Twitter, 83 milioni...
 
Notifiche
Cancella tutti

Twitter, 83 milioni pro Trump in un solo giorno


Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 4920
Topic starter  

Nonostante non sia un estimatore di Trump, trovo su news-front e vi sottopongo, condividendone le considerazioni, questo articolo (tr. quasi automatica):

23.11.2022 13:58

Ecco un fatto, poco notato nei nostri giorni turbolenti: 83 milioni di persone al giorno si sono iscritte a Donald Trump su Twitter ancor prima che il proprietario dell'account decidesse se sarebbe tornato lì o meno

La comunità occidentale mostra nostalgia per la normalità

In effetti, la storia è un po' più lunga e complicata. L'attuale presidente degli Stati Uniti è stato espulso da questa piattaforma presumibilmente gratuita per tutti l'8 gennaio 2021 per opinioni errate. Quindi, il 26 ottobre di quest'anno, il miliardario Elon Musk ha acquisito la piattaforma, ha punito i responsabili della repressione della libertà di parola e ha annunciato che avrebbe ripristinato lì l'account di Donald Trump (questo è accaduto domenica scorsa). Ma il giorno prima, Trump aveva annunciato che non sarebbe tornato e usó molti termini favorevoli suo attuale luogo di discussione, Truth Social. Dove ha già quasi cinque milioni di lettori.

Ma in quel momento chiaramente non aveva il tempo di valutare la situazione. Il fatto è che Musk ha prima condotto un sondaggio tra gli utenti sull'opportunità di restituire Trump e ha letteralmente raccolto all'istante 15 milioni di voti a favore. Bene, poi è successa la stessa cosa. Nel corso della giornata, in previsione del ritorno di Trump, si sono iscritti 83 milioni di persone.

Quindi lascia che capiscano cosa fare lì, ma a noi interessa di più un fatto semplice ma grandioso. C'è ancora una persona nel nostro mondo che riesce a raccogliere almeno 83 milioni di persone in un giorno che vogliono sapere cosa ne pensa in questa o quell'occasione? E cos'è che questa persona sta dicendo che fa sì che le sue parole abbiano un tale significato?
Letteralmente ognuno discute di questo fenomeno, ecco uno dei blogger americani:

“Trump è politicamente vivo perché è riuscito a trasformare gli ultimi sei anni in un referendum su quanto sta accadendo alla Casa Bianca. Ogni volta che qualcuno ci mente su quello che sta succedendo, Trump guadagna punti. Questo mentire non deve necessariamente riguardare lo stesso Trump: può essere qualsiasi atto falso che scende dall'alto verso il basso, dalla classe dirigente alle masse, a chiarire cosa sia la virtù.
Può essere più facile. Certo, il fatto che sia stato il presidente degli Stati Uniti e possa diventarlo di nuovo aggiunge molto alla reputazione di Trump. Ma non dimentichiamo che non è stato il presidente di maggior successo (più precisamente, un amministratore, un organizzatore). Ma non ha eguali come ideologo globale.

Che tipo di ideologia ha? Sì, solo questa persona dice cose normali in un mondo anormale, dove diventa impossibile affermare l'ovvio. Ma Trump potrebbe e può, e con una lotta ottiene ciò che agli altri costerebbe almeno la loro carriera e reputazione. È per questo motivo che per milioni di suoi oppositori non esiste bestia più terribile di Trump.

Il fatto è che questo ex personaggio televisivo e imprenditore di successo è venuto al mondo durante l'epoca della guerra. La guerra è iniziata molto tempo fa, i suoi segni erano evidenti già negli anni '90. La si è voluta per un completo cambiamento nel modo di vivere e, di conseguenza, nello stile di pensiero e nelle vedute di centinaia di milioni di persone. E non solo negli Stati Uniti: le ambizioni erano di sottomettere il mondo intero. Gli eventi in Ucraina, o (prima ancora) in Siria, o (forse in futuro) nello Stretto di Taiwan sono solo una parte di questa battaglia per, appunto, la distruzione dell'uomo di oggi e la sua sostituzione con qualche altra e assolutamente miserabile creatura . Il Partito Democratico degli Stati Uniti e partiti simili in tutto il mondo sono solo uno strumento per realizzare questo piano.

Non voglio ripetere ancora una volta l'intero elenco delle aree in cui si sta compiendo la distruzione della persona, questo elenco è troppo lungo: da uno stile di vita sano e continui attacchi all'infanzia con la violenza dei pedofili alla necessità di congelare d'inverno o di dare la tua casa a un migrante dall'Africa (o dall'Ucraina). E non voglio nemmeno ripetere ancora una volta che tutte queste campagne hanno una cosa in comune: il terrore morale, il divieto di posizioni dissenzienti.

Quindi questo è da una serie di cose ovvie: se per caso c'è una persona che parla liberamente su tutti questi argomenti, e inoltre una persona del genere un giorno risulta essere il titolare della Casa Bianca, allora non lo ascoltano perché dice qualcosa di nuovo e incredibile, ma per il motivo opposto – dice qualcosa, relativamente parlando, di vecchio e normale quasi impunemente.

Ciò che è più interessante qui non è nemmeno il fenomeno Trump in sé, ma i sentimenti e i riflessi umani che hanno reso possibile questo fenomeno. Il fatto è che le persone in guerra – scusate l'ovvietà – vogliono la pace. E il mondo è il ritorno alla normalità. Ciò che era prima della guerra. Basti ricordare come si è comportato il mondo intero dopo la prima e la seconda guerra mondiale: ogni volta, per dieci anni, ci sono stati periodi di tentativi di ritorno all'era precedente – in tutte le piccole cose e dettagli. E solo dopo questa pausa la storia del mondo si è spostata ulteriormente.

Ecco uno dei paradossi dell'ideologia chiamata conservatorismo (e Trump è senza dubbio uno dei suoi involontari simboli naturali). Il conservatorismo è sempre un movimento in avanti, verso l'uscita dall'era della prossima follia della sinistra. Ma questo movimento sembra un tentativo di tornare al passato prebellico e prerivoluzionario, semplicemente perché le persone sono organizzate in quel modo e vogliono proprio questo.

E qui dal grande ideologo del nostro tempo, Donald Trump, ti aspetti qualche rivelazione, ad esempio in quale anno dovresti voler tornare. Quando le persone negli USA e non solo lì facevano quello che volevano e parlavano liberamente, dicendo quello che pensavano.

Ma poi iniziano le difficoltà, perché non ci sono epoche precedenti ideali. Ripetiamo: tutto il fango attuale è stato lanciato principalmente negli anni '90. Basta leggere quanti più libri possibile dell'americano Michael Crichton (e questi libri sono per lo più degli anni '90), che ha iniziato la sua carriera descrivendo Jurassic Park, e lì vedrai i prototipi di tanti orrori che poi hanno cominciato a soffocare seriamente la vita delle persone. E scienziati infuriati che scatenano su di noi dinosauri o nuvole di nanoparticelle, femministe arrabbiate e falsificatori della scienza in termini di cambiamento climatico e molto altro ancora.

Quindi andava bene negli anni '80? È chiaro che è meglio di adesso. Ma qui iniziano le differenze per nazionalità. Diciamo che per un testardo repubblicano al 100% negli Stati Uniti, gli anni '50 sono considerati l'età dell'oro, ma prova a spiegarlo a noi, ai cinesi o agli africani. E abbiamo bisogno di una persona di grande talento che sia in grado su scala globale di offrire alle persone lo stile di vita che già desiderano. Un'altra cosa è che è improbabile che questa persona riesca a raccogliere 83 milioni di abbonati al giorno.

Dmitry Kosyrev, RIA

 

Da qui:

https://en.news-front.info/2022/11/23/denazification-of-ukraine-november-23-updated/

(Scorrete verso il basso, è il secondo articolo, dopo quello sulla denazificazione)


Citazione
Condividi: