Perché è giusto vie...
 
Notifiche
Cancella tutti

Perché è giusto vietare il burkini


Stodler
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3972
Topic starter  

Perché è giusto vietare il burkini

di Paolo Flores d'Arcais, da Repubblica, 18 agosto 2016

La proibizione del burkini costituisce una giusta misura in difesa dei “principi di laicità”, come recita l’ordinanza del sindaco di Cannes, o viola la libertà personale e fomenta l’islamofobia, come ha sostenuto su queste pagine lo scrittore francese Bruno-Nassim Aboudrar (e con lui tanti altri in tutta Europa)?

Il burkini non è “una moda” (Aboudrar), è la versione da spiaggia o piscina del burqa, con cui padri e mariti islamici non catafrattamente fondamentalisti vollero concedere alle loro donne la possibilità di prendere un bagno, riaffermando al contempo la loro non-libertà sessuale di essere viste, desiderate e liberamente contraccambiare. Del resto Tariq Ramadan, una star dell’islamismo considerato “riformatore” dal sottomesso pensiero occidentale finto- liberal, predicava (ad Abidjan; a Parigi e Londra si arrampica sugli specchi) che “non è permesso alle donne fare sport in condizioni che svelano il loro corpo agli uomini”.

Il burkini e il burqa sono due simboli di rapina conclamata ed esibita contro le donne nei loro diritti civili individuali — tra cui una stessa identica libertà sessuale con l’uomo — ricamati in ogni costituzione democratica. Consentirla significa avallare e mitridatizzarsi visivamente a questa ripugnante diseguaglianza tra i sessi. Tanto più urgente da sradicare con inesausto impegno educativo/repressivo, perché ancora allignante in troppi comportamenti e fondali psichici di troppi maschi occidentali.

Di più: la “proprietà” maschile sul corpo della donna che burqa e burkini sbandierano, in molte comunità islamiche ghettizzate è solo la punta dell’iceberg di un’oppressione sessuale che ha i nomi tragici di matrimonio coatto e prima ancora mutilazione sessuale delle bambine, pratiche dalla diffusione enorme che si preferisce ignorare. Raccapriccianti sofferenze che durano tutta la vita e che rimuoviamo perché non riusciremmo più a considerarci civili e a non fare nulla (eguale comportamento abbiamo verso la schiavitù delle braccia “nere” in agricoltura in Campania e Sicilia). Per non parlare della moneta corrente di bastonate e altre punizioni per qualsiasi comportamento femminile anche minimamente “emancipato” agli occhi del maschio credente e padrone .

Raccontarsi che indossare burqa o burkini può essere una libera scelta è il colmo dell’ipocrisia. Una scelta è libera se chi la compie è al riparo, fin da bambina, da ogni minaccia/paura, e viene cresciuta nel progressivo esercizio dello spirito critico e dell’autodeterminazione. È possibile che un caso di burkini su un milione abbia queste caratteristiche, ma un problema sociale (una piaga devastante come è la non-libertà/eguaglianza della donna in tutte le sue manifestazioni) non si affronta a partire dall’eccezione, ma dalla regola.

E la realtà diffusa è che il burkini (e le vessazioni non solo simboliche che vi sono dietro, massicciamente) è l’espressione di una oppressione della donna che ha una specificità religiosa: oppressione islamica. Se c’è un islam capace di garantire assoluta eguaglianza/ libertà sessuale alla donna si faccia avanti e rompa ogni omertà (le religioni cristiane non lo hanno fatto, finché non sono state travolte dalla secolarizzazione dei costumi).

Questa è islamofobia? Personalmente sono religiosofobo, perché considero tutte le religioni una minaccia per l’eguaglianza e per la ragione. Ma oggi, per motivi storici stranoti, l’islam è più minaccioso delle altre. Questo non mi impedisce di cercare il confronto.

Naturalmente non ci può essere integrazione nei valori repubblicani se non si offrono all’immigrato le effettive possibilità di “essere simile” sotto il profilo economico, sociale, culturale, cioè un eguale diritto al perseguimento della felicità, per dirla con Jefferson. E le risorse necessarie (che esistono, nelle mani di minoranze straricche) scateneranno razzismi, se prima non si sarà garantito a tutti i cittadini italiani il benessere sicuro di un welfare in espansione.
Ma questo è un altro… No: questo è lo stesso imprescindibile discorso.

(18 agosto 2016)

http://temi.repubblica.it/micromega-online/perche-e-giusto-vietare-il-burkini/?utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter&utm_campaign=Feed%3A+MicroMega-online+%28MicroMega.net%29


Citazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 11 mesi fa
Post: 10314
 

non si tratta di coso si o coso no, questi dovrebbero stare tutti A CASA LORO


RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3884
 

Naturalmente non ci può essere integrazione nei valori repubblicani se non si offrono all’immigrato le effettive possibilità di “essere simile” sotto il profilo economico, sociale, culturale, cioè un eguale diritto al perseguimento della felicità, per dirla con Jefferson. E le risorse necessarie (che esistono, nelle mani di minoranze straricche) scateneranno razzismi, se prima non si sarà garantito a tutti i cittadini italiani il benessere sicuro di un welfare in espansione.
Ma questo è un altro… No: questo è lo stesso imprescindibile discorso.

La solita sequela di stupidaggini. Ormai lo vede anche un cieco che non ci sarà nessuna integrazione degli islamici in occidente. I 'sinistri' votati al multiculturalismo ad ogni costo, come Paolo Flores d'Arcais, non ci stanno e quindi se la prendono ieri con il velo, oggi col burkini e domani con la carne halal, cercando di cambiare discorso.
La guerra di civiltà è programmata. Altro che burkini.


RispondiCitazione
Stodler
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3972
Topic starter  

Le dame di carità...


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 544
 

noi da ubriachi da piccoli ci buttavamo in acqua vestiti e nessuno ci diceva nulla


RispondiCitazione
donjuan
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 121
 

Sinceramente non me ne può fregare meno di niente di questo burkini .
Il problema è l'invasione che stiamo subendo , o forse pensano che vietando sta roba compensiamo al danno recato ?


RispondiCitazione
adestil
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 2304
 

alfano dice cosi' perchè ha paura che i sauditi non comprino più armi..

quindi seguendo il suo ragionamento da domani non potremmo fare più alcuna azione preventiva culturale neanche vietare l'infibulazione(di fatto non è vietata ma solo in teoria)perchè questo fa parte della loro cultura e potrebbe vendicarsi con attentati..

ridicolo..
serve solo per subordinare il nostro sistema di valori ai loro
è solo un altro passo
che viene compiuto proprio all'indomani del più grosso finanziamento in un colpo solo,quello di 1miliardo di euro di alcuni giorni fa..
proprio da quel mondo estremista sunnita...
da cui scaturiranno prebende per gli stessi politici..


RispondiCitazione
Nieuport
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 307
 

Quoto in toto Donjuan: Sinceramente non me ne può fregare meno di niente di questo burkini .
Il problema è l'invasione che stiamo subendo , o forse pensano che vietando sta roba compensiamo al danno recato ?
Però la Francia, e tutti gli intellettuali e le commentatrici che le vanno dietro, sono ridicoli.Si fa un'ordinanza che vieta a uno o una di fare il bagno vestiti? O se io volessi farmi il bagno vestito perchè così mi pare? Cioè lo stato non solo mi vieta di bermi, mangiarmi, fumarmi, iniettarmi o rifiutarmi di farmi iniettare quello che mi pare, ma mi ordina anche di nuotare nudo?


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3719
 

Non c'è più religione!!! 😯

Ero convinta che Paolo Flores d'Arcais fosse schierato con la signora Cirinnà (quella del matrimonio vegano) ed ora lo leggo al fianco di Salvini?
La signora fruttivendola si è stracciata le vesti (??) a difesa del burkini. 😈


RispondiCitazione
Condividi: