Notifiche
Cancella tutti

Target 2

Pagina 10 / 13

Deheb
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 201
Topic starter  

Che fatica…probabilmente ho saltato qualcosa.

Ho visto che anche Megas ha risposto ai 12 quesiti, sono abbastanza d’accordo nelle linee generali, metto comunque le mie risposte.

 

Abbiamo raggiunto un accordo su questo punto?”

Ni.

Ovvero, al momento sono attività/passività, cioè scritture contabili. Hanno però un significato. Un pò come parlare di trasferimento e creazione/distruzione di moneta, la sostanza non cambia, una parte avrà di più e una meno dello stesso importo. 

 

1) Al momento io li considererei come attività/passività che derivano da flussi di capitali. Non sono però irrilevanti, sono iscritti a bilancio nelle BC e nella BoP. 

 

2) SE…si dovrebbe regolarli. Come non saprei di preciso. Dovrebbero cadere in capo all’intero eurosistema e valere per quota capitale nell’ambito BCE. Son comunque senior debt quindi non dovrebbero essere ridenominati. Ma bisognerebbe vedere chi come concordato, ostile, tante variabili legate ad una singola decisione fanno la differenza.

 

3) Al momento non mi pare la Germania abbia particolari problemi. Ha un accumulo di attività (bilanciate da passività), hanno una liquidità bancaria enorme e mal sfruttata (remunerata). Altro boh…

 

4) In ottica unione completa (ovvero un unico “paese europeo” ha poco significato, si tratta di spostamenti di capitali da una futura “regione” ad un’altra. La regione ricca diventerà più ricca e viceversa. Potrebbe evitare l’accumulo una distribuzione uniforme dei capitali, il mercato dovrebbe prezzare un Bund al pari di un Oat, un BTP o tutti gli altri. Oppure unificare tutto.

 

5) Credo sia preoccupato del fatto che i crediti T2 abbiano a garanzia titoli di dubbio valore o per lo meno il valore reale non corrisponda al nominale. E poi potrebbe temere “inflazione da base monetaria”.

 

6) Credo sia riferita alla 5), la BCE prende di tutto, debito sovrano e corporate. E poi alcuni obbligazioni vengono cartolarizzate.

 

7) Ci sono ma è troppo vasto come argomento

 

8) ??? Tutto è possibile ma…tu hai esempi?

 

9) Per tutti chi intendi? A un certo livello credo si sappiano molte cose, la gente normale probabilmente non ha la più pallida idea. Sul dibattito politico avrei seri dubbi: finirebbe che ognuno tira il discorso dove ha più convenienza.

 

10) In ottica unione si arriverà probabilmente a una forma di compromesso che scontenti tutti formalmente (praticamente sarà da vedersi). Io sarei per una fuga dall’unione ma la vedo molto dura. 

Da rifuggire per chi si dovrà sobbarcare i debiti altrui….ma siccome un debito è anche un credito la cosa è complessa.

 

11) Negli USA c’è una ripartizione per riequilibrare i saldi di ogni singola FED regionale. Non ricordo la cosa sull’arrangiarsi. Ma formalmente è una condivisione che però ha il vantaggio di non avere rischi di controparte. Non è una compensazione dei saldi, non avviene un “pagamento” dare/avere. E’ un ribilanciamento basato sull’operatività dei 12 mesi precedenti. La FED di NY è SEMPRE a credito con le altre. Inoltre anche il FED System ha avuto squilibri pesanti e la compensazione l’hanno interrotta per qualche anno.

 

12) Sembra il titolo di un documentario. Cosa intendi? I poveri greci vessati e spremuti vs i greci che hanno fatto i furboni pigliando i soldi (chiagni e fotti)?


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 201
Topic starter  

@Pfeffer

I rischi del Target 2

 

Vedi però che parli di rischi legati al T2 in ottica uscita dall’euro, non allo stato attuale.

“Un Paese dell'Eurozona va in bancarotta, pur restando all'interno dell'eurozona”

Bancarotta no, non fallisce e chiude tutto, non rispetta il pagamento di un determinato accordo (es non paga una tranche sui TdS) ma fallire no.

Poi non è l’Italia o la Spagna che devono pagare di tasca propria, ma l’eurosistema. Non è proprio vero….certi pacchetti nei piani di rifinanziamento sono in capo alla BCN. Ancora più complicato.

“Resta vero però che il credito non può essere messo in scadenza. “

Questo no, ovvio.

“Misure per mettere un freno ai saldi Target”

Gia suona male, mettere un freno a un sistema di pagamento significa bloccare i pagamenti. A cosa servirebbe un sistema di pagamento se non paga? Mi pare illogico.

Anche le transazioni fatte tra banche direttamente…già possono farlo se si fidano l’una dell’altra. Ma anche qua la proposta mi pare illogica: come fanno a finalizzare un pagamento in moneta di banca commerciale? 

La 7) è la cosa più sensata!


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 201
Topic starter  

“Dopo di che, tornerà ad avere il problema del cambio forte che limiterà le sue esportazioni... questa è l'economia... “

Non necessariamente, anzi per la Germania certe esportazioni sono insensibili al cambio, cosa che per noi invece è essenziale. Solo come punto di partenza vedere se la Marshall-Lerner è soddisfatta.

 

“questa affermazione contrasta con la realtà storica degli ultimi 12 anni, più la BCE compra (liquida), più il rating migliora ed i rendimenti si abbassano (la Grecia e l'Italia ne sono l'esempio)..... ma questa per chi ha studiato MMT e conosce la materia..”

La BCE “compra” temporaneamente, alla scadenza restituisce (un REPO), a meno che non faccia acquisti definitivi. Ha abbassato i rendimenti ma il rating no, almeno per ITA. Siamo a BBB…

 

“già spiegato da Mosler in modo esemplare nel piano di uscita e da me riportato nel mio ultimo articolo”

Se fosse come per il Burundi, spero di no.


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Trusted Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 77
 

“Dopo di che, tornerà ad avere il problema del cambio forte che limiterà le sue esportazioni... questa è l'economia... “

Non necessariamente, anzi per la Germania certe esportazioni sono insensibili al cambio, cosa che per noi invece è essenziale. Solo come punto di partenza vedere se la Marshall-Lerner è soddisfatta.

M: "certe esportazioni" intendi  quelle in regime di monopolio, oppure tu vuoi dire che il mercato quando acquista non tiene conto del prezzo... via su siamo seri!!! stiamo parlando a livello macroeconomico non dei gusti di qualcuno!!!!

“questa affermazione contrasta con la realtà storica degli ultimi 12 anni, più la BCE compra (liquida), più il rating migliora ed i rendimenti si abbassano (la Grecia e l'Italia ne sono l'esempio)..... ma questa per chi ha studiato MMT e conosce la materia..”

La BCE “compra” temporaneamente, alla scadenza restituisce (un REPO), a meno che non faccia acquisti definitivi. Ha abbassato i rendimenti ma il rating no, almeno per ITA. Siamo a BBB…

M: La BCE compra temporaneamente!!!!! basta vedere l'espansione del bilancio della BCE ed i TDS che ha in corpo oggi rispetto a 12 anni fa, per smentire fattualmente la tua affermazione!!!! Altrimenti non si parlerebbe oggi dopo 12 anni di QE di QT.... che è il contrario del QE.....

Tu fai confusione con gli acquisti che la BCE fa a termine per gestire la politica monetaria che consente di raggiungere l'obbiettivo di tasso (i Repo sono uno degli strumenti)..... e questo dimostra quello che ti ho detto essere una delle due funzioni rimaste che svolgono i TDS.... (strumento per raggiungere il target di tasso e fare spesa pubblica, pagando interessi, ovvero politica fiscale).

 

“già spiegato da Mosler in modo esemplare nel piano di uscita e da me riportato nel mio ultimo articolo”

Se fosse come per il Burundi, spero di no.

M: vabbè, fai del sarcasmo perché non sai cosa dire e cosa rispondere di fronte all'evidenza!!!! in due parole, tanto per ripetere quello già detto.... il Burundi compra petrolio cambiando il franco del burundi in dollari, che contabilmente e fattualmente rappresenta il consegnare alla Fed un estratto conto denominato in franchi del burundi. Se non sei d'accordo pregasi argomentare con argomenti seri e dimostrati!!!

Per quanto riguarda il saldare i T2, ho già spiegato tecnicamente e contabilmente, quindi anche su questo argomenta, altrimenti con il sarcasmo si va da poche parti.

Mosler aggiunge, che nel caso di uscita e non conversione obbligatoria dei depositi in Lire..... lo Stato italiano avrebbe la possibilità, senza incorrere in fenomeni inflattivi, di saldare ogni debito effettivo e non (T2), reperendo euro dalla logica conversione di euro in Lire (prodotte dal nulla), in base alla necessità che ha la cittadinanza per poter assolvere ai nuovi pagamenti in lire (tasse comprese).

Questo post è stato modificato 4 settimane fa da Megas Alexandros

RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 201
Topic starter  

I TLTRO (I-II-III-….) sono operazioni di rifinanziamento a termine (anni a seconda della tranche). Alla scadenza vanno ripagati questi prestiti a tassi vantaggiosi.

(CIT: ”Ciascuna OMRLT-III avrà scadenza a due anni. Alla luce di tale scadenza più breve rispetto alle prime OMRLT e alle OMRLT-II, ai partecipanti non viene accordata l'opzione di ripagare volontariamente alcuna somma aggiudicata nell'ambito della OMRLT-III prima della loro scadenza.”)

Un REPO a lunga scadenza, e alla scadenza magari rinnovano.

 

Il rating comunque non è cambiato.

 

La conversione è una cosa, il continuare a produrre lire un’altra. Ha effetti sia sul cambio che sulla base monetaria. (Oltre a tutti i mercati agganciati: derivati, obbligazionario, azionario, sistema bancario……). Detta così è banalissima e semplicistica. In due righe non risolvi un problema complesso. Mosler è libero di dire ciò che vuole ma sa che la realtà è differente da come la descrive. E’ un esperto di derivati non uno qualunque.

 

Non era sarcastico, inutile però ripetere la discussione fatta. Quello è il mio punto di vista. 

 

“Se non sei d'accordo pregasi argomentare con argomenti seri e dimostrati!!!”

Non sono d’accordo e te l’ho anche detto, farei copia/incolla della discussione fatta in precedenza e di argomenti seri e dimostrati ne ho messi, sta ancora scritto come anche i link (non ho tempo di riprendere il tutto).

Ci sono i riferimenti al bilancio della BC del Burundi, le riserve in valuta straniera, i motivi per cui ha riserve, la storia delle politiche monetarie da 50 anni a questa parte (mi pare). 

In estrema sintesi E’ SOVVENZIONATO in dollari. 

Ci sono anche i riferimenti al tasso di cambio (per quanto possa valere per il Burundi). 

Fatti e dati reali.


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Trusted Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 77
 

I TLTRO (I-II-III-….) sono operazioni di rifinanziamento a termine (anni a seconda della tranche). Alla scadenza vanno ripagati questi prestiti a tassi vantaggiosi.

(CIT: ”Ciascuna OMRLT-III avrà scadenza a due anni. Alla luce di tale scadenza più breve rispetto alle prime OMRLT e alle OMRLT-II, ai partecipanti non viene accordata l'opzione di ripagare volontariamente alcuna somma aggiudicata nell'ambito della OMRLT-III prima della loro scadenza.”)

Un REPO a lunga scadenza, e alla scadenza magari rinnovano.

M: intanto io ti prego su una cosa: quando parli con me e rispondi a quello che scrivo, alla tua professionalità dimostrata cerca di abbinare anche l'onestà intellettuale.

Io sto parlando dei programmi PEPP QE, ecc. il TLTRO è un'altra cosa (sono prestiti alle banche commerciali), mentre il PEPP ed il QE sono i programmi con cui la BCE va ad acquistare TDS dal settore privato (principalmente mondo finanziario.. banche su tutti), per liberare loro liquidità. Questi programmi che constano di migliaia di euro, fanno in modo che i TDS poi rimangono in pancia alla BCE (basta vedere i bilanci) - tant'è vero che oggi, dopo 12 anni, si sta parlando di iniziare il QT, ovvero di fare l'operazione contraria. Queste operazioni fanno in modo che gli stati abbiano una notevole riduzione nella spesa per interessi, stante il fatto che la BCE, ritorna indietro la totalità degli interessi relativi alle migliaia di miliardi di TDS che ha in pancia. Questa operazione viene gestita in combinata con le BCN ed il senso è lo stesso.

I Repo, sono equiparati ad una operazione contro termine, ovvero uno strumento di politica monetaria con il quale la BCE opera per raggiungere il target di tasso che si è prefissata.

Siccome tu dimostri di essere molto professionale, non posso credere che tu non conosca queste cose, ed allora mi sorge il dubbio che manchi di onestà intellettuale nel rispondere come rispondi, al senso di un mio chiaro intervento.

Quindi vedi di non farmi diventare il dubbio realtà.

 

Il rating comunque non è cambiato.

M: i rating hanno la stessa credibilità del voto che la prostituta che hai pagato, dà alla tua prestazione.. quindi sorvoliamo.

 

La conversione è una cosa, il continuare a produrre lire un’altra. Ha effetti sia sul cambio che sulla base monetaria. (Oltre a tutti i mercati agganciati: derivati, obbligazionario, azionario, sistema bancario……). Detta così è banalissima e semplicistica. In due righe non risolvi un problema complesso. Mosler è libero di dire ciò che vuole ma sa che la realtà è differente da come la descrive. E’ un esperto di derivati non uno qualunque.

M: Mosler è un esperto di derivati più di te e per questo, conoscendo alla perfezione il funzionamento del mondo finanziario e dei sistemi monetari, è arrivato alla conclusione che i mercati ed il mondo finanziario sono completamente dipendenti dal monopolista della moneta..... questo al netto della delinquenziale scelta politica da parte del monopolista di fa decidere gli stessi soggetti. E' un concetto che ti ho già ripetuto mille volte.... e che posso dimostrare con milioni di esempi..... tanto per parlare di rating, la GRecia con rapporto debito pil al 165% era considerata fallita, oggi con lo stesso rapporto al 200% è fuori dalla vigilanza ed i suoi bond hanno rating migliore dei BTP - l'Italia con rapporto debito pil al 135% aveva uno spread a 500 l'Italia con lo stesso rapporto al 165% ha uno spread a 100 - allora comandano i mercati o comanda la BCE????

Lo stesso ragionamento vale per la conversione e la produzione della Lira.

Non era sarcastico, inutile però ripetere la discussione fatta. Quello è il mio punto di vista. 

 

“Se non sei d'accordo pregasi argomentare con argomenti seri e dimostrati!!!”

Non sono d’accordo e te l’ho anche detto, farei copia/incolla della discussione fatta in precedenza e di argomenti seri e dimostrati ne ho messi, sta ancora scritto come anche i link (non ho tempo di riprendere il tutto).

Ci sono i riferimenti al bilancio della BC del Burundi, le riserve in valuta straniera, i motivi per cui ha riserve, la storia delle politiche monetarie da 50 anni a questa parte (mi pare). 

In estrema sintesi E’ SOVVENZIONATO in dollari. 

Ci sono anche i riferimenti al tasso di cambio (per quanto possa valere per il Burundi). 

M: allora tu continui in modo intenzionale a non rispondere alla mia semplice dimostrazione fattuale ["il Burundi compra petrolio cambiando il franco del burundi in dollari, che contabilmente e fattualmente rappresenta il consegnare alla Fed un estratto conto denominato in franchi del burundi"] - o meglio, se guardiamo bene, rispondi dando ragione al sottoscritto e smentendoti in modo palese. Primo, il fatto che gli USA come dici tu, sovvenzionino il Burundi, non smentisce quello che avviene nella realtà che ti ho descritto. Anche con il piano Marschall, gli USA sovvenzionarono l'Italia, non per questo il funzionamento della moneta Lira era diverso da quello da me descritto, rappresentativo della realtà. Secondo, il fatto che gli USA, come altri Stati, da sempre mettano a disposizione fondi nella loro moneta (creata dal nulla), [tu dici per sovvenzionare, io dico per colonizzare] - per le economie di alcuni stati considerati poveri..... senza che questo provochi nessun dissesto nelle loro finanze, è una ulteriore dimostrazione di come la creazione della moneta che fanno le banche centrali non sia a debito e di come le stesse banche centrali hanno la possibilità di coprire ogni tipo di passività.

Fatti e dati reali.

M: non mi sembra che evitando di considerare le migliaia di miliardi del PEPP e del QE e considerare cosa sono realmente questi programmi, tu rappresenti i fatti reali.


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 201
Topic starter  

Siccome il riferimento era sui 12 anni di acquisti BCE, i TLTRO fanno parte di questo periodo. Questi poi fanno parte di altri programmi di acquisto (APP), compreso il PEPP. 

Vero che parte di acquisti APP sono a titolo definitivo. 

In quel caso più che un REPO avrei dovuto dire un asset-swap. 

"L'Eurosistema rende disponibili per il prestito i titoli acquistati nell'ambito del PEPP, compresi i pronti contro termine, al fine di garantire l'efficacia del PEPP." Una sorta di Reverse-REPO.

 

Tu hai parlato di miglioramento del rating...non è proprio una sciocchezza visto che tutti si riferiscono a quello.

Per l’Italia il discorso è particolare, nel 2011 è passata da A a BBB+ e la situazione era molto particolare. Poi è rimasto più o meno costante, per la Grecia invece il rating è migliorato dal 2013 ad oggi. 

Il rapporto debito/PIL lo guardano quando fa comodo (Monti docet).

Però il rating sul debito greco non è migliore di quello italiano, l’uno è BB+ (GRE) l’altro BBB (ITA). Sono però vicini.

 

Te l’ho già detto, la BCE in questo momento fa mercato e abbassa la curva dei rendimenti (almeno fino a luglio 2021). Ma è anomalo e crea distorsioni e queste vengono prezzate dal mercato, nel bene o nel male. Certo che può comprare ciò che vuole e quanto vuole ma quando lo fa significa che la situazione non funziona, la situazione è a rischio di qualcosa e perdi investitori. Vuoi far fare alla tua BC razzia di TdS sul mercato? Certo che puoi fare ma poi ne paghi le conseguenze. Io emetto e tu mi compri ad libitum. Pensa se tutti facessero così, perderesti fiducia e credibilità che sono la base della moneta fiat.

 

Cosa c'entrano il PEPP e QE, i fatti reali erano riferiti al Burundi. 

NOn è in discussione il funzionamento, sono le conseguenze di questo funzionamento.

Certo che la BC del Burundi può stampare ma comprerà sempre meno dollari (lo hai visto il tasso di cambio???). Che cacchio se ne fanno gli americani del franco burundese? Ci accendono il caminetto, fanno prima a dare dollari, idem per i DSP del FMI. E qualcosina lo prendono dall’export. O pensi che ci sia un mercato valutario per il franco B.? Maddechè! Hanno un fixing che serve come riferimento mica per “regolare gli scambi”. Ci fossero scambi poi…


RispondiCitazione
Pfefferminz
Honorable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 607
 

@Deheb

"Per riassumere:

Argomento n. 1): I saldi T2 sono crediti e debiti all'interno dell'Eurosistema? (O sono saldi irrilevanti che descrivono flussi?) 

Altri temi interessanti legati al T2 possono essere :

2) Se l'Euro si spezza, il Paese Italia deve regolare i saldi T2 e, se sì, in che modo? 

3) L'accumulo di crediti T2 rappresenta un problema per la Germania e, se sì, perché? 

4) In che modo potrebbe venire modificato il T2 per impedire l'accumulo spropositato di debiti/crediti? 

5) Cosa c'è di vero nell'affermazione di Sinn che i crediti T2 della Germania sono uno "scoperto di conto"? 

6) È vero che Paesi dell'Eurozona possono trasformare i propri debiti verso terzi (ad esempio aziende), in debiti verso l'Eurosistema? 

7) Ci sono diversi sistemi di pagamento? (i sistemi di pagamento all'epoca degli accordi di Bretton Woods, il Bancor di Maynard Keynes, i diritti di prelievo del Fondo Monetario Internazionale, il transfer-rublo della ex Unione Sovietica, il sistema delle banche distrettuali della FED)

8) Il sistema di pagamenti Target 2 può venire utilizzato per mettere in atto transazioni poco trasparenti o eticamente riprovevoli? 

9) La comprensione del T2 dovrebbe essere portato a conoscenza di tutti per aprire su di esso un dibattito politico?

10) La condivisione del debito a livello dell'Eurozona. Un fine da raggiungere o da cui rifuggire? 

11) Negli USA c'è la "condivisione del debito" oppure ogni Stato federale deve arrangiarsi quando è in difficoltà? 

12) Il caso Grecia. È veramente come ce la raccontano? "

Avevo fatto un elenco di tutti i temi che mi erano venuti in mente e in qualche modo legati al T2.  Non era mia intenzione chiedere un commento immediato, perché alcuni temi sono molto vasti, grazie comunque delle risposte. Tempo permettendo, entrerò nel dettaglio di alcuni argomenti, raccontando particolari forse poco conosciuti. 

 

 


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Trusted Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 77
 

Ti ricordo che l’argomento in discussione sui cui non concordiamo è la moneta, su come nasce e sul ruolo che il monopolista della moneta stessa ha nella sua emissione, gestione e sul controllo dei tassi e dei prezzi.

Ribadito questo, per avvalorare le mie tesi che poi sono quelle espresse dalla MMT, io devo riportarti esempi concreti. Quindi non posso esimermi dal farti analizzare cosa avviene nell’operato della BCE, che come dimostrato conferma quanto ti dico rispetto all’argomento in questione.

Per tornare al Burundi, a tutt’oggi , nonostante come tu giustamente affermi, il non avere un rating, nonostante una svalutazione galoppante della sua moneta, ripeto a tutt’oggi il Burundi riesce a comprare petrolio.

Tu mi dirai, è vero, ma la maggioranza della popolazione del Burundi non ha i soldi per comprarlo…. Verissimo, ed io ti rispondo…. anche in Italia oggi molte famiglie non hanno i soldi per pagare la bolletta e quindi usufruire del gas.

Allora torno a ripeterti un concetto fondamentale di economia: un sistema economico si equilibra solo attraverso 2 elementi, o svalutando la moneta oppure svalutando i salari…. e la svalutazione dei salari infinita porta ad un fenomeno non tanto bello di cui tu avrai certamente sentito parlare: si chiama schiavitu!!!

PS una curiosità il rapp deb/Pil non conta mentre il rating si, riguardo ai tassi …. questo tu affermi di fronte alla realtà che ti pongo!!! cavolo mi sembra in bell’esempio di disonestà intellettuale nel come riesci ad aggiustarti le cose, pur di non accettare la Verità.


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 201
Topic starter  

Non siamo distanti per tante cose, la differenza la fanno le conseguenze. 

Certo che una BCE può creare moneta, certo che può comprare ciò che vuole, certo che “stampa” e scambia con altre valute. Volendo potrebbe lunedì mattina stracciare tutti i bond e azzerare il debito. Possibilissimo. MA poi ci sono conseguenze, per te sono trascurabili, per me fondamentali. Questa è la grossa differenza.

 

Un sistema economico si equilibra verso l’estero col cambio, se non può con l’economia interna (i salari), VERSO L’ESTERO. E nessuno riesce ad essere indipendente verso l’estero. Tutti tranne uno…uno solo….che può stampare come vuole, che può scambiare come vuole, che può comprare come vuole....

 

L’affermazione “disonestà intellettuale” ti piace particolarmente, si vede dall’uso che ne fai.

La frase “Il rapporto debito/PIL lo guardano quando fa comodo (Monti docet)” 

a parte che è un plurale, già questo dovrebbe essere indicativo, comunque è inserita in un contesto, cioè quello del rating. La propaganda ha martellato sul fatto che le agenzie di rating guardano al rapporto come fosse un totem da venerare. La realtà è diversa. Nel caso fossi in dubbio chiedi invece di sparare sentenze a casaccio.

 

Sul “Tu mi dirai…” lascialo dire a me, please.

 

@Pfeffer

Se riesci evita di fare c/i di tutto il discorso, basta la risposta. (Se invece vogliamo battere il record di pagine sul forum ok!)


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Trusted Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 77
 

Se siamo d'accordo su come funziona la moneta ed i sistemi monetari moderni è già un bel passo in avanti!!! detto questo allora concentramici su quelle che tu chiami conseguenze (che mai Megas ha detto non ci potrebbero [condizionale], essere).

Ma se parliamo di conseguenze è naturale anche individuare quali potrebbero essere, verificare se sono frodi dottrinali oppure problemi reali ai quali un uso corretto dello strumento può porre rimedio.

Quello che ti dico con estrema certezza, è che ogni conseguenza non provocherà disastri così gravi quanto ne provoca la deliberata volontà di far mancare la moneta, ovvero di renderla volutamente scarsa, attraverso scelte politiche nell'interesse di chi ha il potere di farle a fini predatori.

La MMT, afferma chiaramente che l'emissione della moneta, essenziale per il funzionamento dei sistemi economici moderni, deve tener conto di due fattori essenziali, o se vuoi ha due limiti: il raggiungimento della piena occupazione e tenere conto delle risorse disponibili e dell'impatto inflattivo della spesa che si andrà ad effettuare con questa moneta.

La reale dipendenza verso gli altri paesi non è dovuta a quella che tu indichi come una diversa qualità della moneta fiat (numeri elettronici che servono a scambiarci beni e servizi - ti ricordo che tutti esportano in cambio di estratti conti e tutti importano cedendo estratti conto [Burundi compreso]) - la dipendenza reale è dovuta alle risorse ed ai beni reali che noi eventualmente non abbiamo o non produciamo.

Tanto per fare un esempio, se Putin, in una ottica di scelta patriottica conservativa dicesse "io il gas non lo vendo più a nessuno e me lo tengo per il mio popolo e le generazioni future) - Tu, puoi avere anche il dollaro (numeri elettronici su un computer o pei di carta), ma non avrai mai il gas per riscaldarti.

Oggi Putin non dice questo, anzi lui è ben lieto di farti riscaldare con il suo gas, seppur in cambio riceve estratti conto in rubli che lui stesso produce attraverso la sua Banca centrale.

In realtà sono i governi occidentali che stanno mettendo Putin nella situazione di non vendercelo più, attraverso le sanzioni, il blocco delle riserve, sostenendo l'Ucraina nella guerra, ecc.

Sono i governi occidentali che costringono i loro popoli ad un razionamento, a cambiare le loro vite, a non cucinare, a non riscaldarsi e chi lo vuole fare a farlo a prezzi altissimi...... e tutto questo per quale ragione.... per la semplice ragione che loro non vogliono mettere a disposizione estratti conto in rubli o in dollari oppure in euro!!!

Questa è la realtà!!!! anche se la scelta logica sulla quale tu non potresti fare nulla, sarebbe quella della strategia conservativa di Putin.

Quello che ti voglio dire, è che la scelta che stanno facendo i governi occidentali non ha nessuna logica all'interno della dottrina economica e di come funziona la moneta moderna ed i sistemi monetari moderni. Questa scelta di far mancare la moneta che come puoi vedere la stiamo pagando sulla nostra pelle, giustificata con frodi che non hanno riscontro nella dottrina, non puoi negare che sta facendo molti più danni che applicare la dottrina e fare i naturali deficit governativi, i quali risolverebbero immediatamente i problemi.

Perché la fanno, tu mi chiedi????

Per gli stessi motivi per cui ti fanno credere che la moneta è un debito, che il debito pubblico lo devono ripagare i nostri figli, che se non fai il bravo arriva lo spread, che se esci dall'euro devi ripagare il T2 e potresti andare in bancarotta, ecc. ecc.

A quale fine?

per saccheggiare popoli e nazioni.......!!!!!


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 201
Topic starter  

SI riparte....

E’ il compleanno del gatto….nel frattempo AlbertoConti si è impiccato dalla disperazione!!! (come nelle scenette di Aldo-Giovanni-Giacomo)

Ho visto il video di Sinn e sono abbastanza d’accordo con lui (per quello che può valere…).

RIASSUNTO

A seguito di tutti questi flussi di capitali verso una certa parte, l’inviante, cioè chi invia soldi inteso come stato-nazione, avrà una diminuzione della propria base monetaria, per ricrearla o mantenerla è intervenuta la BCE (o la BCN ma in nome e per conto di BCE), pena il blocco del sistema di pagamento (e delle attività bancarie locali).

Specularmente il ricevente avrà un aumento della base monetaria. 

Dalla parte dell'inviante (CORREZIONE prima ho scritto ricevente) l’esaurimento delle riserve (base monetaria) determina OPERAZIONI DI RIFINANZIAMENTO attraverso la creazione di riserve bancarie scambiate con TdS.

Queste operazioni le fa la BCE direttamente o attraverso la BCN (per questo motivo tutto è rivolto verso l’eurosistema).

Le banche centrali sono SEMPRE accomodanti (per varie ragioni) ovvero rifinanziano su richiesta.

In questo modo la passività T2(liabilities)  è bilanciata dalle nuove riserve (assets).

Dalla parte ricevente l’aumento della base monetaria va al passivo (aumentano i depositi bancari) mentre all’attivo va il saldo positivo T2.

.......

Questo processo è avvenuto nella prima crisi T2, nella seconda c’è una preferenza verso obbligazioni tedesche da parte del mercato italiano. CAPITAL FLIGHT. Ma il risultato è identico a prima, si modificano le basi monetarie dei rispettivi paesi.

Quindi praticamente la parte con T2 negativo si finanzia (rifinanzia) a tassi artificialmente bassi, mantiene un valore dei TdS artificialmente alti (significa rendimenti bassi, le due cose sono inversamente proporzionali) e la baracca va avanti. 

La parte con T2 positivo paga per i depositi extra e non ha disponibilità di questi caspita di T2 positivi. 

Poi il corrispettivo della base monetaria in eccesso (che sono le obbligazioni che hanno permesso di ricreare la base monetaria dall'altra parte) è un valore effimero perchè ha un valore nominale a cui potrebbe NON CORRISPONDERE un valore di mercato. Queste obbligazioni date a garanzia hanno valori artificiali, drogati, taroccati o come uno preferisce definirli perchè il mercato lo fa la BCN e/o la BCE, non il mercato vero e proprio. 

I SALDI T2 NON SONO VALORI NEGOZIABILI.

Uno con un saldo T2 positivo non ci fa assolutamente niente, tranne forse “vantarti con gli amici al bar”.

E non vado avanti per non complicare la cosa (sul reddito da signoraggio, i vari interessi sui depositi e le politiche BCE, sulla BoP, sulla possibile inflazione, sulle ricadute a cascata dei valori delle altre obbligazioni...).

 

@Pfeffer stai facendo una tempesta in un bicchier d’acqua. Ti sei intestardita sul bonifico….

E i termini creazione/distruzione di moneta generano confusione, era meglio trasferimento come avevo detto all’inizio. 

Parte un ordine di pagamento, scala la riserva da una parte (diminuisce) e aumenta dall'altra (a livello di BCN). STOP.

Contabilmente va bene anche per Sinn, cioè passività/attività nei bilanci. Gli asset garanzia delle operazioni di rifinanziamento sono in Bankitalia ma fanno capo a BCE. 

Come ti dicevo all'inizio in maniera un pò semplicistica, il problema sono i TdS, le garanzie sui rifinanziamenti.

Gli squilibri Traget2 sono un moral hazard a livello politico. (si potrebbe riassumere con: se ti devo 100 euro ho un problema, se ti devo 1 milione di euro sei tu ad avere un problema)

 


Pfefferminz hanno apprezzato
RispondiCitazione
Megas Alexandros
Trusted Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 77
 

In breve e di fretta, al netto di un tuo refuso all’inizio volevi dire chi invia e non “il ricevente”.

Se il video dice quello che esponi è in linea con quello che afferma Megas.

Tu aggiungi e spieghi anche il rifinanziamento.

Ti contraddici sul fatto che prima affermi che il livello dei tassi e quindi dei prezzi è tenuto in piedi artificialmente dalla BCE/BCN e poi torni a parlare di valore di mercato.

Premesso che tali TDS a scadenza pagano il valore facciale…… torno a dirti che stiamo parlando del monopolista della moneta, il quale decide il livello dei tassi e dei prezzi…. ed il solo fatto che decida tassi diversi (spread), e quindi poi prezzi diversi tra un btp ed un Bund denominati nella stessa moneta, all’interno di una unione monetaria, è una vera e propria truffa dottrinale.

E certo che poi, la BCE deve intervenire a rifinanziare ed a chiudere gli spread, altrimenti salta l’unione monetaria, ovvero l’euro, ovvero il loro strumento di colonizzazione di popoli e nazioni….. siamo all’apoteosi della MMT!!!!

Gli dei della scienza economica non contemplano unioni monetarie con tassi e fiscalità diverse….. e la BCE non fa altro che mettere pezze a quello che fa di sbagliato….. a livello dottrinale.

E gli dei a differenza della BCE non hanno padroni!!!

 

Questo post è stato modificato 3 settimane fa da Megas Alexandros

RispondiCitazione
Pfefferminz
Honorable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 607
 

@ Deheb

Mi ricordo che, circa tre anni fa, tu ed io avevamo iniziato una discussione su cos'è la moneta. Mi inviasti anche dei link in inglese. Ricordo anche di aver riferito di un autore autodidatta tedesco che aveva ideato una teoria originale sulle banche e che tu non volevi credere che il suo libro fosse "scomodo", perché messo in vendita anche su Amazon. Si parlava di moneta come debiti/crediti. E guarda caso, cosa circola nel T2 se non debiti/crediti? Un utente di CDC, che asserisce di saperla lunga sulla moneta, dice che la moneta è credito. Ma dove c'è un credito c'è anche un debito. Nel frattempo in Austria un professore universitario ha offerto il suo contributo per attaccare la moneta bancaria in quanto più o meno illegale. Se ho ben capito, c'è un procedimento giudiziario in corso. Comunque, questo professore austriaco è un tipo che sprizza genialità da tutti i pori, con tante idee nuove in testa, da seguire insomma. 


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Trusted Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 77
 

Ma tu rilanci sempre in base alla confusione che hai in testa e così è difficile andare avanti.

Nel T2 si parla di moneta moderna fiat che è un credito fiscale punto.

ora tu parli di moneta bancaria…. intanto specifica cosa intendi per moneta bancaria: la moneta credito, ovvero quella che le banche commerciali creano nella loro funzione di concedere prestiti…. oppure i mezzi di pagamento (assegni, bonifici, ecc)…. che molti come Conditi definiscono erroneamente moneta?????


RispondiCitazione
Pagina 10 / 13
Condividi: