica affrontata, è quello di metterli come "fondamentali/importanti" "fermandoli" al vertice della pagina.

Soprattutto per chi si approccia per la prima volta, si schiariscono subito i concetti!

Credo sia una cosa bona e giusta. 😉

Approvo. O quantomeno segnalarle nella sezione sinistra del sito "letture segnalate". Anzi, forse questa sezione potrebbe essere ristrutturata inserendoci principalmente dei post passati di CDC, discussioni che abbiano ricevuto numerose appovazioni da parte degli utenti. D'altronde, perche' dedicare una sezione del sito esclusivamente a letture esterne e non valorizzare alcune discussioni "nutrite" che si sono svolte su questo forum?

quoto x la "ristrutturazione" come da te esposta ma in una nuova sezione xè le più importanti, e che si trovano in altre sezioni, potremmo convogliarle, come x l'appunto qst discussione che si sta facendo interessante in "Notizie dall'Italia"--> http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=299166#299166


RispondiCitazione
Jor-el
Prominent Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 990
 

Se posso dare un consiglio all'admin, relativamente a qst 2 post di mincuo datati 2012 e a detta dei più imprescindibili visto la tematica affrontata, è quello di metterli come "fondamentali/importanti" "fermandoli" al vertice della pagina.

Soprattutto per chi si approccia per la prima volta, si schiariscono subito i concetti!

Credo sia una cosa bona e giusta. 😉

Mio associo.


RispondiCitazione
fastidioso
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 117
 

E qual'era il succo? Che la parola "indipendenza" richiama valori positivi in noi tutti per cui "indipendenza" = "cosa buona" (in parole povere) e quindi anche "Indipendenza della Banca Centrale"= "buona".

Infatti è l'ultimo rigurgito del buffone sbruffone


RispondiCitazione
fastidioso
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 117
 

"Quello che è frustrante nello studio dell'economia è che ognuno la racconta in una maniera diversa e alla fine non si sa mai chi abbia veramente ragione, "

Galbraith diceva che tutto dipende da chi paga lo stipendio all'economista di turno


RispondiCitazione
Pagina 10 / 12
Condividi: