Notifiche
Cancella tutti

IL FARMACO ANTIPARASSITARIO ECONOMICO E SICURO CHE UCCIDE I TUMORI AGGRESSIVI - MA NON È STATO APPROVATO DALLA FDA

   RSS

0
Topic starter

IL FARMACO ANTIPARASSITARIO ECONOMICO E SICURO CHE UCCIDE I TUMORI AGGRESSIVI - MA NON È STATO APPROVATO DALLA FDA

Dr. William Makis MD

The Exposé

Sabato 7 ottobre 2023

https://expose-news.com/2023/10/07/the-anti-parasitic-drug-that-is-cheap-safe-kills-aggressive-cancers-but-has-not-been-fda-approved/

Una necessaria premessa del traduttore.

Non sono un esperto in materia, sono solamente un uomo curioso che legge di tutto e che offre ad altri quello che ritiene interessante. Perciò, mi guardo bene dal proporre a chicchessia di seguire le cure descritte nell’articolo mentre lascio al lettore ogni giudizio in merito. Se l’argomento vi interessa, leggetelo, ma rivolgetevi a un vero esperto di cui avete fiducia per i consigli del caso.

 

Ieri The Expose ha pubblicato un articolo [1] che ha evidenziato solo alcune delle varie malattie che sono state trovate potenzialmente causate da parassiti, compresi i tumori. Una recente revisione di nove documenti di ricerca pubblicati dal dottor William Makis supporta ulteriormente le opinioni nell'articolo, ma il dottor Makis è più qualificato per dire "è un'ipotesi ragionevole che i pazienti con vaccino COVID-19 mRNA Turbo Cancer potrebbero beneficiare in modo significativo dei farmaci antiparassitari".

Un farmaco antiparassitario in particolare, il fenbendazolo, tuttavia, non è stato autorizzato per uso umano dalla FDA, ma nonostante manchi l'approvazione "ufficiale", è economico, sicuro e, cosa più importante, ci sono prove documentate sostanziali che indicano le sue proprietà anti-cancro.

A seguito della sua revisione dei documenti, il Dr. Makis afferma che "qui ci sono ampie prove di effetti anti-cancro nella letteratura pubblicata, sia in vitro che in vivo, e questo non è un farmaco controverso, come è stato fatto credere", e "vorrebbe vedere studi clinici su Mebendazolo o Fenbendazolo".

Come seguito dell'articolo di ieri su Parasit, credo che il contenuto della recensione del Dr. Makis sarebbe di interesse per i nostri lettori, e forse benefico per molte persone, spero sinceramente che raggiunga coloro che potrebbero aver bisogno di vederlo. L'articolo pertanto è stato ripubblicato di seguito nella sua interezza.

 

FENBENDAZOLO e CANCRO – almeno 12 meccanismi d'azione anti-cancro. Non approvato dalla FDA. Economico. Sicuro. Uccide i tumori aggressivi. Perché non ci sono studi clinici? Nove documenti di ricerca esaminati.

Dr. William Makis MD

Fonte immagine:  agosto 2020 – Deok-Soo Son et al [2]

2023 giugno – Movahedi et al  [3]  Riproposizione dei farmaci antiparassitari benzimidazolici come chemioterapici antitumorali selettivi

  • I farmaci benzimidazolici (incluso il fenbendazolo) sono stati ampiamente utilizzati come agenti antielmintici sia nell'uomo che nel bestiame  fin dagli anni '60
  • Questi farmaci sono diventati rapidamente più popolari rispetto ai farmaci precedenti grazie alla  loro superiorità in termini di efficacia, [minore] tossicità e applicazione
  • I farmaci benzimidazolici sono considerati  agenti antielmintici non tossici negli esseri umani e nel bestiame. Per questi farmaci sono raramente segnalate tossicità acute.
  • Non sono stati osservati effetti avversi cronici in cani e ratti trattati con dosaggi molto elevati, né irritazione, cancerogenicità o teratogenicità nei ratti e conigli trattati.
  • Due principali meccanismi d’azione: 
  • attività antimitotica  (inibizione della polimerizzazione della tubulina legandosi ai siti della tubulina delle cellule che si dividono rapidamente (porta all'arresto del ciclo cellulare) 
  • interrompe i processi metabolici cellulari inducendo stress ossidativo

Risultato:  induce l'apoptosi (morte cellulare) di parassiti e cellule tumorali in rapida proliferazione!

  • Questi farmaci inibiscono la proliferazione e la crescita del tumore
  • molti nuovi derivati ​​del benzimidazolo sono stati sviluppati per il trattamento di tumori come il cancro del colon, della mammella, del polmone, del condrosarcoma e della leucemia
  • Inoltre, nuovi derivati ​​del benzimidazolo hanno dimostrato un'elevata capacità di superare la resistenza ai farmaci
  • I farmaci benzimidazolici mostrano un effetto antimetastatico attraverso l'inibizione della migrazione e dell'invasione cellulare
  • I farmaci benzimidazolici sopprimono anche l'espressione della trascrittasi inversa della telomerasi (TERT), la cui attivazione è associata a metastasi
  • I farmaci benzimidazolici sono potenti nel prendere di mira le cellule staminali tumorali e nel prevenire la recidiva del tumore.
  • Si è scoperto anche che i farmaci benzimidazolici prevengono la trasformazione indotta dalle radiazioni delle cellule tumorali in cellule resistenti alle radiazioni e inoltre sensibilizzano alcune cellule resistenti ai farmaci.
  • Sono in corso studi clinici per la terapia del cancro con farmaci benzimidazolici.
    • Ad esempio, lo studio clinico sul mebendazolocome trattamento adiuvante per il cancro del colon è in  fase 3  (NCT03925662)
    • e  il mebendazoloin combinazione con altri agenti antiprotozoari compreso l'albendazolo per la terapia delle neoplasie è in Fase 2 (NCT02366884).
    • Sono in corso anche tre studi clinici di Fase 1 sul  mebendazoloe sui tumori cerebrali (NCT02644291, NCT01729260, NCT0183787862).
  • NON CI SONO PROVE CLINICHE CON IL FENBENDAZOLO
  • la bassa solubilità in acqua dei farmaci benzimidazolici ne impedisce le applicazioni cliniche
  • si stanno creando nanoformulazioni per migliorare la biodisponibilità
  • I farmaci benzimidazolici vengono anche combinati con altri chemioterapici, come paclitaxel, trametinib, gemcitabina e metossiestradiolo, per migliorare l'efficacia del trattamento antitumorale.
  • I farmaci benzimidazolici hanno anche sensibilizzato le cellule tumorali alla radioterapia

 

2023 aprile – Chi-Son Chang et al  [4] –  Effetto antitumorale delle nanoparticelle PLGA incorporate nel fenbendazolo nel cancro ovarico

  • il cancro ovarico è il cancro ginecologico più mortale
  • le nanoparticelle forniscono farmaci scarsamente solubili 
  • il fenbendazolo, un farmaco antiparassitario, è stato esaminato per i suoi effetti antitumorali: capacità di interferire con la polimerizzazione dei microtubuli, bloccare la progressione del ciclo cellulare,  aumentare la stabilità della proteina p53  e indurre l'apoptosi.
  • Tuttavia,  il fenbendazolo ha una bassa solubilità in acqua e una scarsa biodisponibilità  che rappresentano i principali ostacoli alla sua applicazione clinica come agente antitumorale
  • Le nanoparticelle sono state caricate con fenbendazolo per aumentare la biodisponibilità
  • Risultati: la forma naturale del fenbendazolo  ha ridotto significativamente la proliferazione cellulare delle cellule tumorali ovariche sia chemiosensibili che chemioresistenti 
  • Ma in vivo (modelli murini di xenotrapianto), solo la formulazione di fenbendazolo con nanoparticelle ha mostrato effetti antitumorali.

 

2023 marzo – Semkova et al [5] – Attività antitumorale mediata da ossidoriduzione del farmaco antiparassitario fenbendazolo in cellule di cancro al seno triplo negativo

  • Il fenbendazolo è stato testato su cellule di cancro al seno triplo negativo, tre tipi diversi, incluso un tipo altamente metastatico
  • Risultati: le cellule del cancro al seno altamente metastatiche erano più vulnerabili allo stress ossidativo indotto dal fenbendazolo

 

2023 marzo – Haebeen Jung et al  [6] – Effetti citotossici differenziali del fenbendazolo sulle cellule EL-4 del linfoma murino e sulle cellule della milza

  • il fenbendazolo è stato testato su una linea cellulare di linfoma di topo rispetto a cellule di milza normali
  • Lo scopo di questo studio era di indagare gli effetti citotossici del fenbendazolo sulle cellule normali della milza, che è un importante serbatoio di cellule immunitarie
  • Il fenbendazolo ha aumentato la morte cellulare delle cellule del linfoma ma non delle cellule normali della milza
  • Il fenbendazolo ha indotto specie reattive dell'ossigeno nelle cellule del linfoma  ma non nelle cellule normali della milza
  • Il fenbendazolo ha indotto l’arresto del ciclo cellulare G2/M nelle cellule di linfoma, non nelle cellule della milza
  • Conclusione:  il fenbendazolo ha effetti antitumorali sulle cellule del linfoma ma ha una tossicità minima sulle cellule normali della milza.

 

2022 settembre – Deokbae Park et al  [7] – Effetti antitumorali del fenbendazolo sulle cellule tumorali del colon-retto resistenti al 5-fluorouracile

  • Gli agenti antielmintici benzimidazolici  sono stati recentemente  riproposti  per sconfiggere i tumori resistenti alle terapie convenzionali.
  • Il fenbendazolo è stato testato su  cellule tumorali del colon-retto chemio resistenti
  • Risultati: il fenbendazolo induce in modo significativo l'apoptosi e l'arresto del ciclo cellulare nella fase G2/M sia sulle cellule del colon-retto che sulle cellule di cancro del colon-retto chemioresistenti.
  • Il benzimidazolo è storicamente noto per legare la beta-tubulina, distruggere i microtubuli e arrestare la divisione cellulare
  • È noto anche che il benzimidazolo attiva p53 e p21ma diminuisce l'espressione mutante di p53 nelle cellule di cancro del colon-retto: si presume che il fenbendazolo attivi l'apoptosi mediata da p53  aumentando  l'espressione di p53 (!) e in parte necrosi, autofagia e ferroptosi
  • nelle cellule di cancro del colon-retto chemioresistenti: il fenbendazolo innesca l'apoptosi senza influenzare l'espressione di p53, l'apoptosi è stata parzialmente indotta da Beclin-1 e ulteriormente aumentata dalla ferroptosi
  • 6 meccanismi d'azione(arresto del ciclo cellulare G2/M, attivazione dell'apoptosi mediata da p53, autofagia, necroptosi, ferroptosi, apoptosi mediata da Beclin-1)

 

2022 gennaio – Li-wen Ren et al  [8] – I benzimidazoli inducono apoptosi e piroptosi simultanee delle cellule di glioblastoma umano arrestando il ciclo cellulare

  • il fenbendazolo è stato testato contro le cellule tumorali del glioblastoma
  • 1. Il fenbendazolo ha soppresso la sintesi del DNA in modo dose-dipendente 
  • 2. Il fenbendazolo  ha inibito la migrazione cellulare e l'invasione delle cellule GBM
  • 3. Il fenbendazolo ha anche indotto in modo dose-dipendente l'arresto del ciclo cellulare GBM nella fase G 2 /M attraverso la via P53/P21/ciclina B1.
  • 4. Il fenbendazolo ha innescato la piroptosi delle cellule GBM (la piroptosi è una forma di morte cellulare programmata) attraverso la via NF-κB/NLRP3/GSDMD
  • 5. il fenbendazolo ha indotto l'apoptosi mitocondriale dlle cellule GBM
  • 6. Il flubendazolo  ha inibito la crescita tumorale del glioblastoma in vivo in modo dose-dipendente (in un modello di xenotrapianto di cellule U87 di topo nudo)
  • Conclusione: “ Presi insieme, i nostri risultati hanno dimostrato che i benzimidazoli potrebbero essere candidati promettenti per il trattamento del GBM".

 

2020 agosto – Deok-Soo Son et al [9] – I potenziali antitumorali degli antielmintici benzimidazolici come farmaci riutilizzabili

  • Gli antielmintici benzimidazolici hanno un'azione ad ampio spettro per eliminare i parassiti sia in medicina umana che veterinaria
  • A causa del loro basso costo e dell’elevata efficacia , gli antielmintici benzimidazolici sono stati utilizzati in tutto il mondo sin dalla loro introduzione  negli anni ’60.
  • Gli antielmintici benzimidazolici sono ben tollerati senza gravi effetti collaterali e il loro utilizzo decennale fornisce una base per la  sicurezza negli esseri umani.
  • Gli antielmintici benzimidazolici si legano selettivamente alla β -tubulina dei vermi parassiti, provocandone l'immobilizzazione e la morte
  • Oltre ad essere agenti antiparassitari, gli antielmintici benzimidazolici sono noti per esercitare attività antitumorali che sono riassunte (vedi anche immagine all'inizio dell'articolo):
    • interrompe la polimerizzazione dei microtubuli
    • inibisce la vitalità delle cellule tumorali
    • inibisce la migrazione e l’invasione delle cellule tumorali
    • induce apoptosi e autofagia
    • aumento dell’arresto del ciclo cellulare (G2/M).
    • induce differenziazione e senescenza
    • inibisce l'angiogenesi
    • riduce la formazione di colonie e inibisce la staminalità nelle cellule tumorali
    • inibisce la resistenza ai farmaci e sensibilizza le cellule alla chemio convenzionale
    • blocca il trasporto del glucosio e compromette l’utilizzo del glucosio
  • È stato dimostrato che gli antielmintici benzimidazolici inibiscono la vitalità cellulare in una varietà di linee cellulari tumorali, apparendo come un farmaco promettente:
    • tumore al seno
    • leucemia
    • glioma e glioblastoma
    • cancro ai polmoni
    • carcinoma epatocellulare
    • rabdomiosarcoma
    • medulloblastoma
    • cancro uroteliale

 

2020 giugno – Yong Han et al  [9] – Coinvolgimento delle specie reattive dell'ossigeno nell'attività antitumorale del fenbendazolo, un benzimidazolo antielmintico ( leucemia )

  • In questo studio, abbiamo esaminato se il Fenbendazolo ha attività antitumorale nelle cellule HL-60, una linea cellulare di leucemia umana
  • il fenbendazolo ha ridotto significativamente  l'attività metabolica delle cellule leucemiche
  • Il fenbendazolo  ha ridotto il potenziale della membrana mitocondriale delle cellule leucemiche in modo concentrazione-dipendente
  • il fenbendazolo  ha aumentato l’apoptosi e la necrosi delle cellule leucemiche
  • Conclusione:  il fenbendazolo esercita attività antitumorale contro le cellule leucemiche, in parte, attraverso la produzione di ROS (specie reattive dell'ossigeno)

 

2018 Agosto – Dogra et al [10]  – Il fenbendazolo agisce come un moderato agente destabilizzante dei microtubuli e provoca la morte delle cellule tumorali modulando molteplici percorsi cellulari

  • È noto che il fenbendazolo ha un elevato margine di sicurezza e la maggior parte delle specie lo tollera molto bene
  • Il fenbendazolo prende di mira i microtubuli nelle cellule di cancro polmonare NSCLC umano
  • Il trattamento con fenbendazolo determina un blocco precoce G2/M accompagnato dalla morte cellulare
  • Linee cellulari tumorali con  p53 wild-type mostrano una maggiore sensibilità all'apoptosi indotta da fenbendazolo
  • L'inibizione dell'assorbimento del glucosio da parte del fenbendazolo sensibilizza le cellule tumorali a subire l'apoptosi
  • Il fenbendazolo inibisce efficacemente la formazione di colonie di cellule umane di cancro polmonare NSCLC in coltura
  • In vivo: il fenbendazolo sopprime la crescita del tumore
  • Il fenbendazolo possiede una capacità unica di indurre p53 a un livello considerevolmente alto (!)
  • Conclusione: Nel complesso, i nostri risultati mostrano la rottura dei microtubuli, la stabilizzazione di p53 e l'interferenza con il metabolismo del glucosio come meccanismi collettivi sottostanti al fenbendazolo che inducono l'eliminazione preferenziale delle cellule tumorali sia  in vitro che in vivo .

 

La mia opinione

L'ivermectina è approvata dalla FDA.

Il fenbendazolo  NON è approvato per l'uso umano dalla Food and Drug Administration (FDA) e dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA). È disponibile come farmaco veterinario.

Il fenbendazolo fa parte di un gruppo più ampio di farmaci noti come benzimidazoli, che sono farmaci antielmintici (cioè farmaci che uccidono i vermi parassiti). Un altro benzimidazolo è il mebendazolo, che può essere prescritto agli esseri umani per alcune infezioni parassitarie.

Il mebendazolo (Vermox) è approvato dalla FDA per uso umano, ma è significativamente più costoso.

 

Perché il Fenbendazolo è così popolare? La storia di Joe Tippens e del suo cancro polmonare a piccole cellule allo stadio terminale 4

Edmond [nel video] racconta come un medicinale per cani poco costoso lo abbia curato

VIDEO QUI:    https://youtu.be/HYILnjc_wuY

 

Protocollo contro il cancro di Joe Tippens:

  • Fenbendazolo 222 mg al giorno con il cibo (originariamente 3 giorni sì, 4 giorni no)
  • Curcumina 600 mg al giorno
  • Olio di CBD: 25 mg per via sublinguale al giorno
  • Vitamina E: 800 UI al giorno

 

Il Dr. Tom Rogers MD [11] (Performance Medicine – Knoxville, TN) suggerisce diversi protocolli interessanti che utilizzano il fenbendazolo:

TRATTAMENTO ATTIVO DEL CANCRO  – Per il cancro attivo, assumere una capsula di  Fenbendazolo (444 mg)  al giorno. Alcune persone consigliano di prendersi un giorno libero a settimana. Nota: penso che mi prenderei semplicemente la domenica libera. Ancora una volta, non dovresti sviluppare una tolleranza a questo, ma fare una piccola pausa è probabilmente una buona idea. Per migliorare il protocollo, prendi l'olio di CBD (25 mg) 1-2 gocce ogni sera prima di dormire. Per rafforzare il protocollo, assumere Curcumina (600 mg) due volte al giorno con il cibo. Per sostenere il fegato, prendi il cardo mariano (250 mg) due volte al giorno con il cibo. Nota: il fenbendazolo deve essere assunto durante o dopo i pasti per migliorare l'assorbimento. 

TRATTAMENTO COMPLEMENTARE DEL CANCRO  – Assumere una capsula di Fenbendazolo (222 mg) ogni giorno, una volta al giorno dopo un pasto grasso; Curcumina (600 mg) una capsula due volte al giorno dopo colazione e pranzo; Olio CBD (25 mg) 1-2 gocce sotto la lingua ogni giorno prima di dormire.   

PREVENZIONE DELLA RICADUTTA DEL CANCRO  – Prendendo Fenbendazolo per la prevenzione attiva del cancro e delle ricadute del cancro, assumere  una capsula (222 mg) tre volte a settimana, una volta al giorno dopo un pasto grasso. Inoltre, assumere la curcumina (600 mg) una capsula/due volte al giorno dopo colazione e pranzo, cardo mariano e olio di CBD (25 mg) 1-2 gocce sotto la lingua ogni giorno prima di andare a dormire. Nota: chiedi al tuo medico di seguire e controllare i test di funzionalità epatica e renale. È facile, economico e puoi ottenerlo presso qualsiasi studio medico. 

PREVENZIONE DEL CANCRO (profilassi)  – Coloro che si sono sottoposti a test genetici e sanno di essere realmente inclini a contrarre il cancro possono assumere Fenbendazolo a scopo profilattico. Assumere una capsula (222 mg) 3 volte a settimana, una volta al giorno dopo un pasto grasso. Quindi niente Fenbendazolo per quattro giorni. Ripeti per 10 settimane e poi prenditi 10 settimane di pausa; Curcumina (600 mg) una capsula due volte al giorno dopo colazione e pranzo; Olio CBD (25 mg) 1-2 gocce sotto la lingua ogni giorno prima di dormire. Continua quel regime indefinitamente. 

 

Cosa ne penso

Il fenbendazolo non è così controverso se si considerano oggettivamente le prove scientifiche.

Il fenbendazolo possiede almeno 12 meccanismi antitumorali comprovati in vitro e in vivo:

  • interrompe la polimerizzazione dei microtubuli (meccanismo principale)
  • induce l'arresto del ciclo cellulare (G2/M). 
  • blocca il trasporto del glucosio e compromette l’utilizzo del glucosio da parte delle cellule tumorali (grave)
  • aumenta i livelli di soppressore tumorale p53 (maggiore)  
  • inibisce la vitalità delle cellule tumorali (mTOR)  
  • inibisce la migrazione e l’invasione delle cellule tumorali (via EMT)  
  • induce l'apoptosi  
  • induce l'autofagia
  • induce piroptosi e necrosi
  • induce differenziazione e senescenza
  • inibisce l’angiogenesi tumorale
  • riduce la formazione di colonie e inibisce la staminalità nelle cellule tumorali
  • inibisce la resistenza ai farmaci e sensibilizza le cellule alla chemioterapia convenzionale e alla radioterapia

Un farmaco molto simile della stessa famiglia del Fenbendazolo è approvato dalla FDA:  il Mebendazolo, ed è attualmente in diversi studi clinici per tumori al cervello e al colon.

Allora perché non esistono studi clinici sul fenbendazolo per il cancro? 

La risposta sembra piuttosto ovvia: costa molto poco, è sicuro e sembra essere molto efficace.

Il fenbendazolo non renderà nessuno ricco e, nei trattamenti contro il cancro, questo è un fallimento.

Che dire dei tumori turbo indotti dal vaccino mRNA del COVID-19? Il fenbendazolo mostra attività in vitro e/o in vivo contro questi tumori:

  • cancro al seno (compreso il cancro al seno triplo negativo – osservato negli individui vaccinati con mRNA COVID-19 con cancro Turbo)  
  • linfomi  (questi sono i tumori turbo vaccinali con mRNA COVID-19 più comuni e ci sono più prove per l'uso del fenbendazolo nei linfomi che nell'ivermectina) 
  • leucemie  (tumori Turbo vaccino mRNA COVID-19 più aggressivi)
  • glioblastomi e gliomi  (tumori turbo vaccinali con mRNA COVID-19 estremamente aggressivi)
  • cancro al polmone (NSCLC)  (segnale forte per i tumori turbo del vaccino mRNA COVID-19)
  • carcinoma epatocellulare (segnale per i tumori turbo del vaccino mRNA COVID-19)
  • rabdomiosarcomi (possibile segnale per i tumori turbo del vaccino mRNA COVID-19, i sarcomi in generale sono in aumento)
  • tumori ovarici
  • tumori uroteliali

 

CONCLUSIONE:

Sebbene l’antiparassitario Fenbendazolo non sia approvato dalla FDA per uso umano, nella letteratura pubblicata esistono ampie prove di effetti antitumorali, sia in vitro che in vivo, e questo non è un farmaco controverso, come è stato affermato Essere.

Il fenbendazolo ha un eccellente profilo di sicurezza e il suo parente stretto, il mebendazolo, è approvato dalla FDA e attualmente è sottoposto a numerosi studi clinici per il trattamento del cancro negli Stati Uniti, compresi i tumori del colon e del cervello.

Credo che sia un’ipotesi ragionevole che i pazienti affetti da cancro turbo con vaccino mRNA COVID-19 potrebbero trarre beneficio in modo significativo dal mebendazolo o dal fenbendazolo e mi piacerebbe vedere studi clinici urgenti con entrambi.

 

Fonte – FENBENDAZOLO e CANCRO – almeno 12 meccanismi d’azione anti-cancro. Non approvato dalla FDA. Economico. Sicuro. Uccide i tumori aggressivi. Perché nessuna sperimentazione clinica? Nove articoli di ricerca esaminati. – Dott. William Makis MD [12]

 

 

  1. https://expose-news.com/2023/10/06/parasites/
  2. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7458798/
  3. http://anser.press/index.php/ci/article/view/443/486
  4. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC10482585/
  5. https://ar.iiarjournals.org/content/43/3/1207.abstract  
  6. https://www.kjvr.org/journal/view.php?number=3907
  7. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9437363/
  8. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8724275/
  9. https://www.kjvr.org/journal/view.php?doi=10.14405/kjvr.2020.60.2.79
  10. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30093705/
  11. https://www.linkedin.com/pulse/fenbendazole-cancer-tom-rogers-md/
  12. https://makismd.substack.com/p/fenbendazole-and-cancer-at-least

 

 

Questa argomento è stata modificata 4 mesi fa 3 volte da oldhunter
Condividi: