Sondaggi: aiutatemi...
 
Notifiche
Cancella tutti

Sondaggi: aiutatemi a capire ciò che vedo

Pagina 2 / 2

GioCo
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2178
Topic starter  

CarloBertani;c-241272 wrote: Non vi siete accorti che la Chimica, da decenni, è al lavoro per modificare l'ambiente? Mai sentito parlare di pesticidi? Sapete chi è la Monsanto? E allora, di cosa vi meravigliate?

Gent.mo Sig. @CarloBertani, ho provato una volta a confrontarmi con Lei e temo adesso la reazione perché nonostante cerchi di essere meno sgradevole che mi riesce con chiunque (non ricavo piacere ad essere sgradevole) constato che non mi riesce per niente bene. Dovrà quindi perdonarmi due volte perché giurò ai suoi piedi che non c'è in me nemmeno un pensiero che vuole il suo male.

La chimica è certamente uno dei problemi più gravi che "dovremmo" affrontare e come giustamente ci ricorda @esca, nemmeno è il solo problema gravissimo. Ma se insisto sulla questione elettromagnetica c'è una ragione precisa e non è banalmente la volontà di stilare la "top ten" delle sfighe che ci stressano l'esistenza, magari per "fare finta" di dimenticarmene altre.

Passo a chiarire: mentre c'è in nuce una coscienza pubblica sulla pericolosità della sostanza chimica ed esiste per ciò un dibattito, un riconoscimento e una copertura, oltre una resistenza pubblica circa l'uso dei nuovi veleni, per quanto riguarda l'elettromagnetismo NON ESISTE ALLARME SOCIALE, se togliamo ovviamente quei generici avvisi di pericolo (senza riscontro nel nostro quotidiano) o le prese di posizione dei singoli. Questo rende il fenomeno estremamente pericoloso dal momento che è fortemente sottostimato. Tale è la pressione di "cover-up" che per avere almeno un idea sull'argomento ho dovuto incontrare di persona le avanguardie dei pochi e taciuti "riscontri oggettivi", i cosiddetti "elettro-sensibili", quelli che esposti alla pressione elettromagnetica hanno visto cedere le loro difese corporee. Praticamente una immunodeficienza elettromagnetica acquisita. Scopro così che NON ESISTE PROTEZIONE perché tutti i tessuti corporei dei viventi tendono all'accumulo fino a quando permangono in zona coperta, fino al collasso. Lei ha un idea di cosa parlo? Parlo di una vita che di colpo (il collasso avviene in via molto rapida anche senza preavviso) diventa un incubo, dove anche solo stare a un metro da un frigorifero può farti provare l'ebbrezza della sedia elettrica (certe elettro-stimolazioni colpiscono direttamente i terminali nervosi del dolore amplificandolo) e dove potresti ridurti a stare dentro una gabbia di faraday di qualche metro cubo, dipendendo da tutto e da tutti (in quest'epoca digitale) senza poter toccare niente di elettrico. Lei lo sa che le liste delle zone non coperte sono "top secret"? La sa perché? Perché a migliaia tra i malati già adesso li prenderebbero d'assalto. Faccia i conti di quale sarà la situazione da qui a 10 anni. Non c'è copertura sanitaria, non c'è riconoscimento medico e chi sta male (ma lei ha un idea di quanto?!) attualmente passa da incubo all'altro e vede ogni ora la sua situazione peggiorare senza poter fare niente. Ovviamente si perde il lavoro, gli amici e con il tempo tutti si allontanano perché la tua è una condizione di appestato, un peso morto. Le pressioni psicologiche fanno il palo a cure "sparate a caso" che spesso peggiorano drasticamente la condizione. I medici che conoscono il problema devono lavorare facendo finta di non sapere nulla, cioè la diagnosi devono dartela in privato non ufficialmente.

Se le sembra che tutto questo corrisponda a un problema equiparabile agli altri, allora non so cosa aggiungere d'altro.


RispondiCitazione
Pagina 2 / 2
Condividi: