Questa è la democra...
 
Notifiche
Cancella tutti

Questa è la democrazia


Tao
 Tao
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 33516
Topic starter  

- Non ce l'ho con gli islamici, ma dico che le leggi religiose di chiunque, leggi di cui sono assai rispettoso, non devono contraddire le leggi dello Stato.
- E quale legge islamica contraddice le leggi dello Stato italiano, lei le conosce?
- No, però ad esempio non vedo perché le donne devono portare il velo.
- Anche le suore portano il velo.
- Ma che c'entra?
- Come, che c'entra?
- Io dico che in Italia un uomo non può obbligare una donna a portare il velo.
- E se non fossero obbligate? Se fosse talmente radicato nella cultura che non ne sentono l'obbligo?
- Bisogna svegliarle da quel torpore. In ogni caso quella religione fa discriminazioni e la nostra Costituzione non ammette discriminazioni.
- Quindi un istituto religioso che discrimina gli insegnanti in base al fatto che siano sposati o conviventi, o che siano divorziati, o che siano omosessuali, anche se è cattolico, lei non lo ammetterebbe.
- Ma che c'entra?
- Come che c'entra? Non è la stessa cosa?
- Ma no, qua stiamo parlando della nostra religione!
- Nostra di chi? Lo Stato italiano non ha una religione!
- Questo è chiaro, ma c'è una tradizione, c'è una cultura.
- Quindi nel nostro caso la tradizione va bene e nel loro caso no?
- Ma sono ospiti!
- Come ospiti? Se un cittadino italiano fosse islamico? Ce ne sono molti.
- Ma con i cattolici lo Stato ha fatto dei patti.
- E non potrebbe fare patti anche con altre religioni?
- Insomma, non mi rompa i coglioni, siamo arrivati prima noi e facciamo quel cazzo che ci pare. Gli altri si adeguino. Questa è la democrazia.

Natalino Balasso
Fonte: www.facebook.com
23.07.2014


Citazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 4401
 

Ma che bravo il nostro Balasso etico.In linea di principio posso anche condividere l'ironia provocante le sensibilità di giustizia...ma...

Se la guerra tra poveri nel mondo del lavoro,alimentata sempre piu dall'immigrazione incontrollata colpisse anche il reparto dei comici?E tanti comici si ritroverebbero disoccupati o pagati una miseria grazie a questa nuova,"etica" concorrenza...sarebbe in prima fila,dedicando il tanto tempo di disoccupato,a difendere questa causa...causa prima della sua disoccupazione?

Dialetticamente,parliamone.


RispondiCitazione
Condividi: