LA TRISTEZZA DEL GR...
 
Notifiche
Cancella tutti

LA TRISTEZZA DEL GRANDE FIUME


mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1465
Topic starter  

 

 

 

Sono passati cento anni, o quasi. Nel 1926, i fiumi, i torrenti e i laghi amazzonici si sono ritirati o prosciugati. Gli abitanti delle rive attraversarono il letto dei fiumi e dei laghi dove un tempo navigavano e pescavano con le canoe. Barche e case galleggianti si sono arenate sulle rive a più di un chilometro di distanza dalle acque dei fiumi Negro, Solimoes e Amazon. Il livello dell'acqua del Rio delle Amazzoni scese al valore più basso mai registrato a Manaus fino ad oggi!

Nel 1926 era inconcepibile che l'uomo potesse - o anche solo pensasse - di poter distruggere il pianeta (in questo caso, prosciugando il Rio delle Amazzoni) o, tanto meno, salvarlo da solo. Era un'epoca in cui nessuno incolpava la deforestazione per la siccità del bacino amazzonico, poiché esisteva già un "colpevole": il fenomeno climatico detto El Nino.

Senza pioggia, le foreste di igapo sembravano solo terraferma. La mortalità dei pesci è stata molto alta, per la gioia di innumerevoli uccelli. Nello stato di Rondonia, presso la cascata di Santo Antonio, si poteva quasi attraversare il fiume Madeira calpestando solo le sue rocce. A Manaus, le case su palafitte si ergevano sulla terraferma. Nei fiumi sono emerse vaste isole e spiagge sabbiose. Questo accade da secoli, ogni tre o quattro anni, con maggiore o minore impatto. Quindi, caro lettore, non lasciarti allarmare dalle immagini dei media.

El Niño è un fenomeno atmosferico-oceanico che si verifica da migliaia di anni nel Pacifico equatoriale. Le acque diventano più calde rispetto alla media storica. Questo cambiamento ha effetti globali sulla circolazione atmosferica, sul trasporto dell'umidità, sulla temperatura e sulle precipitazioni, che variano in diverse parti del pianeta.

Un anno di pioggia o di siccità, di caldo o di freddo favorisce sempre alcune colture e ne danneggia altre. Non esiste un clima ideale per tutte le attività agricole contemporaneamente.

La concentrazione di acque oceaniche più calde sulla costa del Perù riduce gli stock ittici e danneggia la pesca. Poiché si verifica dalla fine di novembre a metà dicembre nell'emisfero meridionale, i pescatori hanno dato per secoli al fenomeno un nome associato a Gesù Bambino. Era un segno, un diritto del lavoro: Secondo loro, El Niño desiderava vederli riposare e trascorrere più tempo con le loro famiglie durante l'Avvento del Signore.

In molte questioni climatiche, come nel caso di El Niño, le narrazioni del consorzio dei media e dei rispettivi "esperti" fanno passare come eccezionali eventi assolutamente normali, per poi cercare di imporre alla società comportamenti e tesi anormali come se fossero normali. 

Contrariamente a quanto sostengono i media apocalittici e i loro soliti "esperti", non c'è nulla di terribile o eccezionale nell'avvento di El Niño.

Le registrazioni temporali di El Niño coprono un secolo e mezzo, mostrando vari tipi e conseguenze. Chi ha pazienza può leggere e osservare le durate e le intensità: 2018-2019, debole; 2014-2016, forte; 2009-2010, moderato; 2006-2007, forte; 2004-2005, debole; 2002-2003, moderato; 1997-1998, forte; 1994-1995, moderato; 1990-1993, forte; 1986¬1988, moderato; 1982-1983, forte; 1979-1980, debole; 1977-1978, debole; 1976-1977, debole; 1972¬1973, forte; 1968-1970, moderato; 1965-1966, moderato; 1963, debole; 1957-1959, forte; 1953, debole; 1951, debole; 1946-1947, moderato; 1939-1941, forte; 1932, moderato; 1925-1926, forte; 1923, moderato; 1918-1919, forte; 1913-1914, moderato; 1911-1912, forte; 1905-1906, forte; 1902-1903, forte; 1899, forte; 1896-1897, forte; 1888-1889, moderato; e 1877-1878, forte.

Quanto sarà intenso El Niño e quanto durerà nel 2023-2024? Nessuno lo sa. In cento anni si sono verificati una dozzina di eventi di forte intensità. L'ultimo si è verificato tra il 2014 e il 2016. In Amazzonia, il livello dell'acqua del fiume Negro è sceso di oltre sette metri, solo nell'ottobre 2015. A causa delle difficoltà di trasporto, le lezioni sono state sospese per oltre 3.000 studenti in 29 scuole di Manaus. La capitale ha dovuto sopportare il fumo di oltre 11.000 incendi boschivi in Amazzonia per più di 20 giorni. Con la diminuzione della portata dei principali fiumi amazzonici, le centrali idroelettriche hanno fermato le turbine e operato a livelli di generazione molto bassi.

Proprio come quest'anno, un'ondata di calore molto più significativa ha colpito il Midwest, il Sud-Est, alcune parti del Nord e il Nord-Est del Brasile tra settembre e ottobre. In più di 30 città della regione centrale del Paese, si sono registrati 42,1°C quel giorno. E Manaus ha registrato la temperatura più alta degli ultimi 90 anni: 38,9°C il 21 settembre 2015.

Ora, la presenza del Niño nel clima agita giornali ed editoriali: "Si prevede che El Niño si trasformi in Super El Nino e intensifichi gli effetti sul clima alla fine dell'anno", prevede la CNN. E il catastrofismo non si limita al Sudamerica: "El Niño rappresenta la più grande minaccia degli ultimi decenni per le specie vulnerabili delle Galapagos", avverte l'agenzia AFP!

Per i pessimisti, nonostante tutti gli investimenti in tecnologia, questa volta l'agricoltura non sfuggirà agli "scherzi" di "El Niño Travieso" (El Niño dispettoso). Secondo loro, le coltivazioni nelle Americhe saranno tra le più colpite dal fenomeno climatico in tutto il mondo, profetizzano i media.

Un anno di pioggia o di siccità, di caldo o di freddo favorisce sempre alcune colture e ne danneggia altre. Non esiste un clima ideale per tutte le attività agricole contemporaneamente.

Le forti precipitazioni possono causare ristagni d'acqua, danneggiando la canna da zucchero e il caffè e ostacolando il funzionamento delle macchine da campo. L'umidità eccessiva riduce la concentrazione di zucchero nella canna da zucchero, diminuisce l'estrazione del succo (per etanolo e zucchero) e rende più difficile la raccolta e il trasporto per la macinazione. Nonostante tutto questo, per compromettere il raccolto, il fenomeno dovrebbe essere molto intenso per tutto il 2023 e l'inizio del 2024, e questo è improbabile.

Le luci più piccole vinceranno sempre l'oscurità. In queste notti buie, alzate gli occhi al cielo e potreste vedere una pioggia speciale, una pioggia di meteore: le Orionidi. Si estendono dal 4 ottobre al 14 novembre. Il picco è il 21 ottobre: il tasso zenitale raggiunge le 23 meteore all'ora. Non ha alcuna relazione con i cambiamenti climatici. Sono solo detriti lasciati dalla cometa di Halley durante il suo passaggio in queste regioni cosmiche. Quindi, sperate in un cielo sereno e guardate verso la Cintura di Orione, a partire. Le meteore attraversano il cielo in linee ellittiche. Un fenomeno più regolare e meno conosciuto rispetto a El Niño - e anche meno controverso.

 

  https://revistaoeste.com/about-brazil/a-hundred-years-ago-a-mischievous-boy-nearly-dried-up-the-amazon-river/

 

 

 

 

 

 


Pumbabr e ducadiGrumello hanno apprezzato
Citazione
Martin
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 91
 

Veramente grazie per la lezione. Tralaltro ci risparmieremo dall' essere ingannati con El Nino muy travieso a causa del global warming causato dall'uomo.


RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1465
Topic starter  

E' un fenomeno metereologico molto grave!

https://portal.inmet.gov.br/noticias/o-que-%C3%A9-e-quais-os-impactos-do-el-ni%C3%B1o-entenda-agora

 

 

 


RispondiCitazione
Condividi: