Non sentirti perdut...
 
Notifiche
Cancella tutti

Non sentirti perduto


GioCo
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2203
Topic starter  

C'è una realtà lì fuori ed è Luce. Non luce fotonica, di cui è una ricaduta parodistica e a tratti metaforica, ma propria della coscienza organica del Tutto che è Infinito.

Da cui ci autoescludiamo pedissequamente.

Il mio demone mi impone di contrastare la fede in Dio. Con tutte le mie forze. Non Dio che è organico e implicito ed è evidenza per me, ma la sua riduzione a una fede.

Ma peggio la riduzione a Uno. Che è sto "Uno"?! Un Pirla Cosmico, lì che ti punta col dito e ti giudica? Che differenza c'è tra "Uno" che sta lì ed è tutto tranne qualcosa che ti rappresenta e il Satan, il tuo Nemico?

A questo punto, se proprio devi "credere" ed "avere fede" perché Dio sia la realtà che respiri e che Vivi in quanto tua essenza, tanto vale essere satanisti, per lo meno smetti di essere lo specchio dell'ipocrisia, no?

Spesso l'idea gnostica è stata bersaglio di questa stessa ipocrisia che rescinde la logica da Dio (facendola a pezzi) con estrema perizia sadomasoschista, cioè propria della compulsiva necessità di esercitare la brama distruttiva aprioristicamente, alla "Malleus Maleficarum" (che c'erto non è frutto gnostico, ca%%o) contro tutto ciò che è "bene" per fare il Male, ma sempre facendo il bene che non si mettono al rogo a bruciare vivi innocenti ma vittime del domonio e per la salvezza della loro anima. Si bruciano vivi per il loro bene!

Sono il primo ad ammettere che la logica è uno strumento povero e insufficiente. Come la bussola in mezzo ai marosi, non è uno strumento in sé bastante per trovare salvezza o anche solo sapere dove ci troviamo in mezzo al nulla. Ma buttarsi in acqua avendo "fede" che la corrente ti porterà dove la nave non è riuscita, fallendo miseramente lo scopo, mi sembra frutto esclusivo di puro delirio, non la soluzione!!!

Possibile che dopo 2mila anni di schifo da "gora dell'eterno fetore", in cui non abbiamo fatto altro che rotolare dentro liquami putridi e maleodoranti come demoni o mostri cosmici, non abbiamo ancora imparato a distinguere la necessità obbligatoria di preservare la logica dalla sua condanna? Possibile che siamo ancora qui a dover combattere strenuamente per difendere "il minimo sindacale" di buon senso con le unghie e con i denti, cioè il diritto ad esprimere la Gioia e la piena Armonia senza dover scegliere tra la "fede cieca all'ubbidienza" e la perdizione della "non fede" che fa confusione tra Dio e l'identificazione? Tra un dio posticcio e d'accatto che striscia tra i miserabili e Satana che dispensa oro, incenso e mirra ma solo ai reprobi? Possibile che la bontà debba ancora stare esclusivamente nella crocefissione nell'era di Internet?

Dobbiamo fare la Terza Guerra Mondiale Nucleare per arrivare a rendere evidente tutta l'insensatezza di questa assurda dicotomia ecumenica da 4 soldi? Questa scolastica che ci trasciniamo dentro come un film dell'orrore e che dobbiamo per forza fare nostra come "inevitabile" se no la nostra fine è il peggio del peggio, l'inferno eterno di sofferenza e condanna?!

Eppure l'esagerazione è tutta lì. Il pensiero del "power unlimited" che guida la nostra società che "non deve perdere mai". Ma nemmeno vincere perché se no è uguale. Quindi la vittoria è sempre miserabile e la perdita sempre catastrofica. Sempre!

Verrà a un certo punto il dubbio che qualquaglia non cosa o dobbiamo ancora e ancora sottostare al pensiero di un Bene perdente a tutti i costi perché si e al Male dalla potenza illimitata perché si? Tutte le rappresentazioni ossessivamente oggi portano questo segno. Tutte!!!

Anche quelle che fingono di "salvare". Tutte!!! Allora le risorse dove sono? Se hai ucciso la logica dentro di te in favore di una fede, la risposta è ovvia: nel vuoto senza i mezzi minimi di sussistenza come pretendi di cavartela? Certo, avere una candela e accettare ciò che illumina senza dare fuori di matto, non è da tutti. Ma mettere la testa sotto la sabbia non è la soluzione.

La logica non è mai stata e mai sarà il frutto dell'epoca di lumi così come ci è pervenuta. Quella è esclusivamente il frutto di una perversione della logica che è stata massacrata e stuprata, cioè inquisita per secoli, fino a trasformarla in un arma per seminare terrore e poi dire "ecco, vedi, tutto ciò è colpa dei lumi della ragione". Per ciò ti conviene essere irragionevolmente supino e strisciare davanti a chi ha il potere per schiacciare ogni tua logica convizione di m...

Se prendo un innocente, un bambino e lo stupro con estrema perizia e violenza, senza fargli mancare nulla (in termini di cibo e divertimento) a parte l'affetto e con esso l'essenziale senso di protezione e in specie verso di me e da quello che voglio da lui, dalla mia brama di possedere la sua innocenza, otterrò uno stupratore futuro, determinato a replicare lo stesso comportamento, ritenendolo "giusto". A catena quindi lo schifo si rinnova. Quanti bambini possono essere pervertiti in questo modo in serie? Abbastanza da farne un intera classe dirigente e forse persino una futura società, facendo passare il tutto sotto silenzio. Una classe dirigente perfetta per un futuro ributtante, non solo perché ubbidiente ma perché dipendente dalla necessità di soddisfare la brama e con ciò dal ricatto. Puoi anche cercare di "uscire dal giro" se vuoi, verrai fatto a pezzi. Dopo una vita senza affetto, riflettici, ne avresti il coraggio?

Chi avrà di te pietà nella società della condanna sadomasochista a tutti i costi se non i tuoi stessi carnefici? Chi avrà di te cura quando il resto degli umani ha abdicato la logica in cambio di un rinnovo alla tessera per la fede e non vede l'ora di metterti le mani addosso per spararti in faccia MALE? Sarà Green? Chissene! Senza logica avrai comunque il "bollino blu dell'imbecille" schiavizzato e che tu sia satanista convinto, per timore o per ignavia, o credente (cieco) nella infinita sofferenza e nell'innocenza crocefissa come unica via per la redenzione, non cambia. Stai costruendo comunque lo stesso identico futuro. Senza scampo.

Noi siamo tra l'incudine e il martello. L'incudine è l'idea che si debba avere fede. Il martello è il satanismo. Cooperano da sempre e sono tutti e due nemici giurati di chi invita a riflettere. Da sempre. Di chi indicizza verso il Bene. Da sempre. Di chi indica non la sola e unica via, ma quella del buon senso perché più conveniente per tutti.

Facciamo un esempio. Il problema demografico è oggettivo, come il cambiamento climatico. Allora abbiamo un ala che invita a non credere e l'altra che dice "la soluzione è folle ma è l'unica e non praticarla è ancora più folle". Nel momento in cui viene avanzata una soluzione sensata, senza follia e che andrebbe bene a tutti, perché coerente e propria di un costrutto logico e condivisibile, questa fonte viene aggredita immediatamente da entrambe queste fazioni che si alleano immediatamente per togliere di mezzo e far tacere tale "impostura".

Che un pianeta finito non possa dare spazio alla moltiplica infinita di persone, non è nulla di assurdo è solo qualcosa da affrontare razionalmente, come tante altre sfide globali. Certo, tutti siamo chiamati alla responsabilità e il nemico è il menefreghismo. Tuttavia l'assurdo è voler giustificare per questa oggettiva questione la necessità "per fede" di massacrare a prescindere chiunque con l'abuso della forza pubblica, della morale acritica d'accatto, la necessità di spazzare via ogni diritto naturale riconosciuto e riconoscibile, ivi inclusa l'autonomia procreativa e per fondare una società di dementi, retti da una plutocrazia di pervertiti cronici dediti esclusivamente a piaceri terreni e carnali. Cioè l'Inferno con a capo demoni, ricreato in terra.

Se questo non è un piano nato dalle profondità del pensiero cattolico, COS'E?!?

Leggo poi che aulici Grandi Pensatori hanno elaborato questo e quello. Certo, la filosofia nata in un Mondo piegato alla disciplina dell'accatto spirituale, deve essere in qualche modo valorizzata. Se no cosa rimane?

Della logica ci rimangono con ciò astrusi ragionamenti che paiono più giochi buoni per la settimana enigmistica che la saggezza di cui abbiamo disperatamente bisogno.

Eppure è tutto lì, semplice, senza ostacoli. Lì, a meno di un passo da te, ora. Persino un bambino può afferrare concetti così banali. Non esiste il libero arbitrio, il Bene è la fonte, la Luce è tutto ciò verso cui procediamo. Il Male? Più siamo distanti dall'origine, più debole è la Luce.

Perché nello Spazio domina il Buio con tutte le stelle che ci sono? Non domina, ma saperlo è diverso che crederlo.


Citazione
Condividi: