100.000 messaggi go...
 
Notifiche
Cancella tutti

100.000 messaggi goliardici tra ministri inglesi durante la 'pandemia'


Primadellesabbie
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 5031
Topic starter  

Matt Hancock, classe 1978, ministro della sanità in UK dal luglio 2018 al giugno 2021 si è fatto aiutare dalla leggiadra giornalista Isabel Oakeshott a scrivere un libro sulle sue imprese a proposito del covid, un libro 'self-congratulatory' in inglese.

Senonchè la leggiadra giornalista è riuscita a mettere le mani su qualche cosa come 100.000 messaggi che i membri del governo si sono scambiati sui social durante il covid, e ha pensato bene di cedere questo interessantissimo pacchetto, in cui c'è letteralmente di tutto, al Daily Telegraph che ne sta facendo buon uso pubblicandoli a puntate.

Qui l'articolo odierno della BBC:

https://www.bbc.com/news/uk-politics-64831240


sarah, BrunoWald e Hospiton hanno apprezzato
Citazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 377
 

"Labour's shadow home secretary Yvette Cooper said the exchanges revealed the "arrogance and shameful lack of respect" of ministers towards the police."

E tuttavia i poliziotti di tutto il mondo continuano ad essere complici zelanti di qualunque porcata del governo di turno, vessatori dei propri concittadini in nome e per conto di politicanti ed affaristi che li disprezzano e li usano come i bravi di Don Rodrigo. È evidente che il problema non è questo o quel sistema politico, ma la natura umana in quanto tale.

"The Liberal Democrat deputy leader, Daisy Cooper, said: "This lifts the lid on the contempt that Boris Johnson and his Conservative cronies had for the British public during the pandemic. They mocked and joked while breaking the rules we were all required to follow."

Se la signora Daisy volesse servire la verità ed essere onesta fino in fondo, ammetterebbe che i compari conservatori di Bojo sono solo un  caso particolare di quel brutale disprezzo verso i cittadini che accomuna la classe dirigente occidentale tutta quanta: forse i sudditi, in quanto tali, erano meno disprezzati e derisi ai tempi di Luigi XIV. Ed è evidente che un sistema basato sull'inganno e la mistificazione, come la sedicente democrazia, che pratica l'opposto di ciò che predica, combinato con le miserie intrinseche alla natura umana, non possa che giungere ad esiti di questo tipo. Dopo millenni di esperienze e teorizzazioni, siamo ancora lontanissimi non dico dall'instaurare un accettabile e realistico sistema di governo e convivenza, ma anche solo dal concepirlo a grandi linee.

Questo post è stato modificato 11 mesi fa da BrunoWald

sarah e R66 hanno apprezzato
RispondiCitazione
sarah
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 485
 

@ BrunoWald. Certo. Sottoscrivo parola per parola


RispondiCitazione
sarah
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 485
 

Non lo sapevo, allora non è successo solo in Italia. Anche in Gran Bretagna il ministro della sanità di epoca qo vid ha dato alle stampe il suo libro. Tra l'altro sulla stessa falsariga, a metà strada tra un'autobiografia e una "cronaca" dei fatti con evidente scopo autocelebrativo. Da noi, quello dell'italo-britannico speranza fu immediatamente ritirato dal mercato e si vocifera che ne esistano ancora alcune "preziose copie" sul mercato nero acquistabili per modiche cifre a tre zeri. Quando si dice i gusti... Chi dice di averlo letto nonostante tutto parla di un libretto scadente, privo di qualunque spunto di interesse, ritirato poiché ritenuto in qualche modo inopportuno. Pensandoci bene, però, è sorprendente come la narrazione abbia seguito schemi praticamente identici nei paesi coinvolti e probabilmente anche la pubblicazione del libro ( scritto di proprio pugno dall'eroico ministro) avrebbe dovuto avere, secondo i promotori della narrazione, l'effetto di rafforzare il pathos e la spinta a partecipare al grande rito di sacrificio collettivo. Salvo ripensamenti. E' un bene comunque che i messaggi siano stati pubblicati.


RispondiCitazione
Condividi: