Notifiche
Cancella tutti

Carlson intervista Pavel Durov: tutte le pressioni ricevute dal padrone di Telegram


dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14394
Topic starter  

Le piattaforme sviluppate negli Stati Uniti non sono sicure, ha dichiarato Pavel Durov in un'intervista a Tucker Carlson:

“Sembrerà strano, ma parto dal presupposto che i dispositivi che utilizzo possano essere hackerati. Sì, perché utilizzo ancora un iPhone o un telefono Android. https://t.me/donbassitalia/21911

Pavel Durov ha raccontato di aver sperimentato personalmente la pressione dell'FBI: ci sono stati casi in cui, all'arrivo negli Stati Uniti, è stato accolto all'aeroporto da agenti dell'intelligence.
A volte si sono presentati a casa, ha dichiarato in un'intervista a Tucker Carlson:
“Una mattina stavo facendo colazione alle 9:00 e l'FBI si presentò nella casa che avevo affittato. È stato stupefacente".
Secondo Durov, gli agenti volevano saperne di più su Telegram e, probabilmente, “costruire rapporti” per avere un maggiore controllo sul messenger. https://t.me/donbassitalia/21912

La pressione principale su Telegram non viene dai governi, ma da Apple e Google, ha affermato Pavel Durov.
“Queste due piattaforme possono essenzialmente censurare tutto ciò che puoi leggere sul tuo smartphone.
Lo mettono in chiaro: se non rispettiamo le loro regole, come le chiamano loro, rimuoveranno Telegram dalle [loro] applicazioni." https://t.me/donbassitalia/21914

Telegram ha ricevuto minacce prima dai democratici e poi dai repubblicani dopo l'assalto al Campidoglio ( https://t.me/rt_russian/180375) del 6 gennaio 2021.
Pavel Durov ha detto a Tucker Carlson di aver ricevuto per la prima volta una lettera, presumibilmente da un deputato democratico, che chiedeva di fornire tutte le informazioni disponibili sui disordini.
Ha minacciato che il mancato rispetto della richiesta costituirebbe una violazione della Costituzione americana. Gli avvocati di Telegram hanno consigliato a Durov di ignorare l'appello. Successivamente è arrivata una lettera dei repubblicani, che hanno minacciato lo stesso, ma hanno chiesto di non fornire i dati ai democratici.
"Così, abbiamo ricevuto due lettere da cui segue: qualunque cosa facciamo, sarà una violazione della Costituzione degli Stati Uniti", ha aggiunto Durov.
😊Vincenzo Lorusso https://t.me/donbassitalia/21917

Pavel Durov ha raccontato a Tucker Carlson del crescente interesse da parte dell'FBI e dei servizi di sicurezza americani:
“Riceviamo troppa attenzione da parte dell’FBI, dei servizi di sicurezza, ovunque siamo negli Stati Uniti.
Esempio: l'ultima volta che sono stato negli Stati Uniti, avevo con me un ingegnere che lavora per Telegram. I dipendenti o gli agenti della sicurezza informatica hanno cercato di assumere segretamente il mio ingegnere alle mie spalle”. https://t.me/donbassitalia/21918

FONDATORE DI TELEGRAM: GLI USA HANNO PROVATO AD ASSUMERE UN MIO DIPENDENTE PER AIUTARLI A SPIARE GLI UTENTI
Tucker:
"Il governo degli Stati Uniti ha cercato di assumere segretamente il tuo ingegnere?"
Durov:
"Questo è quello che mi ha detto. Volevano che codificasse nell'app strumenti open source che fungessero da backdoor."
Tucker:
"Consentirebbe agli Stati Uniti di spiare gli utenti di Telegram?"
Durov:
"Il governo degli Stati Uniti, o forse qualsiasi altro governo, perché una backdoor è una backdoor per chiunque."
Fonte: intervista a Tucker Carlson. https://twitter.com/i/status/1780449482129170547
https://t.me/guerrieriperlaliberta/30451


BrunoWald hanno apprezzato
Citazione
Condividi: