Sulla psicopatia, i...
 
Notifiche
Cancella tutti

Sulla psicopatia, il potere, l'impero e l'ego. Articolo di Caitlin Johnstone

Pagina 1 / 2

LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 355
Topic starter  

Articolo originale in inglese: https://caitlinjohnstone.com/2022/05/06/on-psychopathy-power-empire-and-ego/

 

Traduzione automatica. L'enfasi è mia. Tante chiacchere si fanno, inutili, ma qui stanno le chiavi per la comprensione delle cose.

Ho visto The John Wayne Gacy Tapes  su Netflix, che contiene registrazioni inedite del serial killer noto come "The Killer Clown" che ha ucciso almeno 33 adolescenti e giovani uomini negli anni '70. Non sono riuscito a finirlo perché non ho quel tipo di stomaco, ma quello che mi è saltato in mente ascoltandolo è stato il modo in cui parlava di quanto amasse il potere e di quanto fosse stato facile manipolare la sua scalata alle scale dell'influenza politica.

Ti fa davvero pensare a quanti psicopatici che sono solo un po' più funzionali devono esserci oggi in politica, a tutti i livelli. Psicopatici che sono profondamente incasinati dentro ma non così incasinati da divertirsi a strangolare a morte gli adolescenti dopo averli violentati e torturati. Oppure, se sono così incasinati, sono abbastanza intelligenti da evitare di essere scoperti. O se sono così incasinati e non abbastanza intelligenti da evitare di essere scoperti, ma il loro feticcio per l'omicidio e la sofferenza è saziato da qualcosa che è considerato politicamente accettabile nella nostra società, come la guerra.

Voglio dire, pensaci. Che tipo di persona cerca il potere sugli altri? Gli psicologi affermano da anni che gli psicopatici salgono regolarmente al potere non solo nelle sfere politiche ma anche negli affari, nel mondo accademico e nelle forze dell'ordine. I modelli basati sulla competizione che modellano la nostra società tendono a premiare coloro che sono disposti a fare tutto il necessario per arrivare in cima, e il tipo di persona che è disposta a fare tutto il necessario per arrivare in cima sembra essere il tipo di persona che gode del potere che deriva dall'essere al vertice.

Quando tutti i tuoi sistemi inevitabilmente premiano gli psicopatici con potere e denaro, ti ritroverai necessariamente governato da psicopatici. Quella fame di potere che ha visto John Wayne Gacy fotografato con la moglie di un presidente degli Stati Uniti è la stessa fame di potere che gli ha fatto divertire a strangolare a morte giovani uomini mentre erano ammanettati e impotenti sotto il suo controllo.

Le nostre vite sono direttamente influenzate dal fatto che gli psicopatici costantemente cercano e raggiungono l'ascensione nelle sale del potere. Ma le nostre vite sono anche direttamente influenzate in innumerevoli modi dalle stesse dinamiche di potere che si manifestano soprattutto nei peggiori psicopatici.

Il potere è il controllo sulle altre persone (Nota mia: anche e soprattutto su sé stessi, ma lo dice dopo). La misura in cui controlli il destino di qualcuno è la quantità di potere che hai su di loro.Il numero di persone sulle cui vite puoi esercitare il controllo, e la misura in cui puoi farlo, è la quantità totale di potere che hai.Se sei un funzionario del governo, un amministratore delegato miliardario, un giudice, un esperto influente o il pastore di una mega chiesa gigante, avrai un grande potere.Se sei un normale lavoratore, non avrai molto.

Ma tutti abbiamo sperimentato l'impulso di esercitare il controllo sugli altri nella nostra vita, anche se è stato relativamente lieve. Potresti non cercare il potere fine a se stesso o ottenere gratificazione tenendo la vita di qualcuno nelle tue mani come ha fatto Gacy, ma hai sicuramente voluto controllare ciò che una persona cara fa o non fa a un certo punto, o volevi che la società fosse un certo modo che si allinea con i tuoi ideali. Anche se è per le ragioni più nobili, tutti abbiamo desiderato il controllo prima o poi.

L'impulso al controllo è così pervasivo in tutta la nostra specie che gioca un ruolo fondamentale nell'espressione della nostra psicologia personale. L'emergere dell'ego, il senso illusorio di essere un sé separato nel mondo che si distingue dalla vita e dal resto dell'umanità, nasce dal desiderio dell'organismo umano di esercitare il controllo sul proprio destino nella prima infanzia quando gli viene presentato la spaventosa prospettiva di essere un bambino impotente circondato da giganti. Costruire una struttura concettuale attorno a un personaggio "me" ci fornisce la rassicurante sensazione che possiamo usare il pensiero e il linguaggio per esercitare il controllo su ciò che accade a quel personaggio, un senso che alla fine è del tutto illusorio poiché nulla è mai veramente sotto controllo in questo mondo.

Uno psicopatico è solo un ego portato al suo estremo più tossico e distruttivo. Un desiderio di controllo che pervade ogni aspetto della propria esperienza personale.

È questo stesso impulso al controllo che ha visto l'emergere di imperi nel corso della storia. L'incapacità di essere d'accordo con il fatto che ci sono persone in altre terre che fanno cose che non puoi controllare è intollerabile per ego particolarmente gonfiati; la storia registrata è in gran parte una storia di truppe inviate per conquistare persone straniere per tenerle sotto controllo e dare a quegli ego gonfiati un temporaneo senso di sicurezza.

Vediamo chiaramente questo desiderio di controllo con l'impero dominante di oggi nella Dottrina Wolfowitz , una politica del governo statunitense formulata subito dopo la caduta dell'Unione Sovietica secondo cui nessun'altra superpotenza dovrebbe essere autorizzata a emergere che potrebbe sfidare l'egemonia statunitense. L'obiettivo del perpetuo dominio unipolare degli Stati Uniti, ora semplicemente la posizione ortodossa standard nell'intera classe politica/mediatica occidentale, è la massima espressione di questo desiderio di controllare il maggior numero possibile di esseri umani nella misura più ampia possibile. Ed è alla base delle dinamiche dietro ogni grande notizia di cronaca internazionale dei nostri giorni.

Che sia per paura delle orde barbariche o per paura di una Cina in ascesa, ogni impero che sia mai esistito è stato creato e mantenuto per un impulso al controllo. La costruzione dell'impero è solo egoismo su larga scala. Gradi variabili di psicopatia che controllano il destino di un gran numero di persone.

E ora questo impulso al controllo ha portato la nostra specie sull'orlo di una guerra nucleare con la Russia a causa dell'agenda dell'impero centralizzato statunitense di accerchiare la nazione e rovesciare MoscaSiamo a un punto in cui il nostro desiderio di controllo sta minacciando non solo la nostra capacità di vivere armoniosamente l'uno con l'altro, ma la nostra stessa sopravvivenza.

Se l'umanità vuole sopravvivere nel futuro e uscire dai suoi modelli basati sulla competizione che abilitano la psicopatia in una relazione collaborativa con tutta l'umanità e con il suo intero ecosistema, quel futuro arriverà necessariamente con l'abbandono del nostro antico impulso al controlloIl nostro impulso a controllare le nazioni, a controllarci a vicenda, a controllare la vita stessa. Arriverà con un abbandono dell'impero, un abbandono dei programmi di potere e un abbandono dell'ego umano.

Ogni specie alla fine raggiunge un punto in cui deve adattarsi a condizioni mutevoli, altrimenti si estingue. È chiaro ora, mentre affrontiamo minacce esistenziali su più fronti a causa dei nostri tentativi distruttivi di controllarci l'un l'altro e il nostro ecosistema, che la nostra stessa specie è a un tale punto in questo momento.

Se c'è un'umanità dall'altra parte degli ostacoli esistenziali che ora dobbiamo affrontare, è un'umanità che ha lasciato andare il suo impulso al controllo e ha invece imparato a muoversi in armonia con ciò che è. È difficile immaginare da dove siamo in questo momento, ma è solo perché non l'abbiamo mai visto prima. Tuttavia, non abbiamo mai visto nulla di simile alla nostra situazione attuale. C'è una prima volta per tutto. O supereremo questo test o non lo faremo.


lurker hanno apprezzato
Citazione
R66
 R66
Trusted Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 83
 

Quando si affronta questo tema, non di rado le teorie risultano fondate su un presupposto mai verificato e mai, secondo le testimonianze che abbiamo potuto ricevere dal passato, accaduto.
Questo premessa è la seguente: l'uomo in qualche maniera potrebbe migliorarsi fino al punto di creare un mondo armonioso nella sua totalità.
Qualcuno può testimoniare che ciò sia mai successo in passato?
La risposta credo sia scontata, quindi si tratta di una ipotesi o meglio, di una voglia, di un desiderio basato su una sorta di sogno, ripeto, mai realizzato prima.

Ciò significa che non bisogna neanche tentare?
No, ci mancherebbe, per quanto mi riguarda una persona potrebbe provare anche ad agitare le braccia con la speranza di spiccare il volo come fosse un gabbiano.
Oppure, senza voler in assoluto affermare l'impossibilità di riuscire a volare, potrebbe concentrare l'attenzione sul resto che si perde nel mentre dell'intento.

Cos'è questo resto?
Sono i rapporti con la vera società, che altro non è se non il proprio circondario: i vicini, i parenti, gli amici, insomma tutti quelli con cui avviene una reale interazione, ovviamente non a discapito di quanti non ne facciano parte al momento.
Il principio è quanto di più semplice, sezionando l'attenzione ogni elemento ne riceve soltanto un pezzettino e questo sarà minore in relazione all'aumentare dei fattori su cui concentrarsi.
Il risultato, come possiamo vedere, è un marasma di situazioni tutte gestite in maniera pessima.
Gente che mentre partecipa a manifestazioni varie e si prodiga verso il mondo "perfetto", abbaia al contatto con il prossimo. 
Concludendo, il migliori promotori della globalizzazione/controllo, dal mio punto di vista, non sono i Soros, i Bill, i Klaus ecc... ma tutte le personcine "premurose" che pensano, ideano e parlano di una soluzione per tutti, per l'umanità, qualunque essa sia, addirittura da attuare contemporaneamente.

 


RispondiCitazione
LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 355
Topic starter  

@R66

Chissà, eppure la psicopatia è un'espressione particolare dell'uomo moderno, civilizzato. E più diventa civilizzato e più diventa psicopatico. I dati lo dimostrano. Nelle popolazioni non civilizzate, native, ormai più rare di un diamante da 20 carati, la psicopatia era quasi inesistente. Non che non esistessero malattie mentali o aggressività anche forte ma non esisteva proprio quello che l'articolo sottolinea più volte: il voler dominare ogni cosa. Questo è il punto che ti è sfuggito. Dove c'è controllo di qualunque cosa là nasce la psicopatia. In fin dei conti uno psicopatico che persona è? Uno a cui è stato posto a un controllo enorme, umiliante, devastante, violento, sia dai genitori sia dalla società in sé. Non è certo una cosa naturale se uno arriva a desiderare e provare piacere a uccidere persone a caso. Non è certo un caso.

Quindi qui non si tratta di raggiungere l'impossibile come volare e trovo questo paragone veramente improprio poiché appartiene ad altra categoria di tipi logici (non si paragonano mele con pere), e non c'entra nulla con il senso dell'articolo.

E non si tratta di migliorarsi, si tratta, più semplicemente di accettarsi ed essere accettati per quello che si è, sia individualmente sia come esseri umani in generale. Cosa che molti non comprendono forse perché facendo così perderebbero il controllo su sé stessi o su qualcosa che alla fine gli fa molto comodo.

I signorotti che hai citato sono tutte persone che vogliono un controllo, anche presupponendo il fin di bene (ma non lo è), poiché non sono in grado di accettare le cose come sono. in più vogliono anche il dominio e il mantenimento dello status quo personale, ma qui svicoliamo dal discorso. E tutti quelli che gli vanno appresso vogliono lo stesso controllo. Anche se in misura minore. Ma poi minore o maggiore contano poco, quelle che conta sono le intenzioni. Così i genitori vogliono controllare i figli, la società i cittadini, le religioni la spiritualità degli individui, i medici  il corpo delle persone e così via fino a finire con i figli che vogliono controllare i genitori quando sono vecchi (non è vero che se ne prendono cura) e così si chiude il cerchio!

L'autrice sta dicendo esattamente questo e tu non lo hai capito.


RispondiCitazione
R66
 R66
Trusted Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 83
 

Se in un concetto non ci fosse l'intenzione di controllare, non ci sarebbe neanche il desiderio di impostare, di conseguenza non si parlerebbe mai di mondo, casomai di vita, la propria, l'unica che teoricamente si potrebbe riuscire a gestire e la quale è in stretto contatto con soltanto alcuni, non con l'idea astratta globale.
Oltre a ciò, si dovrebbe tener presente che tra le opzioni ci potrebbe essere anche quella di un'irrealizzabilità proprio per via del "materiale" da adoperare.
In soldoni: forse non siamo capaci di gestire grandi numeri a priori.
Personalmente, prima ancora di ragionare su questa problematica, preferisco adoperarmi per numeri più piccoli e, nonostante l'impegno che ci metto, devo ammettere che non mi riesce neanche tanto bene.
Se poi qualcuno crede di aver risolto ogni cosa intorno a sé e ha delle energie per pensare anche a situazioni lontane ben venga, semmai un giorno avrò il piacere di incontrarlo ci chiacchiererò volentieri, fino ad allora comunque resta un personaggio reale quanto lo è un puffo.
In ogni caso non c'è bisogno di scomodare le civiltà native, le quale neanche avevano il benché minimo pensiero verso l'idea di umanità, è sufficiente andare a ritroso di qualche decennio per notare che i discorsi che ora fa l'autrice e moltissimi altri erano quasi inesistenti, questo non perché fossimo menefreghisti, ma perché il desiderio di "tutti o nulla" implicito nella parola stessa (umanità) ha visto la luce recentemente.
Insomma, essendone stati assimilati, si denigra e si promuove una stessa cosa.
Il prodotto del nuovo pensiero è che i "tutti" non si risolve comunque e i pochi li si manda in malora, cosa quest'ultima che prima accadeva meno spesso.


RispondiCitazione
cedric
Noble Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 1697
 

L'umanità evolutasi dagli animali  è stata sempre guidata dalle medesime quattro pulsioni: fame(=sopravvivi), sesso(=riproduciti), paura(= riconosci i più forti) e potere(=assoggetta i più deboli), Queste pulsioni sono tuttora ben presenti nell'uomo moderno e la tecnologia ne ha solo ampliato le conseguenze sociali.  Taluni reputano che quando esse non siano più in equilibrio fra loro si passi in uno stato di cosiddetta psicopatia. Altri non concordano su tale approccio.

Però una domanda da porsi è cosa è la psicopatia? O ancora meglio chi è psicopatico? Una buona risposta ad un quesito analogo la propose un noto antropologo italiano. Domanda: chi è posseduto? (se siano demoni, dei o spiriti non importa) Risposta: é posseduto colui che la società ritiene che sia posseduto. Analogamente si puo' argomentare che è psicopatico colui che la società ritiene che sia psicopatico.  Il suffisso -patia in ambito medico ( in altri ambiti ha valenza diversa) indica una disfunzione o un allontanamento dai valori ritenuti normali. Quindi uno psicopatico sarebbe colui che non ha un comportamento ritenuto normale perchè non si attiene alle regole delle sua società. 

Il bello è che lo psicopatico talvolta (in effetti raramente) ottiene un vantaggio sociale dal suo status. Se con una forte pulsione al potere/controllo  decide di non seguire le regole correnti, costui  puo' raggiungere scopi inarrivabili ad altri e  può anche indurre altri a seguirlo innescando in loro un comportamento gregario. Puo' creare consenso, indentificazione ed aggregazione diventando un leader che puo' cambiare lo status quo sociale. La cosa divertente è che a seconda del successo che otterrà nel suo cammino, il sedicente psicopatico verrà dichiarato o genio e salvatore del popolo oppure criminale dell'umanità.

La faccenda dello psicopatico assomiglia a quella del vecchio mantra del parrucconi secondo i quali il bene vince sempre, ma non sarà per caso che quel che ha vinto sia dichiarato essere il bene/salvatore e quel che ha perso sia dichiarato il male/criminale?

Per ultimo, che si vince se superiamo il test? E se invece non lo superiamo che succede?

 


lurker hanno apprezzato
RispondiCitazione
LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 355
Topic starter  

Credo tu faccia molta ma molta confusione. Se imposto qualcosa posso avere comunque il desiderio di controllare ma è molto meglio se non lo faccio o mantengo il controllo al minimo. Posso impostare senza avere la minima intenzione di controllare. In fin dei conti le grandi scoperte scientifiche sono avvenute proprio impostando ma non controllando. Le chiamiamo casuali ma in realtà il processo dietro è qualcosa di simile a quello descritto. Se i fratelli Wright avessero voluto controllare tutto non avrebbero mai spiccato il volo. Non controllare vuol dire rischiare, e chi non risica non rosica.

Poi non capisco, nessuno ha mai detto ne io ne l'autrice che con questo si risolve tutto. Si dice solo che è un aspetto importante da prendere in considerazione, e forse il più fondamentale.

Se ho capito bene tu dici che le società native non avevano idea di umanità. Bene, credo che la tua conoscenza della stessa si limita veramente a film come Apocalypto. Bel film per carità ma pieno di inesattezze antropologiche da far paura. Sorvoliamo.

Ma mica è vero che se ne parla da qualche decina d'anni! Ma dove le prendi queste affermazioni? Ci sono testi antichissimi che parlano di quello che dice l'articolo. La psicologia se ne occupa dalla sua nascita. 

E non so dove vedi in giro questo desiderio di tutti o nulla.

 


RispondiCitazione
R66
 R66
Trusted Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 83
 

@LuxIgnis il desiderio del "tutti o nulla" è incluso in qualsiasi discorso rivolto in un'ottica sociale allargata che vada oltre il proprio vivere; è un'astrazione.
La necessità di un'astrazione dal mio punto di vista è un alibi verso se stessi: se più gente facessero così o cosà (ossia solo l'interlocutore del caso conosce) le cose sarebbero migliori.
Chi non pretende controllo non parla affatto di umanità, ne di mondo, ne di soluzioni ne dello stesso concetto di controllo.
Ovviamente il tutto IMHO.


RispondiCitazione
LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 355
Topic starter  

@ Cedric

Beh qui il discorso si fa più interessante.

Le 4 pulsioni fondamentali non sono proprio come dici te ma bene o male ci possono stare. Secondo la psicologia sono le 4 F in inglese: Food, Fuck, Fight, Flight. Cibo, Sesso, Lottare, Fuggire. E penso anch'io che qualche problema nella mancanza di equilibrio lo possano dare. Ma attenzione, si deve pensare a un equilibrio dinamico e non statico. Detto in breve mangiare quando si ha bisogno di mangiare e non ingozzarsi sempre come non ci fosse domani.

Per quanto riguarda la psicopatia se la leggi in senso letterale, anche se vorrebbe significare "malattia dell'anima", allora il tuo discorso è valido. Ma qui viene intesa in un senso specifico riguardo a individui che hanno una pulsione distruttiva di controllo verso gli altri. Non è solo uscir fuori dai canoni societari o dalle regole del tempo, è proprio il desiderio di dominare e di fare del male. L'articolo apre con la storia di un vero e proprio "Mostro". Non è certo un mostro perché esce fuori dalle regole della società. Lo sarebbe in qualunque società.

Se intendi per psicopatico quello che hai inteso tu allora anche il creativo (in tutti gli ambiti), colui che con la sua visione e creazione ha cambiato delle cose, è uno psicopatico. Non credo sia così.

E' interessante notare che i nativi avevano un concetto molto diverso delle malattie mentali e un approccio insolito rispetto a quelle della nostra società. La "malattia mentale" veniva considerata una diversità che andava integrata. Una sorta di squilibrio tra forze diverse che non per forza erano negative in sé. E veniva accettata, cercando di aiutare la persona colpita a elaborare e integrare queste forze. Non veniva rifiutata o guarita a tutti i costi come fa la società moderna (con scarsissimi risultati). A volte queste persone diventavano membri importanti della comunità.


RispondiCitazione
LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 355
Topic starter  

@R66

Più chiaro così. E' chiaro che uno parla sé e non di tutti. Ma parlando di sé parla automaticamente a tutti e di tutti. Ci sono cose che sono universali anche se poi ci sono sostanziali differenze nelle manifestazioni individuali. Il problema del controllo è un problema che riguarda tutti, nessuno escluso. Il desiderio di controllo non è altro che paura e credo che la paura ci appartenga a tutti. Non è detto che parlarne poi voglia dire per forza che si abbia paura. Ma la si è avuta. La si è conosciuta.

L'umanità migliorerà se mai un giorno verrà a capire chi veramente è, e si accetterà e non si vergognerà di quello che è.


RispondiCitazione
R66
 R66
Trusted Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 83
 
Pubblicato da: @luxignis

L'umanità migliorerà se mai un giorno verrà a capire chi veramente è, e si accetterà e non si vergognerà di quello che è.

Proviamo ad espandere il discorso partendo da questa frase.
Per togliere più carne possibile dal fuoco pensiamo che questo desiderio di "offrire" un qualcosa all'umanità sia fondato su un tipo di amore disinteressato e non su un proprio tornaconto personale, ossia se tutti facessero X potrei godere più di Y, ma purtroppo, per via di, per colpa dei, ecc...
Già stiamo fantasticando, ma andiamo oltre concentrandoci soltanto sulla parola "migliorerà".

Che fare nel caso la miglioria dovesse venir rifiutata indipendentemente dalle motivazioni?
Ogni parola oltre a "nient'altro" non diventerebbe di per sé una forma di controllo?
Personalmente ritengo di si, quindi un volta elargito il consiglio la questione dovrebbe cessare, invece per i più l'intenzione non svanisce.

Come mai sia nell'autrice che nella maggior parte degli articoli in tema si pretende oltre?
Cosa c'è che porta ad insistere se non la trasformazione nella propria mente di coloro che rifiutano in quelli che non capiscono?

Detto ciò a me riesce assai complicato seguire il ragionamento, non per via della complessità, ma perché ne sento lo scricchiolio fin nel midollo, percepisco che non c'è soltanto quello che si intende, ci vedo dell'altro: ai miei occhi c'è la stessa sostanza che si dice di voler contestare ma con un'altra forma, la propria, quella appunto percepita come "giusta".

La mia ottica è totalmente diversa, considero tutti i fantomatici psicopatici utili se non addirittura necessari, seppur non facili da "affrontare" e digerire.
Non penso che la Terra possa e debba mai diventare un paradiso, ma che l'identica modalità in cui ognuno se l'abbia trovata davanti nel tempo sia la forma "perfetta" per poter operare su se stessi.
Azione quest'ultima alla portata di tutti ma non necessariamente obbligata a tutti.
Andiamo sullo spirituale, lo so, per cui non voglio approfondire oltre, comunque non si può pretendere di affrontare temi del genere restandone totalmente al di fuori.


RispondiCitazione
LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 355
Topic starter  

@R66

Il tuo discorso ha un valore se intendi che qualunque cosa venga imposta anche con le migliori intenzioni è pur sempre un tentativo di dominio. 

Ma la mia non è assolutamente un'offerta di nessun genere. E neanche di amore o quant'altro. Dell'umanità a me sinceramente non è che me ne interessi molto. Se non per quel poco o tanto con cui mi tocca averci a che fare.

Quindi la mia ottica è ancora più diversa dalla tua, non considero gli psicopatici né utili né inutili, per quanto non mi fa piacere averceli intorno e quando li incontro o li rendo innocui o me ne vado.

Ma la mia è solo una constatazione non un desiderio né un obbligo. Come dire? Se ti vedo camminare sull'orlo di un precipizio in evidente stato di ebbrezza, io posso anche dirti che stai rischiando di cadere giù, ma se cadi giù è una tua scelta e non me ne curo. E' giusta questa percezione? Non è un concetto di giusto o sbagliato. E' così. 

L'uomo medio per me fa finta su tante cose ed è un ipocrita fottuto, per cui se si conoscesse un po' meglio forse le cose andrebbero diversamente. L'uomo medio si vergogna di tutto, di sé, dei suoi bisogni, delle sue aspirazioni, dei suoi sogni. Anche qui fatti loro, non mi interessa. io ho imparato a conoscermi, e a non vergognarmi. Degli altri penso che ognuno possa fare il proprio percorso e affrontare il proprio inferno. Quello su cui non siamo d'accordo è che la terra non possa essere un paradiso, entro certi limiti naturali (morte e malattia sono insite della materia), ma può anche essere un inferno. Ebbene la scelta dipende da noi come singoli e anche come collettivo. Perché a me un po' mi rode di dover passare sulle teste dei cadaveri che incontro per strada per farmi spazio e preferirei non farlo. Mi rode dover comunque dipendere da situazioni che altri uomini, la massa, hanno deciso e su cui non sempre ho le forze per evitarle. Mi rode, ma non troppo. Chi sta male in fin dei conti son loro. Son loro con gli occhi spenti, i mei cerco di tenerli ben vivi.

E' come con la guerra. Si può scegliere la pace? Senz'altro vi sono mille possibilità per esse. Raramente è inevitabile. Ma non dipende dal destino, da Dio, o da chissà che cosa. Dipende sempre da noi.

I nativi nelle varie tradizioni, quando avevano a che fare con gli "psicopatici" prima attuavano tutta una serie di strategie, rituali, guarigioni e quant'altro per riportare l'equilibrio. Ma se non ci riuscivano li facevano fuori, perché sono un pericolo.

IMHO


RispondiCitazione
R66
 R66
Trusted Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 83
 
Pubblicato da: @luxignis

Perché a me un po' mi rode di dover passare sulle teste dei cadaveri che incontro per strada per farmi spazio e preferirei non farlo. Mi rode dover comunque dipendere da situazioni che altri uomini, la massa, hanno deciso e su cui non sempre ho le forze per evitarle. Mi rode, ma non troppo.

Qui sta tutto il succo del discorso.
Ci cadiamo tutti non credere che qualcuno ne sia completamente immune, però chiunque potrebbe cercare di sviscerare la dinamica in più possibile così da rendersi conto che ci sarà sempre qualcuno o qualcosa a mettere il bastone tra le ruote.

I più, come ben sappiamo, reagiscono in maniera bambinesca: "è colpa tua/sua la mia condizione, se faceste diversamente vivrei bene e il mondo sarebbe migliore!"
Con questa frase abbiamo l'insieme di maggioranza, i restanti rappresentano quelli che decidono di affrontare la cosa in altra maniera.
La vita funziona proprio in questo modo e almeno io non posso farci niente, l'unico "rimedio" che ho trovato è quello di ridurre il più possibile quel "ma non troppo".
Tra le prime reazioni che ho notato nel processo c'è stata quella di ritirare l'onnipresente ditino accusatore verso i cattivoni di turno.

Tempo fa in un articolo pubblicato da Valentina Bennati ho letto una bella frase che ricordandola a memoria diceva: "non è il percorso ad essere difficile e la difficoltà ad essere il percorso" - fuffa per tanti, ma per fortuna non per tutti. 😉

Aggiungo
Coloro che vedono il mondo tramite i rapporti di forza, invece di lamentarsi dovrebbero adoperarsi in tal senso, in quanto trovo abbastanza paradossale piagnucolare dicendo: "abbiamo perso perché l'avversario era più forte".
Come risposta un bel "grazie al" in questo caso non stonerebbe affatto!


INTP hanno apprezzato
RispondiCitazione
LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 355
Topic starter  

@R66 Mi dispiace ma non hai capito quello che intendo.

Non giustifico io lo psicopatico che violenta la bambina. Lo strozzo. E questo modo di pensare porta proprio a quello. Se ci fai caso.

Ci sono cose che dipendono da noi, e questo è vero. Ma ci sono molte altre cose che non dipendono da noi. E questo è ancor più vero.

Il tuo discorso è proprio di chi pensa di poter controllare le cose. Poche cose cadono sotto il nostro controllo. Pochissime. E questo pensiero porta alla vergogna di cui dicevo prima, la cui figlia principale è il senso di colpa. Allora è causa mia se è successo questo! Sono colpevole e responsabile. Di cosa? O che presunzione! Non sei niente e pensi di poter fermare qualcosa di più grande di te?

Shit happens dicono gli americani e hanno ragione. Non sempre ce la tiriamo addosso la merda. Certo, ci possiamo mettere del nostro e questo ci fa corresponsabili ma il più delle volte non è così. Come ho detto prima, se sto sull'orlo del precipizio ubriaco allora la merda me la vado a cercare, ma se qualche psicopatico mi ci ha portato lì con la forza e mi spinge di sotto, devo forse sentirmi responsabile e colpevole?

Non si tratta di additare qualcuno, si tratta di prendere coscienza che quel qualcuno se ha superato certi limiti andrebbe fermato, perché sta spingendo le persone giù per il precipizio.


RispondiCitazione
R66
 R66
Trusted Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 83
 

Veramente sto dicendo che che le conseguenze delle azioni altrui sono parte integrante della vita, poi sta a all'interessato decidere il grado in cui lasciarsi intaccare.
Nel giocare la stessa partita risulta ovvio che l'impatto non potrà essere indifferente, ma sedersi al tavolo non è obbligatorio, è una scelta.


RispondiCitazione
LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 355
Topic starter  

Qui divergiamo totalmente, non sempre c'è una scelta. Sì, puoi scegliere come affrontare il trauma e lasciartelo alle spalle, ma non puoi evitarlo né evitare le conseguenze. Quindi a volte ci tocca giocare partite che hanno scelto eventi esterni a cui non ci si può sottrarre. O meglio puoi sempre scegliere di morire in casi estremi per evitare di sederti al tavolo, ma in quel caso non la considero una scelta, anche quella morte è imposta. E anche se fosse una scelta di certo non è tra le migliori. 

Anche se ti rifugiassi in cima a un monte, in una grotta, anche lì prima o poi potrebbe arrivare qualcosa su cui non hai nessun potere di scelta. 

Certi tavoli purtroppo sono obbligatori. Anche questo è parte integrante della vita.

Come diceva Don Juan nei libri di Castaneda che è come camminare in un percorso di montagna e ci si slaccia la scarpa e ci si ferma ad allacciarla. In quel momento un masso cade giù e ci avrebbe preso in pieno se non ci fossimo fermati. Ma può anche accadere che il masso ci cada addosso proprio perché ci siamo fermati ad allacciarci la scarpa. Quindi? Don Juan dice che l'unica cosa che possiamo fare è allacciarci le scarpe con impeccabilità. E questa è l'unica scelta che abbiamo. Il resto non è nel nostro controllo. La partita la decide qualcun altro e ci tocca giocarla, ma con impeccabilità se vogliamo.

 


RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi: