Aah, alla fine non ...
 
Notifiche
Cancella tutti

Aah, alla fine non ci ho preso... Sta volta!

Pagina 1 / 2

GioCo
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1930
Topic starter  

Sono felice. Ho sbagliato previsione. Questo significa che c'è un incoerenza, qualcosa che non ho calcolato correttamente.

La traiettoria che aveva tracciato il drago è la sua corte draconiana di sguatteri e camerieri prevedeva che dovessero "fare finta" di accontenare le pressioni interne di maggiore rigidità sulle misure di contenimento (che sono in sostanza forme punitive detentive contro la dissidenza e nulla più). Cioè che si fermassero con le strette e consolidassero quanto ottenuto fin'ora e il motivo è molto serio (ci arriviamo tra poco).

Spiego meglio, per non correre il rischio di essere frainteso. Nel premere il pedale sulla paura c'è un limite che è quello di resistenza del sistema endocrino e nervoso delle persone "adattate" alla bisogna (=emergenza). In sintensi la risposta alla stessa pressione che incita alla paura. Se si esagera gli effetti sono solo 2 e non è detto che si escludino a vicenda: si sviluppa una sorta di "indifferenza" generale che rende praticamente il soggetto (la massa) insensibile a ulteriori strette il che finisce per avvitare in una spirale grottesca la necessità di aumentare la stretta repressiva, oppure si passa allo sputtanamento duro e puro che mantiene parte della credibilità delle istituzioni ma decostruisce completamente la "fiducia" negli individui che le presiedono (ergo, fate un giro nel webbo cercando vignette sul drago e i suoi...).

Per ciò, facendo evidentemente meno demente di quanto non è (in effetti le tensioni interne alla corte del drago e i tempi lunghi con cui si sono mossi ci fanno sospettare che il problema fosse chiaro) il partito unico della pavidità, devono aver prevalso sulle necessità pratiche di rallentamento le pulsioni egoiche (come le chiamerebbe il confusionario Freud) dei novelli piccoli dittatori (tipo confindustria?) cioè lo stuolo di arruolati alla corte in eccitazione permanente da saghe di potere, preoccupati per l'abbassamento del godimento medio dovuto alla minore risposta prona del popolo tutto, che ha smesso di fargli marchette "con la stessa verve" iniziale. Questi piccoli dittatori locali chiedono a gran voce subito provvedimenti duri e puri, per dare l'esempio (e spiccare "più meglio" alla corte per guadagnare i favori del drago) e far tornare "nei ranghi" quanti pensano di potersi fare i ca%%i loro: non si fanno i conti senza l'oste!

Come ho detto tante volte, questi esagerano, esagerano sempre ed è il problema principale con cui devono ogni volta misurarsi. Ho anche spiegato bene il perché: se l'emozione è in sostanza un sistema "naturale" per trovare un equilibrio organico (di tipo osmotico) energetico con l'ambiente, se non hai cuore (ad esempio perché ci hai rinunciato) non lo gestisci, se non per mezzo di azioni meccaniche, sulla scorta del "polmone d'acciaio" o del pacemaker... E ti convinci pure che è molto meglio così. Con risultati ogni volta grotteschi.

Bene, sono giorni che vado in giro a cercare evidenze circa la "nuova traiettoria" ormai siglata dal draghistan ufficialmente. Tipo il tenere la mascherina in tasca, sbattersene i coglioni e seguire di controvoglia ogni editto della corte dei miracoli (al contrario) degli omini di burro, di Mangiafuoco, del Gatto e della Volpe.

Per capirci: di recente c'è stato un super-maxi-annullamento di multe per gli anni passati. Ovviamente con l'implicito che erano e rimangono incostituzionali, ma questo lo sappiamo bene. Allo stesso tempo il primo punto del nuovo editto del partito unico dei pavidi è stato il meraviglioso (non posso definirlo diversamente) annuncio, nero su bianco, della auto-proroga della validità dei poteri eccezionali (sempre meno eccezionali e sempre più ordinari) ad ca%%um in data che supera il limite massimo stabilito dagli organi legislativi.

Praticamente un auto-elezione unilaterale del partito unico al trono d'Italia per il "per sempre riaggiornabile" super-potere. Dato che c'è una guerra in corso, è come se un invasore alieno avesse dichiarato vittoria nel momento esatto in cui perde terreno su tutti i fronti.

Si può definire soltanto "reazione da panico" e farci su tutte le battute di spirito che ci vengono in mente.

Bene, ora la previsione secondo la nuova traccia per il 2022. Sarà a questo punto un "annus horribilis" e per tutti i motivi più sbagliati.

Le spirali di violenza sono costrette a questo punto tutte ad avvitarsi verso l'autoalimentazione, quindi verranno esarcerbate tutte le posizioni, con un effetto dirompente sulla tenuta del sistema paese. Faccio un esempio piccolo piccolo per capirci: se la polizia perde il 99% del tempo a comminare multe perfettamente inutili e la gente finisce per saperlo, perché dovrebbe "darsi da fare"? Se la prenderà comoda (rinunciando alla funzione di bilanciamento della criminalità che salirà alle stelle) e per quanto riguarda "gli esaltati" (che non mancano mai) andranno fuori di testa moltiplicando atti che innescheranno a domino risposte "variopinte" tutte verso l'esautorazione generale della capacità repressiva e contenitiva governativa. La protesta è destinata per ciò a riesplodere in versione oceanica ma non più altrettanto "pacifica". Va poi sommato il disordine interno a quello dei processi maggiori di disgregazione del mercato, dell'energia e della tensione ai confini, sia per le masse migratorie che per i lunari provvedimenti sanzionatori contro vari altri governi "non allineati" al washington consensus. Ovviamente internamente all'UE vanno considerate anche le turbolenze dovute alla ripresa dell'austerità teutonica e la sua conseguente perdita di presa politica più generale.

Immaginiamo che ciò obbligherà il governo a inventarsi regole sempre più kafkiane e lunari per tenersi fuori dalla implicazioni di responsabilità (in specifico penali) e di contro "il sistema paese" diverrà sempre più estraneo a tali provvedimenti e facilmente la massa finirà per smettere di dare retta del tutto agli svarioni di un potere deprivato di ogni credibilità.

Questo significa che il draghistan ha innescato un processo di potente sfiducia verso gli enti governativi in generale. Complimenti per il lavoro, non avrei saputo inventarmi di meglio per "obbligare" la gente a svegliarsi.

Personalmente spingo verso la satira. Oltre che più spassosa è anche capace di farci passare meglio sto 2022. Teniamo conto che però non sarà una passeggiata. Nell'esacerbare gli animi c'è evidentemente anche la possibilità di riportare ordine con la meccanica. Se un cuore pulsa a ritmi fuori controllo e rischia di mandare il paziente in terapia intensiva, c'è sempre modo di attaccarlo a un macchina che "lo costringa" a pulsare ritmicamente come un orologio.

In termini pratici, se le forze dell'ordine smettono di esercitare il ruolo di "braccio armato della legge" perché è messa tecnicamente k.o. da provvedimenti amministrativi lunari, la si sostituisce con dei robot che non fanno domande e non rinunciano al lavoro. Naturalmente questa soluzione verrebbe utile anche per contentere il problema dell'organico storicamente sottodimensionato ma che in questo periodo pare sia anche ulteriormente ridotto, sempre dai provvedimenti kafkiani.

Peccato non sia questo ciò che ha scelto il partito unico dei pavidi e immagino perché è tecnicamente irrealizzabile. Se no non so immaginare un altro motivo. La scelta è stata di "militarizzare il paese" mettendo a capo di tale immane complesso... Tenetevi forte... Rullo di tamburi... Il "del tutto inutile" figliuolo, riuscito meglio di chiunque altro per vigette e che ci ricorda vagamente un certa "caporetto" che a vederlo bene in effetti non ho capito se è umano o una copia di Sofia il famoso robot, ma con l'aspetto di maschio. Se è così deve avere il sistema operativo di Microsoft e non è una buona notizia. Le svarionate tecnologiche si preannunciano dure, sul tipo:

 

 


sarah e Papaconscio hanno apprezzato
Citazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 164
 

Non è che non ci aveva preso, anche le considerazioni fatte all'inizio potevano lasciar intendere che fine avrebbe potuto fare l'esagerazione in senso stretto. La storia a volte ha tempi lunghi. Senza dubbio iniziamo ad osservare segni tangibili di uno sviluppo che, verosimilmente, andrà nella direzione che lei descrive. Se visita il sito del World Economic Forum troverà una frase di K. Schwab che recita: "The pandemic represents a rare but narrow window of opportunity to reflect, reimagine and reset our world" - ovvero: " la pandemia rappresenta una rara ma stretta finestra di opportunità per riflettere, "reimmaginare" e "resettare" il nostro mondo. ( Avevo scritto una mia riflessione in merito ma è rimasta in qualche modo bloccata nella moderazione, spero non accada lo stesso a questa risposta ). Ebbene, io mi concentrerei sull'espressione "narrow window" che in lingua inglese spesso si riferisce a situazioni in cui vi è poco tempo per fare qualcosa. Questo mi fa immaginare che i signori di cui sopra avessero in mente un uso rapido e funzionale della "pandemia" per realizzare i propri scopi. Una guerra lampo. Le linee nemiche sono state efficacemente sfondate nella primavera del '20 ( periodo in cui è stata pronunciata la frase ) ma poi siamo sicuri che stia andando davvero tutto bene per lorsignori? Spesso le guerre lampo diventano trappole ed è ciò che potrebbe succedere ora. Il Qo-vid è un giocattolo che si è un po' rotto, non funziona bene come prima e la paura perde il suo effetto deterrente diretto. I tempi si allungano e la strategia si è impantanata, disilludendo i comandanti in capo di questa blitzkrieg. All'orizzonte si staglia già la sagoma minacciosa del rientro all'austerità di bilancio, gli scenari sul campo di battaglia mutano. Potremmo anche osservare future "defezioni" di pesci piccoli come gli amministratori di cui giustamente parla lei, tanto incompetenti quanto zelanti, che potrebbero non trovar più tanto conveniente comportarsi da "primi della classe". Dunque fa bene, molto bene, a spingersi nel tentativo di lettura del futuro prossimo ed è ciò che anch'io, nel mio piccolo, cerco di fare.


RispondiCitazione
Esquivèl
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 191
 

Discorso affascinante, come dite voi, "il troppo stroppia" ed ecco che sopraggiunge il sintomo psicologico più comune in queste situazioni: l'apatia.
E secondo me, in questa mini dèbacle, un ruolo importante l'ha giocato il fallimento dei trattati sul clima, che ci avrebbe traghettato in tempi più brevi verso quella che era la prossima e più sicura, per lorsignori, emergenza, quella climatica.

Però la strada è sempre quella, la conclusione non cambia mai: ci avviamo sempre verso un mondo full digital.

PKD, ogni giorno che passa, ci vede sempre più giusto. 


RispondiCitazione
sandrez
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 426
 

mi pare però l'obiettivo fosse la digitalizzazione dell'identità...ed è stato raggiunto in 1 anno.

il virus era solo per distrarre...o no ?!

~certevolteilsolebatteanchesulculodiuncane~


RispondiCitazione
GioCo
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1930
Topic starter  
Pubblicato da: @sandrez

mi pare però l'obiettivo fosse la digitalizzazione dell'identità...ed è stato raggiunto in 1 anno.

il virus era solo per distrarre...o no ?!

No, assolutamente no, caro. Il virus sostengo e ho sempre sostenuto è un arma battereologica parte di una guerra non dichiarata tra interessi diversi (enormi) di natura geopolitica ed è centrale. Interessi molto complessi che si intrecciano ad altri, ovviamente con tutti i nessi e connessi per cavalcare la situazione profittando della confusione. Un po' come fanno gli avvoltoi che seguono sempre i cadaveri che non sanno ancora di esserlo.

Vi sono poi correnti induttive che fanno da volano ad altre e interessi economici che si intrecciano poi con quelli geostrategici, ad esempio transumansti e di sperimentazione genica. Come in tutte le guerre le questioni sono sporche (ricordiamo Menghele le cui sperimentazioni erano note e finanziate dagli Americani) e attraversano diverse realtà in modo obliquo. Questa poi è una guerra globale e per forza, dato lo stato della tecnologia e della densità demografica del pianeta, infinitamente più complessa di quelle del passato.

Certo, il problema è la forma di controllo delle tecnocrazie del prossimo futuro e su questo ognuna ha la sua soluzione. Ad esempio la Russia vuole decidere per i fatti propri in via indipendente lasciando libera la popolazione di moltiplicarsi, anche perché la depopolazione Russa è un problema atavico e non verrà risolta certo nel prossimo secolo, mentre la Cina ha già specifiche mire tecno-espansioniste dato che ha il problema opposto. Come ho detto tante volte sono forche caudine queste delle neotirannie tecnocratiche da cui saremo costretti a passare tutti e senza scampo. In qualche modo ciò che è stato verrà spazzato via e sostituito da altro come già accaduto con le società agricole del passato quando sono state sostituite da quelle industriali.

Ma a un ritmo decisamente accelerato anche rispetto ai piani alti ed è una "accelerazione in accelerazione" estremamente pericolosa perché inietta turbolenze i cui effetti non sono sempre gestibili.

Il patogeno che ha aperto le danze di questa guerra (di cui la Cina ha "il brevetto" e lo sta usando "contro" l'occidente) è stato un ottimo acceleratore come previsto, ma come ogni accelerazione ha comportanto gravi scompensi (settori lasciati indietro rispetto ad altri) e foraggiato le correnti più criminali che ovviamente non ragionano in termini morali e vivono sfruttando l'occasione a scapito dei più deboli e se ne sono profittate così tanto e bene che ora non vogliono mollare l'osso dove hanno piantato le unghie. Se no non si chiamerebbero criminali. Poi, proprio perché ha funzionato fin troppo bene, non c'è stato il passaggio alla gestione ecologica che è rimasta in sordina ma doveva controbilanciare. Questo crea un altra frizione pericolosa, date le mosse sul mercato del gas fatte in previsione della paventata (e non realizzata) emergenza ambientale. Mosse su cui il crimine si inserisce speculando sulla fluttuazione dei prezzi ed esacerbando le relazioni di confine, ma che non danno garanzie equivalenti alla pandemia.

Aggiungi che ci troviamo una guida politica occidentale non esattamente brillante che sbaglia sistematicamente tutti i calcoli geopolitici tipo Siria, Iraq e Afganistan solo per citare tre a caso. Ma ci sarebbe di peggio, come gli accordi mancati con l'Iran, il pasticcio Turco e quello Arabo Saudita.

E' sempre più probabile, dato l'aumento di entropia generale una guerra più tradizionale per nascondere i fallimenti e mettere una pezza agli errori commessi. Immagino che sarà almeno inizialmente regionale, ma una guerra in questo momento ha altissime probabilità di accendere una reazione a catena fuori controllo la cui portata non è prevedibile da nessuno. Sopratutto perché le armi messe in campo saranno di un tipo che ci lascia senza possibilità di calcolo.

Noi siamo già in guerra @sandrez, una guerra atipica che fa comodo un po' a tutti perché silenziosa, non si vede e sotto il tappeto, mentre si decidono le sorti si possono nascondere per ciò un sacco di porcherie "parallele", facendo finta che tutto può rimanere come prima. Putroppo proprio questo alimenta il disordine e costringe verso una guerra allo scoperto. Attualmente, dato che non conviene a nessuno, persino uno come Draghi sta facendo l'impossibile per scongurarla.

Allo stato attuale direi che la miccia più probabile è l'Ucraina, ma Taiwan non è da meno. Temo che nel 2022 scopriremo fino a che punto i nostri govenanti sono bravi a farsi i ca%%i loro senza che il bengodi gli sfugga dalle mani.


RispondiCitazione
FrankDax
Eminent Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 28
 

Buongiorno , secondo me , direi che la situazione si muove su due grandi  Linee , le cui componenti comuni sono : Info-Pandemia – Vaccino – Identità Digitale – Great Reset – 4 Rivoluzione Industriale – AI – De Popolazione – Controllo Totale  , ma secondo me è l’ordine che dà vita a prospettive diverse . Il primo caso , molto in voga negli ultimi tempi è : Info-Pandemia/Vaccino/Identità Digitale/Controllo Totale/AI/4 Rivoluzione Industriale/De Popolazione (lenta e graduale)/Completamento Great Reset (2050) , la Seconda :  Info-Pandemia/Vaccino/ De Popolazione (rapida)/ 4 Rivoluzione Industriale /Identità Digitale/Controllo Totale/AI/ Completamento Great Reset (2030) . In entrambi i casi è stata dichiarata Guerra all’umanità , ma come tutte le Guerre esiste anche la “Nebbia di Guerra” come diceva Clausewitz . In questa Nebbia ci possiamo mettere  la Cina , senz’altro attore di questa farsa , ma vi assicuro conoscendoli bene (ho lavorato lì per 11 anni) faranno solo ed esclusivamente i Loro interessi . Infatti da mie informazioni sul campo , stanno spingendo come matti la politica del 3 figlio (un loro concetto strategico di base , in netto contrasto con la De Popolazione tanto cara al WEF) e non stanno vaccinando praticamente nessuno (dovreste esservi accorti che non ne parlano mai , delle vaccinazioni da quelle parti ). Altro Fattore della Nebbia , come giustamente dice GioCo , è la Russia , dove c’è senz’altro interesse nel Controllo/Identità Digitale della popolazione ma sicuramente non vedono di buon occhio De Popolazione/4 Rivoluzione Industriale . Quindi Parliamo di 2 su 5 Grandi Giocatori (altri : USA , Euro-Bruxelles , Lobby Israeliana) , e non è poco…  Nella Nebbia metterei anche tutto il comparto carburanti  legato alle 7 Sorelle ed il comparto automobilistico/aviatorio/militare , dove certamente il  WEF avrà certamente qualcuno che conta , ma non tutti sono disposti a sacrificarsi per la Gloria… Se aggiungiamo sicuramente invidie/tradimenti anche all’interno della stessa Élite di Davos , non mi stupirei che per far saltare il banco ,  le fazioni contrarie , facessero scoppiare una vera Guerra , che resetterebbe veramente tutto , creando una valanga di opportunità (per loro) . Di certo Noi povera plebe , in tutto questo possiamo fare poco , avendo demandato tutto a queste bande di criminali , illusi che la (finta) democrazia ci potesse salvaguardare…. , chissà , forse un reset derivato da distruzioni di una Guerra vera , potrebbe portarci una speranza di ricominciare in maniera diversa … ma certamente il reset Transumanista  della AI/4 Rivoluzione Industriale questa speranza non la darebbe....


BrunoWald e sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
GioCo
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1930
Topic starter  

Non ho molto da aggiungere a questo:

https://www.youtube.com/watch?v=BTAw3uvFULc

(intervista a cui si riferisce il video CHE CONSIGLIO VIVAMENTE ma è molto più lunga)

https://www.youtube.com/watch?v=DkB_hwv_9pk


RispondiCitazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 164
 

Ho appena guardato con attenzione il primo video e devo dire che non mi convince del tutto. Pur condividendo, in linea di massima, le considerazioni generali del giornalista che tra l'altro esprime un'opinione personale a 360 gradi senza riferirsi a particolari elementi della sua intervista a Tritto ( tanto che il conduttore glielo deve ricordare ), solleverei queste obiezioni:

Il maxino creato per scopi militari di protezione delle "truppe". Se si fosse stati a conoscenza della sua efficacia ridotta nel tempo ( funzionale ai soli scopi bellici di matrice NBC ) si sarebbe per lo meno potuto orchestrare meglio la sua presentazione mondiale invece di rischiare critiche sempre più oggettivate circa la sua totale inutilità. D'altro canto, quel poco che si sa sulla terapie geniche ad RNA fin qui sperimentate parla di scarsa o nulla efficacia a basse dosi ed effetti collaterali ingenti alle dosi più alte. Ma su questo, d'accordo, si può sorvolare.

Sono ancor più perplessa quando il giornalista afferma che chi oggi viene escluso dal consesso sociale a causa delle leggi restrittive non avrà, in futuro, alcuna possibilità di rientrare nel dibattito pubblico, dunque certificando la morte sociale e la damnatio memoriae di chi dissente. Non sono d'accordo, sarebbe quasi un unicum storico. Affermare ciò significa conferire automaticamente una patente di infallibilità ad una classe politica che invece già mostra evidenti difficoltà e le nasconde dietro iniziative sempre più aggressive a scopo intimidatorio. 

Infine, arrivati alla vexata quaestio intorno al decimo minuto, sul fine ultimo del verde pass e di tutte le politiche restrittive legate al Qo Vid, l'autore rileva soltanto la loro utilità come "test" di obbedienza della massa, il che è senza dubbio condivisibile ed evidente ma egli trascura del tutto l'aspetto economico. Questo è un aspetto centrale poiché non vi potrà mai essere alcun "reset" degno di nota senza questo lato. Autori di gran lunga più informati di me vedono lo stop forzato e immotivato dell'economia come occasione per una sorta di "ricapitalizzazione generale" di un sistema non più in grado di reggere. Gli stessi padri ideologici del "reset" lo rivelano nemmeno troppo implicitamente ( vedesi le affermazione di K. Schwab, ad esempio ). Quando l'autore afferma che il potere non ha nulla da temere dalle proteste ha sicuramente ragione se si riferisce all'attuale asimmetria di forze, tuttavia gli imprevisti o le falle implicite del "sistema" ( il grado di entropia, potremmo dire ) espongono a rischi ben più elevati. E' chiaro che lorsignori non hanno messo in gioco solo la propria credibilità o il proprio orgoglio, ma ingenti somme di denaro per difendere le quali ( e solo per quello ) sarebbero disposti a tutto ed è un po' ciò che vediamo. L'esito non è scontato.

 


RispondiCitazione
GioCo
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1930
Topic starter  
Pubblicato da: @sarah

Ho appena guardato con attenzione il primo video e devo dire che non mi convince del tutto. Pur condividendo, in linea di massima, le considerazioni generali del giornalista che tra l'altro esprime un'opinione personale a 360 gradi senza riferirsi a particolari elementi della sua intervista a Tritto ( tanto che il conduttore glielo deve ricordare ), solleverei queste obiezioni:

Ogni obbiezione è sembre bene accolta...

Il maxino creato per scopi militari di protezione delle "truppe". Se si fosse stati a conoscenza della sua efficacia ridotta nel tempo ( funzionale ai soli scopi bellici di matrice NBC ) si sarebbe per lo meno potuto orchestrare meglio la sua presentazione mondiale invece di rischiare critiche sempre più oggettivate circa la sua totale inutilità. D'altro canto, quel poco che si sa sulla terapie geniche ad RNA fin qui sperimentate parla di scarsa o nulla efficacia a basse dosi ed effetti collaterali ingenti alle dosi più alte. Ma su questo, d'accordo, si può sorvolare.

Il secondo video è l'intervista a Tritto e spiega bene questa parte, mentre la prima si può considerare solo una presentazione di quell'intervista ed è sottointeso che poi ci si prenda la briga di guardarla.

La domanda che porti era la stessa che avevo prima di guardare l'intervista e uno dei motivi che mi hanno spronato a guardarla per vedere se veniva data la risposta. La risposta c'è ma non è semplice perché molte cose sono da vedere in un ottica differente, ergo se parti dalle premesse che sottendono la domanda, non metti in fila i puntini.

Tanto per iniziare il problema è la Cina ed è il centro del discorso. Punto due, nessuno si aspettava un attacco biologico (ergo "sono stati colti un po' tutti di sorpresa") ma la politica cinese ha scritto nero su bianco che queste sono armi che il paritito può utilizzare per fare quello che dice la copertina, cioè "una guerra senza guerra". Gli occidentali che hanno collaborato per la realizzazione del laboratorio di Wuhan BLS4 lo sapevano ma non credevano che la Cina sarebbe passata dalle parole ai fatti, quindi hanno collaborato e sono diventati complici, questo è il motivo per cui non dicono niente a proposito. Quando è apparso il patogeno tutti quelli che "sapevano" hanno subito dato per scontato che era un atto di guerra non dichiarata e hanno agito di conseguenza. Questo anche per l'altissimo coinvolgimento a tutti i livelli dei militari. Putroppo non esistono rimedi a tutte le varianti potenziali e in particolare per come è stato ingegnerizzato il patogeno (se guardi l'intervista capisci) rendendo gli sviluppi ingestibili. Ad esempio, tutto il suo arco evolutivo è già stato previsto, ma la proiezione prevedeva Omicron solo tra un anno e questo significa che è già uscito fuori controllo e da qui il panico "di chi sa". Poi, il farmaco è stato immaginato per tamponare temporeaneamente, più o meno come in guerra si proteggono i soldati solo per l'attacco in corso, con una logica tattica. Putroppo ogni volta che si prende il farmaco la copertura è temporanea ma al costo di una drammatica diminuzione della risposta immunitaria più generale (che è un effetto necessario per il buon funzionamento del farmaco, non un suo effetto avverso) e nessuno sa se anche quella è temporanea e per quanto tempo rimane e questo rende la soluzione molto problematica (e l'aspetto sperimentalmente sotto osservazione). Si tratta di una scommessa fatta di fretta con la pelle della gente. A questo devi associare però "l'imperdibile occasione storica", la finestra temporale di cui ci parla Schwab che si sta chiudendo rapidamente (per cui c'è fretta) per stabilire la nuova normalità del futuro.

Sono ancor più perplessa quando il giornalista afferma che chi oggi viene escluso dal consesso sociale a causa delle leggi restrittive non avrà, in futuro, alcuna possibilità di rientrare nel dibattito pubblico, dunque certificando la morte sociale e la damnatio memoriae di chi dissente. Non sono d'accordo, sarebbe quasi un unicum storico. Affermare ciò significa conferire automaticamente una patente di infallibilità ad una classe politica che invece già mostra evidenti difficoltà e le nasconde dietro iniziative sempre più aggressive a scopo intimidatorio. 

Allora, non so a quale giornalista ti riferisci, se Fracassi o Toscano e non mi interessa fare dietrologismo ne spezzare lance a favore di nessuno. Tuttavia un conto è ciò che si prospetta in futuro e un altro è quello che adesso si può fare per la situazione in essere. Per quanto mi riguarda se avevo qualche dubbio sull'origine chimerica di laboratorio, me lo sono fatta passare per il semplice constatazione che ci sono solo indizi a favore della tesi e troppe evidenze accompagnano la stessa. Avevo dubbi sulla volontà Cinese di iniziare una guerra senza guerra, ma sta passando rapidamente pure quella per gli stessi motivi. Se questo ha senso, allora dobbiamo iniziare a concepire che quello che non avrebbe mai dovuto succedere, cioè che una guerra sporca e pericolosa per il futuro dell'umanità come quella per il controllo del genoma umano, guidata da principi razziali e condotta con armi biologiche, sta accadendo. Questo è un fatto e prima entriamo nell'ordine di idee, meglio sarà. Quindi vedremo per forza una militarizzazione crescente della gestione politica. Tuttavia chi dissente è la foglia di fico del momento, para il culo ai dirigenti per le cazzate (=collaborazionismo) fatte con la Cina e gli consente di andare avanti "facendo finta" che tutto sia normale e non ci sia nessuna guerra se non a un pericoloso e nauturale patogeno. La conseguenza per ciò è scontata, il crearsi di due mondi dove quello pubblico e maggioritario evidentemente non è quello auspicabile per chi dissente e dove tutta la dissidenza sarà per obbligo espunta.

Infine, arrivati alla vexata quaestio intorno al decimo minuto, sul fine ultimo del verde pass e di tutte le politiche restrittive legate al Qo Vid, l'autore rileva soltanto la loro utilità come "test" di obbedienza della massa, il che è senza dubbio condivisibile ed evidente ma egli trascura del tutto l'aspetto economico. Questo è un aspetto centrale poiché non vi potrà mai essere alcun "reset" degno di nota senza questo lato. Autori di gran lunga più informati di me vedono lo stop forzato e immotivato dell'economia come occasione per una sorta di "ricapitalizzazione generale" di un sistema non più in grado di reggere. Gli stessi padri ideologici del "reset" lo rivelano nemmeno troppo implicitamente ( vedesi le affermazione di K. Schwab, ad esempio ). Quando l'autore afferma che il potere non ha nulla da temere dalle proteste ha sicuramente ragione se si riferisce all'attuale asimmetria di forze, tuttavia gli imprevisti o le falle implicite del "sistema" ( il grado di entropia, potremmo dire ) espongono a rischi ben più elevati. E' chiaro che lorsignori non hanno messo in gioco solo la propria credibilità o il proprio orgoglio, ma ingenti somme di denaro per difendere le quali ( e solo per quello ) sarebbero disposti a tutto ed è un po' ciò che vediamo. L'esito non è scontato.

L'aspetto economico è accennato nell'intervista a Tritto. Poi che l'esito delle volontà tirannidi non è scontato siamo d'accordo, ma un conto è l'onda dello Tsunami sottostante (la guerra) e un altro è chi la sta cavalcando per lucrare sulle miserie degli altri come sempre accade in questi casi. Non confondiamo i due piani. Lo Tsunami a prescindere da tutto i danni li farà ugualmente e non sarà nemmeno una sola chimera ad arrivare, dato che è una guerra combattuta con biotecnologie Vs farmaci speriamentali dobbiamo aspettarci ben altro in futuro.

Tutto ciò che possiamo sperare è che i plutocrati smettano di giocare al dottor Menghele e inizino a considerare la faccenda come estremamente seria e minacciosa per la conservazione del loro culo, utilizzando le armi democratiche e facendo almeno un parziale mea culpa, dato che le élite cinesi, evidentissimamente, non puntano di certo a far fuori straccioni tra i popolani avversari, ma alla delegittimazione della fiducia nei ns governi che sembrano felici di dargli una mano (=perché sono dei FESSI).

A quanto sembra la strategia NATO pare sia di trasformare st'accidente di occidente in una Cina 2 la vendemmia in tempi lampo epperò si sta svelando sbagliata.

Vedremo se prevarrà la testa quadra dei generalissimi Z "il Mondo è mio".


RispondiCitazione
Teopratico
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 240
 

Scusate ma se la Cina è la responsabile dell'utilizzo di questo patogeno, perché l'avrebbe innescato proprio a Whuan? Va bene in territorio cinese per non apparire immediatamente responsabile, ma perché proprio dove c'è un laboratorio BLS 4? Può essere per denunciare, agli occhi dei pochi indagatori, la connivenza dell'Occidente in queste sporche faccende biogenetiche? Oppure è semplicemente sfuggito per errore? 


RispondiCitazione
GioCo
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1930
Topic starter  
Pubblicato da: @teopratico

Scusate ma se la Cina è la responsabile dell'utilizzo di questo patogeno, perché l'avrebbe innescato proprio a Whuan? Va bene in territorio cinese per non apparire immediatamente responsabile, ma perché proprio dove c'è un laboratorio BLS 4? Può essere per denunciare, agli occhi dei pochi indagatori, la connivenza dell'Occidente in queste sporche faccende biogenetiche? Oppure è semplicemente sfuggito per errore? 

Non a Wuhan, per l'esattenzza in un laboratorio BLS4 ridondato dalla Cina al confine con il territorio Russo-Giapponese e concesso dalla FAO (quello di Wuhan è concesso dall'ONU) perché nelle dichiarazioni è stato realizzato interamente dalla Cina dopo il lab realizzato a Wuhan dalla Francia, per manipolazioni genetiche a scopo di ricerca alimentare non medico umano. Ma è da lì che arriva la prima chimera, l'H1N1, prodotta con coronavirus. Quella è stata la pistola fumante per cui il resto del Mondo ha inteso l'attacco militare (dato che l'H1N1 è un patogeno appositamente creato per attaccare l'Uomo ed è stato un po' il modo tutto cinese per dire all'occidente che adesso poteva e intendeva farlo) anche se non è poi il patogeno killer rilasciato dopo. Quello rilasciato successivamente, per ammissione degli enti americani tra cui l'OMS, non è noto all'occidente, solo la Cina ne ha di isolati in vitro e forse (per motivi intuibili, dato che deve essere stato parte di uno scambio) la Russia.

L'innesco è stato a Wuhan semplicemene perché la Cina aveva modo di fermare il virus nel suo territorio, aveva le contromisure, il resto dell'occidente no e lo ha dimostrato: in Cina non esiste un "terrore pandemia" e non è mai esistito se non localmente e per un periodo limitato (in un paese di un miliardo e mezzo di abitanti che registra la più alta densità urbana di sempre). Questo è il motivo per cui il Sinovac o equivalenti russi o cinesi non sono mai stati approvati da noi.

Quando usi questo tipo di armi, non ti puoi nemmeno permettere di diffonderle se non hai modo di contrastarle ed in realtà è proprio quello che completa l'arma, il contrasto. Poi se l'epidamia parte dal tuo paese, chi ti potrà mai accusare di esserne l'artefice? In più, i governi nel mondo non hanno mai avuto scrupoli nel sacrificare la carne della propria gente, in nessuna guerra che io conosca... Ma se per te è diverso, alzo le mani.

Naturalmente siccome Pfizer è in mano israeliana, non è che si sono fatti sfuggire l'occasione per lucrarci sopra. Ma è evidente che i preparati cinesi funzionano meglio e non è certo perché sono più bravi ma perché avevano più informazioni di prima mano (che hanno fatto sparire rapidamente) ed è evidentissimo che per "concederli" chiedevano in cambio cose che l'occidente non era intenzionato a concedere, perché era un tipo non tollerabile e da lì la guerra.

Poi anticipo. Si i militari occidentali da tempo lavoravano su questo tipo di bioarmi ed è stata una collaborazione militare a dare alla Cina anzitempo le conoscienze per svilupparle a sua volta. Passaggio di consegne terminato nel 2019 poco prima dell'inizio della pandemia. Questo appare assurdo, ma nemmeno tanto, dato che era parte di un accordo stipulato per altri motivi e che davano vantaggi di altro genere. Money, money, money... E potere. Un Mix a cui nessuno da quelle parti resiste. Quelle conoscenze sono state concesse previo rigidi controlli (OMS, ONU, FAO, etc.) che avrebbero dovuto rappresentare la "garanzia" che di fatto con H1N1 è saltata dato che la Cina si è fatta i ca%%i suoi. Questo avrebbe dovuto fermare subito la collaborazione e invece... In questo Fauci&Co ci sono dentro fino al collo, ma dietro di loro c'è il dipartimento della difesa ed è per questo che rimangono in certa misura "intoccabili", sono anche quelli che ne sanno di più per ovvi motivi e per ciò rimangono "a dirigere".
 
Infine si, gli USA utilizzano questa tecnologia da molti anni e hanno sviluppato nel frattempo bioarmi tremende, tra cui ebola. Lo stesso AIDS è un prodotto occidentale e il patogeno rimane conservato in laboratori francesi. Ma hanno anche rivitalizzato patogeni del passato come la spagnola. Tuttavia nessuno di questi è stato mai usato per muovere guerra contro nessuno e per ragioni ovvie: una volta scatenata una bioguerra nessuno può predire dove si arriverà a causa delle contromisure del nemico. Tutti i casi di dispersione sono stati accidentali (o voluti ma per questioni di ricerca e quindi contenuti) e poi controllati con le contromisure che sono sempre sviluppate accanto al patogeno. La chimera poi è un nuovo tipo di bioarma con cui l'occidente ci è andato sempre piano perché (soprattutto in America) questo genere di "scienza" (giustamente) è molto osteggiato. In Cina ovviamente il problema del "dibattito pubblico" non esiste.
 
Un campo militare in cui la bioarma "made in USA" rimane ampiamente utilizzata è quella contro animali e piante. L'aviaria è una bioarma dello Zio Sam ad esempio, pensata per colpire i polli. La suina una per i maiali. Che guardacaso sono pestilenze iniziate in Cina, dove si produce il più alto numero di polli e maiali del Mondo. Quindi in un certo senso potremmo intedere quella cinese una "escaletion" che ha spalancato le porte a un futuro che sarà davvero difficile capire dove ci porterà...

Papaconscio hanno apprezzato
RispondiCitazione
FrankDax
Eminent Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 28
 

@ GioCo

Buonasera , se non lo ha già letto , le consiglio il libro Guerra senza Limiti di Qiao Liang, Wang Xiangsui con prefazione del Generale Fabio Mini (se Vuoi lo trovi su Emule sia epub che PDF), dove Due Colonelli del Esercito Popolare di Liberazione Cinese , parlano delle future Guerre Asimmetriche. Secondo me è importante per capire come ragionano i Cinesi e soprattutto i loro Militari . E’ diventato un testo  studiato in tutte le Accademie Militari Occidentali e non.... Le segnalo nella prefazione di Mini due frasi , secondo me , molto in Tema : “Uno dei trentasei stratagemmi della letteratura militare cinese dice di uccidere con il coltello di un altro” , "Per combattere coloro che infrangono le regole gli stati devono essere pronti a rompere essi stessi le regole” .


RispondiCitazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 164
 

Grazie della spiegazione che mi offre continui spunti di interesse. In effetti non sono riuscita a vedere il secondo video che probabilmente mi avrebbe evitato alcune domande. Mi pare di capire che il punto di vista degli autori sul ruolo della Cina sia chiaro mentre per me mostra ancora alcuni aspetti oscuri e nemmeno di poco conto. Ho provato a ripensare alla sequenza di eventi di gennaio-febbraio 2020: si parte a gennaio con alcune agenzie che parlano di un "misterioso virus" in Cina ( genericamente ) e ovviamente non si muove una foglia a livello di opinione pubblica anche se il governo sta per ufficializzare lo stato di emergenza in G.U. Poi la vicenda del ragazzino allo Spallanzani e la coppia di cinesi erranti tra il nord Italia e Roma che termina con il loro hollywoodiano ricovero sempre nella capitale. E parte l'escalation: paura senza mascherina, paura con mascherina, lockdown e il resto lo sappiamo. In quel mentre i russi che giungono fin vicino a casa mia dopo aver attraversato, certo non segretamente, l'Italia. Si è trattato di un attacco non convenzionale della Cina che ha scelto scientemente il nostro paese come obiettivo? Il governo era semplicemente allertato o ha partecipato a presentare gli eventi al pubblico? Entrambe le cose, certo, in una "guerra" si programmano sia la strategia militare che l'informazione interna. D'accordo. Ma quanto erano preparati i nostri uomini in braghe di tela ed un simile scenario? Poco, si dirà, vista la palese impreparazione. Eppure se sul piano pratico i mazzettari di invitalia hanno miseramente fallito, su quello mediatico e propagandistico hanno fatto un goal senza portiere. Possibile? Chi gli armato la mano? Siamo stati l'obiettivo di un attacco o gli attori con un ruolo? Poi i maxine ( forse studiati in anticipo per arginare il peggio ) arrivano sulla scena un anno esatto dopo, così da lasciare tutto il tempo comodo per sedimentare la paura, l'irrazionalità e la frustrazione della reclusione come unica alternativa a morte certa. Un anno dopo vengono, sì, accettati in modo prono ma funzionano poco e l'emergenza non c'è più quindi svelano agli occhi di molti ormai il loro uso esclusivamente politico. Si sono un po' dati fuoco da soli, i cari vakkini. Doveva proprio andare così? E' solo il resoconto dei primi due anni di guerra NBC? Ai posteri ( speriamo prima ) l'ardua sentenza. Poi possiamo parlare di economia. 


FrankDax hanno apprezzato
RispondiCitazione
GioCo
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1930
Topic starter  
Pubblicato da: @sarah

Grazie della spiegazione che mi offre continui spunti di interesse. In effetti non sono riuscita a vedere il secondo video che probabilmente mi avrebbe evitato alcune domande. Mi pare di capire che il punto di vista degli autori sul ruolo della Cina sia chiaro mentre per me mostra ancora alcuni aspetti oscuri e nemmeno di poco conto. Ho provato a ripensare alla sequenza di eventi di gennaio-febbraio 2020: si parte a gennaio con alcune agenzie che parlano di un "misterioso virus" in Cina ( genericamente ) e ovviamente non si muove una foglia a livello di opinione pubblica anche se il governo sta per ufficializzare lo stato di emergenza in G.U. Poi la vicenda del ragazzino allo Spallanzani e la coppia di cinesi erranti tra il nord Italia e Roma che termina con il loro hollywoodiano ricovero sempre nella capitale. E parte l'escalation: paura senza mascherina, paura con mascherina, lockdown e il resto lo sappiamo. In quel mentre i russi che giungono fin vicino a casa mia dopo aver attraversato, certo non segretamente, l'Italia. Si è trattato di un attacco non convenzionale della Cina che ha scelto scientemente il nostro paese come obiettivo? Il governo era semplicemente allertato o ha partecipato a presentare gli eventi al pubblico? Entrambe le cose, certo, in una "guerra" si programmano sia la strategia militare che l'informazione interna. D'accordo. Ma quanto erano preparati i nostri uomini in braghe di tela ed un simile scenario? Poco, si dirà, vista la palese impreparazione. Eppure se sul piano pratico i mazzettari di invitalia hanno miseramente fallito, su quello mediatico e propagandistico hanno fatto un goal senza portiere. Possibile? Chi gli armato la mano? Siamo stati l'obiettivo di un attacco o gli attori con un ruolo? Poi i maxine ( forse studiati in anticipo per arginare il peggio ) arrivano sulla scena un anno esatto dopo, così da lasciare tutto il tempo comodo per sedimentare la paura, l'irrazionalità e la frustrazione della reclusione come unica alternativa a morte certa. Un anno dopo vengono, sì, accettati in modo prono ma funzionano poco e l'emergenza non c'è più quindi svelano agli occhi di molti ormai il loro uso esclusivamente politico. Si sono un po' dati fuoco da soli, i cari vakkini. Doveva proprio andare così? E' solo il resoconto dei primi due anni di guerra NBC? Ai posteri ( speriamo prima ) l'ardua sentenza. Poi possiamo parlare di economia. 

Allora, premetto che le domande che ti poni erano anche le mie. Per ciò ho una risposta possibile per tutte. Ovviemente non seguendo la verità, non ho idea se siano vere e non mi interessa. Al solito mi interessa solo che si riconnettano a un quadro coerente più allargato.

Detto questo, un altra piccola premessa: non facciamo del Gatto e della Volpe qualcosa che non sono (ad esempio onesti galantuomini o individui in grado di gestire il bene comune) unicamente perché sono bravi prestigiatori. Ne diamo loro qualità di cui proprio mancano, ad esempio d'essere grandi capitalisti o intelligenti statisti. Nel verminaio italico in particolare, dove procede quella massa gesuita e askenazita specifica, una delle cloache più nere di sempre, centro non a caso di una fede e di una attività geopolitica econocentrica (Club di Roma per citarne uno a caso) attorno cui gravita lo "spirito" occidentale in tutte le sue sfaccettature, note e ignote ai più. Nel bene e nel male quindi la Cina è in assoluto nostra nemica, cioè nemica di tutto l'occidente e da sempre, ma purtroppo questo non significa che l'oscurità occidentale non l'abbia intesa come suo personale cagnolino di cortile e che la Cina abbia assunto volentieri questo ruolo perché è nel suo modo di procedere "fingere col sorriso" sottomissione.

Poi, non confondere gli atti ostili cinesi con l'agenda tecnocratica. Quella c'era già indipendentemente dalla Cina ed era in corso, ma prevedeva tempi molto più lunghi e "rilassati". Diciamo da qui al 2050 si prevedeva ad esempio il passaggio completo al denaro digitale. Non era in previsione l'uso di una pandemia e in particolare proprio per evitare gli stessi "errori" commessi nella seconda guerra che hanno dato la luce ai fatti di Norimberga e a un nuovo accordo giuridico globale.

Non occorreva affatto forzare i tempi per ottenere una agenda equivalente a quella Shwab ne correre i rischi che questa agenda comporta. Tutti abbiamo accettato in via festante la tecnocrazia digitale con i nostri smartphone e non c'era ragione di smettere di procedere per quella via spianata e inarrestabile ormai, corrompendo piuttosto che minacciando gli animi. Questa è l'essenza della dittatura dolce e come sa benissimo chiunque abbia un filo di sale in zucca, funziona mille volte meglio della plutocrazia dal pugno di ferro, ed è per questo che abbiamo le costituzioni che abbiamo. Tanti dicono che c'erano sotto questioni economiche e citano spesso il debito pubblico o privato. Dal mio punto di vista, si arrampicano sui vetri. L'economia è certamente il motore di tutte le guerre ma non per i soldi che occorrono pure per oliare ruote ma quella dei beni e i servizi reali, ad esempio la conoscienza tecnologica che dopo la seconda guerra ha portato allo sviluppo della missilistica. Dominare quella economia è potere, non avere tanti soldi. Quella economia è solidamente in mano agli stessi che ovviamente la gestiscono a loro uso e consumo.

Quindi veniamo alla ricostruzione con i fatti:

1) l'epidemia non è cominciata quando è stata annunciata ufficilamente dalla Cina e di rimando dall'OMS, ma molto prima e gli uni e gli altri nei palazzi del potere sapevano perfettamente cosa stava succedendo.

2) se ti ricordi l'agenda Shwab è arrivata "in fretta e furia" e insieme alla simulazione di Gates tutto si è concluso nell'arco del 2019

3) negli ambienti è rimbalzata spesso la frase "cogliere un occasione storica che potrebbe non ripresentarsi più", aggiungendo che era una finestra temporale relativamente piccola

4) l'Italia non ha obbiettivi strategici particolari, a parte i porti che possono essere comunque sostituiti da quelli francesi o del Pireo già in mano cinese. Tuttavia rappresenta un fondamentale simbolo dell'occidente, crocevia da sempre di tutto il suo pensiero e punto di incontro del suo "gotha" ed è per questo che le aperture che sono state fatte dal precedente governo (primo Conte) sul nostro territorio (in particolare con i patti stipulati con i Cinesi che riguardavano la tecnologia 5g e la futura 6g) hanno avuto una battuta di arresto. Se ti ricordi in particolare con l'arresto della direttrice finanziaria del gigante cinese Huawei, Meng Wanzhou, figlia del fondatore, si sono "aperte le danze". Era il 2018 e c'era Trump.

Agginugi il famosso schiaffo alla mano che il Papa diede alla cinese, era la fine del 2019 e la stessa era presente per chiedere alla santa sede di proteggere i prelati impedendo al partito di avere l'ultima parola sulla elezione dei cardinali (unico caso al Mondo in cui la Santa Sede non ha l'ultima parola sul nominativo dei suoi stessi rappresentanti).

Tutto questo evidentissimamente ci racconta di come operino complessi accordi multilaterali che vedono la Cina sempre più proiettata sullo scenario internazionale come protagonista forte abbastanza per dettare la sua agenda a dispetto della volontà occidentale.

Il cagnolino scodinzolante s'è fatto Leone e adesso pretende la sua libbra di carne.

Su tutto questo si inseriscono le lobby transumaniste che hanno visto nella situazione di "guerra senza guerra"  di fatto dichiarata dalla Cina, una opportunità storica per accelerare una agenda interna che era già in corso. Cinesizzando l'occidente in tempi rapidi. Ma senza seguire il modello statale del partito unico, mantenendo un modello "privato", nel senso che erano le multinazionali che in versione occidentale dovevano prendere il posto del partito unico, svuotando dall'interno il senso delle costituzioni dei singoli paesi. E non è un caso che la Pfizer a guida Israeliana sia tra le elette.

Da qui i ritardi, che in parte sono dovuti alla "riorganizzazione" per acchiappere l'occasione al volo, quindi tutto il periodo necessario ad "attendere" prima di dichiarare lo stato di emergenza pandemico, poi una certa specifica agevolazione della diffusione del patogeno, bloccando tutti i procolli pandemici (se ti ricordi si continuava a dire che il modello perfetto di sistema sanitario era quello Israeliano e questo perché c'è come in Cina una fusione totale tra la sanità e i militari che non si vede in nessun altro paese al Mondo) e iniziando la politica del terrore utile ad aprire la fistra di Overton.

Ora, sono passati due anni e di fatto l'Occidente ha seguito Shwab in ordine molto sparso. Questo ha creato più problemi di quelli che voleva risolvere e in particolare ha lasciato mano libera alla Cina e un Occidente molto diviso. Da qui la pressione sulle questioni Iuguri, di cui nessuno fotte un ca%%o (in Yemen per dirne solo una, la situazione è 1000 volte peggio, ma ovviamente non fa comodo all'occidente ricordarlo) o su quella di Taiwan, o sulle contese del Mar Cinese e le attività attorno le isole artificiali che la Cina sta gestendo in gran fretta, oppure ancora le contese sul controllo dello spazio. Insomma, sono atti di guerra di una guerra in corso, ma una guerra in sordina che non deve essere ancora percepita come tale.

In ultimo la Russia. Ovviamente come tutti gli attori di maggiore peso si è ritagliata un suo spazio sullo scenario globale e in particolare perché è il primo fornitore al Mondo di energie fossili, in specifico Gas ma non solo, fonti che sono per ora le uniche che garantiranno una qualsivoglia produzione di energia stabile abbondante e duratura da qui ai prossimi 50 anni almeno, ma molti analisti ammetto che fra 50 anni le cose non saranno cambiate di molto. Perché mancano tecnologie sostitutive che soddisfino tutti i requisiti richiesti. Il primo di questi requisiti è che deve rimanere una produzione centralizzata, perché se tutti si producessero la propria energia in casa, non esisterebbe più una ragione per sostenere la plutocrazia nel Mondo. Questo è stato il problema di tutte le "energie pulite", hanno tutte la bruttissima ostinazione a trasformarsi in economie decentralizzate. Certo, le economie green sono un compromesso, dato che la perdita del controllo di produzione, diventa però l'assunto che si mantiene il controllo sulla tecnologia, come per i microchip conta la conoscenza non la ferraglia.

La Russia in sostanza è venuta a fare "vetrina" sfruttando a suo modo l'occasione, come i galletti nel pollaio, mostrando i muscoli alla NATO direttamente in casa sua. All'occidente è andata bene perché era un modo per vedere qual'era lo stato dell'arte russo nel combattere la bioguerra, dato che di quello si trattava. Insomma, un modo comodo per misurarsi e "dare sfoggio" della propria capacità militare che essendo del tutto bonario è andata bene anche alla NATO che di sicuro aveva mezzi simili per intervenere, ma non l'ha fatto perché non gliene fregava niente. Tieni conto che c'è sempre più di un obbiettivo da raggiungere quando certa gente di muove. La guerra è anche un ottima fiera di tecnologie che ovviamente vengono vendute sulla pelle della gente, ma questo da quando esistono le civiltà credo.

Sul rimedio infinte è parte della bioguerra. Come ho detto, agenti patogeni E rimedi sono insieme un arma, l'una non può esserci senza l'altra, come il fucile non può stare senza le sue pallottole. Il resto te lo dice la tattica.
 
Ora, noi non avevamo modo di sviluppare antigeni rapidamente su una chimera di laboratorio di cui non ci è stata lasciata la componente biologica, ma solo parte della conoscenza elettronica, quella che i cinesi per poter adoperare i BLS4 erano costretti a divulgare. Potevamo rapidamente sviluppare rimedi con tecnologie OGM che però sono sempre state oggetto di aspre critiche (come il 5g era una tecnologia che doveva essere introdotta molto più in sordina e che richiedeva comunque ancora almeno 30 anni di studi per essere messa sul mercato) nonchè di notori effetti avversi non ancora gestibili. Anche qui i transumanisti ci hanno visto un occasione: perché non usare la popolazione come banco di test utile ad accelerare il processo di messa in commercio per un rimedio che ci metterebbe in grado di gestire il genoma "a piacere" oltre che di rispondere in tempo reale alle necessità di una bioguerra?
 
E' ovvio che si tratta di rimedi "pezza" presi con fretta ed è ovvio che sono più i rischi che i vantaggi, anche un bambino lo capisce. Ma è anche ovvio che in una bioguerra le alternative non sono poi molte. Non puoi sperare che il nemico ti dia tempo o ti fornisca conoscenze per sviluppare le contro-offensive. Sviluppare una chimera è un attimo, ma se non conosci i patogeno, fare il rimedio non è altrettando scontato possa essere fatto in tempi rapidi. Questo è un ragionamento strategico di una guerra che è una schifezza di tale portata e che apre scenari futuri talmente schifosi che già solo questo dovrebbe inchiodare storicamente la Cina al Muro e dietro la sbarra di Norimberga.
 
Poi è pure ovvio che gli avvoltoi si addensano per il succulento pasto che un tale scenario fornisce. Non è che l'impero celeste e marrone di merda sia diverso in questo. Per ciò nel preparato ci infili poi di tutto con il rischio di renderlo abbastanza pericoloso da far uscire da ogni controllo il suo effetto. Adesso credo siamo nel ridicolo impasse di aver dato alla Cina un occasione per dimostrare incompetenza sufficiente a non richiedere nell'immediato altri patogeni (ma adesso ricomincia, guarda il link in P.S.). Tra l'altro senza nemmeno poter essere messa sotto accusa senza che l'occidente si auto-accusi.
 
Torno a ripetere, non diamo al Gatto e alla Volpe qualità che non hanno. Se Trump verrà messo al posto del clan rivale, sarà per prendere un capro espiatorio, tipo Gates, addossargli tutte le colpe, come accaduto ad Epstein, e poi recapitargli un caffé corretto in carcere per farlo uscire di scena e poter dichiarare apertamente la Cina come pienamente responsabile, insieme ai traditori e i corrotti fatti secchi all'uopo.
 
Non per recedere sulle soluzioni alla bioguerra o sul 5g o su tutto il resto, pass compreso. Comunque ci sarà un riallineamento verso il basso che apparirà ai più come una specie di "ritorno alla normalità" (molto apparente) momentaneo, cioè fino la successiva chimera che è tutto da vedere come verrà gestita e i danni che causerà.
 
P.S.

FrankDax hanno apprezzato
RispondiCitazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 164
 

Analisi corposa e impegnativa che ha una buona coerenza interna. Certo, abbiamo toccato numerosissimi aspetti che andrebbero considerati uno alla volta. Infatti, prima di guardare il video aggiungo solo un particolare sulla Russia che era andato quasi perso: al tempo della "spedizione in Nord Italia" ( che suscitò anche qualche mal di pancia nello stato maggiore italiano ), un giornalista de La Stampa ( niente meno ) aveva scritto alcuni articoli dove si dava conto dell'irritazione della NATO per l'avvenimento. Il giornalista citava un generalissimo dell'Alleanza Atlantica di nazionalità britannica, tale Hamish De Bretton, che ci avrebbe "avvertiti" della presenza di esperti NBC militari russi sul nostro territorio. Avvennero altre cose strane in quel momento sullo stesso territorio come la fulminea "indagine sierologica" condotta in alcuni comuni per iniziativa di un personaggio ( un civile ) che è stato arrestato pochi mesi fa nel capoluogo di provincia qui vicino. La motivazione dell'arresto fu "truffa aggravata" e altre fuffe e si lasciò intendere che l'indagine aveva dato risultati "inattendibili". Poco dopo, il giornalista de La Stampa passò forse alla cronaca sportiva e vi fu un cambio al vertice del giornale di Torino, guarda caso. Lo stesso si affrettava a precisare che i russi erano in Italia per "aiutare a sanificare - fare pulizie NDR - nelle case di riposo". Così fu se vi pare.


RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi: