Non voglio un futur...
 
Notifiche
Cancella tutti

Non voglio un futuro fantascientifico - Caitlin Johnstone


LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 411
Topic starter  

Solite riflessioni della Johnstone. Traduzione automatica. Link originale in inglese: https://caitlinjohnstone.com/2022/12/07/i-dont-want-a-sci-fi-future/

 

 

Non desidero un futuro per l'umanità come quelli immaginati dai nostri immaginatori del futuro culturalmente designati. Non voglio che gli umani vivano nelle colonie marziane di Elon Musk o nei cilindri spaziali di Jeff Bezos. Non voglio che voliamo verso le stelle, scompariamo in universi di realtà virtuale o ci allontaniamo dalla nostra umanità diventando organismi cibernetici.

Non ancora comunque. Non per molto tempo. Non prima di aver fatto quello che dobbiamo fare qui.

Hai mai notato che la maggior parte dei libri, spettacoli e film ambientati nel futuro tendono a rappresentare un'umanità tecnologicamente più avanzata della nostra, ma che pensa e si comporta sostanzialmente allo stesso modo? Nella media delle storie di fantascienza le persone stanno ancora conducendo guerre, combattendo, conquistando, soggiogando, faticando e sopravvivendo proprio come oggi, tranne per il fatto che lo stanno facendo nello spazio circondati da un gruppo di alieni (che sono anche stranamente invischiati nel stessi modelli egoici degli umani nel 21° secolo).

In questa visione comune per il futuro, abbiamo padroneggiato i viaggi nello spazio ma non abbiamo ancora padroneggiato la salute psicologica di base. La nostra tecnologia ci ha permesso di uccidere, schiavizzare, manipolare e sfruttare tra le stelle in modo che non siamo più limitati a uccidere, schiavizzare, manipolare e sfruttare quaggiù.

Questa tendenza è in parte dovuta ai limiti dell'immaginazione; è facile immaginare versioni più avanzate della nostra stessa tecnologia, ma provare a immaginare una struttura mentale molto diversa dalla tua è come cercare d'immaginare di essere due volte più intelligente di te. Cercare d'immaginare di vivere in una civiltà cosciente mentre la tua civiltà è profondamente inconscia è come un personaggio del sogno che cerca d'immaginare la vita al di fuori del sogno. Non è difficile estrapolare modelli esistenti, ma immaginare la completa dissoluzione dei modelli può essere molto più difficile.

Questa tendenza è dovuta anche al fatto che gli scrittori di fantascienza raccontano storie per una civiltà immatura piena di menti irrequiete che si annoieranno facilmente con i racconti di un futuro pacifico senza grossi problemi. Ma questo è il tipo di futuro che desidero per l'umanità. Uno tranquillo senza grossi problemi. Uno che non sarebbe un buon blockbuster hollywoodiano.

Ed è in realtà una specie di problema che il futuro verso il quale l'umanità sta mentalmente puntando sia quello in cui persiste tutta la nostra irrequietezza e disfunzione. I nostri passi verso il futuro saranno guidati dalla nostra visione collettiva per esso, e quando quelle visioni riguarderanno la colonizzazione dello spazio, la realtà virtuale e il transumanesimo, la nostra bussola collettiva sarà inclinata verso la disfunzione.

In questo momento, ad esempio, la maggior parte dell'innovazione umana va verso la generazione di profitti e/o il dominio militare, il che ci mette su una traiettoria verso decorazioni personali sempre più tecnologicamente avanzate da acquistare nei negozi e sempre più modi per uccidere un gran numero di persone alla volta. . Non ci mette sulla traiettoria verso la ricerca di modi per assicurarci che tutti ne abbiano abbastanza, per aiutare le persone ad avere più tempo libero, per aiutare l'umanità a muoversi in armonia con il nostro ecosistema. Tutte queste innovazioni farebbero infinitamente di più per creare un futuro più piacevole per l'umanità rispetto alle astronavi e alle pistole laser, ma i nostri sistemi non le generano, perché non sono redditizie e non aiutano ad aumentare il potere militare di un governo.

Ci sono così tante ipotesi integrate nelle nostre visioni collettive per il futuro e nei sistemi che abbiamo creato per portarci lì. Presupposti come non avremo mai pace; avremo sempre violenza, conflitto e dominio; avremo sempre povertà e bisogno di fatica senza fine; non saremo mai in grado di smettere di consumare a morte la nostra biosfera, quindi faremmo meglio a uscire nello spazio in modo che il capitalismo possa continuare a espandersi. Tutti questi presupposti ci allontanano da un futuro sano e armonioso.

E ovviamente questo è ciò che ti aspetteresti da una specie profondamente inconsapevole, che è ciò che siamo ancora attualmente. Stiamo ancora operando in gran parte con il pilota automatico come qualsiasi altro animale, sferzati dalle forze dei modelli di condizionamento che si sono riverberati dai confini più remoti del nostro lignaggio evolutivo. Una storia collettiva di trauma e paura combinata con la nostra capacità di pensiero astratto appena evoluta ci ha lasciato confusi e disorientati in modi su cui non abbiamo ancora acquisito lucidità; una specie adolescenziale in una difficile fase di transizione.

E non posso fare a meno di pensare a quanto sarebbe produttivo se, invece di spendere le nostre energie cercando di precipitarci nello spazio o seppellire le nostre teste nella realtà virtuale, il nostro movimento verso il futuro fosse concentrato maggiormente sulla risoluzione di tutto questo? Se invece di nutrire la nostra irrequietezza inconscia dandoci sempre più posti in cui cercare di scappare, ci mettessimo a imparare a essere semplicemente qui ora?

E se invece di cercare di essere ovunque tranne che qui, l'umanità facesse una folle spinta verso l'illuminazione? E se invece di passare i prossimi secoli cercando di allontanarsi dalla realtà presente, la nostra società iniziasse a enfatizzare cose come la meditazione e l'auto indagine per aiutarci finalmente a incontrare veramente la realtà presente? E se la nostra scienza si concentrasse meno sul profitto e sulla distruzione e più sul tentativo di trovare modi per aiutare le persone a stare bene con se stesse? E se le istituzioni psichedeliche fossero istituite in tutto il mondo per aiutare tutti a esplorare i propri regni interiori e portare l'inconscio alla coscienza usando metodi abili e composti enteogenici?

Voglio dire, la maggior parte di noi non riesce nemmeno a stare ferma in meditazione per un'ora senza che la mente corra dappertutto e faccia tutto tranne quello che gli viene chiesto di fare. Ti sembra naturale? Sembra una specie consapevole e sana? O suona come una specie che, se offrisse il paradiso su un piatto d'oro, lo distruggerebbe immediatamente per noia?

Molto di ciò che vedono le menti più influenti che immaginano per il nostro futuro mi sembra solo irrequietezza, un implacabile impulso di essere ovunque tranne che qui, proprio come l'irrequietezza mentale di un individuo che tenta di meditare. Non abbiamo nemmeno alcuna prova che gli esseri umani possano vivere in modo completamente indipendente dalla biosfera terrestre, tuttavia è scontato che scapperemo verso le stelle, quindi non dobbiamo apportare i drastici cambiamenti in noi stessi che saranno necessario per sostenere la vita umana su questo pianeta. L'idea di sistemarsi semplicemente e imparare a essere qui suona impensabilmente infernale a una mente schiava dell'irrequietezza, a tal punto che inventerà finzioni irrealistiche sul futuro piuttosto che affrontare la realtà.

Anche se riuscissimo a colonizzare lo spazio, non risolveremmo nessuno dei nostri problemi e non renderebbe il nostro futuro più piacevole. Staremmo semplicemente spostando le nostre menti irrequiete, violente, insaziabili e scontente fuori dal mondo, dove ricreeremo immediatamente tutti gli stessi problemi che abbiamo creato quaggiù, tranne per il fatto che lo faremo in bolle artificiali circondate da un mortale deserto nero su tutti i lati. Voglio dire, pensi che il Ringraziamento sia un inferno? Immagina di essere rinchiuso con la tua famiglia tutto il giorno tutti i giorni in quello che è essenzialmente un centro commerciale da cui non puoi mai uscire. La tua testa è davvero pronta per questo?

Una testa che vibra di chiacchiere mentali sarebbe incapace di sperimentare qualsiasi meraviglia nell'esplorazione dello spazio e sarebbe incapace di provare gioia nella creazione di mondi virtuali. Una mente serena prova meraviglia e gioia attraversando un parcheggio. Quello che vogliamo veramente è l'equanimità, non la colonizzazione dello spazio e la realtà virtuale. In fondo non vogliamo davvero essere da qualche altra parte, vogliamo poter essere veramente qui.

Mi piacerebbe davvero vedere l'umanità iniziare a ricalibrare le sue visioni per il futuro lontano da questi percorsi verso l'evasione glorificata e verso la creazione di un mondo sano e armonioso. Potrebbe non vendere libri e biglietti per il cinema (almeno non subito), ma ci indicherà dove tutti vogliamo davvero essere nel nostro cuore.


Citazione
Condividi: