Il dopo morte (seco...
 
Notifiche
Cancella tutti

Il dopo morte (seconda parte)


[Utente Cancellato]
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 580
Topic starter  

Seconda parte

Se io fossi un vero scrittore potrei rappresentare questa visione come se ogni luogo fosse un differente girone dell'inferno o del purgatorio! Magari in futuro qualcuno avrà questa geniale idea e deciderà di scrivere un poema!!

Inoltre egli sarà coinvolto in eventi - sempre da lui stesso vibratoriamente creati - che, per la legge del contrappasso, lo metteranno di fronte, per somiglianza o per contrasto, alla sua emozione negativa o al suo attaccamento materiale. Sarà cioè ripetutamente confrontato con i vari aspetti della sua personalità che devono essere "disgregati" per consentirgli di proseguire la sua ascesa in quel mondo.

Tutto questo non è il parto di una intelligenza sadica, ma costituisce un processo energetico che segue le stesse regole vibratorie del processo di esistenza nella materia fisica e che consente all'individuo di disintegrare i propri condizionamenti emotivi. Lo scopo di questa fase è bruciare le emozioni inferiori e gli attaccamenti accumulati in vita. Questo non significa però "guarire" i condizionamenti interiori, poiché un condizionamento alla rabbia, all'invidia o alla paura nato sul piano materiale, e a causa delle leggi vigenti su questo piano, può essere trasmutato solo in quel luogo e avvalendosi di quelle leggi; dunque i condizionamenti riappariranno uguali quando l'individuo si reincarnerà in un ambiente sostenuto dalle medesime leggi.

Tale è anche il motivo per cui il suicidio costituisce un atto privo di senso; il suicida spera di mettere fine a un disagio uscendo dall'ambiente dove vigono quelle leggi con le quali lui non ha saputo convivere, e non si avvede che solo lo "scontro" con le leggi di quell'ambiente, avendolo creato, ha anche il potere di mettere fine al suo disagio esistenziale. Egli si troverà nell'aldilà di fronte allo stesso identico problema esistenziale che aveva in vita, ma senza più i mezzi fisici per risolverlo! Dovrà riaffrontarlo tornando ancora in un ambiente materiale alla prossima incarnazione.

Le emozioni negative di cui il corpo emotivo è veicolo devono essere completamente disintegrate prima che l'uomo possa passare in condizioni più elevate. Se un uomo ha coltivato per anni o addirittura decenni un pressante desiderio di fumo, di alcool, di sesso, ecc... tale forte desiderio si trova registrato in questo corpo sottile; e in ugual modo se è stato rabbioso, geloso, codardo o depresso.

Si trova nella situazione in cui prova ancora tutti i desideri, le passioni e le emozioni che provava quando aveva un corpo fisico - e con intensità mille volte maggiore, a causa del fatto che adesso è cosciente direttamente all'interno della sfera emotiva - ma non ha più un corpo in carne e ossa che gli permette di soddisfare ed esprimere tali manifestazioni.

Anche il fatto che le anime più basse si radunino intorno a luoghi dove avvengono guerre, omicidi, rivolte di piazza a carattere violento, incontri orgiastici di matrice non iniziatica... e influenzino negativamente gli individui che lì si trovano senza però poter intervenire direttamente esse stesse con un corpo fisico, contribuisce ad acuire il loro dolore e a metterle di fronte alle loro infime passioni.

È una situazione di penosa sofferenza, che tali anime devono obbligatoriamente affrontare fino a quando lentamente e per gradi il loro corpo emotivo non si sia logorato, e ciò accade nella stessa maniera in cui le nostre sofferenze fisiche nella carne fanno parte del lento processo di disgregazione del corpo fisico. La sofferenza che si prova in questo luogo è però radicalmente diversa dalla sofferenza di quaggiù, in quanto tutto ciò che ha relazione con le sensazioni fisiche è scomparso, anche lo stesso vedere deve essere immaginato come un vedere di natura più interiore, in quanto oramai indipendente dagli occhi fisici.

Per chi durante l'incarnazione è stato eccessivamente indulgente con i propri attaccamenti passionali al mondo della materia, questo nuovo stato gli appare come il fuoco dell'inferno, l'inferno che brucia le sue stesse passioni. Egli non viene punito da un "giudice che sta in alto", in quanto nessuno è colpevole di aver sbagliato in senso assoluto; accade semplicemente che egli sia, per una legge naturale, obbligato a distruggere gli ostacoli che lui stesso si è creato.

Non c'è punizione perché non c'è stato errore. La moralità delle azioni è una pericolosa invenzione umana; nella realtà ci sono unicamente processi fisici, cause ed effetti: se abbiamo aggregato della materia emozionale, questa dovrà essere disgregata... e la sofferenza fa parte del processo. Il tempo che trascorrerà in questa fase dipende dalla forza con cui tali emozioni inferiori si sono cristallizzate nel corpo.

La sua percezione soggettiva sarà però di una pena eterna a causa dell'intensità atemporale della stessa, e non perché essa sia effettivamente eterna - non potendo esistere una pena infinita per una "colpa" finita. Un evento energetico limitato non può produrre un risultato illimitato, ma sempre solo un risultato proporzionato all'evento stesso. Siamo sempre nell'ambito di leggi fisiche. Non è semplice - ma certo spaventa al solo pensiero - immaginare un patimento così profondo da essere avvertito come atemporale!

Non vorrei che il lettore rimanesse atterrito da tale descrizione dell'aldilà; ricordiamo che simile destino di sofferenza attende tutti noi, ma solo nella misura in cui durante l'incarnazione ci siamo identificati con i nostri odi, i nostri attaccamenti alle opinioni e alle cose e le nostre brame di piacere materiale, e nella misura in cui abbiamo sottomesso e sfruttato altri esseri umani pur di raggiungere i nostri scopi, dando cioè più valore alla nostra personale soddisfazione piuttosto che alla vita degli altri, e cristallizzando così nel corpo emotivo energie molto dense e difficili da sciogliere.

La progressiva diminuzione dell'intensità di tale infernale sofferenza la rende temporale; a un certo punto l'individuo si accorge che qualcosa sta cambiando e che un'evoluzione della sua situazione nel tempo è quindi possibile. Adesso è più "leggero": "sale" allora sempre di più dentro i sottopiani più alti del piano emotivo, corrispondenti alle sfere che stanno sopra la superficie terrestre: questa è la condizione « purgatoriale », in cui si perde l'illusione dell'eternità della pena.

Con il progressivo affrancarsi dagli elementi più grossolani e densi del suo guscio egli "sale" sempre di più, cioè vibra sempre più velocemente ed entra quindi in risonanza con ambienti sempre più sottili, con sottopiani via via più elevati del piano astrale.

Nessuno rimane per sempre nello stesso posto, ogni individuo attraversa numerosi sottopiani, all'interno dei quali egli può costruire intorno a se paesaggi illusori sempre meno "pesanti", in relazione al cammino che lo stato in cui si trovava al momento della morte fisica gli impone di percorrere.

È importante notare che i vari numerosi sottopiani che compongono i tre piani principali intorno al pianeta, e che noi attraversiamo dopo il decesso, vengono costantemente strutturati dalle forme pensiero create dagli uomini ancora nel piano fisico: un'emozione di odio andrà a costituire la sostanza dei piani astrali infernali, mentre un moto d'amore andrà a rinforzare i piani paradisiaci. Gli attuali comportamenti di ogni individuo sono dunque fondamentali non solo perché creano la sua realtà adesso sul piano fisico, ma anche perché vanno a determinare la qualità della sostanza degli altri piani, quei piani dove un giorno andrà a fabbricare le sua nuova realtà post mortem. A causa dei pensieri di giudizio e delle emozioni basse dell'uomo l'inferno diventa sempre più infernale!

Se tutti gli uomini emanano pensieri d'amore ed emozioni elevate i piani che andranno ad abitare dopo la loro dipartita saranno composti di sostanza aurea e la loro nuova realtà non potrà che essere d'oro, ma se essi emanano escrementi emotivi e mentali tutto il giorno la loro futura realtà da disincarnati non potrà che essere una realtà di... L'uomo sta edificando già adesso il suo inferno e il suo paradiso!

Inviare preghiere ai defunti risulta per essi estremamente utile, in quanto i pensieri di amore e i pensieri di incoraggiamento agiscono a livello vibratorio su di essi abbreviando notevolmente le loro pene, sia infernali che purgatoriali.

In paradiso.
Morto anche il corpo emotivo tutta la parte inferiore del suo essere è stata bruciata, le forme pensiero legate ai desideri e alle basse emozioni sono scomparse con quel corpo e l'anima può agire adesso all'interno del corpo mentale purificato.

L'uomo si trova ad avere come ambiente i più elevati pensieri e aspirazioni nutriti durante la sua vita fisica, secondo una successione: da quelli ancora vicini alla personalità a quelli completamente spirituali. Tutti i pensieri di amore, di amicizia, di tenerezza, di simpatia, di affetto che ha vissuto sono moltiplicati di intensità in un ambiente paradisiaco che corrisponde al suo piano mentale. Essi vengono rivissuti in maniera amplificata.

Risulta logico pensare che chi non ha mai coltivato vibrazioni di altruismo e amore o pensieri sottili di filosofia o spiritualità, percepirà un paradiso piuttosto breve e scarno, o addirittura non lo percepirà per niente; per lui non ci sarà paradiso!

Mentre l'individuo vive queste situazioni, allo stesso tempo si libera progressivamente del suo guscio formato dai pensieri, fino ad abbandonare anche questo e morire così una terza volta. Nella fase paradisiaca si disgregano gli schemi mentali strutturati durante l'ultima incarnazione, i quali, per quanto elevati, restano comunque impregnati di materialità.

Nel piano mentale della Terra, che è più sottile e vibratoriamente più veloce di quello emotivo, non ci sono più forme vere e proprie, ma solo immagini, simboli e, soprattutto, suoni.

Nel liberarsi degli ultimi pesi che lo legano alla Terra egli entra nel piano spirituale vero e proprio, il piano dell'anima, dove prova stati di gioia e di beatitudine sempre più alti. Niente più pregiudizi, niente paure, niente sensi di colpa, solo Gioia totale in un crescendo inimmaginabile di profondità.

È il mondo degli archetipi - di cui gli oggetti e gli esseri fisici sono solo ombre - i quali non sono astrazioni della ragione umana, ma veri e propri esseri che si manifestano agli occhi dell'anima anche attraverso splendide "melodie celesti". Qui lo stato della coscienza è notevolmente alterato rispetto alla coscienza fisica, tanto da risultare impossibile immaginarlo ora.

Nel mondo dell'anima.
La funzione dell'aldilà non è specificamente evolutiva, l'evoluzione in termini di consapevolezza avviene sulla Terra, nell'ambiente duale; nell'aldilà, come si è visto, prima l'individuo va all'inferno a ripulire i "binari energetici" dall'identificazione che li fa sembrare pregiudizi e condizionamenti, poi, usa questi stessi "binari energetici" per vivere nel mondo animico, in una forma estatica, tutto ciò che ha acquisito sulla Terra in termini di capacità di provare Amore e cogliere il Bello.

L'aldilà è una vacanza dove si prende consapevolezza dei frutti del lavoro svolto in un ambiente materiale, "ricaricandosi" al contempo per il lavoro successivo. Ma ricordiamo che solo quando si torna nella materia - sulla Terra o altrove - si può veramente godere di quanto si è appreso nelle incarnazioni precedenti grazie alle aumentate capacità di cogliere il Vero e di gioire della creazione.

Nel mondo dell'anima - esattamente come sulla Terra - la Gioia, la Bellezza e l'Amore possono essere percepiti soltanto se si hanno i "presupposti energetici" per farlo, se si è cioè sviluppato un buon numero di "binari energetici", se si possiedono le memorie di gestione dei corpi necessarie ad afferrare coscientemente qualità come l'Amore e la Gioia.

Tutti i piani di esistenza sono stracolmi di Bellezza, sono letteralmente fatti di Gioia, ma ognuno ne percepisce unicamente secondo quelle che sono le sue capacità di gestire lo strumento atto a percepirle, la personalità, cioè secondo lo sviluppo del suo Cuore, l'organo preposto a dominare e utilizzare al meglio tale personalità.

Un astronomo può scrutare la bellezza dell'universo tanto meglio quanto più ha imparato a usare bene il suo telescopio; come potrebbe operare bene se fosse invece convinto di essere il suo stesso telescopio?!

Quando saremo nel mondo dell'anima godremo della Bellezza e della Gioia solo nella misura in cui ci saremo fabbricati un buon telescopio durante la permanenza sulla Terra.

Così come accade in tutti gli altri piani sottili, anche nel mondo dell'anima il nostro grado di coscienza di noi stessi risulterà proporzionato al livello di identificazione con l'anima che già avevamo sulla Terra.

Riassumendo: saremo coscienti sul piano astrale nella misura in cui eravamo capaci di governare il nostro mondo emotivo mentre stavamo nel corpo fisico; saremo coscienti sul piano mentale nella misura in cui abbiamo sviluppato la nostra mente attraverso lo studio e la produzione di pensieri elevati e altruistici, siano essi politici, religiosi, sociali o filosofici; saremo coscienti sui piani dell'anima nella misura in cui abbiamo provato emozioni superiori (amore, compassione, tenerezza...) e ci siamo dedicati al pensiero astratto, puro, intuitivo, artistico senza fini materiali.

Chi non ha mai avuto pensieri altruistici e non ha mai usato il suo pensiero per pensare veramente, ma si è limitato a usarlo per fare la spesa e parlare delle condizioni atmosferiche o di football con gli amici, non vivrà il paradiso. Come potrebbe infatti restare cosciente su quel piano dopo la morte? Non ha fabbricato i "binari energetici" sufficienti ad ancorare la sua coscienza su quel livello. Allo stesso modo, chi non ha mai provato emozioni superiori, non si è mai dedicato all'arte o al pensiero astratto, non ha speranza di restare cosciente sui sottopiani più elevati del piano mentale e poi sui piani dell'anima dopo la morte del corpo mentale.

Spesso sui sottopiani più elevati del paradiso incontra quelle entità e quelle forze che la compenetrano e l'aiutano a sviluppare alcune qualità che essa manifesterà poi nell'incarnazione successiva a vantaggio del progresso dell'umanità intera.

Infatti, oltre a gioire di quanto di buono ha fatto e ha imparato durante la vita terrena, l'anima in paradiso si istruisce per la sua nuova prossima missione acquisendo nuove capacità e qualità; ma può farlo sempre solo nella misura in cui si è resa in grado di ricevere nuovi insegnamenti lavorando al proprio perfezionamento durante l'ultima incarnazione.

Abbandonati i suoi tre involucri esterni, la coscienza del Se, cioè dell'anima, se è sufficientemente «cristallizzata», gode della Bellezza dello spazio cosmico. A un certo punto del suo viaggio nel mondo spirituale essa ha ormai ricevuto tutti gli insegnamenti che è in grado di immagazzinare, ed è arrivata al più alto grado di Beatitudine che le è possibile percepire - che può ancora sopportare con i suoi attuali "binari energetici" - e questa Beatitudine è già milioni di volte più intensa di qualunque momento di felicità terrestre.

Tuttavia, proprio quando ha toccato l'apice, accade ancora qualcosa di straordinario: si accorge che di fronte a lei si estende... l'infinito. Un infinito tutto da scoprire di Amore, Gioia e Bellezza. Essa si accorge che la sua capacità di accrescere la Beatitudine è potenzialmente infinita, priva di qualsiasi confine; realizza in un istante che un mare di inconcepibile estasi è lì ad attenderla, un'estasi che per adesso le risulta insopportabile (non-sopportabile), cioè fisicamente non sostenibile dalle insufficienti "memorie di gestione" (i "binari energetici") costruite fino a questo punto della sua evoluzione.

Questo rappresenta un momento cruciale per l'anima. Andare avanti significherebbe "perdersi" nella Gioia e "annullarsi" nell'Uno, perché verrebbero a mancare i supporti per rimanere unitariamente cosciente di quanto sta percependo. Procedere implicherebbe il disciogliersi per sempre nella inconsapevolezza del Tutto, ritornare a far parte dell'indistinto Uno. E scegliere questa via dell'oblio completo pare sia effettivamente possibile: è la liberazione finale dalla ruota delle reincarnazioni, dallo spazio-tempo, dal concetto stesso di individuo e di evoluzione.

anticorpi.info/2010/06/cosa-succede-dopo-la-morte.html


Citazione
Esquivèl
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 195
 

Il discorso quadra.

L'autore unifica principalmente 2 religioni: il cristianesimo e il buddismo.
Il cristianesimo con l'idea di inferno, purgatorio e paradiso, invece il buddismo con il concetto di reincarnazione.

Inoltre, il tutto si risolve sul pianeta terra, solamente su un'altro piano dell'esistenza. Addirittura, si trovano conferme nelle "credenze infantili" come l'inferno che stà sotto terra e il paradiso che stà in cielo.

Oltre a ciò, i piani sottili del pianeta terra sono i luoghi dove circolano le anime che si reincarnano, mentre l'universo è quell'oceano sconfinato di beatitudine dove un'anima che è scesa dalla ruota karmica può "perdersi" in eterno.

L'universo: questa vastità fredda, oscura, mortale per il corpo umano e per qualsiasi altra forma di vita, mentre per un'anima può essere il luogo dell'immortalità, dannatamente affascinante!

Proseguendo, voglio parlare di come l'autore riesce a descrivere la dannazione atemporale e le limature di tutte le varie escoriazioni e brutture che l'anima si è arrecata durante la vita fisica, il ragionamento non fa una piega (anche sul campo puramente scentifico, il tempo è un'illusione dell'uomo che stà nel suo corpo fisico).

Egli attinge a piene mani dalla filosofia essena, i 7 specchi esseni spiegano tutto.

La "proiezione": un'idea tanto semplice, talmente "logica", che ovviamente non mi è mai balzata all'occhio nei miei innumerevoli peregrinaggi sulla morte.

"As above so below" "as within so without"
"come in cielo così in terra", ribadisco: il discorso quadra alla perfezione.

Nota scentifica: degli scienziati hanno condotto esperimenti sulla coscienza umana nel momento della morte, hanno dedotto che la coscienza nel momento in cui il corpo umano espira, essa trasmigra verso altri piani astrali.

1) Quando siamo neonati, tutto ci appare come in un sogno, i ricordi sono frammentati, sfocati, è difficile metterli insieme creando un nesso.

2) Quando sogniamo, o siamo in fase di sonno profondo, il tempo ci sembra accellerato, 1 minuto sul piano astrale del sonno, è in realtà 1 secondo nel piano fisico, questo perchè la coscienza è libera da tutte le soglie d'attenzione create dal corpo fisico, grazie alla mente (questo per proteggere il corpo fisico).

Da questo mio ragionamento, posso concludere che l'anima ha bisogno di tempo per "agganciarsi", "collegarsi" in pieno al corpo fisico quando si reincarna, d'altra parte, il corpo fisico ha anch'egli bisogno di tempo per crearsi tutte le difese per il nuovo "ospite", questo spiegherebbe lo stato semi-onirico in cui si trova il neonato, e questo stato lo accompagna per i suoi primi di anni di vita, finchè non sarà sopraggiunta la consapevolezza del mondo fisico.

Quindi, se mi è chiaro anche il punto che inizialmente trovavo un pò contradditorio, cioè il comportamento di coloro che il defunto lascia sul piano fisico, il "ricordo" triste, nostalgico, doloroso dei cari è un'ostacolo per l'anima che incontra difficoltà nel liberarsi del tutto del corpo fisico, mentre la preghiera pura, parole "positive" verso l'anima trasmigrata possono lenire le sue sofferenze al momento della "limatura animica" (se mi passate il termine).

Ora vorrei chiedervi, i piani sottili dell'esistenza, posso essere influenzati dal piano fisico?

Io credo di sì, possono essere influenzati dalla "geometria" creata dall'uomo.


RispondiCitazione
Rasna
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 634
 

postato per errore


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 580
Topic starter  

@Esquivel,
lei scrive: "Ora vorrei chiedervi, i piani sottili dell'esistenza, posso essere influenzati dal piano fisico?

Io credo di sì, possono essere influenzati dalla "geometria" creata dall'uomo.
"

Cosa intende per geometria creata dall'uomo?

La ringrazio per l'interessante commento diverso dai soliti che si leggono in rete sostanzialmente critici. 😉


RispondiCitazione
Esquivèl
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 195
 

La ringrazio per l'interessante commento diverso dai soliti che si leggono in rete sostanzialmente critici. 😉

Io credo che, ai molti critici manchino certe nozioni di base, come il meccanismo della "proiezione".
La "proiezione" è semplicemente lo strumento che l'uomo utilizza per rapportarsi coi suoi simili e con la natura, detto con le parole più povere che riesco a trovare...Potrei chiamarlo "regolatore" dei rapporti, ma non sono sicuro sia il termine adatto.


RispondiCitazione
Esquivèl
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 195
 

Cosa intende per geometria creata dall'uomo?

Prima di rispondere alla sua domanda devo scrivere una nota personale. Ultimamente mi stupisco ogni volta di più, perchè i miei discorsi vertono sempre su un'argomento e uno soltanto: le piramidi e i campi di torsione sub atomici.

Scienziati di tutto il mondo sono d'accordo col credere che dal vertice delle piramidi (egizie, maya, azteche, bosniache ecc.) si sprigioni una qualche sorta di fonte energetica, e avrebbero individuato il collegamento con "l'altra estremità" nella fattispecie, il centro della Via Lattea.

E' esattamente la forma geometrica (piramidale) a permettere a queste costruzioni di sprigionare energia, un'energia sottile appartenente a un campo sottile (ovviamente, se no la vedremmo ad occhio nudo).
Il discorso è più comprensibile se le faccio l'esempio della piramide rovesciata (una piramide talmente piccola da starci sul palmo di una mano) e metterla sotto il flusso d'acqua del rubinetto, vedrà che tutta l'acqua si raccoglierà intorno al vertice, è come se la base quadrata e i lati obliqui indirizzassero il flusso dell'acqua proprio al vertice per defluire in modo perpendicolare....al punto.

Stessa identica cosa, coi campi di torsione sub atomici, si comportano come l'acqua, anzi meglio dire che le piramidi sono generatori.

Che queste onde di torsione sub-atomiche interagiscano in qualche modo col campo astrale, facilitando l'ascesa dell'anima? (ricordiamoci che le piramidi egizie, erano tombe per i faraoni, e se, oltre a tutta la mitologia, il riempire il sarcofago di ogni ben di dio sbarlucciacante, ci fosse qualcos'altro di ben più misterioso e affascinante? E l'enigma finale delle piramidi potrebbe essere ciò che è più evidente, la loro forma!)
Se vuole saperne di più la ricollego a questo link: http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_09.htm

E' chiaro che, ogni forma geometrica, potrebbe avere uno scopo diverso (oltre a quello di far fuori la maggior quantità d'acqua possibile, naturalmente!) come i più comuni parallelepipedi dei grattacieli, oppure come la "forma contenitore" degli stadi sportivi, è come se fossero dei "contenitori-raccoglitori" emozionali, roba che influenza tutto il pianeta a un livello vibratorio più alto.

E' possibile che i campi torsionali interagiscano con altre forme geometriche.

Ma tornando e alla domanda iniziale: in che modo il mondo materiale può influenzare il piano astrale?
Con il pensiero, il suo post lo dice già, da come si comporteranno i cari lasciati dal defunto egli avrà più o meno difficoltà nell'ascesa al paradiso.
Ed è molto probabile che il bombardamento mediatico di cronaca nera, dove in ogni 30 minuti di notizie "mainstream" deve esserci (scritta o pronunciata) la parola "morto", è probabile che anche a questo livello ci sia un condizionamento.


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 580
Topic starter  

Io credo che, ai molti critici manchino certe nozioni di base, come il meccanismo della "proiezione".
La "proiezione" è semplicemente lo strumento che l'uomo utilizza per rapportarsi coi suoi simili e con la natura, detto con le parole più povere che riesco a trovare...Potrei chiamarlo "regolatore" dei rapporti, ma non sono sicuro sia il termine adatto.

Per me "proiezione" è più che azzeccata, nel senso che vedono negli altri tutto ciò che contengono loro stessi. 😉


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 580
Topic starter  

@Esquivèl,
sono stato a Giza e sono entrato (anche di notte) dentro alla piramide di Cheope, e non solo, ho visitato anche tutte quelle da lei indicate.
Qui mi fermo e non vado oltre, lascio ad ognuno le proprie convinzioni, in primis il karma è personale, successivamente ci sono anche gli altri.

P.s. Mi permetta di suggerirle una raccomandazione: non cada anche lei nell'equivoco di credere che le piramidi siano tombe, eventualmente chieda a qualche "muratore" antico, se ne conosce. 😉


RispondiCitazione
Esquivèl
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 195
 

@Esquivèl,
sono stato a Giza e sono entrato (anche di notte) dentro alla piramide di Cheope, e non solo, ho visitato anche tutte quelle da lei indicate.
Qui mi fermo e non vado oltre, lascio ad ognuno le proprie convinzioni, in primis il karma è personale, successivamente ci sono anche gli altri.

P.s. Mi permetta di suggerirle una raccomandazione: non cada anche lei nell'equivoco di credere che le piramidi siano tombe, eventualmente chieda a qualche "muratore" antico, se ne conosce. 😉

e c'è di più, molto di più nella forma piramidale, il link che le ho postato spiega meglio il funzionamento di conservazione dei corpi deperibili all'interno di una piramide, e anche ai giorni nostri questa convinzione è attuata, il tetra pack ne un'edificante esempio.

Credo che se anche trovassi un "muratore antico" che sia in vena di parlarne, non rivelerebbe il "segreto muratorio"nemmeno sotto tortura, piuttosto morirebbe (per la 2° volta) 😉


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 580
Topic starter  

Il link l'ho letto ma deve concedermi di essere di un'altra scuola.

"Credo che se anche trovassi un "muratore antico" che sia in vena di parlarne, non rivelerebbe il "segreto muratorio"nemmeno sotto tortura, piuttosto morirebbe (per la 2° volta) ;)"

Sono d'accordo con quanto da lei asserito.
Ma cosa ci faceva lo ierofante all'interno della piramide? 😉


RispondiCitazione
Esquivèl
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 195
 

Ma cosa ci faceva lo ierofante all'interno della piramide? 😉

...................E' una domanda trabocchetto? 😀


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 580
Topic starter  

...................E' una domanda trabocchetto? 😀

No! E' una di quelle da porre al "muratore antico". 😉


RispondiCitazione
Esquivèl
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 195
 

No! E' una di quelle da porre al "muratore antico". 😉

😀 😀 😀 😀 😀 😀 😀 😀


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 580
Topic starter  

No! E' una di quelle da porre al "muratore antico". 😉

😀 😀 😀 😀 😀 😀 😀 😀

piano con le emoticons, altrimenti le esaurisce. 😉


RispondiCitazione
Condividi: