Notifiche
Cancella tutti

In Lucifer we trust and with Pax Christi we do


rutzboy
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 347
Topic starter  

-Luca Consonni-
pubblicata da Terra Nostra il giorno Giovedì 26 novembre 2009 alle ore 18.06 ·
IL LUCIS TRUST E L’INIZIAZIONE LUCIFERIANA DELL’UMANITÀ

del dott. Franco Adessa

Il “Lucis Trust” è «la principale sètta di Satana con la più rispettabile delle facciate (avente) per oggetto il culto di Lucifero»1. Venne fondato, nel 1924 a Londra, e i suoi adepti, prima, si raccoglievano nella “Lucifer Press” o attorno alla rivista “Lucifer”. Dal 1922 al 1924, il gruppo era noto come “Lucifer Trust”; il nome fu poi cambiato per evitare di imbarazzare un pubblico non preparato e per rendere meno evidente la natura dell’organizzazione. «Il “Lucis Trust” gestisce l’unica cappella nel palazzo dell’ONU a New York, chiamato “Temple of Understanding” (Tempio della Comprensione)»2.
Il fondamento del “Lucis Trust” è costituito dalla dottrina teosofica.

Fondata come “Società Teosofica”, nel 1875 a New York, dalla nota occultista russa Helena P. Blawatsky, la Teosofia è semplicemente una gnosi che intende divinizzare l’Umanità con pretese di vera e propria religione di massa. Essa costituisce il supporto di pensiero di quella che Alice Bailey, fondatrice del “Lucis Trust”, definiva come “una delle più potenti società esoteriche del mondo”.

E questa è la descrizione di Lucifero della Blavatsky: «Satana (o Lucifero) rappresenta l’Energia attiva dell’Universo (…). Egli è il Fuoco, la Luce, la Vita, la Lotta, lo Sforzo, il Pensiero, la Coscienza, il Progresso, la Civiltà, la Libertà, l’Indipendenza (…).»3. «Satana è il Dio, il solo Dio del nostro pianeta (…). Egli non è che una sola cosa col Logos»4.
Affermato che Satana è Dio, la Blawatsky scrive: «Esiste in Natura una Legge Eterna, una legge che tende sempre a conciliare gli opposti e a produrre l’armonia finale. E’ grazie a tale Legge di sviluppo spirituale (…) che l’umanità verrà liberata dagli dèi falsi e bugiardi e otterrà, alla fine, la sua auto-redenzione»5.
E come si giungerà a questa “auto-redenzione”, alla “deificazione dell’intera umanità”? Secondo la Blavatsky: «Il Male è una necessità ed è anche uno dei principali sostegni del Mondo Manifestato. E’ una necessità per il Progresso e l’Evoluzione, come la notte è necessaria per produrre il giorno e la morte per avere la vita, affinché l’uomo possa vivere eternamente»6.
Così, precisato che il “Mondo Manifestato” è l’abisso di Satana7, tutto è chiaro: l’auto-redenzione, ossia la vita eterna per l’uomo, si otterrà attraverso il Male e con la distruzione della civiltà cristiana. Infatti: «Nostro scopo – diceva la Blawatsky – non è di restaurare l’induismo, ma di cancellare il Cristianesimo dalla faccia della terra»8.

Annie Besant, che succedette alla Blawatsky, alla guida della Società Teosofica, le fa eco dicendo: «Innanzi tutto combattere Roma e i suoi preti; lottare ovunque contro il Cristianesimo e scacciare Dio dai Cieli»9. E ancora: «Se vedete uno di noi lavorare per un particolare movimento nel mondo, sappiate che è una parte del “piano” mondiale; e questo grande piano è: un nuovo cielo e una nuova terra, edificati sulle rovine dell’antica civiltà»10.
A quale “piano” alludeva Annie Besant? L’annientamento del Cristianesimo; la fede nell’Umanità e l’avvento della “Nuova Era”.

Alice Bailey, discepola della Blawatsky e della Besant, divenne la profetessa ufficiale della religione della “Nuova Era”. Nata nel 1880 e morta nel 1949, Alice Bailey, già dirigente della Società Teosofica in California, ne uscì nel 1920 per fondare, a Londra, nel 1922, la società “The Lucifer Publishing Co.”, la società ufficialmente preposta alla diffusione della religione della “Nuova Era”. Nel 1924, il gruppo venne ribattezzato ufficialmente col nome meno vistoso di “Lucis Trust” e, operante dalle tre sedi di New York, Londra e Ginevra, diffonde nel mondo la dottrina teosofica per la realizzazione del “Piano”.

Il “Lucis Trust” venne dotato, dai suoi fondatori, Alice e Foster Bailey, di tre potenti strumenti tutt’oggi operativi: la “Buona Volontà Mondiale”, la branca più potente legata al “Tempio della Comprensione” dell’ONU, è incaricata dei collegamenti con i “fedeli” attraverso pubblicazioni periodiche e forum a respiro mondiale; la “Scuola Arcana”, per impartire per corrispondenza gli insegnamenti della Nuova Era; e i “Triangoli”, gruppi di persone che, giornalmente, si riuniscono per dedicarsi a invocazioni ed evocazioni.

Le linee essenziali del “Piano” per l’avvento della “Nuova Era” e il modo concreto col quale deve essere realizzato, viene esposto dalla stessa fondatrice del “Lucis Trust”: «Anni fa, – disse Alice Bailey – ho detto che la guerra che potrà seguire questa (la seconda guerra mondiale – n.d.r.) sarà una guerra di religione. Una tale guerra non causerà un macello come quello che abbiamo conosciuto. Essa sarà combattuta, in gran parte, con armi mentali e nel mondo del pensiero»11.

Nella “Nuova Era” (New Age) – sono parole ancora di Alice Bailey – : «Le vecchie barriere tra uomo e uomo, tra nazione e nazione, lentamente spariranno. Per inaugurare quest’opera, la Gerarchia ha annunciato la comparsa del Nuovo Gruppo di Servitori del Mondo, condotto e guidato da discepoli e aspiranti non separativi, che vedono gli uomini uguali, nonostante il colore e la fede, dedicati a promuovere la comprensione internazionale, la condivi-sione economica e l’unione religiosa»12.

Essa aggiunge: «Il Cristo risorto, e non il Cristo neonato o crocifisso, sarà la nota distintiva della nuova religione (…). Pur parlando diverse lingue (si avrà) un unico linguaggio spirituale»13.

Di che linguaggio si tratti ce lo dice la stessa Bailey quando afferma che saranno le “energie del settimo raggio” a gestire il passaggio dall’Era cristiana dei “pesci” a quella della Nuova Era dell’Acquario; raggio caratterizzato da «Incantesimo, Magìa, Rituale». La Bailey aggiunge anche un esempio applicativo: «segno curioso della magìa del “settimo raggio” sulla coscienza di massa, è l’uso crescente di slogans per ottenere certi risultati e spingere gi uomini a certe azioni collettive»14.

Meta dell’educazione, nella Nuova Era – secondo sempre la Bailey – è la “cittadinanza mondiale” per cui: «Le Nazioni Unite devono essere sorrette. Non c’è alcuna altra organizzazione cui l’uomo possa guardare con speranza; (…). Così gli scopi e l’opera delle Nazioni Unite, infine, matureranno e una nuova chiesa di Dio, tratta da tutte le religioni e da tutti i gruppi spirituali, metterà fine alla grande eresia della separatività»15.

Per giungere a questo scopo, però, occorre prima – ammonisce la Bailey – “scristal-lizzare” le religioni, respingendo decisamente, come fomiti di discordia e di guerra, i dogmi, e cioè tutti gli enunciati con cui si formulano pretese verità. A questo punto – dice ancora la Bailey – non vi sarà più «dissociazione fra l’unica Chiesa Universale, la Sacra Loggia interiore di tutti i veri massoni e i circoli più ristretti delle società esoteriche», perché vi si «calcheranno sentieri che conducono tutti alla medesima porta e al medesimo Ierofante» all’ordine del «Gran Signore» del mondo16.

Già la Bailey testualmente prevedeva che questa «Chiesa Universale» sarebbe apparsa «verso la fine di questo secolo» che si sarebbe caratterizzata per una «larga tolleranza» e che avrebbe insegnato «incessantemente conservando l’apparenza esteriore, al fine di raggiungere i molti che sono abituati agli usi ecclesiastici», ma che in essa, i Sacramenti sarebbero stati «interpretati in senso mistico» e cioè esoterico e simbolico17, in conformità all’insegnamento della
Massoneria, da lei definita «dimora dei misteri e sede della iniziazione»18.

A questo punto ricordiamo che sia la Helena P. Blawatsky19, suo marito colonnello Olcott20, Annie Besant21 e Foster Bailey22 erano influenti membri della Massoneria.


Il “Lucis Trust” sostiene, a New York, idealmente e finanziariamente, il “Tempio della Comprensione”, la cui sede è presso la più grande chiesa americana: la cattedrale presbiteriana di S. John the Divine di New York, nella quale, ebrei, protestanti e cattolici si ritrovano a celebrare funzioni su temi comuni. Il “Tempio della Comprensione” è presente, con una cappella, al Palazzo di Vetro dell’ONU. In questa cappella, i così detti “Cittadini planetari” si riuniscono a pregare, due volte la settimana, sotto la guida di un presidente di assemblea.

Ecco il discorso di uno di questi presidenti: «Le Nazioni Unite – affermava il presidente Donald Keys – sono lo strumento di Dio; (…). Un giorno, il mondo farà tesoro di ciò e adorerà, con enorme fierezza, l’anima delle Nazioni Unite come veramente sua propria e, in virtù di quest’anima, egli sarà onni-amante e onni-appagante»23.

Il punto di arrivo del processo al quale tende il movimento della “Nuova Era”, di cui il “Lucis Trust” è il principale promotore, è l’iniziazione luciferiana dell’umanità.
A sostegno di questa tesi, ecco uno stralcio della visione teologica di David Spangler, teosofo, degno erede di Alice Bailey e teorico ufficiale della comunità acquariana di Findhorn, in Scozia: «La vera luce di Lucifero non si può vedere attraverso l’Afflizione, l’oscurità o il rifiuto. (…). Lucifero lavora in ciascuno di noi per condurci al tutto, e mentre ci muoviamo verso una Nuova Era, che è l’èra della totalità umana, ciascuno di noi giunge in un modo o nell’altro, al punto che io chiamo consacrazione luciferiana la porta speciale per la quale l’individuo deve passare per giungere pienamente alla presenza della sua luce e della sua totalità. Lucifero viene ad offrirci il dono definitivo della totalità. Se noi l’accettiamo, egli è libero e noi siamo liberi. E’ l’iniziazione luciferiana. E’ quella che numerose persone, oggi e nei giorni a venire, riceveranno, perché è l’iniziazione alla “Nuova Era”»24!

www.losai.eu


Citazione
Condividi: