Notifiche
Cancella tutti

Caso Grecia. La Germania costretta ad "aprire"


radisol
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 8261
Topic starter  

Giovedì, 12 Febbraio 2015

Una Angela Merkel fisicamente provata da una notte di trattative sull'Ucraina a Minsk e dalla resistenza greca ad ogni ricatto economico, ha per la prima volta ammesso che bisognerà cercare un "compromesso", anziché la pura e semplice capitolazione di Atene.

Sulla Grecia «bisogna cercare un compromesso, che si ottiene quando i vantaggi superano gli svantaggi. La Germania è pronta, ma bisogna ricordarsi che la credibilità dell'Europa poggia sul rispetto delle regole». Parole pronunciate ancora prima di iniziare la riunione straordinaria dei primi ministri dell'Unione Europea, ovvero prima di entrare nel merito delle molte questioni in agenda a questo vertice.

Notevole soprattutto l'ammissione che si tratterà di «un compromesso sulla base di una proposta greca sarà discusso al prossimo Eurogruppo in calendario lunedì». Non più di una lista di "prescrizioni" elaborate e comandate dalla Troika.

Naturalmente ci ha tenuto a precisare che, perché di compromesso si possa parlare, è necessario, per la credibilità dell'Europa, che si rispettino le regole. Il segnale è stato colto immediatamente anche dalla leadership di Atene, arrivata per la stessa riunione. Tsipras si è detto «molto fiducioso che tutti insieme possiamo trovare una soluzione reciprocamente accettabile per sanare ferite l'austerità, affrontare la crisi umanitaria nell'Unione Europea e riportare l'Europa sulla strada della crescita e della coesione sociale». E' da sottolineare che Atene, quando parla di misure per affrontare l'"emergenza umanitaria" parla esattamente di aumento del salario minimo, sanità, pensioni, riassunzione degli statali licenziati da Samaras e altre concrete misure di politica sociale. Ovvero l'esatto opposto di quanto preteso fin qui dalla Troika.

Stranamente, sembra assai meno otimista il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker: «Sono molto preoccupato da come si è sviluppata la situazione. Mi aspettavo dei nuovi progressi dai colloqui di ieri sera» all'Eurogruppo.

Le preoccupazioni della Merkel e di Juncker sono anche facilmente intuibili. Un "compromesso" con Atene può scatenare un'ondata di richieste simili da parte di altri paesi, fin qui vigliaccamente silenziosi. Il primo ministro croato è dunque soltanto il primo di questi "anti-austerity" dell'ultima ora: «Dobbiamo vedere tutti insieme nella Ue come aiutare la Grecia, anche se non mi pare che sia il Paese europeo che più di tutti ha bisogno d'aiuto. Credo che ci siano anche altri Paesi, meno sviluppati della Grecia, che hanno bisogno d'aiuto, e che ora dovrebbero pagare i conti della Grecia».

La Banca centrale europea, nel frattempo, in previsione di "fibrillazioni" conseguenti alla riscrittura di fatto di alcune "regole", avrebbe alzato a 65 miliardi le disponibilità di liquidità a favore della Grecia (relative al meccanismo chiamato Emergency Liquidity Assistance (ELA).

Un piccolo buco nella diga, insomma, è in corso di scavo...

Redazione Contropiano

http://contropiano.org/economia/item/29125-caso-grecia-la-germania-costretta-ad-aprire


Citazione
Stodler
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3972
 

Mah vedremo, voglio vedere i tedeschi quando arriveranno le richieste degli altri paesi, la voglio proprio vedere.


RispondiCitazione
Kiddo
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 274
 

Sospetto: telefonatina di obama alla merkel - " ..Angela, cala le braghe altrimenti Atene va in braccio allo zio Vlad."
😆


RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 4113
 

Non vorrei rovinare la festa, ma faccio notare che il contenzioso non è tra Grecia e Germania, ma tra Grecia e l'UE di cui facciamo parte anche noi. Tsipras e il ministro delle finanze hanno fatto un furbo lavoro mediatico indicando la Merkel (e la Germania) come il nemico, in modo tale da nascondere il fatto che a pagare per la Grecia saranno tutti. Questa è anche la ragione per cui Renzi, dopo l'euforia per la vittoria di Tsipras, ora si mostra estremamente cauto. È perché ha fatto due conti.
Quanto è esposta l'Italia? Lo dice l'articolo su Repubblica :
http://www.repubblica.it/economia/2015/02/13/news/grexit_l_italia_rischia_61_2_miliardi-107191260/?ref=HRER2-1

"Grexit, l'Italia rischia 61,2 miliardi

ROMA - Altro che i 30-40 miliardi di cui si è parlato finora: l'esposizione dell'Italia verso la Grecia, che diventa automaticamente a rischio nel caso di uscita di Atene dall'euro, arriverebbe a 61,2 miliardi. Il calcolo è della Barclays, una delle tante banche internazionali che stanno sfornando i loro report in queste ore drammatiche per Atene. In tutti il tono è completamente cambiato rispetto a pochissimi giorni fa: ormai si ragiona esplicitamente delle conseguenze della Grexit, vista come un evento possibile, e forse di più....
..Ma gli scenari non sono molto migliori neanche senza uscita dall'euro. Il debito pubblico greco, per esempio, se Atene resterà nel programma della Troika scenderà dal 175 al 120% nel 2020, ma se si chiama fuori nello stesso anno sarà ancora del 155% e bisognerà aspettare il 2030 per giungere al 123%. E tutto questo ammettendo che venga concesso ad Atene l'azzeramento degli interessi per 20 anni. "La Grecia resterebbe per decenni altamente esposta a shock fiscali - si legge nel rapporto - e dipendente da aiuti finanziari."


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 8261
Topic starter  

Renzi, nonostante l' "esposizione" italiana - peraltro in gran parte "privata" cioè delle banche e non pubblica - nei confronti della Grecia, avrebbe tutto da guadagnare da una maggiore flessibilità complessiva ...

Ma non può dirlo ... e, da buon servo delle banche oltre che della Troika, nemmeno vuole ...

Ciò non toglie che ci spera molto ... da qui la posizione ondivaga ...


RispondiCitazione
Condividi: