Il coraggio di affr...
 
Notifiche
Cancella tutti

Il coraggio di affrontare il Covid-19: prevenire il ricovero e la morte combattendo il complesso biofarmaceutico


ekain3
Estimable Member
Registrato: 9 mesi fa
Post: 221
Topic starter  
 
recensione di Aruna Rodrigues

John Leake è un ''autore di best-seller e di saggistica e un vero esperto di crimine". Ho appena letto quello che deve essere descritto come uno straordinario "racconto" della saga del COVID-19, questo libro è la narrazione di un vero crimine su una scala che potrebbe essere in cima alla lista nella storia della "disumanità dell'uomo verso l'uomo". 
Il libro racconta il ruolo unico dei governi nazionali di tutto il mondo e delle loro agenzie sanitarie, guidate dagli Stati Uniti e dall'OMS, che hanno seguito un'agenda che ha portato a numerosi milioni di vittime completamente evitabili. La domanda è perché?

I soliti colpevoli sono il denaro e il potere. Ma attribuire una causa a questi due è tristemente insufficiente. L'enorme portata dell'"agenda oscura" - coordinata e messa in atto da governi, agenzie sanitarie, l'establishment medico (ospedali, medici e chimici) e la massiccia e deliberata disinformazione da parte dei media tradizionali - sfida tali facili spiegazioni. Come ha affermato un giornalista del team di Leake, "questo è il male".

Il dottor Peter McCullough afferma che ci vorrà una legione di investigatori e giornalisti investigativi per "districarsi e delineare quello che alla fine si rivelerebbe come un enorme crimine contro l'umanità".
 
Questo libro è una parte di quell'indagine, concentrandosi sul motivo per cui i protocolli di trattamento (soprattutto il trattamento precoce) sono stati messi da parte, portando a conseguenze disastrose. Il libro è un racconto impressionante, accurato e lucido di questo crimine su scala globale, con il suo obiettivo sugli Stati Uniti.
John Leake non avrebbe potuto desiderare una voce più autorevole di Peter McCullough, il suo coautore. McCullough, internista e cardiologo certificato presso il consiglio di amministrazione, è l'autore più pubblicato nella storia, nel campo della medicina cardiorenale.
Entro il 2020, aveva pubblicato oltre 60 articoli medici accademici sottoposti a revisione paritaria. Oltre al dottorato in medicina, McCullough ha ricevuto otto certificazioni mediche da varie società. Ora è uno dei massimi esperti pubblicati nei protocolli di trattamento, in particolare nel trattamento precoce per COVID-19.
 
Il "Protocollo McCullough", che si è evoluto in 22 mesi, ha aiutato a curare milioni di pazienti in tutto il mondo, salvando innumerevoli persone dal ricovero e dalla morte. Poiché "la battaglia" viene combattuta sulla base dell'autorità medica, solo i medici del calibro e dell'esperienza unici di qualcuno come il dottor Peter McCullough sono nella posizione di combatterla.
McCullough ha anche le qualità vitali di integrità e coraggio che gli consentono di affrontare questa lotta ampiamente impari contro il complesso biofarmaceutico che include il governo degli Stati Uniti e le sue agenzie sanitarie (FDA, CDC, NIAID) e l'OMS.
 
Il libro delinea la cronologia della "pandemia". L'OMS ha dichiarato il COVID-19 una pandemia l'11 marzo 2020, utilizzando una RT-PCR altamente imprecisa e difettosa a TC elevate (soglie di ciclo) superiori a 40. Coloro che sono risultati positivi e non presentavano sintomi sono stati etichettati come "asintomatici", una nuova categoria di Pazienti COVID che hanno aumentato i numeri necessari per dichiarare una pandemia.
Il 16 marzo 2020 il dottor Fauci (assumendo il ruolo di chief public health officer degli Stati Uniti) ha dichiarato che il suo istituto, il NIAID (National Institute of Allergy and Infectious Diseases presso il National Institutes of Health – NIH) degli Stati Uniti, aveva sviluppato un promettente vaccino per combattere SARS-COV-2 con un investimento sostanziale. Questa è stata promossa come l'unica speranza dell'umanità.
 
Fauci ha dimenticato di menzionare che il NIH era co-proprietario del brevetto. Questa era davvero la "velocità di curvatura".
 
È interessante notare che, durante una simulazione all'Evento 201 il 28 ottobre 2019, è stato affermato che CEPI (la Coalition of Epidemic Preparedness Innovation) stava già lavorando a un vaccino contro il virus corona, il primo passo del suo piano aziendale (BP) pubblicato nel novembre 2016. CEPI è stato lanciato nel gennaio 2017 a Davos dalla Gates Foundation, dal WEF, dai governi di Norvegia, Giappone e India e dal Wellcome Trust.
Il libro osserva che il trattamento del COVID-19 con i farmaci esistenti non faceva parte della BP. Ecco perché non c'era alcun interesse per i farmaci riproposti come l'idrossiclorochina (HCQ), che era stata approvata dal 1955 dalla FDA come profilassi della malaria. Miliardi di dosi erano state somministrate nel corso dei decenni. Il farmaco è sicuro, economico e facile da produrre.
 
I team di ricerca in Cina hanno riportato risultati favorevoli per il trattamento del COVID-19. McCullough dice:
 
l'unica cosa in letteratura è HCQ. Dovremmo seguire la raccomandazione dell'Indian Medical Council (ICMR) per utilizzarla”.
 
L'altro farmaco riproposto che ha avuto successo nel trattamento del COVID-19 come profilattico e in ogni fase della malattia è il farmaco antiparassitario ivermectina. Sarebbe difficile sopravvalutare il significato dell'efficacia dell'ivermectina: è un inibitore della SARS-COV-2 in vitro. Un singolo trattamento ha effettuato "una riduzione di circa 5000 volte del virus a 48 ore in coltura di abbattimento cellulare" (studio della Monash University of Australia).
 
L'ivermectina è approvata dalla FDA e, come l'HCQ, è ampiamente disponibile, non brevettata ed economica. È nell'elenco modello dell'OMS dei farmaci essenziali. Dalla sua scoperta nel 1989, l'ivermectina ha curato due grandi flagelli (cecità fluviale ed elefantiasi) ed è stata ampiamente prescritta. Come l'HCQ, l'ivermectina è estremamente efficace nell'attenuare la malattia e la morte da COVID-19.
Entrambi i farmaci sono derivati ​​da fonti naturali. HCQ (antenato naturale, chinino) è derivato dalla corteccia di china (scoperta dai quechua del Perù) e l'ivermectina è un composto bioattivo derivato da un batterio del suolo (Streptomyces avermectinius). Il suo scopritore Satoshi Omura e il suo collega del Merck Institute, il dottor William Campbell, hanno vinto il Premio Nobel per la medicina, per l'ivermectina, nel 2015.
 
Nel 2017, il rapporto di The Journal of Antibiotics riportava:
 
''L'enigmatico e sfaccettato "farmaco miracoloso" continua a sorprendere e superare le aspettative.
La rivista ha presentato le proprietà terapeutiche dell'ivermectina contro una serie di agenti patogeni, inclusi i virus.''
 
Sia l'HCQ che l'ivermectina dovrebbero essere di valore per l'India perché si adattano così bene ai suoi 5.000 anni di storia della scienza delle piante medicinali nelle tradizioni curative ayurvediche. Entrambi sono stati usati con grande efficacia per il trattamento del COVID-19, specialmente in UP (Uttar Pradesh). Sfortunatamente, nonostante i dati, il governo indiano e l'OMS hanno ritirato il sostegno.
 
Gli autori notano che la prova impressionante che entrambi i farmaci fossero trattamenti efficaci per il virus è stata ostacolata da Fauci e dal CDC e ha incontrato un muro di silenzio da parte dei media legacy. Inspiegabilmente, il remdesivir era l'unico farmaco autorizzato e reso disponibile negli ospedali pubblici statunitensi; un farmaco senza un profilo di sicurezza e che potrebbe essere fatalmente tossico, portando a insufficienza renale.
Inoltre, rispetto al prezzo di pochi centesimi di HCQ e ivermectina, il prezzo del remdesivir era di oltre $ 3.000 per trattamento, ma per produrlo bastavano solo $ 10! Il messaggio di Gates era: “non esiste trattamento a parte il remdesivir. Resta a casa, aspetta il vaccino”.
 
I lettori sono informati che le agenzie sanitarie hanno detto alla professione medica che non si poteva fare nulla per curare il COVID-19, sostenute dalla stampa che ha blasonato questo nichilismo terapeutico. A un pubblico in preda al panico è stata negata qualsiasi forma di trattamento: aspetta che le tue labbra siano blu e poi vai in ospedale. I pazienti sono stati isolati e lasciati soli, nessun parente è stato autorizzato a visitarli.
Quando hanno raggiunto il punto in cui non potevano respirare, sono stati messi su ventilatori meccanici, una campana a morto: l'80% è morto. L'ivermectina è stata risolutamente e tirannicamente negata, anche quando non c'era speranza che il paziente potesse sopravvivere e contro le suppliche di mariti, mogli, genitori.
 
Incredibilmente, anche gli ordini del tribunale sono stati disattesi. Nei pochi casi in cui ai medici ospedalieri è stato esplicitamente ordinato di farsi da parte e lasciare che fosse somministrato un protocollo di ivermectina, questi pazienti si sono ripresi, e in modo veloce. Gli altri? Sono morti.
Solo in Texas, 45.000 morti. Peter McCullough stima che circa il 70% dei decessi COVID-19 avrebbe potuto essere evitato. Entro Natale 2021, quella cifra era di 610.000 morti prevenibili. Ha detto, "c'è così tanta attenzione sul vaccino, dov'è l'attenzione sulle persone malate in questo momento".
 
Le soluzioni comprovate al virus con l'uso di HCQ, ivermectina e altri farmaci (metilprednisolone, eparina, azitromicina, zinco e medicina ortomolecolare, in particolare vitamina C ad alte dosi), hanno dimostrato che si trattava di un virus molto curabile, o come ha affermato il Prof Didier Raoult -  game over!
 
Nonostante ciò, i vaccini sperimentali (non approvati e non testati) sono stati lanciati a velocità di curvatura nell'ambito dell'autorizzazione all'uso di emergenza (EUA). L'esplicito requisito legale, statutario è che non ci devono essere alternative adeguate, approvate e disponibili.
 
Qui sta la storia di orrore e frode degli autori, con profitti di trilioni di dollari per i produttori di vaccini (che sono anche indennizzati per aver causato danni), attraverso una politica ufficiale di un ago in ogni braccio.
 
Allo stesso tempo, sono entrati in gioco vari incentivi monetari per aumentare il numero di pazienti COVID attraverso una legge CARES (Corona Virus Aid, Relief and Economic Security) redatta frettolosamente. Medicare ha stabilito che un ricovero in ospedale per COVID-19 darà diritto allo stabilimento di un pagamento di $ 13.000. Se quel paziente va su un ventilatore, il pagamento è triplicato o $ 39.000!
È anche accettabile riportare il COVID-19 su un certificato di morte come "probabile" o "presunto" laddove non sia possibile effettuare una diagnosi definitiva. Da novembre 2020, gli ospedali hanno anche ricevuto un ulteriore pagamento aggiuntivo del 20% quando è stato utilizzato un farmaco governativo prescritto: il remdesivir.
 
Il libro espone anche un conflitto di interessi così colossale da sfidare la credulità.
 
La partnership Gates e Fauci (con il Wellcome Trust) controlla circa il 57% dei finanziamenti globali per la ricerca biomedica. La fondazione Gates investe praticamente in ogni vaccino e controlla anche gran parte dei mass media. Escludendo i pagamenti contrattuali ai media, nel 2020 le sovvenzioni della Gates Foundation erano dell'ordine di $ 250 milioni. La portata completa del suo finanziamento è sconosciuta. Questo spiega la calunnia, la massiccia disinformazione e le fake news.
Un intrepido battaglione di guerrieri medici come il dottor Peter McCullough ha rifiutato di inchinarsi davanti alla furiosa tirannia medica. La pandemia ha dimostrato che la luce della coscienza si è attenuata a livello globale. Eppure “viviamo per diventare coscienti” (CG Jung).
 
Medici e scienziati medici di statura incommensurabile sono stati scartati, le loro carriere "cancellate" per aver salvaguardato la nostra libertà medica.
Se dovessimo perdere la nostra libertà medica, perdiamo ogni libertà. Questi scienziati hanno prevalso, tuttavia, e hanno gettato un'ancora di salvezza a milioni di persone attraverso protocolli di trattamento precoci. Questo libro parla di loro.
 
Per concludere, vale la pena notare che ora abbiamo prove - e sono in crescita - che i vaccini EUA, che sono stati imposti dai governi, dall'OMS e dall'industria privata, sono associati a un aumento del rischio di malattie e morte per COVID-19. Entro luglio 2021, il sistema CDC VAERS ha registrato 6.207 morti (citato da Leake).
Questa argomento è stata modificata 1 mese fa da ekain3

Pfefferminz e Arian Van Heisen hanno apprezzato
Citazione
Condividi: