Patto Cina-USA per ...
 
Notifiche
Cancella tutti

Patto Cina-USA per eliminare Kim Jong-Un


antanar
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 198
Topic starter  

Proprio in questi istanti il vicepresidente statunitense Pence afferma che “l’era della pazienza strategica è finita”. Quest’ultima affermazione non fa che far salire la pressione verso il regime nordcoreano dopo che Trump ha mostrato tutta la sua risolutezza in Siria. Ora la situazione è questa: abbiamo la portaerei americana a largo delle coste coreane, pronta ad attaccare; abbiamo Kim Jong-un che nonostante abbia fallito l’ultimo test missilistico sembra non voglia abbassare affatto la tensione; abbiamo i movimenti militari dell’esercito cinese ai confini della Corea del Nord e abbiamo la stessa Cina che ha deciso di interrompere i voli di linea e gli scambi marittimi verso quello che fino ad ora era stato, seppur scomodo, un suo alleato, cioè il regime di Kim Jong-Un.

Vorrei far riflettere i lettori su come l’attacco americano in Siria sia partito in concomitanza con l’incontro tra Trump e Xi Jinping e anche l’invio della portaerei americana sia avvenuto dopo questo incontro. A mio avviso i leader delle due più importanti potenze economico-militari del pianeta è stato una sorta di patto Molotov-Ribbentrop moderno (per chi non lo sapesse è il patto tra nazisti e sovietici antecedente alla Seconda Guerra Mondiale con cui i due regimi si spartirono la Polonia), dove i cinesi hanno chiaramente deciso di abbandonare i russi nell’appoggio al regime di Assad e in cambio hanno ottenuto che la Corea del Nord non venga assorbita dalla filo-americana Corea del Sud, quando Kim Jong-Un sarà abbattuto.

Cosa potrebbe succedere quindi alla prossima provocazione del giovane dittatore? A mio avviso gli americani faranno uno strike a sorpresa atto a distruggere le principali installazioni missilistiche e militari del paese e probabilmente cercheranno anche di stroncare la leadership cioè eliminare Kim e i suoi principali gerarchi. Fatto questo, la situazione nel paese potrebbe diventare molto instabile e l’esercito cinese avanzerà con una scusante qualsiasi come difendere la Corea del Nord da quella del Sud o semplicemente garantire la stabilità onde evitare rese dei conti o una guerra civile. L’esercito nordcoreano, paralizzato dall’assenza di leadership e convinto che i cinesi siano alleati non reagirà. Una volta che la Cina avrà occupato il paese gestirà un transizione verso un regime comunista più moderato, di tipo cinese, con un presidente fantoccio (magari un gerarca non troppo vicino a Kim ma comunque autorevole).

Questo scenario hanno concordato le due potenze. Del resto Kim è un problema per entrambi e per la stabilità regionale, ma al tempo stesso fino ad ora la situazione era paralizzata dal fatto che la Cina non consentiva alcun intervento. Ora probabilmente la Cina ha ottenuto di conservare l’influenza sul paese e quindi farà fare agli americani il lavoro sporco di eliminare la leadership e poi interverrà successivamente per garantire la stabilità. Così Trump avrà mostrato al mondo che con la proprio risolutezza ha eliminato un regime pericoloso e odiato da tutti e la Cina non perderà un’area di influenza. Entro quest’estate o al massimo entro la fine dell’anno vedremo realizzare questo scenario.

Questo nuovo patto Pechino-Washington non potrà che far preoccupare la Russia di Putin che adesso si trova praticamente senza alleati seri se non la Siria e l’Iran(che potrebbe essere il prossimo obiettivo di Trump) e l’ambigua Bielorussia. E’ probabile che in Siria, Putin sarà costretto a sacrificare Assad e accettare di mantenere la propria influenza solo sulla Siria alawita cioè i dintorni di Latakia, dove Putin ha il suo porto militare. Vorrei inoltre far riflettere su come la Cina sia un nemico naturale della Russia, dato che il primo è un paese sovrappopolato il secondo no, il primo ha bisogno di materie prime e il secondo le ha. Non escluderei che un giorno Occidente e Cina si spartiscano la Russia ovviamente dopo averla destabilizzata dall’interno.

Per quanto riguarda l’Europa, dopo la vittoria del referendum, Erdogan si appresta a diventare de facto un dittatore e questo non potrà che portare ulteriori tensioni a causa soprattutto della repressione dei curdi, delle mire espansioniste in Siria e dei continui litigi con stati europei. Credo che presto nei confronti della Turchia verranno fatte delle sanzioni e nei prossimi anni non escludo anche un confronto militare con l’Unione Europea (conflitto che sarà la scusa buona per creare un esercito europeo, procedere nella creazione degli Stati Uniti d’Europa e sarà anche utile per creare uno spirito nazionalista europeo).

Tornando alla Corea del Nord, non dovrebbero esserci ulteriori sorprese, tutti i segnali recenti confermano lo scenario sopradescritto. Le uniche sorprese potrebbero venire dalla reazione del regime, se effettivamente riuscisse ad usare i suoi ordigni nucleari sarà un’ulteriore catastrofe per l’umanità e per questo pianeta

Fonte: http://www.hescaton.com/wordpress/patto-cina-usa-per-eliminare-kim-jong-un/


Citazione
mingo
Trusted Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 63
 

son tutte supposizione senza grossa fondamenta!


RispondiCitazione
Esquivèl
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 195
 

Per come è scritta la parte del patto Cina-USA, sembrerebbe che Washington abbia un solo e unico principale obiettivo, cioè l'eliminazione di Kim Jong Un, è veramente così?

E poi, una volta tolto di mezzo il dittatore, siamo sicuri che gli americani non torneranno ad arrovellarsi con le basi militari nel pacifico e tutto intorno alla costa orientale cinese, di fatto lasciando Pechino finalmente in pace?
Ho i miei dubbi.


RispondiCitazione
Cataldo
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 269
 

Certo certo, gli USA che aiutano la Cina a diventare egemone in tutta l'area della penisola coreana ..... , abbastanza ridicolo.
Gli USA con le loro portaerei fanno pressioni più sulla corea del sud che su ciccio-bomba. Se in corea del sud prevalesse una linea politica filo cinese e di riunificazione delle coree gli USA non avrebbero alcuna copertura per la loro presenza nell'aerea, ed inizierebbero a smantellare la loro ingombrante presenza.


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3224
 

Cataldo: si, è importante sottolineare come in Corea del Sud sia avvenuta la rimozione della Presidente Park sulla base di una vicenda assai poco credibile nella sua vulgata ( dovuta al potere segreto di una sciamana e successiva fuga di segreti di stato: quante analogie con analoghi casi europei... ): entrambe le Coree solo dunque ad una svolta drammatica ed entrambi i padrini dello status quo muovono le loro pedine. In mezzo, un popolo diviso da settant’anni per ragioni geopolitiche difficili da capire e giustificare oggi. Che i militari di entrambi i paesi decidano finalmente di andare oltre liquidando le altrui ingerenze ? Sarebbe troppo bello … ! Nel frattempo abbiamo solo da preoccuparci per le follie del golem a stelle strisce e le rodomontate di Cicciuzzo Kim...


RispondiCitazione
Servus
Prominent Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 875
 

Un patto scritto solo nella mente dell'articolista


RispondiCitazione
adestil
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 2314
 

ipotesi affascinante e che collima temporalmente..
e ci sono anche delle ''prove'' magari non bastano per ipotizzare quanto ipotizzato dall'articolista,ma alcuni dubbi li pone..

infatti all'inizio si era detto che l'attacco alla Siria in presenza di Xi negli USA,un alleato russo(vedi patto militare SCO di mutua alleanza)era un affronto gravido di conseguenze per i rapporti USA-Cina..ed invece i rapporti sono migliorati quando Xi è tornato in Cina perchè si dava per scontato che non solo Xi non fosse stato avvertito ma che fosse contrario!
A rigore,che non fosse informato e che fosse contrario,ce lo siamo inventati noi o i media..e come dite voi,non ci sono prove..ma ci piaceva pensarlo...
Se fosse cosi' perchè se si era ipotizzato un affronto ai limiti della rottura poi invece ci sono accordi tra Cina ed USA?

Quindi una spiegazione potrebbe essere che visto il già scarissimo se non nullo impegno della Cina in Siria o medioriente,ha preferito sbarcare la Russia impelagata e circondata dalla Nato dall'UE dalla Turchia dagli USA da Israele dai principali paesi arabi invece che impantanarsi e gli USA gli hanno offerto di intermediare tra USA e Corea del nord invece di andare all'attacco restituendo alla Cina un ruolo primario (che già aveva con la Corea,come dire non gli hanno concesso nessun poter in più sul pacifico ma non glielo hanno tolto,bypassandoli sulla questione Corea del Nord).Quindi chi obietta che gli USA non gli consegnerebbero il pacifico obietta male,perchè gli hanno dato ciò che era già suo ma che gli stavano per prendere.
Come dire se abbandoni la russia sulla siria a se stessa se non poni il veto all'ONU sui piani per rimuovere Assad ti lasciamo il ruolo di interlocutore e controllo sulla corea del nord senza attaccarla...
Pochi hanno fatto caso che prima del bombardamento Russia e Cina avevano votato compatti contro le risoluzioni ONU (fino al 27 febbraio 2017) per la Siria ma dopo il bombardamento la Russia si ritrova sola a votare contro la risoluzione ONU contro la Siria che difatti definiva come prioritario la rimozione di Assad(da cui al solito poi USA e Nato deducono bombardamenti attentati etc..anche se esplicitamente non previsti).
E la Cina?Insieme al Kazakistan ed Etiopia si è astenuta
http://www.ilgiornale.it/news/mondo/armi-chimiche-russia-blocca-risoluzione-onu-contro-siria-1385461.html

Cosa significa astenersi difronte ad un attacco che tutti sanno essere illegittimo che la Cina ben sa che le armi chimiche della strage erano dei ribelli..
ma evidentemente Trump devi avergli proposto qualcosa che possiamo solo ipotizzare.
Xi era stato invitato negli USA proprio per questo e lo sapeva ,non è stato un incidente visto che ha portato miglioramenti nei rapporti Cina-USA.
La Cina che conosce bene chi sono gli autori di quelle stragi chimiche tuttavia si è astenuta..come dire ''non ritengo mi convenga schierarmi con la russia contro gli usa anche se so bene come stanno le cose''
ma è andata oltre è andata al limite del tradimento del patto di mutua alleanza SCO che sebbene non sia come la Nato(ossia non prevede esplicitamente l'intervento di tutti i membri se uno viene attaccato)tuttavia gli stretti rapporti militari ci vanno vicino(A questo punto ci andavano vicino!)
https://it.wikipedia.org/wiki/Organizzazione_per_la_Cooperazione_di_Shanghai

Trump ha capito che non può battere cina e russia nè in maniera finanziaria nè militare infatti i due giganti sono complementari...il primo è un gigante economico-finanziario il secondo militare-energetico..quindi in coppia sono imbattibili(Senza il passaggio di tecnologia russa della armi la Cina sarebbe facilmente aggredibile ma senza il costante acquisto di energia russa da parte della Cina ,come il contratto di 400miliardi di dollari che ha permesso di attenuare le sanzioni,la russia sarebbe già crollata) ecco quindi che Trump( su ordine dell'elite)si muove per spezzare l'asse e gli accordi tra cina e russia...
ricordando alla cina che per lei è prioritario il pacifico prima ancora che il medioriente...

Quindi l'articolo sebbene non ci sono prove esplicite è verosimile...
e quando mai ci sono prove provate di un solo articolo scritto qui ma anche altrove?Sono solo ricostruzioni sempre e cmq,solo gli avvenimenti diranno se erano vere o meno certo appaiono verosimili ma il problema è che purtroppo chi si è innamorato della coppia cino-russa in quanto imbattibile deve rassegnarsi al fatto che questa coppia può essere divisa dagli USA che purtroppo per alcuni di voi,sono degli strateghi sopraffini...e se divisi non potranno mai competere col gigante euro-atlantico.Quindi non fatevi annebbiare e condizionare dall'emozione e tifoseria,purtroppo la tesi espressa dall'articolo è plausibile,troppe cose non quadrano!


RispondiCitazione
adestil
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 2314
 

Ovviamente ci potrebbe essere anche un'altra tesi che però di nuovo non spiega l'atteggiamento della Cina che per propria costituzione ha più affinità con gli USA e legami (acquisto di titoli farlocchi da parte della Cina in cambio di acquisto di merci ,altrettanto farlocche,da parte USA) che con la Russia...

tesi avanzata da Lattanzio che però anche lui accecato dalla coppia cino-russa per cui non prende manco in considerazione che Cina e Russia possano essere separati e la Cina rientrare nella sfera USA sebbene con la dovuta indipendenza..
Agli USA in fondo la Cina sta bene perchè non rompe in medioriente da quasi 30anni (dalla prima guerra del golfo quando si impossesso di Kwait e di fatto dell'Iraq)considerato suo dominio incontrastato una volta cacciate tutte le basi russe(l'ultima era appunto Tartus ora ripristinata!) mentre non ammettono che i russi che già controllano metà delle fonti energetiche mondiali(quelle siberiane)vogliano interdire in medioriente l'accesso incondizionato alle fonti energetiche da parte degli USA..visto che non solo da quelle fonti gli USA traggono il loro petrolio per uso interno ma soprattutto perchè da li viene l'acquisto del dollaro visto che tutte quelle monarchie hanno ordine dagli USA(con minaccia del Pentagono!)di farsi pagare in dollari per la vendita del petrolio...
questo da potere al dollaro cartastraccia(visto che poggia su un debito totale,us total debt, di 68trilioni di dollari ,circa il 350% del PIL, fonti FED Banca Mondiale http://www.usdebtclock.org/ )tenendolo in vita e dà potere ai titoli di stato,anche loro altrimenti cartastraccia(gli USA si reggono sulla carta che a sua a volta si regge sulle armi del Pentagono che elimina chiunque mette in dubbio il valore di quella moneta o di quel titolo,di fatto è un terrorista ed usuraio globale...il primo che ne pagò le conseguenze fu il sultano del Kwait quando annunciò che si sarebbe fatto pagare per metà in euro la vendita del suo petrolio,poi toccò a Saddam con la seconda guerra del golfo,...temendo l'effetto emulazione.
La russia invece si fa pagare in tutte le monete e di fatto ogni gallone di petrolio che vende non in dollari o meglio non solo in dollari sottrae potere e valore al dollaro...ecco perchè è stato rimesso velocemente tra gli stati canaglia quando per un periodo era sospeso...

la tesi di lattanzio sarebbe che quando gli USA hanno visto la parata coreana dove per la prima volta si sono visti missili intercontinentali mobili(quindi non detenuti in silos attaccabili)simili ai Topol russi e quindi capaci di raggiungere gli USA e di fatto non intercettabili ed altri missili che potevano colpire Giappone e Corea visto che potevano essere lanciati anche da sommergibili ecco che ci hanno ripensato....
Si è anche capito che anche i russi hanno aiutato i coreani non solo i cinesi..
Non vi è dubbio che gli USA risulterebbero vincitori da una guerra atomica cosi' come non vi è dubbio che come detto dai generali USA solo dopo 48ore di guerra gli USA potrebbero proteggere la corea del sud ossia contenere gli attacchi della corea del nord...Di fatto la corea del sud sarebbe distrutta con milioni di morti...
Ed anche il giappone si beccherebbe un'altra testata nucleare(come le due del 45) e partono un paio di Topol saltano anche due città USA..magari la stessa New york e Los Angeles..
e tutti siamo sicuri che gli USA non rischierebbero per la corea del nord ,ossia un bottino marginale,tutto sommato(sebbene permetterebbe,nei piani USA,di avere testate ai confini russi e cinesi),una sola casa americana...
che magari sacrificherebbero per la guerra di sempre,quella con la Russia...

Anche il lancio fallito del missile coreano non si sa se vero e se vero con tutta probabilità è stato abortito da Pyonyang...proprio per non esagerare..
e gli USA ne hanno aprofittato per millantare tecniche di blocco informatico del volo del missile..(che come detto da esperti del tutto improbabile!)
senza contare che nel caso di lancio di missili a propellente solido(che non si pensava i coreani avessero)non c'è verso di bloccare il missile..

qui nei dettagli
https://aurorasito.wordpress.com/2017/04/16/parata-nordcoreana-con-sorpresa-per-trump/


RispondiCitazione
adestil
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 2314
 

mi spingerei a dire che forse entrambi le tesi potrebbero essere vere..
Ossia che cinesi ed usa si erano mezzo accordati...
e quando gli USA hanno visto che i missili in parata erano missili intercontinentali veri e proprii simili ai russi(o ai cinesi,sempre di derivazione russa)che non si pensava i coreani avessero si sono fermati e per non dichiarare la disfatta di immagine prima hanno inscenato il fallimento del lancio del missile(o cmq attribuitolo alla loro capacità di interdizione) e tornati a più miti consigli ridando alla cina il potere interlocutorio...

se non avesseero visti quei missili forse sarebbero intervenuti e la cina non avrebbe reagito di forza con l'attacco ma cercando di contenere i danni di un nuovo allargamento degli USA (verso la corea del nord)

Infatti vedere missili già testati altrove(cina e russia)in parata,deve averli scioccati...perchè si sa già che non falliranno come i tanti lanciati da Pyonyang che aspira ad una indipendenza di produzione di missili e sistemi di lancio(in quanto hanno un embargo e non possono contare su nessuno!) che invece sono ancora imperfetti ma nel frattempo che la raggiungono si sono procurati missili già testati e pronti all'uso..(non se ne conosce in numero)
e mentre ci si preoccupava degli s300 per l'iran e la siria non ci si è accorti che alla corea del nord veniva passato il più potente ed inintercettabile missile balistico intercontinentale tipo Topol(faccio presente che gli USA non sono mai riusciti a produrre un missili atomico intercontinentale di tipo mobile come il topol)
quindi di fatto non si riesce mando ad individuare dove è il sito di lancio...

mentre gli altri missili atomici a media gittata essendo a propellente solido(manco di questi si sapeva,si conoscevano solo quelli a propellente liquido) i satelliti non fanno in tempo a individuare quando sono lanciati e poi di fatto diventa troppo tardi o quasi visto la loro velocità e visto i target vicini che devono colpire(corea del sud ,giappone,basi USA nel mare)


RispondiCitazione
comedonchisciotte
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 634
 

Ora la situazione è questa: abbiamo la portaerei americana a largo delle coste coreane, pronta ad attaccare;

A oggi (19/4) sembra che la portaerei sia ancora piuttosto lontana dalla Corea. Come minimo ci vorranno diversi giorni. Insomma, una delle premesse principali, basata su dichiarazioni di Trump e di tutti i media era come minimo esagerata.


RispondiCitazione
Cataldo
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 269
 

Adestil,
è impossibile provare a leggere gli eventi se si segue solo l'attualità, ad esempio l'astensione cinese all'ONU è una prassi storica, su casi anche più gravi, la novità vera è solo quando vota contro assieme alla Russia 😉 poi i cinesi sono attenti a tante cose quando è fuori stanza il premier.

La corea democratica non ha al momento vettori ICBM testati, forse non ha nemmeno una bomba armabile, quindi non vedo come si possa pensare al possesso di missile ICBM a testata nucleare!

Un affare come il TOPOL, poi, è fuori dalla portata nordcoreana in assoluto, un missile a combustibile solido a triplo stadio, del tutto fuori portata.
I missili esibiti dai nord koreani sono abbastanza secondari nelle complesse equazioni politiche coreane, almeno fino a quando non lanceranno almeno un satellite di un paio di quintali in orbita alta 🙂 poi dovrebbero fare un bel test atomico sotterraneo di almeno 10kiloton, poi dovrebbero miniaturizzare la testata, poi dovrebbero dotarla di un sistema di rientro adeguato, etc etc.
Per adesso siamo al primo gradino della fase iniziale di questo processo, e non saranno certo i russi a fornire roba del genere a ciccio bomba, ne lo faranno mai i cinesi; se un giorno vedessimo improvvisi progressi non mi stupirebbero altre manine ..... generose ...., ma si tratterebbe sempre di minchiate sul piano militare complessivo, che invece vede la deterrenza basata sulle artiglierie contro seul, come scrivi.

Anche l'idea che la Cina abbia come priorità il pacifico è da scartare, la Cina ha come priorità tutto il globo, la strategia delle vie della seta non hanno direzione, sono una rete.

Il sito di Lattanzio è una fonte preziosa, perchè apporta traduzioni dal russo dal cinese etc, ma vanno sempre contestualizzate, sul fatto che il Il rapporto tra russi e cinesi è cambiato radicalmente negli ultimi mesi, ha comunque ragione. I media cinesi legati al partito per la prima volta hanno parlato di "alleanza" cosi come i termini dei contratti relativi agli armamenti più importanti hanno assunto un significato di diversa prospettiva rispetto gli anni passati. I Cinesi stanno comprando sistemi chiavi in mano, come per i nuovi SU-35 che arrivano per la prima volta con contratto di supporto a seguito, in sostanza non sono forniture intermedie o legate a velleità di reverse engineering come nel passato, qui abbiamo un sistema d'arma che deve andare in teatro a fare deterrenza, una differenza totale che avrà conseguenze strutturali.

E' indispensabile seguire gli eventi, ma in un'ordine di tempo investito farei 30% attualità 40% ricerche storiche a supporto e 30% di buoni testi di base .


RispondiCitazione
fuffolo
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 686
 

Prevale la realtà, geografica.
Fake News contro l’alternativa russo-cinese
https://aurorasito.wordpress.com/


RispondiCitazione
Condividi: