Notifiche
Cancella tutti

USA ► Aumento del 14.000% dei casi di cancro dopo i $ieri genici $perimentali a mRNA


dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14386
Topic starter  

Le cifre sono state ipotizzate confrontando i casi di cancro causati dai vaccini COVID-19 con i vaccini antinfluenzali a causa della mancanza di dati pubblicati dal CDC ciò ci consente di ipotizzare il numero di casi di cancro attraverso altri metodi.

 

Secondo il CDC Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) solo 8 casi di cancro sono stati collegati ai numerosi vaccini antinfluenzali offerti tra il 1° gennaio 2021 e il 29 marzo 2024. Considerando che 497 casi di cancro sono stati collegati ai pochi vaccini COVID-19 offerti nello stesso lasso di tempo. Ciò equivale a un aumento del 6,113% nei casi di cancro a causa della vaccinazione COVID-19.

 

Scomposti, i dati rivelano che i bambini di età compresa tra 6 e 17 anni hanno subito solo 1 caso di cancro a causa dei vaccini antinfluenzali tra il 1° gennaio 2021 e il 29 marzo 2024, rispetto a 12 casi di cancro collegati ai vaccini COVID-19. Ciò equivale a un aumento del cancro del 1.100%.

 

Anche gli adolescenti e i ventenni di età compresa tra 18 e 29 anni hanno subito solo 1 caso di cancro a causa della vaccinazione antinfluenzale, rispetto ai 61 casi collegati alla vaccinazione COVID-19. Ciò equivale ad un aumento del 6.000%.

 

Le persone sui 30 anni hanno segnalato solo 1 caso di cancro a causa della vaccinazione antinfluenzale tra il 1° gennaio 2021 e il 29 marzo 2024, mentre tra le persone sui 30 anni sono stati segnalati 141 casi di cancro a causa della vaccinazione contro il COVID-19. Ciò equivale a uno scioccante aumento del 14.000% dei casi di cancro dovuti alla vaccinazione contro il COVID-19.

 

Infine, le persone sui 40 anni hanno segnalato 5 casi di cancro dovuti alla vaccinazione antinfluenzale, rispetto ai 283 casi di cancro dovuti alla vaccinazione COVID-19. Ciò equivale ad un aumento del 5.560%.

 

Un aumento simile del cancro dovuto alla vaccinazione contro il Covid-19 è stato registrato anche tra le persone di mezza età e negli anziani.

 

Le persone di età compresa tra 50 e 59 anni hanno segnalato 7 casi di cancro dovuti alla vaccinazione antinfluenzale tra il 1° gennaio 2021 e il 29 marzo 2024. Tuttavia, hanno segnalato 466 casi di cancro dovuti alla vaccinazione COVID-19 nello stesso periodo. Ciò equivale ad un aumento del 6,557%.

 

Anche le persone di età compresa tra 60 e 64 anni hanno riportato 7 casi di cancro dovuti alla vaccinazione antinfluenzale, ma hanno riportato un numero leggermente inferiore di casi di cancro dovuti alla vaccinazione COVID-19 rispetto alle persone di 50 anni, con 326 casi di cancro registrati nel sistema CDC VAERS. Ciò equivale ad un aumento del 4,557%.

 

Sono stati segnalati 21 casi di cancro a causa della vaccinazione antinfluenzale tra i 65-79 anni, rispetto agli scioccanti 950 casi dovuti alla vaccinazione COVID-19. Ciò equivale ad un aumento del 4,424%.

 

Sono stati segnalati 5 casi di cancro dovuti alla vaccinazione antinfluenzale tra le persone di età pari o superiore a 80 anni, rispetto a 331 casi di cancro dovuti alla vaccinazione COVID-19. Ciò equivale ad un aumento del 6,520%.

 

Infine, le persone negli Stati Uniti la cui età era sconosciuta hanno riportato 22 casi di cancro dovuti alla vaccinazione antinfluenzale, rispetto agli scioccanti 1.969 casi di cancro dovuti alla vaccinazione COVID-19. Ciò equivale ad un aumento dell’8.850%.

 

Complessivamente, tra il 1° gennaio 2021 e il 29 marzo 2024 sono stati segnalati solo 70 casi di cancro dovuti alla vaccinazione antinfluenzale, rispetto agli scioccanti 4.539 casi di cancro segnalati a causa della vaccinazione COVID-19 nello stesso periodo, pari a un aumento del 6,384%.

 

Casi di cancro dovuti alla vaccinazione antinfluenzale

 

Fonte

 

Casi di cancro dovuti alla vaccinazione COVID-19

 

Fonte

 

È estremamente preoccupante vedere così tanti casi di cancro segnalati tra bambini, adolescenti e giovani adulti collegati alla vaccinazione COVID-19. Soprattutto se teniamo conto che solo dall’1 al 10% degli eventi avversi ai vaccini vengono segnalati al sistema VAERS del CDC.

 

E sebbene questi dati non ci mostrino il numero esatto di casi di cancro, ci mostrano abbastanza per essere sicuri che la vaccinazione contro il COVID-19 stia causando il cancro.

 

Fonte: https://expose-news.com/2024/04/14/covid-vaccines-cause-141x-increase-cancer-cases-usa/

 

Segui @vocidallastrada anche su Telegram

https://www.vocidallastrada.org/2024/05/usa-aumento-del-14000-dei-casi-di.html?m=1


Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14386
Topic starter  

Inserirò qui altri articoli sul tema 

 
 
4 maggio 2024 Cosa ci hanno fatto i vaççini? La verità è inquietante
 
 

L'impatto sociale dei vaccini è peggiore di quanto si possa immaginare.

 
• Esiste una lunga storia di ondate di lesioni gravi a seguito dell'introduzione sul mercato di nuove vaccinazioni. Nella maggior parte dei casi, questi infortuni sono stati nascosti sotto il tappeto per proteggere l’azienda.
 
• In molti casi, le gravi lesioni “misteriose” che vediamo oggi sono notevolmente simili a quelle osservate più di un secolo fa. Sfortunatamente, esiste un embargo diffuso che vieta di consentire che questi dati vengano alla luce (poiché ciò distruggerebbe immediatamente il programma di vaccinazione).
 
• Una serie di studi indipendenti (riassunti di seguito) hanno dimostrato che i vaccini causano un'ampia gamma di malattie croniche.
 
• Un libro del 1990 sosteneva con forza che la diffusione della vaccinazione stava anche causando un'epidemia di diffusi danni cerebrali che stavano abbassando il QI americano e causando un massiccio aumento della criminalità violenta.
 
• In questo articolo, esamineremo anche esattamente cosa c'era in quel libro del 1990 e i classici segni che possono essere utilizzati per determinare se qualcuno ha una lesione da vaccino (insieme a quelli sottili e più spirituali).
 
La mia mente spesso sovrappone il passato, il presente e il futuro su se stessi. Per questo motivo, ricorderò spesso eventi accaduti in passato che rispecchiano perfettamente ciò che sta accadendo davanti a noi e, a sua volta, ho perso il conto di quante volte ho visto l’umanità ripetere i suoi stessi errori. Durante il COVID, mi sono reso conto che stavamo rievocando di nuovo la stessa tragedia che l’umanità aveva mai vissuto da quando il vaccino contro il vaiolo è stato immesso sul mercato e ho avuto un pensiero. Se le persone prendessero coscienza di quello che è successo prima e mettessero fine alla nostra amnesia collettiva, forse tutto questo potrebbe finalmente finire.
 
Come ha voluto il destino, il mio desiderio si è avverato e, senza conoscermi, Steve Kirsch mi ha dato l'opportunità di iniziare a far conoscere al mondo quella storia dimenticata. Ciò è accaduto dopo che ha scelto di pubblicare un articolo che avevo scritto illustrando come le proteste dei camionisti fossero identiche alle proteste contro il vaiolo avvenute più di un secolo prima e poi, per ragioni che ancora non capisco, ha incoraggiato i suoi lettori a iscriversi a me così avrei iniziato scrivendo qui.
Nota: nel momento in cui ho creato questo nome utente (per l'articolo sul vaiolo), non ci ho pensato su perché non mi sarei mai aspettato di usarlo di nuovo.
 
Per questo motivo sono diventato di fatto uno “storico” della vaccinazione. A mia volta, ho notato più e più volte che quando si verifica un disastro vaccinale che ferisce molti in modo molto simile, viene nascosto sotto il tappeto (spesso da funzionari che sono piuttosto contrastanti nella loro decisione di farlo), e poi lo stesso la cosa si ripete qualche decennio dopo.
 
Dato che diamo dozzine di vaccini a ciascun membro della società, ciò solleva una domanda ovvia: cosa significa questo per la società?
 
Una breve storia dei disastri vaccinali


Nel 1798, il vaccino contro il vaiolo colpì il mercato. Una volta arrivò sul mercato, è stato osservato che causa frequentemente focolai di vaiolo (piuttosto che prevenirli) e causa una vasta gamma di lesioni debilitanti e complesse che molti medici non avevano mai visto prima (e molti di cui credo fossero esempi di “ stasi del sangue ”). Curiosamente, piuttosto che riconoscere questo è stato un errore, la maggior parte della professione medica ha approvato il vaccino contro il vaiolo, e i governi di tutto il mondo lo hanno imposto mentre i casi continuavano ad aumentare (causati dal vaccino). Avendolo esaminato ampiamente, sono dell'opinione che il vaccino contro il vaiolo abbia rimodellato la traiettoria della salute dell'umanità e inaugurato l'era delle malattie croniche.
Nota: il vaccino contro il vaiolo è discusso in maggior dettaglio qui.

Nel 1800 e all'inizio del 1900, una varietà di primi vaccini (ad es. Rabbia, tifo, difterite, tubercolosi) e antisieri generati dai cavalli (per la maggior parte delle infezioni comuni all'epoca) sono entrati nel mercato. Poiché molti di questi vaccini sono stati prodotti in piccoli laboratori indipendenti, ci sono stati una varietà di problemi di controllo di qualità con questi prodotti, che spesso ha portato a lotti che hanno gravemente ferito o ucciso un gruppo di persone. Inoltre, molti di questi vaccini presentavano un alto grado di tossicità. Per questo motivo, è emersa una varietà di nuove e gravi condizioni mediche, molti dei quali sono stati ritenuti dovuti a infiammazione del cervello (encefalite) o danno cerebrale (encefalopatia) e hanno osservato che si verificano in combinazione con danni ai nervi cranici. La maggior parte di queste condizioni a sua volta rispecchiava la miriade di lesioni che ora vediamo anche dalle vaccinazioni moderne.
Nota: molti di questi casi dimenticati possono essere trovati in questo libro che sto attualmente sincronizzando in un articolo. Il punto chiave è che molti medici all'epoca potevano dire che i vaccini stavano causando lesioni cerebrali ed erano disposti a segnalarlo in tutta la letteratura medica.

Negli anni '40 -'50, il vaccino originale contro la pertosse (DPT) è entrato nel mercato. Questo vaccino eccelleva nel causare infiammazione del cervello e una varietà di differenze riguardo sono state osservate nelle generazioni nate dopo la sua adozione di massa in America.
Nota: il vaccino contro la rabbia eccelleva anche nel causare encefalite (circa 1 su 750 iniezioni, di cui il 20% era fatale), ma non ha avuto un impatto così grande sulla società perché molte meno persone l'hanno ricevuta.

Tra gli anni '50 e '70, si sono verificati numerosi casi in cui un vaccino sperimentale affrettato e mal prodotto (ad es. Polio o influenza suina) è stato introdotto sul mercato per affrontare un'emergenza inesistente“,” e il governo ha scelto di ignorare gli avvertimenti dei suoi scienziati sul fatto che non era sicuro dare all'America. Dato che la stampa era onesta in quel momento, hanno riferito del disastro, è diventato uno scandalo nazionale e il governo ha fornito un risarcimento alle vittime.
Nota: ho compilato quei rapporti sui media qui, l'ultimo di che è successo nel 2002 con il vaccino contro il vaiolo di Bush.

Nel 1986, esisteva una sufficiente consapevolezza pubblica dei pericoli del vaccino DPT secondo cui venivano regolarmente intentate azioni legali per il danno cerebrale e le morti improvvise di neonati che causava (discusso qui). Ciò a sua volta ha portato al superamento della legge sulla lesione del vaccino del 1986 (discusso ulteriormente qui), un atto che proteggeva i produttori di vaccini dalla responsabilità del prodotto ed era inteso ad aiutare i genitori di bambini feriti da vaccino (anche se non è stato così). L’approvazione di questa legge ha portato a una corsa all’oro del settore per portare sul mercato vaccini sperimentali ed esenti da responsabilità, e in breve tempo il programma di vaccinazione infantile è cresciuto a dismisura parallelamente all’aumento delle malattie croniche.

Nota: la legge del 1986 ha portato anche all’immissione sul mercato di un vaccino DPT molto più sicuro (ma comunque pericoloso).
 
Nel 1990, un vaccino sperimentale contro l’antrace fu distribuito ai militari per prepararli all’invasione dell’Iraq. Anche se la guerra non ebbe grandi eventi (Saddam non usò l’antrace e fu probabilmente il conflitto più unilaterale della storia), il vaccino contro l’antrace ferì gravemente oltre 100.000 militari (portando a quella che era conosciuta come sindrome della guerra del Golfo). Nonostante questi problemi, gli individui all’interno del Dipartimento della Difesa che erano impegnati a finanziare il loro programma di difesa dalle armi biologiche lo hanno imposto, provocando gravi ferite in tutto l’esercito e una diffusa ribellione contro questo editto.
Nota: il disastro dell'antrace è discusso ulteriormente qui.
 
Nel 2010, Merck convinse le donne americane che erano ad alto rischio di morire di cancro cervicale (che in realtà uccide solo circa 1/38.000 donne americane ogni anno) in modo che tutte acquistassero il loro altamente redditizio vaccino (che non è mai stato dimostrato che riduca le morti per cancro cervicale). Questo vaccino aveva un tasso straordinariamente alto di causare disturbi autoimmuni, ma nonostante un diluvio di denunce, il CDC e la FDA hanno fatto tutto il possibile per proteggerlo, e ad oggi è ancora obbligatorio per i bambini.
Nota: il disastro del Gardasil è discusso qui.
 
Nel 2021, il vaccino COVID è arrivato sul mercato. Secondo me, tutto ciò a cui abbiamo assistito rispecchia ciò che è accaduto in ciascuna delle tragedie elencate in precedenza.
 
Ho menzionato questa storia perché nel momento in cui accadde ciascuno di questi eventi, la professione medica e il pubblico furono colpiti dall'esplosione di queste nuove malattie (e dal loro immenso costo sociale) ma in breve tempo si abituarono ad esse e dimenticarono che fossero mai emerse nel mondo. Questo a sua volta, direi, è esattamente ciò che sta accadendo ora con i vaccini COVID-19.
 
I danni della vaccinazione
 
Esistono numerose prove che suggeriscono che i vaccini sono gli unici responsabili, o uno dei principali responsabili, dello tsunami di malattie croniche che ha seguito la loro sempre crescente adozione.
 
Sfortunatamente, anche se ci sono molte prove che suggeriscono l’esistenza di un problema, gli effetti del programma vaccinale non sono mai stati formalmente studiati in uno studio clinico, né agenzie come il CDC (che insiste che i vaccini sono sicuri ed efficaci) renderanno disponibili i loro set di dati disponibili che potrebbero rispondere alla domanda. Ciò a sua volta suggerisce che:
 
• Non esiste alcuna prova dei danni della vaccinazione e semplicemente non è stata una priorità pubblicare formalmente tali dati (il che è strano considerando gli sforzi per bloccare tutte le azioni legali che gli hanno chiesto di intraprendere).
 
• Ci sono alcune prove che i vaccini sono dannosi e si teme che questi dati possano essere interpretati erroneamente per suggerire che i vaccini siano molto più dannosi di quello che sono.
 
• Le prove esistenti mostrano (o mostrerebbero) che i vaccini sono incredibilmente pericolosi.
 
Personalmente credo che il punto finale sia la spiegazione più probabile in quanto:
  • 1. Numerosi studi clinici su singoli vaccini (ad esempio, il vaccino HPV) mostrano che i vaccini causano molti degli stessi disturbi (ad esempio, una miriade di condizioni autoimmuni) che sono aumentati parallelamente al numero di dosi di vaccino che si ricevono (ad es., è quasi sempre più probabile che il secondo colpo provochi una reazione grave rispetto al primo). Ciò a sua volta suggerisce che l’assunzione di un gran numero di vaccini (attualmente il programma sempre crescente del CDC dà ai bambini 90 anni prima di compiere 18 anni) li mette a rischio di sviluppare malattie croniche.
  • Nota: ci sono numerosi casi segnalati di bambini diventati permanentemente disabili dopo aver ricevuto contemporaneamente un numero di vaccini superiore al normale (ad esempio, durante una visita in cui rimangono coinvolti anche a causa delle dosi mancanti) e, al contrario, molti hanno osservato distanziare i vaccini piuttosto che somministrarli tutti insieme riduce la probabilità di reazioni gravi (ad esempio, autismo) dalla vaccinazione.

  • 2. Nonostante gli incessanti tentativi di impedirne la comparsa, esistono numerosi studi retrospettivi su ampi set di dati medici, ciascuno dei quali mostra che i risultati delle vaccinazioni comportano un aumento significativo dell’incidenza di malattie croniche derivanti dalla vaccinazione (ad esempio, un recente studio su 99 milioni di persone ha mostrato che i vaccini COVID avevano una probabilità da 2 a 7 volte superiore rispetto a un tipico vaccino di causare una serie di malattie potenzialmente letali).

  • 3. Esistono meccanismi consolidati per spiegare quanti vaccini diversi potrebbero causare danni simili ai loro destinatari (ognuno dei quali è discusso qui).

  • 4. Numerosi studi condotti indipendentemente che tentano di valutare questa domanda hanno tutti riscontrato che la vaccinazione infantile aumenta i tassi di malattie croniche.

  • 5. Vengo periodicamente a conoscenza di pratiche mediche che hanno bassi tassi di vaccinazione e hanno anche tassi molto più bassi di malattie croniche nei loro pazienti.

  • 6. Molti colleghi ed io osserviamo spesso quelli che crediamo siano i danni della vaccinazione nei nostri pazienti.
Nota: conosco personalmente molti osservatori qualificati che possono avere un alto grado di precisione nell'identificare i bambini non vaccinati. Gli approcci che utilizzano sono discussi alla fine di questo articolo.
 
Set di dati sui danni da vaccino
 
Esiste effettivamente un embargo sulla pubblicazione di qualsiasi ricerca critica delle vaccinazioni (ad es., nessuno ti darà il permesso di condurre una sperimentazione in cui alcuni non vaccinano perché “ negare ai bambini i vaccini salvavita non è etico, ” nessuno ti fornirà i dati già esistenti, e nessuno pubblicherà mai uno studio critico per la vaccinazione). Tuttavia, le persone trovano il modo di aggirare questo embargo.
Per illustrare, è stato recentemente condotto uno studio in cui le donne non vaccinate sono state poste in prossimità di soggetti vaccinati con COVID, il che ha dimostrato che lo spargimento del vaccino COVID (discusso ulteriormente qui) era reale poiché quelle donne sviluppavano anomalie mestruali. Il gruppo che ha condotto quello studio ha cercato per mesi di pubblicare lo studio su una rivista peer-reviewed, ma non è chiaro se l'embargo sarà mai revocato per loro.

Paul Thomas

Ad esempio, Paul Thomas MD, un pediatra dell'Oregon che ha avuto pratica con un gran numero di bambini non vaccinati o sotto vaccinati, e (come molte altre pratiche con popolazioni di pazienti simili) hanno notato che i bambini non vaccinati avevano una salute drammaticamente migliore. Così, ha deciso di confrontare le loro cartelle cliniche con quelle dei bambini vaccinati in modo variabile e pubblicato i dati in uno studio (che, poiché non dovresti violare quell'embargo, gli è costata la sua licenza medica e ha portato lo studio viene ritirato per motivi spuri).


Nota: Paul Thomas (ora in pensione e offrire servizi di coaching ai genitori) è stato anche l'autore di Il piano amichevole per i vaccini, un approccio alla vaccinazione che ha incoraggiato a distanziare le vaccinazioni e ha provocato un tasso drammaticamente più basso di lesioni da vaccino. Poiché il suo piano implicava che l'attuale programma di vaccinazione promosso dal CDC non era sicuro, il suo piano non era popolare tra le autorità mediche.

Nel suo studio, per confrontare la salute di 2763 bambini vaccinati e dei 561 bambini non vaccinati nati nella sua pratica, ha tracciato quante visite totali ha avuto ciascun gruppo per una varietà di problemi con l'aumentare della sua età (ad es., quante visite per l'asma in totale si sono verificate nei bambini vaccinati di età pari o inferiore a 1000 giorni) e quindi hanno confrontato le due (con le visite del gruppo non vaccinato equalizzate moltiplicandole di 4.9 [2763/561]). Questi dati a loro volta suggerivano che le vaccinazioni erano l'agente principale responsabile dell'epidemia di malattie croniche nella nostra società.

","srcNoWatermark""image/png","href"null}" />

Allo stesso modo, quando Thomas ha confrontato la probabilità che un bambino venisse a fare una visita in ufficio per una serie di problemi di salute, ha scoperto che maggiore è il numero di vaccini totali ricevuti da un bambino (che variavano ampiamente nella sua pratica), più era probabile che richiedessero una visita in ufficio per una varietà di condizioni.

Nota: è possibile visualizzare la versione full size di questo grafico qui. In questo grafico, presta particolare attenzione al fatto che questi grafici includono ADHD (che non è stato trovato in nessuno dei pazienti non vaccinati), problemi comportamentali, problemi del linguaggio, problemi sociali, ritardo di apprendimento e autismo dello sviluppo.


Brian Hooker e Neil Miller

Hooker e Miller si sono esibiti uno studio simile a Paul Thomas. Però, nel loro studio, hanno valutato i dati di 3 diverse pratiche pediatriche, e analizzato i 2.047 che erano nati all'interno della pratica medica tra novembre 2005 e giugno 2015 che non avevano ricevuto una delle diagnosi selezionate prima della loro 1st compleanno. Hanno trovato:

Nota: la tabella sopra confronta solo i bambini all'interno del campione che avevano almeno 5 anni. Quando i bambini più piccoli venivano confrontati tra loro, aumenti minori sono stati osservati nei tassi di ciascuna di queste malattie croniche in quanto vi era stato meno tempo per manifestare gli effetti cronici delle vaccinazioni ripetute.

Le forti differenze nei tassi di lesioni avverse hanno anche ispirato una varietà di sondaggi indipendenti da commissionare che hanno valutato se questo collegamento esiste davvero. Va anche notato che posso spiegare il meccanismo che lega quasi tutte le condizioni elencate in questa sezione alla vaccinazione (ma non lo farà per considerazioni di lunghezza).
Nota: ho riformattato la maggior parte dei sondaggi che seguono per rendere i loro dati più facili da vedere.


Il sondaggio Generation Rescue del 2007

Nel 2007, Generation Rescue (GR), un'organizzazione che sta cercando di avvisare gli americani che i vaccini causano autismo, ha assunto una società di sondaggi di terze parti (SurveyUSA) e li ha pagati $ 200.000 per fare a indagine su 17.674 bambini (991 dei quali completamente non vaccinati). Ha trovato:

The Homeschool Survey

Nel 2017, un sondaggio su madri di bambini in età prescolare provenienti da Florida, Louisiana, Mississippi e Oregon https://www.oatext.com/pdf/JTS-3-186.pd f">è stato realizzato e poi pubblicato. Poiché esiste un numero significativo di bambini non vaccinati che hanno studiato a casa, è stato possibile confrontare 261 bambini non vaccinati con 405 bambini completamente o parzialmente vaccinati. I suoi risultati sono stati i seguenti:

","srcNoWatermark""image/png","href"null}" />

Nota: poiché le tre malattie che la vaccinazione avrebbero dovuto prevenire una riduzione (mentre le altre aumentavano), tali dati supportano la validità di questo sondaggio.

L'indagine del gruppo di controllo

Tra aprile 2019 e giugno 2020, il gruppo di controllo ha tentato di individuare il maggior numero possibile di non vaccinati per rilevare la propria salute. Alla fine, ricevettero 1544 sondaggi completati (1482 provenivano dagli Stati Uniti e rappresentavano 48 stati). Una volta ottenuti questi dati, sono stati pubblicati in una lettura facile 21 set di pagine di grafici che ha confrontato i tassi di questi eventi con il loro verificarsi generale nella popolazione e un altro rapporto dettagliato di 85 pagine. Come i gruppi precedenti, hanno riscontrato un massiccio aumento delle malattie croniche a seguito della vaccinazione e, inoltre, hanno dimostrato che la vaccinazione durante la gravidanza o un neonato che riceve l'iniezione di vitamina K (circa la metà dei quali contiene alluminio) non è del tutto sicuro.

Steve Kirsch

Molte persone nel campo della tecnologia credono che la soluzione a tutti i problemi dell’umanità siano più dati. Ciò riecheggia la convinzione del fondatore della medicina basata sull’evidenza (che è diventata l’attuale dogma della medicina moderna), il quale sosteneva che avere la pratica medica guidata dalle migliori prove scientifiche disponibili fosse essenziale in quanto avrebbe eliminato le cattive pratiche mediche che si erano radicate dogmi medici e sostituirli con approcci basati sull’evidenza che hanno salvato vite umane.

Sebbene avesse ragione, come quelli della Silicon Valley, questo approccio era anche incredibilmente ingenuo in quanto non riusciva a spiegare l'ovvia scappatoia — seppellendo tutti i dati che fornivano conclusioni scomode. Pertanto, “ le migliori prove disponibili ” in genere finiscono per essere le migliori prove finanziate, non le migliori prove e, a questo punto, ogni anno vengono spesi trilioni di miliardi per monopolizzare tali prove.

Per illustrare: le nostre cartelle cliniche elettroniche in cui i medici sono costretti a spendere una quantità significativa di ogni giorno inserendo dati per raccogliere una quantità assolutamente enorme di dati medici. Eppure, nonostante le innumerevoli richieste, non estraiamo quasi mai tali dati per determinare cosa costituisce la migliore pratica medica (ad esempio, quale farmaco produce un risultato migliore per una condizione o quali prodotti farmaceutici hanno maggiori probabilità di danneggiare un paziente piuttosto che aiutarlo).

Sarebbe molto facile da fare, numerose persone (incluso un mio conoscente) hanno provato a farlo ma sono state bloccate (ad esempio, il governo ha demolito un sistema quello nel 2010, che ha mostrato che il 2,6% dei destinatari di vaccini ha subito una lesione entro 30 giorni dalla vaccinazione). Io a mia volta, direi che suggerisce che i dati in quei registri minacciano notevolmente l'industria farmaceutica (motivo per cui sono stato così favorevole alla chiamata del candidato VP di RFK Jr per rendere tali dati disponibili a tutti).

Negli ultimi due anni ho conosciuto Steve Kirsch e direi che i seguenti tratti sono veri per lui:

• Ha un profondo desiderio di aiutare le persone (ad esempio, ha donato molti soldi in beneficenza) e crede che dati e scienza migliori siano le chiavi per farlo.

• Crede che le cose dovrebbero essere giuste e lo disturba davvero quando le persone violano le responsabilità che gli sono affidate (ad esempio, il monitoraggio CDC per la sicurezza dei vaccini).


• Quando qualcosa lo disturba, spesso non lo lascia andare e può essere implacabile nel tentativo di correggerlo (il che è dimostrato da quanto tempo ha messo nei minimi dettagli dei dati sugli infortuni di COVID-19).

• Non ha scrupoli nel fare cose che non dovresti fare o nel creare una situazione scomoda per fare qualcosa che ritiene importante. Ciò include il confronto diretto con persone che pensa siano disoneste o incompetenti e piene di esso.

Nota: sono sicuro che molti di voi conoscono qualcuno come lui. Steve, tuttavia, è unico perché non conosco nessun altro che abbia avuto tanto successo nella sfera professionale quanto lui, e quindi sono incredibilmente grato che abbia deciso di risolvere il problema del vaccino mentre aspettavamo da decenni che qualcuno come lui lo facesse (motivo per cui ho lavorato così duramente per sostenerlo).A causa della sua personalità, Steve a sua volta ha avuto una rivelazione — se nessuno ci fornirà i dati di cui abbiamo bisogno sui vaccini, dovrei semplicemente ottenerli da solo. A sua volta, oltre a raccogliere tutti i set di dati esistenti che dimostrano il danno dei vaccini (molti dei quali mi sono riutilizzato qui), ha anche finanziato numerosi sondaggi professionali condotti sui vaccini COVID (che tutti hanno riscontrato tra l'8,6% e il 16,4% dei destinatari del vaccino COVID hanno subito danni significativi da essi, un tasso simile a quello di altri sondaggi indipendenti condotti anche).

Inoltre, ha anche sfruttato il suo ampio seguito per condurre numerosi sondaggi sulla lesione da vaccino. Mentre quelli iniziali erano rivolti ai vaccini COVID-19, quando venne a conoscenza della portata del problema che stavamo affrontando, ha anche scelto di fare lo stesso per i vaccini infantili.

Da ciò, ha trovato risultati simili alle parti precedentemente menzionate. Ad esempio nel suo primo sondaggio di ~ 10.000 persone, ha nuovamente dimostrato la relazione dose-risposta tra vaccinazione e malattia cronica:

Recentemente, Kirsch ha completato un sondaggio più ampio su circa 13.000 persone che ha prodotto risultati simili al suo sondaggio precedente e a quelli menzionati sopra.

Nota: Steve Kirsch ha recentemente chiesto a uno statistico esterno di valutare e affermare la validità dei dati del sondaggio di cui sopra.
 
Si spera che questi dati scioccanti forniscano un contesto sul motivo per cui molti sono così ardentemente contrari alla vaccinazione e sul motivo per cui esiste un embargo così forte sul fatto che questi dati non vengano mai divulgati. Questo è un peccato perché ha consentito l’ingresso sul mercato di un numero sempre crescente di vaccini (poiché il corrotto CDC timbra costantemente ogni nuovo vaccino), il che a sua volta ci ha portato a dover spendere trilioni di dollari ogni anno per “curare” le complicazioni. di quei vaccini.
 
Ciò che credo sia la cosa più importante da capire riguardo a queste statistiche è che rappresentano solo la punta dell’iceberg, poiché i rilevatori cercavano solo le condizioni facili da osservare più ovviamente legate alla vaccinazione (le “reazioni significative”). Ciò a sua volta riflette un principio fondamentale della tossicologia: le reazioni estreme a una tossina (morte improvvisa) sono molto più rare di quelle minori.
Nella prossima sezione considereremo il centro di questa curva a campana, ovvero le reazioni moderate che raramente sono collegate alla vaccinazione.
 
Una caratteristica notevole dell’encefalite – sia essa di origine epidemica o dovuta a una malattia infettiva, a una lesione traumatica o a una vaccinazione – è la multiforme diversità dei suoi sintomi fisici, neurologici, mentali ed emotivi poiché qualsiasi parte del sistema nervoso può essere colpita.
 
Se l’autismo è una manifestazione di encefalite indotta da vaccino, le implicazioni sono molto inquietanti. I sintomi che si manifestano con intensità patologica in un piccolo gruppo si manifesteranno necessariamente in forma più lieve in una proporzione molto più ampia della popolazione.
 
Danno cerebrale minimo
 
Il libro del 1985, DPT: A Shot in the Dark è probabilmente il libro più influente mai scritto per il movimento per la sicurezza dei vaccini (ad esempio, è stato responsabile di mobilitare il Congresso per fare qualcosa contro l’epidemia di morti improvvise e danni cerebrali creati dall’originale vaccino). vaccino DPT). Ciò che è meno noto è che nel 1990, uno dei suoi autori, Harris Coulter, pubblicò un libro in cui sosteneva che i vaccini fossero responsabili del diffuso aumento della criminalità che dilagava nella nazione.
Nota: considero questo libro uno dei libri più illuminanti e inquietanti che abbia mai letto (ad esempio, ho visto ciò che descrive accadere in persone molto vicine a me). Poiché alcuni dei suoi contenuti sono piuttosto grafici (e poiché il libro è difficile da trovare), ne includo una copia alla fine di questo articolo per coloro che desiderano leggerlo (cosa che vi incoraggio vivamente a fare). Poiché ci sono troppi riferimenti da elencare qui, per individuarli consultare la bibliografia del libro.
 
L'autore (che come mostra il suo necrologio era un essere umano adorabile e un ricercatore di talento) in questo libro sostiene che:
 
1. Molte delle stesse complicazioni osservate dopo l’encefalite (ad esempio, problemi ai nervi cranici, convulsioni, paralisi o disabilità intellettiva permanente) si sono verificate anche dopo la vaccinazione. Lo ha dimostrato compilando ampi rapporti bibliografici su ciascuno di essi, che hanno dimostrato che si sovrapponevano e, in molti casi, hanno dimostrato che le lesioni da vaccino erano state valutate come “encefalite”.
 
Ciò includeva oltre 400 riferimenti dalla letteratura scientifica (situata prima dell'esistenza di Internet), altri 400-500 da lui esaminati ma non citati (che arrivarono a conclusioni simili), interviste a circa 150 famiglie, dove in molti casi, è stato in grado di per mostrare che queste lesioni cerebrali infantili sono progredite in una vita criminale.
 
Nota: credo che l'"encefalite" (o encefalopatia) sia una combinazione di infiammazione cerebrale (l'autoimmunità è una complicanza comune della vaccinazione), gonfiore cerebrale, microictus in tutto il cervello (discusso più avanti qui) e una risposta al pericolo cellulare irrisolto (discusso più avanti qui) . Inoltre, se si legge la letteratura medica di circa un secolo fa (riassunta qui), è chiaro che molti medici credevano che i vaccini causassero l’encefalite sulla base dei sintomi osservati (e in molti casi delle autopsie successivamente eseguite).
 
2. Se il vaccino DPT può causare "encefalopatia acuta" in un piccolo numero di casi (cosa riconosciuta dall'Institute of Medicine nel 1991), deve causare una condizione più lieve in un numero maggiore di casi come reazione di un gruppo di Gli individui sottoposti ad un dato stress biologico non sono mai “tutto o niente”, ma cadono lungo un continuum.
Nota: Coulter ha citato molti autori diversi che hanno osservato una curva a campana nelle complicanze post-encefalite.
 
3. Che era molto facile non accorgersi che ciò stava accadendo. Ad esempio, Coulter ha citato due diverse autorità su questo argomento che hanno affermato:
 
In realtà non esiste alcuna correlazione tra la gravità della malattia infettiva e il coinvolgimento cerebrale. In molti casi, anche con una malattia lieve possono insorgere gravi complicazioni postencefalitiche mesi o addirittura anni dopo.
 
Anche gli attacchi apparentemente non complicati di malattie infettive dell’infanzia (ad esempio la pertosse) possono provocare danni cerebrali, che possono poi essere la causa principale di successivi disturbi comportamentali.
 
I ricercatori che si occupano di epidemiologia del danno vaccinale presuppongono invariabilmente che non si verificheranno conseguenze a lungo termine in assenza di una reazione acuta grave. 
4 maggio 2024
Cosa ci hanno fatto i vaççini? La verità è inquietante
 
L'impatto sociale dei vaccini è peggiore di quanto si possa immaginare.
 
• Esiste una lunga storia di ondate di lesioni gravi a seguito dell'introduzione sul mercato di nuove vaccinazioni. Nella maggior parte dei casi, questi infortuni sono stati nascosti sotto il tappeto per proteggere l’azienda.
 
• In molti casi, le gravi lesioni “misteriose” che vediamo oggi sono notevolmente simili a quelle osservate più di un secolo fa. Sfortunatamente, esiste un embargo diffuso che vieta di consentire che questi dati vengano alla luce (poiché ciò distruggerebbe immediatamente il programma di vaccinazione).
 
• Una serie di studi indipendenti (riassunti di seguito) hanno dimostrato che i vaccini causano un'ampia gamma di malattie croniche.
 
• Un libro del 1990 sosteneva con forza che la diffusione della vaccinazione stava anche causando un'epidemia di diffusi danni cerebrali che stavano abbassando il QI americano e causando un massiccio aumento della criminalità violenta.
 
• In questo articolo, esamineremo anche esattamente cosa c'era in quel libro del 1990 e i classici segni che possono essere utilizzati per determinare se qualcuno ha una lesione da vaccino (insieme a quelli sottili e più spirituali).
 
La mia mente spesso sovrappone il passato, il presente e il futuro su se stessi. Per questo motivo, ricorderò spesso eventi accaduti in passato che rispecchiano perfettamente ciò che sta accadendo davanti a noi e, a sua volta, ho perso il conto di quante volte ho visto l’umanità ripetere i suoi stessi errori. Durante il COVID, mi sono reso conto che stavamo rievocando di nuovo la stessa tragedia che l’umanità aveva mai vissuto da quando il vaccino contro il vaiolo è stato immesso sul mercato e ho avuto un pensiero. Se le persone prendessero coscienza di quello che è successo prima e mettessero fine alla nostra amnesia collettiva, forse tutto questo potrebbe finalmente finire.
 
Come ha voluto il destino, il mio desiderio si è avverato e, senza conoscermi, Steve Kirsch mi ha dato l'opportunità di iniziare a far conoscere al mondo quella storia dimenticata. Ciò è accaduto dopo che ha scelto di pubblicare un articolo che avevo scritto illustrando come le proteste dei camionisti fossero identiche alle proteste contro il vaiolo avvenute più di un secolo prima e poi, per ragioni che ancora non capisco, ha incoraggiato i suoi lettori a iscriversi a me così avrei iniziato scrivendo qui.
Nota: nel momento in cui ho creato questo nome utente (per l'articolo sul vaiolo), non ci ho pensato su perché non mi sarei mai aspettato di usarlo di nuovo.
 
Per questo motivo sono diventato di fatto uno “storico” della vaccinazione. A mia volta, ho notato più e più volte che quando si verifica un disastro vaccinale che ferisce molti in modo molto simile, viene nascosto sotto il tappeto (spesso da funzionari che sono piuttosto contrastanti nella loro decisione di farlo), e poi lo stesso la cosa si ripete qualche decennio dopo.
 
Dato che diamo dozzine di vaccini a ciascun membro della società, ciò solleva una domanda ovvia: cosa significa questo per la società?
 
Una breve storia dei disastri vaccinali
 
Nel 1798, il vaccino contro il vaiolo colpì il mercato. Una volta arrivò sul mercato, è stato osservato che causa frequentemente focolai di vaiolo (piuttosto che prevenirli) e causa una vasta gamma di lesioni debilitanti e complesse che molti medici non avevano mai visto prima (e molti di cui credo fossero esempi di “ stasi del sangue ”). Curiosamente, piuttosto che riconoscere questo è stato un errore, la maggior parte della professione medica ha approvato il vaccino contro il vaiolo, e i governi di tutto il mondo lo hanno imposto mentre i casi continuavano ad aumentare (causati dal vaccino). Avendolo esaminato ampiamente, sono dell'opinione che il vaccino contro il vaiolo abbia rimodellato la traiettoria della salute dell'umanità e inaugurato l'era delle malattie croniche.
Nota: il vaccino contro il vaiolo è discusso in maggior dettaglio qui.
 
Nel 1800 e all'inizio del 1900, una varietà di primi vaccini (ad es. Rabbia, tifo, difterite, tubercolosi) e antisieri generati dai cavalli (per la maggior parte delle infezioni comuni all'epoca) sono entrati nel mercato. Poiché molti di questi vaccini sono stati prodotti in piccoli laboratori indipendenti, ci sono stati una varietà di problemi di controllo di qualità con questi prodotti, che spesso ha portato a lotti che hanno gravemente ferito o ucciso un gruppo di persone. Inoltre, molti di questi vaccini presentavano un alto grado di tossicità. Per questo motivo, è emersa una varietà di nuove e gravi condizioni mediche, molti dei quali sono stati ritenuti dovuti a infiammazione del cervello (encefalite) o danno cerebrale (encefalopatia) e hanno osservato che si verificano in combinazione con danni ai nervi cranici. La maggior parte di queste condizioni a sua volta rispecchiava la miriade di lesioni che ora vediamo anche dalle vaccinazioni moderne.
Nota: molti di questi casi dimenticati possono essere trovati in questo libro che sto attualmente sincronizzando in un articolo. Il punto chiave è che molti medici all'epoca potevano dire che i vaccini stavano causando lesioni cerebrali ed erano disposti a segnalarlo in tutta la letteratura medica.
 
Negli anni '40 -'50, il vaccino originale contro la pertosse (DPT) è entrato nel mercato. Questo vaccino eccelleva nel causare infiammazione del cervello e una varietà di differenze riguardo sono state osservate nelle generazioni nate dopo la sua adozione di massa in America.
Nota: il vaccino contro la rabbia eccelleva anche nel causare encefalite (circa 1 su 750 iniezioni, di cui il 20% era fatale), ma non ha avuto un impatto così grande sulla società perché molte meno persone l'hanno ricevuta.
 
Tra gli anni '50 e '70, si sono verificati numerosi casi in cui un vaccino sperimentale affrettato e mal prodotto (ad es. Polio o influenza suina) è stato introdotto sul mercato per affrontare un'emergenza inesistente“,” e il governo ha scelto di ignorare gli avvertimenti dei suoi scienziati sul fatto che non era sicuro dare all'America. Dato che la stampa era onesta in quel momento, hanno riferito del disastro, è diventato uno scandalo nazionale e il governo ha fornito un risarcimento alle vittime.
Nota: ho compilato quei rapporti sui media qui, l'ultimo di che è successo nel 2002 con il vaccino contro il vaiolo di Bush.
 
Nel 1986, esisteva una sufficiente consapevolezza pubblica dei pericoli del vaccino DPT secondo cui venivano regolarmente intentate azioni legali per il danno cerebrale e le morti improvvise di neonati che causava (discusso qui). Ciò a sua volta ha portato al superamento della legge sulla lesione del vaccino del 1986 (discusso ulteriormente qui), un atto che proteggeva i produttori di vaccini dalla responsabilità del prodotto ed era inteso ad aiutare i genitori di bambini feriti da vaccino (anche se non è stato così). L’approvazione di questa legge ha portato a una corsa all’oro del settore per portare sul mercato vaccini sperimentali ed esenti da responsabilità, e in breve tempo il programma di vaccinazione infantile è cresciuto a dismisura parallelamente all’aumento delle malattie croniche.
 
 
Nota: la legge del 1986 ha portato anche all’immissione sul mercato di un vaccino DPT molto più sicuro (ma comunque pericoloso).
 
Nel 1990, un vaccino sperimentale contro l’antrace fu distribuito ai militari per prepararli all’invasione dell’Iraq. Anche se la guerra non ebbe grandi eventi (Saddam non usò l’antrace e fu probabilmente il conflitto più unilaterale della storia), il vaccino contro l’antrace ferì gravemente oltre 100.000 militari (portando a quella che era conosciuta come sindrome della guerra del Golfo). Nonostante questi problemi, gli individui all’interno del Dipartimento della Difesa che erano impegnati a finanziare il loro programma di difesa dalle armi biologiche lo hanno imposto, provocando gravi ferite in tutto l’esercito e una diffusa ribellione contro questo editto.
Nota: il disastro dell'antrace è discusso ulteriormente qui.
 
Nel 2010, Merck convinse le donne americane che erano ad alto rischio di morire di cancro cervicale (che in realtà uccide solo circa 1/38.000 donne americane ogni anno) in modo che tutte acquistassero il loro altamente redditizio vaccino (che non è mai stato dimostrato che riduca le morti per cancro cervicale). Questo vaccino aveva un tasso straordinariamente alto di causare disturbi autoimmuni, ma nonostante un diluvio di denunce, il CDC e la FDA hanno fatto tutto il possibile per proteggerlo, e ad oggi è ancora obbligatorio per i bambini.
Nota: il disastro del Gardasil è discusso qui.
 
Nel 2021, il vaccino COVID è arrivato sul mercato. Secondo me, tutto ciò a cui abbiamo assistito rispecchia ciò che è accaduto in ciascuna delle tragedie elencate in precedenza.
 
Ho menzionato questa storia perché nel momento in cui accadde ciascuno di questi eventi, la professione medica e il pubblico furono colpiti dall'esplosione di queste nuove malattie (e dal loro immenso costo sociale) ma in breve tempo si abituarono ad esse e dimenticarono che fossero mai emerse nel mondo. Questo a sua volta, direi, è esattamente ciò che sta accadendo ora con i vaccini COVID-19.
 
I danni della vaccinazione
 
Esistono numerose prove che suggeriscono che i vaccini sono gli unici responsabili, o uno dei principali responsabili, dello tsunami di malattie croniche che ha seguito la loro sempre crescente adozione.
 
Sfortunatamente, anche se ci sono molte prove che suggeriscono l’esistenza di un problema, gli effetti del programma vaccinale non sono mai stati formalmente studiati in uno studio clinico, né agenzie come il CDC (che insiste che i vaccini sono sicuri ed efficaci) renderanno disponibili i loro set di dati disponibili che potrebbero rispondere alla domanda. Ciò a sua volta suggerisce che:
 
• Non esiste alcuna prova dei danni della vaccinazione e semplicemente non è stata una priorità pubblicare formalmente tali dati (il che è strano considerando gli sforzi per bloccare tutte le azioni legali che gli hanno chiesto di intraprendere).
 
• Ci sono alcune prove che i vaccini sono dannosi e si teme che questi dati possano essere interpretati erroneamente per suggerire che i vaccini siano molto più dannosi di quello che sono.
 
• Le prove esistenti mostrano (o mostrerebbero) che i vaccini sono incredibilmente pericolosi.
 
Personalmente credo che il punto finale sia la spiegazione più probabile in quanto:
1. Numerosi studi clinici su singoli vaccini (ad esempio, il vaccino HPV) mostrano che i vaccini causano molti degli stessi disturbi (ad esempio, una miriade di condizioni autoimmuni) che sono aumentati parallelamente al numero di dosi di vaccino che si ricevono (ad es., è quasi sempre più probabile che il secondo colpo provochi una reazione grave rispetto al primo). Ciò a sua volta suggerisce che l’assunzione di un gran numero di vaccini (attualmente il programma sempre crescente del CDC dà ai bambini 90 anni prima di compiere 18 anni) li mette a rischio di sviluppare malattie croniche.
Nota: ci sono numerosi casi segnalati di bambini diventati permanentemente disabili dopo aver ricevuto contemporaneamente un numero di vaccini superiore al normale (ad esempio, durante una visita in cui rimangono coinvolti anche a causa delle dosi mancanti) e, al contrario, molti hanno osservato distanziare i vaccini piuttosto che somministrarli tutti insieme riduce la probabilità di reazioni gravi (ad esempio, autismo) dalla vaccinazione.
 
2. Nonostante gli incessanti tentativi di impedirne la comparsa, esistono numerosi studi retrospettivi su ampi set di dati medici, ciascuno dei quali mostra che i risultati delle vaccinazioni comportano un aumento significativo dell’incidenza di malattie croniche derivanti dalla vaccinazione (ad esempio, un recente studio su 99 milioni di persone ha mostrato che i vaccini COVID avevano una probabilità da 2 a 7 volte superiore rispetto a un tipico vaccino di causare una serie di malattie potenzialmente letali).
 
3. Esistono meccanismi consolidati per spiegare quanti vaccini diversi potrebbero causare danni simili ai loro destinatari (ognuno dei quali è discusso qui).
 
4. Numerosi studi condotti indipendentemente che tentano di valutare questa domanda hanno tutti riscontrato che la vaccinazione infantile aumenta i tassi di malattie croniche.
 
5. Vengo periodicamente a conoscenza di pratiche mediche che hanno bassi tassi di vaccinazione e hanno anche tassi molto più bassi di malattie croniche nei loro pazienti.
 
6. Molti colleghi ed io osserviamo spesso quelli che crediamo siano i danni della vaccinazione nei nostri pazienti.
Nota: conosco personalmente molti osservatori qualificati che possono avere un alto grado di precisione nell'identificare i bambini non vaccinati. Gli approcci che utilizzano sono discussi alla fine di questo articolo.
 
Set di dati sui danni da vaccino
 
Esiste effettivamente un embargo sulla pubblicazione di qualsiasi ricerca critica delle vaccinazioni (ad es., nessuno ti darà il permesso di condurre una sperimentazione in cui alcuni non vaccinano perché “ negare ai bambini i vaccini salvavita non è etico, ” nessuno ti fornirà i dati già esistenti, e nessuno pubblicherà mai uno studio critico per la vaccinazione). Tuttavia, le persone trovano il modo di aggirare questo embargo.
Per illustrare, è stato recentemente condotto uno studio in cui le donne non vaccinate sono state poste in prossimità di soggetti vaccinati con COVID, il che ha dimostrato che lo spargimento del vaccino COVID (discusso ulteriormente qui) era reale poiché quelle donne sviluppavano anomalie mestruali. Il gruppo che ha condotto quello studio ha cercato per mesi di pubblicare lo studio su una rivista peer-reviewed, ma non è chiaro se l'embargo sarà mai revocato per loro.
 
Paul Thomas
 
Ad esempio, Paul Thomas MD, un pediatra dell'Oregon che ha avuto pratica con un gran numero di bambini non vaccinati o sotto vaccinati, e (come molte altre pratiche con popolazioni di pazienti simili) hanno notato che i bambini non vaccinati avevano una salute drammaticamente migliore. Così, ha deciso di confrontare le loro cartelle cliniche con quelle dei bambini vaccinati in modo variabile e pubblicato i dati in uno studio (che, poiché non dovresti violare quell'embargo, gli è costata la sua licenza medica e ha portato lo studio viene ritirato per motivi spuri).
 
Nota: Paul Thomas (ora in pensione e offrire servizi di coaching ai genitori) è stato anche l'autore di Il piano amichevole per i vaccini, un approccio alla vaccinazione che ha incoraggiato a distanziare le vaccinazioni e ha provocato un tasso drammaticamente più basso di lesioni da vaccino. Poiché il suo piano implicava che l'attuale programma di vaccinazione promosso dal CDC non era sicuro, il suo piano non era popolare tra le autorità mediche.
 
Nel suo studio, per confrontare la salute di 2763 bambini vaccinati e dei 561 bambini non vaccinati nati nella sua pratica, ha tracciato quante visite totali ha avuto ciascun gruppo per una varietà di problemi con l'aumentare della sua età (ad es., quante visite per l'asma in totale si sono verificate nei bambini vaccinati di età pari o inferiore a 1000 giorni) e quindi hanno confrontato le due (con le visite del gruppo non vaccinato equalizzate moltiplicandole di 4.9 [2763/561]). Questi dati a loro volta suggerivano che le vaccinazioni erano l'agente principale responsabile dell'epidemia di malattie croniche nella nostra società.
 
Allo stesso modo, quando Thomas ha confrontato la probabilità che un bambino venisse a fare una visita in ufficio per una serie di problemi di salute, ha scoperto che maggiore è il numero di vaccini totali ricevuti da un bambino (che variavano ampiamente nella sua pratica), più era probabile che richiedessero una visita in ufficio per una varietà di condizioni.
 
Nota: è possibile visualizzare la versione full size di questo grafico qui. In questo grafico, presta particolare attenzione al fatto che questi grafici includono ADHD (che non è stato trovato in nessuno dei pazienti non vaccinati), problemi comportamentali, problemi del linguaggio, problemi sociali, ritardo di apprendimento e autismo dello sviluppo.
 
Brian Hooker e Neil Miller
 
Hooker e Miller si sono esibiti uno studio simile a Paul Thomas. Però, nel loro studio, hanno valutato i dati di 3 diverse pratiche pediatriche, e analizzato i 2.047 che erano nati all'interno della pratica medica tra novembre 2005 e giugno 2015 che non avevano ricevuto una delle diagnosi selezionate prima della loro 1st compleanno. Hanno trovato:
 
Nota: la tabella sopra confronta solo i bambini all'interno del campione che avevano almeno 5 anni. Quando i bambini più piccoli venivano confrontati tra loro, aumenti minori sono stati osservati nei tassi di ciascuna di queste malattie croniche in quanto vi era stato meno tempo per manifestare gli effetti cronici delle vaccinazioni ripetute.
 
Le forti differenze nei tassi di lesioni avverse hanno anche ispirato una varietà di sondaggi indipendenti da commissionare che hanno valutato se questo collegamento esiste davvero. Va anche notato che posso spiegare il meccanismo che lega quasi tutte le condizioni elencate in questa sezione alla vaccinazione (ma non lo farà per considerazioni di lunghezza).
Nota: ho riformattato la maggior parte dei sondaggi che seguono per rendere i loro dati più facili da vedere.
 
Il sondaggio Generation Rescue del 2007
 
Nel 2007, Generation Rescue (GR), un'organizzazione che sta cercando di avvisare gli americani che i vaccini causano autismo, ha assunto una società di sondaggi di terze parti (SurveyUSA) e li ha pagati $ 200.000 per fare a indagine su 17.674 bambini (991 dei quali completamente non vaccinati). Ha trovato:
 
The Homeschool Survey
 
Nel 2017, un sondaggio su madri di bambini in età prescolare provenienti da Florida, Louisiana, Mississippi e Oregon è stato realizzato e poi pubblicato. Poiché esiste un numero significativo di bambini non vaccinati che hanno studiato a casa, è stato possibile confrontare 261 bambini non vaccinati con 405 bambini completamente o parzialmente vaccinati. I suoi risultati sono stati i seguenti:
 
Nota: poiché le tre malattie che la vaccinazione avrebbero dovuto prevenire una riduzione (mentre le altre aumentavano), tali dati supportano la validità di questo sondaggio.
 
L'indagine del gruppo di controllo
 
Tra aprile 2019 e giugno 2020, il gruppo di controllo ha tentato di individuare il maggior numero possibile di non vaccinati per rilevare la propria salute. Alla fine, ricevettero 1544 sondaggi completati (1482 provenivano dagli Stati Uniti e rappresentavano 48 stati). Una volta ottenuti questi dati, sono stati pubblicati in una lettura facile 21 set di pagine di grafici che ha confrontato i tassi di questi eventi con il loro verificarsi generale nella popolazione e un altro rapporto dettagliato di 85 pagine. Come i gruppi precedenti, hanno riscontrato un massiccio aumento delle malattie croniche a seguito della vaccinazione e, inoltre, hanno dimostrato che la vaccinazione durante la gravidanza o un neonato che riceve l'iniezione di vitamina K (circa la metà dei quali contiene alluminio) non è del tutto sicuro.
 
Steve Kirsch
 
Molte persone nel campo della tecnologia credono che la soluzione a tutti i problemi dell’umanità siano più dati. Ciò riecheggia la convinzione del fondatore della medicina basata sull’evidenza (che è diventata l’attuale dogma della medicina moderna), il quale sosteneva che avere la pratica medica guidata dalle migliori prove scientifiche disponibili fosse essenziale in quanto avrebbe eliminato le cattive pratiche mediche che si erano radicate dogmi medici e sostituirli con approcci basati sull’evidenza che hanno salvato vite umane.
 
Sebbene avesse ragione, come quelli della Silicon Valley, questo approccio era anche incredibilmente ingenuo in quanto non riusciva a spiegare l'ovvia scappatoia — seppellendo tutti i dati che fornivano conclusioni scomode. Pertanto, “ le migliori prove disponibili ” in genere finiscono per essere le migliori prove finanziate, non le migliori prove e, a questo punto, ogni anno vengono spesi trilioni di miliardi per monopolizzare tali prove.
 
Per illustrare: le nostre cartelle cliniche elettroniche in cui i medici sono costretti a spendere una quantità significativa di ogni giorno inserendo dati per raccogliere una quantità assolutamente enorme di dati medici. Eppure, nonostante le innumerevoli richieste, non estraiamo quasi mai tali dati per determinare cosa costituisce la migliore pratica medica (ad esempio, quale farmaco produce un risultato migliore per una condizione o quali prodotti farmaceutici hanno maggiori probabilità di danneggiare un paziente piuttosto che aiutarlo).
 
Sarebbe molto facile da fare, numerose persone (incluso un mio conoscente) hanno provato a farlo ma sono state bloccate (ad esempio, il governo ha demolito un sistema quello nel 2010, che ha mostrato che il 2,6% dei destinatari di vaccini ha subito una lesione entro 30 giorni dalla vaccinazione). Io a mia volta, direi che suggerisce che i dati in quei registri minacciano notevolmente l'industria farmaceutica (motivo per cui sono stato così favorevole alla chiamata del candidato VP di RFK Jr per rendere tali dati disponibili a tutti).
 
Negli ultimi due anni ho conosciuto Steve Kirsch e direi che i seguenti tratti sono veri per lui:
 
• Ha un profondo desiderio di aiutare le persone (ad esempio, ha donato molti soldi in beneficenza) e crede che dati e scienza migliori siano le chiavi per farlo.
 
• Crede che le cose dovrebbero essere giuste e lo disturba davvero quando le persone violano le responsabilità che gli sono affidate (ad esempio, il monitoraggio CDC per la sicurezza dei vaccini).
 
• Quando qualcosa lo disturba, spesso non lo lascia andare e può essere implacabile nel tentativo di correggerlo (il che è dimostrato da quanto tempo ha messo nei minimi dettagli dei dati sugli infortuni di COVID-19).
 
• Non ha scrupoli nel fare cose che non dovresti fare o nel creare una situazione scomoda per fare qualcosa che ritiene importante. Ciò include il confronto diretto con persone che pensa siano disoneste o incompetenti e piene di esso.
 
Nota: sono sicuro che molti di voi conoscono qualcuno come lui. Steve, tuttavia, è unico perché non conosco nessun altro che abbia avuto tanto successo nella sfera professionale quanto lui, e quindi sono incredibilmente grato che abbia deciso di risolvere il problema del vaccino mentre aspettavamo da decenni che qualcuno come lui lo facesse (motivo per cui ho lavorato così duramente per sostenerlo).A causa della sua personalità, Steve a sua volta ha avuto una rivelazione — se nessuno ci fornirà i dati di cui abbiamo bisogno sui vaccini, dovrei semplicemente ottenerli da solo. A sua volta, oltre a raccogliere tutti i set di dati esistenti che dimostrano il danno dei vaccini (molti dei quali mi sono riutilizzato qui), ha anche finanziato numerosi sondaggi professionali condotti sui vaccini COVID (che tutti hanno riscontrato tra l'8,6% e il 16,4% dei destinatari del vaccino COVID hanno subito danni significativi da essi, un tasso simile a quello di altri sondaggi indipendenti condotti anche).
 
Inoltre, ha anche sfruttato il suo ampio seguito per condurre numerosi sondaggi sulla lesione da vaccino. Mentre quelli iniziali erano rivolti ai vaccini COVID-19, quando venne a conoscenza della portata del problema che stavamo affrontando, ha anche scelto di fare lo stesso per i vaccini infantili.
 
Da ciò, ha trovato risultati simili alle parti precedentemente menzionate. Ad esempio nel suo primo sondaggio di ~ 10.000 persone, ha nuovamente dimostrato la relazione dose-risposta tra vaccinazione e malattia cronica:
 
Recentemente, Kirsch ha completato un sondaggio più ampio su circa 13.000 persone che ha prodotto risultati simili al suo sondaggio precedente e a quelli menzionati sopra.
 
Nota: Steve Kirsch ha recentemente chiesto a uno statistico esterno di valutare e affermare la validità dei dati del sondaggio di cui sopra.
 
Si spera che questi dati scioccanti forniscano un contesto sul motivo per cui molti sono così ardentemente contrari alla vaccinazione e sul motivo per cui esiste un embargo così forte sul fatto che questi dati non vengano mai divulgati. Questo è un peccato perché ha consentito l’ingresso sul mercato di un numero sempre crescente di vaccini (poiché il corrotto CDC timbra costantemente ogni nuovo vaccino), il che a sua volta ci ha portato a dover spendere trilioni di dollari ogni anno per “curare” le complicazioni. di quei vaccini.
 
Ciò che credo sia la cosa più importante da capire riguardo a queste statistiche è che rappresentano solo la punta dell’iceberg, poiché i rilevatori cercavano solo le condizioni facili da osservare più ovviamente legate alla vaccinazione (le “reazioni significative”). Ciò a sua volta riflette un principio fondamentale della tossicologia: le reazioni estreme a una tossina (morte improvvisa) sono molto più rare di quelle

minori.
Nella prossima sezione considereremo il centro di questa curva a campana, ovvero le reazioni moderate che raramente sono collegate alla vaccinazione.
 
Una caratteristica notevole dell’encefalite – sia essa di origine epidemica o dovuta a una malattia infettiva, a una lesione traumatica o a una vaccinazione – è la multiforme diversità dei suoi sintomi fisici, neurologici, mentali ed emotivi poiché qualsiasi parte del sistema nervoso può essere colpita.
 
Se l’autismo è una manifestazione di encefalite indotta da vaccino, le implicazioni sono molto inquietanti. I sintomi che si manifestano con intensità patologica in un piccolo gruppo si manifesteranno necessariamente in forma più lieve in una proporzione molto più ampia della popolazione.
 
Danno cerebrale minimo
 
Il libro del 1985, DPT: A Shot in the Dark è probabilmente il libro più influente mai scritto per il movimento per la sicurezza dei vaccini (ad esempio, è stato responsabile di mobilitare il Congresso per fare qualcosa contro l’epidemia di morti improvvise e danni cerebrali creati dall’originale vaccino). vaccino DPT). Ciò che è meno noto è che nel 1990, uno dei suoi autori, Harris Coulter, pubblicò un libro in cui sosteneva che i vaccini fossero responsabili del diffuso aumento della criminalità che dilagava nella nazione.
Nota: considero questo libro uno dei libri più illuminanti e inquietanti che abbia mai letto (ad esempio, ho visto ciò che descrive accadere in persone molto vicine a me). Poiché alcuni dei suoi contenuti sono piuttosto grafici (e poiché il libro è difficile da trovare), ne includo una copia alla fine di questo articolo per coloro che desiderano leggerlo (cosa che vi incoraggio vivamente a fare). Poiché ci sono troppi riferimenti da elencare qui, per individuarli consultare la bibliografia del libro.
 
L'autore (che come mostra il suo necrologio era un essere umano adorabile e un ricercatore di talento) in questo libro sostiene che:
 
1. Molte delle stesse complicazioni osservate dopo l’encefalite (ad esempio, problemi ai nervi cranici, convulsioni, paralisi o disabilità intellettiva permanente) si sono verificate anche dopo la vaccinazione. Lo ha dimostrato compilando ampi rapporti bibliografici su ciascuno di essi, che hanno dimostrato che si sovrapponevano e, in molti casi, hanno dimostrato che le lesioni da vaccino erano state valutate come “encefalite”.
 
Ciò includeva oltre 400 riferimenti dalla letteratura scientifica (situata prima dell'esistenza di Internet), altri 400-500 da lui esaminati ma non citati (che arrivarono a conclusioni simili), interviste a circa 150 famiglie, dove in molti casi, è stato in grado di per mostrare che queste lesioni cerebrali infantili sono progredite in una vita criminale.
 
Nota: credo che l'"encefalite" (o encefalopatia) sia una combinazione di infiammazione cerebrale (l'autoimmunità è una complicanza comune della vaccinazione), gonfiore cerebrale, microictus in tutto il cervello (discusso più avanti qui) e una risposta al pericolo cellulare irrisolto (discusso più avanti qui) . Inoltre, se si legge la letteratura medica di circa un secolo fa (riassunta qui), è chiaro che molti medici credevano che i vaccini causassero l’encefalite sulla base dei sintomi osservati (e in molti casi delle autopsie successivamente eseguite).
 
2. Se il vaccino DPT può causare "encefalopatia acuta" in un piccolo numero di casi (cosa riconosciuta dall'Institute of Medicine nel 1991), deve causare una condizione più lieve in un numero maggiore di casi come reazione di un gruppo di Gli individui sottoposti ad un dato stress biologico non sono mai “tutto o niente”, ma cadono lungo un continuum.
Nota: Coulter ha citato molti autori diversi che hanno osservato una curva a campana nelle complicanze post-encefalite.
 
3. Che era molto facile non accorgersi che ciò stava accadendo. Ad esempio, Coulter ha citato due diverse autorità su questo argomento che hanno affermato:
 
In realtà non esiste alcuna correlazione tra la gravità della malattia infettiva e il coinvolgimento cerebrale. In molti casi, anche con una malattia lieve possono insorgere gravi complicazioni postencefalitiche mesi o addirittura anni dopo.
 
Anche gli attacchi apparentemente non complicati di malattie infettive dell’infanzia (ad esempio la pertosse) possono provocare danni cerebrali, che possono poi essere la causa principale di successivi disturbi comportamentali.
 
I ricercatori che si occupano di epidemiologia del danno vaccinale presuppongono invariabilmente che non si verificheranno conseguenze a lungo termine in assenza di una reazione acuta grave. Questa ipotesi è stata accettata da noi scrivendo DPT: AShot in the Dark. Pertanto è stato sconcertante scoprire che circa la metà delle nuove famiglie intervistate per la presente indagine non ricordavano alcuna reazione marcata al vaccino, anche se il bambino aveva iniziato a sviluppare sintomi di autismo o altri disturbi neurologici poco dopo una delle vaccinazioni.
4. Molte delle complicazioni dell’encefalite (ad esempio, una miriade di difficoltà di apprendimento o malattie psichiatriche e neurologiche come l’autismo) sono diventate drammaticamente più comuni nella nostra società a partire dagli anni ’40 e ’50, un aumento che è andato di pari passo con l’aumento delle vaccinazioni e con l’aumento dei danni da vaccino (prevalentemente come risultato del DPT) e potevano essere osservati direttamente diffondersi nella società man mano che questi bambini crescevano. Per esempio:
Rimland e Larson hanno richiamato l'attenzione sulla "correlazione sorprendente, quasi speculare, a partire dal 1963 circa, tra le curve che mostrano il calo dei punteggi SAT e l'aumento della criminalità violenta [che era spesso di natura psicotica]", suggerendo "l'esistenza di uno o più fattori causali comuni."
 
Il contrasto tra allora e oggi è stato sottolineato in un rapporto del 1987 sulla disciplina scolastica del Commissario per i diritti umani del New Jersey. Negli anni Quaranta i problemi scolastici più frequenti erano: parlare, masticare gomme, fare rumore, non correre nei corridoi, sbagliare turno o fare la fila, indossare abiti inadeguati e non gettare la carta nei cestini. Negli anni '80 erano: abuso di droga e alcol, stupro, rapina, aggressione, furto con scasso, incendio doloso, attentati, omicidio, assenteismo, vandalismo, estorsione, guerra tra bande, aborto e malattie veneree.
 
Il tasso di omicidi è raddoppiato tra il 1960 e il 1980, da quattro a otto ogni 100.000 abitanti, per un totale di oltre 20.000 nel 1987, dando agli Stati Uniti la più alta incidenza di omicidi di qualsiasi paese industrializzato. L’aumento maggiore si è verificato tra il 1960 e il 1970.
 
Un sondaggio del Washington Post-ABC News del 1987 fece una curiosa scoperta: il 16% degli americani sotto i trent’anni sono mancini o ambidestri [questa è una conseguenza comune dell’encefalite], contro solo il 12% degli over sessanta. Un’altra indagine recente ha rilevato una disparità ancora maggiore: il 13% dei ventenni erano mancini, rispetto al 5% dei cinquantenni.
5. L’autismo (una condizione che segue la vaccinazione ed è emersa per la prima volta dopo l’entrata sul mercato della DPT), ha una forte associazione con molte delle conseguenze dell’encefalite (ad esempio, disabilità cognitiva e paralisi dei nervi cranici).
 
6. Il fatto che il comportamento sociopatico osservato si raggruppa nelle famiglie rispecchia la sensibilità dell’osservazione ai danni da vaccino che si raggruppano anch’essi nelle famiglie. Allo stesso modo, Coulter ha suggerito che la maggiore sensibilità degli afroamericani nei confronti delle lesioni provocate dai vaccini (meglio dimostrata attraverso la famigerata decisione del CDC di seppellire i dati che mostravano che i vaccini causavano lo sviluppo dell’autismo nei ragazzi neri) potrebbe spiegare i modelli criminali osservati in quei dati demografici.
Nota: in un recente articolo, ho discusso di come alcuni pazienti (ad esempio, quelli con ipermobilità) siano anche molto più sensibili alle lesioni da vaccino.
 
7. Che una varietà di condizioni era stata creata dall'American Psychiatric Association che abbracciava la gamma da come il danno cerebrale da lieve a grave si manifestava nei disturbi comportamentali (ad esempio, danno cerebrale minimo, disturbo oppositivo da sfida, disturbo della condotta, sociopatia). Coulter ha sottolineato che mentre la condizione di encefalite DPT esplodeva in tutta l'America, la professione psichiatrica tentava ripetutamente di illuminare la popolazione incolpandola di conflitti psicologici irrisolti o di scarsa educazione piuttosto che fornire trattamenti olistici che i medici olistici avevano costantemente ritenuto potessero aiutare queste condizioni. Per quanto ne so, questa illuminazione psicologica è continuata fino a quando i nuovi farmaci psichiatrici (ad esempio, i disastrosi antidepressivi) sono entrati nel mercato, a quel punto gli psichiatri si sono concentrati sulla prescrizione di massa di questi prodotti redditizi ai pazienti post-encefalitici.
Nota: questo è un modello che persiste sin dai casi originali di Freud, oltre un secolo fa, che attribuivano erroneamente i sintomi di avvelenamento da mercurio a problemi sessuali irrisolti.
 
8. Negli anni '50 fu coniata una condizione chiamata “danno cerebrale minimo” [MBD] (con la caratteristica distintiva di essere iperattività), che in breve tempo divenne “forse il più comune, e certamente uno dei problemi che richiedono più tempo”. nella pratica pediatrica attuale”. I sintomi dell’MBD (come definiti dal Servizio Sanitario Pubblico americano e dall’American Psychiatric Association) hanno una significativa sovrapposizione con ciò che è stato osservato dopo l’encefalite, le lesioni DPT e ciò che è stato associato all’autismo.
Un medico britannico nel 1928 notò che "i cambiamenti nella morale e nel carattere" nei pazienti che avevano avuto un'encefalite rivelano una "curiosa uniformità". Questa stessa "curiosa uniformità" caratterizza l'autismo, la persona con danni cerebrali minimi e il sociopatico.
 
Questa encefalite può trasformare una ragazza o un ragazzo gentile in un mostro intellettuale, tormentato e crudele." "Un bambino con un carattere precedentemente responsabile può essere trasformato in modo tale da sembrare una persona diversa... crudele, distruttivo, offensivo, indecente.
Nota: a titolo di chiarimento, i bambini autistici in genere non dimostrano comportamenti crudeli o sadici. Tuttavia, condividono molti degli altri tratti riscontrati negli individui post-encefalitici.
 
9. C'era una vasta gamma di conseguenze dell'encefalite. Molti di questi erano sottili e alteravano insidiosamente la personalità del bambino, rendendolo comunemente iperattivo, ipersessuale, meno empatico e generalmente a disagio con il suo ambiente. Molti di questi tratti sono stati riscontrati anche nei criminali violenti e nei bambini distruttivi (che spesso poi diventavano criminali violenti).
 
10. Coulter ha poi raccolto numerose storie di criminali violenti e sociopatici che dimostrano che mostravano molti degli stessi identici segni (ad esempio, problemi ai nervi cranici) osservati nelle vittime di encefalite (sia dovuta a vaccinazione o a un'infezione naturale). Ciò includeva revisioni dettagliate di famigerati criminali che si adattavano perfettamente al modello post-encefalitico come Ted Bundy.
 
11. Coulter ha anche fornito numerose statistiche e studi che hanno dimostrato che i criminali violenti avevano tassi notevolmente più alti di danni cerebrali e disfunzioni neurologiche. Molti degli studi da lui citati (ad esempio, uno dei 321 individui eccessivamente violenti ha mostrato che il 90-100% aveva una disfunzione cerebrale dimostrabile) hanno riscontrato che questi difetti si verificavano a tassi 5-10 volte superiori a quelli osservati nella popolazione generale).
Nota: le associazioni mostrate negli articoli compilati da Coulter sono supportate anche dalla ricerca moderna e quindi sono generalmente accettate. Inoltre, ricerche più recenti rese possibili dalla risonanza magnetica funzionale mostrano anche che i criminali violenti o sociopatici spesso hanno danni cerebrali significativi e non hanno le normali funzioni di cui dispongono gli altri esseri umani.
 
12. Coulter ha citato numerose statistiche che mostrano che una piccola minoranza della popolazione ha commesso la maggior parte dei crimini violenti avvenuti e prove che dimostrano che i crimini nell'era post DPT erano spesso molto più brutali e sociopatici.
 
I tratti comunemente associati alla MBD a loro volta erano i seguenti:
Nota: queste sono state spesso osservate come conseguenze dell'encefalite e spesso raggruppate insieme. Inoltre, è ormai noto che alcuni di questi si verificano più frequentemente nei criminali violenti.
 
• Iperattività (questo era di gran lunga il tratto più comunemente associato al MBD).
Nota: esiste un'associazione ben nota tra iperattività e uso di droghe stimolanti o criminalità violenta. Molti autori (ad esempio, lo psichiatra Gabor Maté) a loro volta hanno sostenuto che molte persone diventano tossicodipendenti perché soffrono di ADD non trattato (che in genere trattiamo con anfetamine farmaceutiche, che sfortunatamente, come gli antidepressivi SSRI, possono causare psicosi violente).
 
• Uso frequente di droghe e alcol.
• Ipersessualità. Spesso questa sessualità era distaccata da qualsiasi tipo di legame con l'altra persona e talvolta dava origine a una varietà di feticci o preferenze sessuali insoliti.
Nota: questo va di pari passo con l'attenuazione emotiva frequentemente osservata dopo l'encefalite. Inoltre, uno dei tipi più comuni di demenza (che deriva da uno scarso flusso di sangue al cervello) è caratterizzato da un comportamento ipersessuale.
 
• Sentirsi sopraffatti e non avere il controllo del proprio ambiente.
 
• Avere difficoltà a organizzare i propri pensieri o a ricordare le proprie esperienze passate.
Nota: questo include un lusinghiero affetto nel ricordare la propria condotta discutibile del passato, l'incapacità di entrare in empatia con coloro che ne sono stati colpiti e, in molti dei casi clinici raccolti da Coulter, una completa amnesia della stessa.
 
• Un'attenzione molto breve (e paradossalmente in alcuni casi, invece, un'attenzione ossessiva e decisamente eccessiva).
 
• Essere impulsivo e facilmente innescato da esplosioni violente (sia da fattori di stress esterni che interni come un forte mal di testa).
 
• Mal di testa (che a volte richiedeva di sbattere la testa contro il muro).
 
• Un'alta incidenza di disturbi convulsivi: epilessia, tic, tremori, movimenti coreiformi (torsioni), smorfie facciali, spasmi infantili e altri. C'erano spesso anche segni evidenti (ad esempio, anomalie EEG) e segni sottili (ad esempio, scarsa coordinazione) di questi disturbi.
 
•Mentre alcuni bambini con MBD avevano un'intelligenza superiore alla media, in media il loro QI era inferiore alla media.
 
•Enuresi notturna durante l'infanzia, che tipicamente si verifica in concomitanza con un disturbo del sonno (che spesso presentava caratteristiche come digrignamento dei denti, sudorazione notturna, incubi e terrori notturni). A volte questo è accompagnato anche dalla perdita del controllo intestinale (ad esempio ectopresi).
 
• Scarsa coordinazione visivo-motoria, goffaggine e mancanza di grazia nei movimenti (ad esempio, "difficoltà nella capacità di saltare e tendenza a camminare sulle punte dei piedi").
 
• Diminuzione della sensibilità agli stimoli dolorosi esterni.
 
• Mancini o ambidestrezza.
Nota: conosco numerose persone con lesioni DPT a cui è successo questo.
 
•Vari disturbi di lavorazione. Questi includono dislessia (difficoltà nella lettura), disgrafia (difficoltà nella scrittura), discalcula (difficoltà con i numeri), disturbi del linguaggio (ad esempio, balbuzie o balbettio), scarsità di parola o mutismo, disturbi dell'udito (ad esempio, incoordinazione audiomotoria, impercezioni o deficit uditivi, disturbo dello sviluppo del linguaggio recettivo, perdita dell'udito alle alte frequenze o ipersensibilità al suono).
Nota: i disturbi percettivi erano spesso accompagnati da una difficoltà a distinguere la destra dalla sinistra o l'alto dal basso.
 
• Sonnolenza eccessiva e un'ampia gamma di disturbi del sonno (compresi nuovi disturbi del sonno mai osservati in precedenza dalla comunità medica, come la "sindrome della fase di sonno ritardata", una condizione in cui non è possibile addormentarsi fino alle 3 o alle 4 del mattino).
 
• Frequenti allergie alimentari (insieme al peggioramento della condotta quando vengono consumati tali alimenti).
Nota: è stato osservato che anche altre malattie neurologiche (ad esempio, schizofrenia e autismo) migliorano dopo che gli allergeni come il glutine sono stati completamente eliminati dalla dieta.
 
• Disturbi dell'appetito (ad esempio, anoressia o bulimia). È stato notato che questa complicanza dell'encefalite colpiva molto più frequentemente le donne, mentre l'iperattività colpiva più frequentemente i maschi.
 
• Un forte desiderio di ricercare la musica per la ritmicità e la stabilità che fornisce.
 
• Essere altamente distruttivi e violenti fin dalla più tenera età.
 
Nota: nella seconda metà di questa serie (che può essere letta qui), discuto i cambiamenti nella personalità che influenzano specificamente le relazioni umane (ad esempio, la capacità di connettersi emotivamente con il proprio partner o la propria identità di genere) poiché sembra esserci un effetto abbastanza profondo qui che ha dati di vita reale per confermarlo.
 
Una società vaccinata
 
Supponendo che la tesi di Coulter sia corretta, le implicazioni fanno riflettere, ed è proprio per questo motivo che ho sentito il dovere etico di contribuire a rendere disponibile il suo lavoro e di incoraggiarvi a prendere in considerazione la lettura del suo libro.
 
Poiché si potrebbe dire molto su questo argomento, condividerò solo alcuni dei miei pensieri più rilevanti.
 
• Come molti di voi, incontro spesso persone che pensano "Perché devi essere così difficile?" Diventare in grado di riconoscere come si manifesta l’encefalite da vaccino mi ha permesso di passare dall’essere frustrato dal loro comportamento allo sviluppare una grande compassione per loro. Allo stesso modo, mi è stato anche molto più facile capire come interagire efficacemente con loro perché posso riconoscere come i loro cervelli non funzionano correttamente e aggirare questi problemi.
 
• Molti dei cambiamenti cognitivi descritti nei pazienti postencefalitici rispecchiano perfettamente le frustrazioni comuni che le donne provano nei confronti degli uomini che non riescono a connettersi emotivamente con loro. Questo a sua volta mi ha fatto capire che il programma vaccinale ha probabilmente profondamente alterato le dinamiche di appuntamenti del paese, e dalle domande limitate che ho fatto finora, i miei lettori più anziani che hanno assistito a questo cambiamento concordano sul fatto che probabilmente si tratta di un problema.
 
• Credo che la violazione più grave dell'etica medica avvenga se il farmaco danneggia coloro che non hanno mai acconsentito ad assumerlo. Questo è il motivo per cui mi sono concentrato così tanto sia sulla diffusione del vaccino COVID-19 che sulla frequente tendenza degli antidepressivi SSRI a causare episodi di violenza di massa (ad esempio, sparatorie nelle scuole).
 
• L'intero concetto capovolge sia le nozioni liberali che quelle conservatrici di ciò che dovrebbe accadere con la giustizia penale.
 
• Da tempo si osserva che la qualità dell'istruzione americana è notevolmente peggiorata (ad esempio, che ciò che veniva insegnato all'ottavo anno era più difficile di ciò che ora viene insegnato all'università). Per molto tempo ho pensato che ciò fosse dovuto al fatto che l'istruzione veniva gestita in maniera massicciamente errata nel passaggio a un modello basato sul profitto (fidelizzazione degli studenti), ma dopo aver appreso dell'ipotesi di Coulter, mi sono reso conto che potrebbe anche essere un sintomo dell'ampio declino sociale delle capacità cognitive. funzione creata dalla vaccinazione di massa. Ciò potrebbe anche essere intenzionale, poiché troppe persone intelligenti e mentalmente sane minaccerebbero qualsiasi struttura di potere oppressivo, e a sua volta rispecchia ciò che un medico che è stato mentore di Robert S. Mendelsohn M.D. (un rinomato pediatra e uno dei dissidenti di maggior impatto contro il cartello medico) ha condiviso con me:
 
Mendelsohn mi raccontò che durante la sua nomina a direttore medico del servizio di consulenza medica del progetto Head Start nel 1968, rimase inorridito dalle discussioni tenutesi in privato alla Casa Bianca con i suoi colleghi medici. Discutevano apertamente su come controllare la popolazione dei poveri promuovendo il latte artificiale, le vaccinazioni, le pratiche sadiche di parto ospedaliero, le scuole statali carenti e le cliniche abortive di quartiere. Questo era semplicemente un attacco eccessivo alla sua forte fede ebraica e al suo giuramento di Ippocrate.
 
•Al momento non vi è alcun incentivo a fermare tutto ciò poiché si possono guadagnare molti soldi vendendo trattamenti per queste malattie (che spesso sono molto dannose), mentre se l'errore non viene mai ammesso, troppe persone hanno troppo da perdere. Questo a sua volta è il motivo per cui continuiamo a subire tragedie sempre peggiori inflitte al mondo dai vaccini.
 
Nota: sebbene questa posizione sia controversa, sono favorevole a fornire una sorta di amnistia per il cartello dei vaccini, poiché credo che sia l’unica cosa, a meno di una rivoluzione, che li renderebbe disposti a smettere di proteggere il racket dei vaccini, poiché senza di essa, è letteralmente una battaglia di vita o di morte per dimostrare che i vaccini sono “sicuri ed efficaci”.
Segni di danno da vaccino
 
Quando sono entrato per la prima volta nel campo medico, una serie di medici olistici (e altri guaritori) mi hanno detto che in genere potevano dire se un bambino era stato vaccinato. Anche se credo che questo sia spesso possibile, richiede l’utilizzo di una serie di segnali più sottili con cui la maggior parte delle persone non sarebbe d’accordo (esclusi, ad esempio, i genitori che hanno notato “qualcosa” cambiato nel loro bambino dopo la vaccinazione).
 
Nota: una volta che inizi a vedere come sono le lesioni da vaccino, diventa davvero deprimente.
 
A loro volta, molti mi hanno chiesto quali siano i segni del danno da vaccino. La sfida con questo argomento è che le lesioni lievi sono drammaticamente più comuni delle lesioni gravi (poiché le reazioni alle tossine tendono a seguire una curva a campana, con le reazioni più gravi che sono rare). Pertanto, i segni più subdoli sono più difficili da riconoscere (o dimostrare come derivanti dalla vaccinazione), ma allo stesso tempo sono di gran lunga i più comuni.
 
Alcuni dei segni più comuni che utilizziamo sono:
 
• Una nuova condizione che si sviluppa subito dopo la vaccinazione e che è nota per essere collegata alla vaccinazione (ad esempio, quelle elencate nelle indagini di cui sopra come convulsioni o autismo). Spesso esiste uno schema abbastanza coerente nel modo in cui si formano queste lesioni (ad esempio, sono precedute da forti febbri e pianto che seguono immediatamente la vaccinazione).
 
• Cambiamenti evidenti nei nervi cranici (ad esempio, gli occhi non seguono più il percorso normale o i muscoli facciali diventano asimmetrici).
Nota: in un recente articolo, ho spiegato come i microictus indotti dal vaccino possano comunemente causare ciò.
 
• Un sottile cambiamento nella funzione di uno qualsiasi dei nervi cranici (molti dei quali sono dettagliati nella copia del libro di Coulter inclusa di seguito e nella precedente raccolta di Wilson del nostro primo secolo di disastri vaccinali dimenticati).
Nota: se ti alleni a individuarli, diventeranno sempre più evidenti man mano che diventerai in grado di notare quando qualcosa facilitato da un processo neurologico sembra presentare problemi o funzionare male (ad esempio, gli occhi perdono la loro levigatezza e saltano mentre si spostano da una parte o dall'altra).
 
• Cambiamenti cognitivi e neurologici evidenti (rari) o subdoli (più comuni) che possono essere indicativi di infiammazione o danno cerebrale. Come i cambiamenti dei nervi cranici, anche questi sono discussi nel libro di Wilson e Coulter (incluso di seguito).
 
Oltre a questi cambiamenti, ci sono alcuni cambiamenti “spirituali” più sottili, che sono tra i cambiamenti più frequenti osservati (e ciò che molti dei miei colleghi alla fine utilizzano per identificare i danni da vaccino). Dato che questi segni, sebbene molto evidenti, sono di natura “spirituale”, ho fatto avanti e indietro se volevo discuterne, e alla fine ho sentito che era necessario rivolgermi a un pubblico limitato.
 

RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14386
Topic starter  

Moderna conferma che i vaççini ÇOVID a mRNA causano pericolosi casi di cancro

 

Moderna ha ammesso che il suo vaccino mRNA contro il COVID provoca il CANCRO dopo che trilioni di frammenti di DNA sono stati trovati nelle fiale della pericolosa iniezione.

La rivelazione è stata fatta dopo che il dottor Robert Malone è recentemente apparso in un'udienza sulle "lesioni causate dai vaccini COVID-19" guidata dalla deputata Marjorie Taylor Greene (R-Ga.), durante la quale ha rivelato come il brevetto di Moderna dimostri che il suo (COVID -19) Le fiale del “vaccino” contengono trilioni di frammenti di DNA e altri contaminanti legati a difetti congeniti e cancro.


Durante l'udienza, il dottor Malone ha parlato di come Moderna riconosca nel suo brevetto che l'RNA è preferibile al DNA nei vaccini a causa dei rischi connessi, ma che l'iniezione di mRNA dell'azienda, che è stata somministrata a decine di milioni di persone, è contaminata da quest'ultimo.
 
"Moderna ha un brevetto sull'uso dell'RNA per i vaccini"ha affermato il dottor Malone. “E in questo, Moderna riconosce esplicitamente che l’RNA è superiore al DNA per scopi vaccinali a causa di problemi, inclusa la possibilità di mutagenesi inserzionale che potrebbe portare all’attivazione di oncogeni o all’inattivazione di geni oncosoppressori”.
 
“La FDA afferma di non essere a conoscenza di alcuna preoccupazione, ma Moderna, nel suo stesso brevetto, espone esattamente le stesse preoccupazioni che esistono sul DNA nella mutagenesi inserzionale e nella genotossicità.
 
“Quindi Moderna lo sa: il DNA è un contaminante. Viene lasciato a causa del modo in cui lo producono... usano il DNA per produrre RNA, e poi degradano il DNA, e poi devono purificare il DNA degradato lontano dall'RNA, e il processo che stanno usando non è così buono”.
 
Anche il vaccino mRNA di Pfizer per il COVID è stato contaminato da frammenti di DNA cancerogeni
 
Scienziati provenienti da Stati Uniti e Canada sono riusciti a mettere le mani su fiale non aperte del vaccino anti-COVID di Moderna, con una chiara catena di custodia, e le hanno campionate. Questa è la loro competenza, tanto per essere chiari: eseguono sequenziamenti approfonditi sui campioni e trasmettono i loro risultati per il bene pubblico.
 
Ciò che hanno scoperto è stato un gran numero di frammenti di DNA nella preparazione dell’RNA, a cui hanno applicato strumenti di ricostruzione standard per vedere come apparivano i DNA plasmidici circolari – nulla di tutto ciò è stato rivelato al pubblico, tra l’altro.
 
La documentazione suggerisce che nelle fiale sono presenti alcunesequenze di DNA che normalmente non sono ammesse in qualsiasi cosa destinata agli esseri umani,"non ultimo il gene della resistenza agli antibiotici", ha spiegato il dottor Malone.

"Includono queste sequenze del Simian Virus 40 - non l'intero virus, ma sequenze promotrici altamente attive - che è esattamente ciò che la FDA nelle sue vecchie normative affermava che doveva essere evitato perché conferisce un rischio ancora maggiore di mutagenesi inserzionale."

Si scopre che l’iniezione di mRNA di Pfizer per COVID contiene gli stessi contaminanti. La documentazione è stata fornita dalla società alle autorità di regolamentazione negli Stati Uniti, in Europa e in Canada. Questi regolatori hanno cancellato la piccola annotazione sulle sequenze SV40 in un evidente tentativo di nasconderla al pubblico.

"La FDA non ha preso le sequenze grezze di DNA, non ha ricostruito quelle mappe plasmidiche e non le ha esaminate da sola", ha chiarito il dottor Malone. “Hanno semplicemente dato per scontato ciò che la Pfizer aveva dato loro. E ora tutto questo viene fuori grazie a ciò che hanno scoperto questi ricercatori”.

Persone di alto livello sia di Moderna che di Pfizer dovevano essere a conoscenza di ciò, ha affermato il dottor Malone, poiché le potenziali conseguenze per i soggetti che hanno ricevuto il vaccino sono"tutto ciò che è associato al danno al DNA, vale a dire difetti congeniti e cancro che sono i più notevoli

RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14386
Topic starter  

 

Oncogenesi e autoimmunità a seguito dei vaççini ÇOVID-19 a mRNA

 

La disregolazione del sistema immunitario spiega in parte i tumori turbo

Ogni registro dei tumori nel mondo registra nuovi casi e documenta la rapida progressione della malattia, giustamente definita “cancro turbo”. La linea di tendenza è aumentata con il lancio dei vaccini genetici contro il COVID-19. Quale meccanismo potrebbe spiegare un’iniezione di mRNA Pfizer o Moderna e la genesi del cancro?

 
Kyriakopoulos et al hanno recentemente pubblicato un'indagine approfondita sulla risposta delle cellule T regolatorie dopo aver incontrato ripetute iniezioni di mRNA estraneo.

“Un equilibrio omeostatico inappropriato tra le cellule T effettrici, T regolatrici e T regolatrici della memoria può dirigere il sistema immunitario verso il cancro o l’autoimmunità. Quando il cancro è presente, le cellule Treg sopprimono l’immunità antitumorale e, quando il cancro è assente, le cellule Treg svolgono il ruolo benefico di prevenire lo sviluppo dell’autoimmunità. In questa recensione, analizziamo le risposte delle Treg dopo la vaccinazione con mRNA SARS-CoV-2 e troviamo risposte patologiche distinte in condizioni diverse. Nei pazienti affetti da cancro, il grado di progressione della malattia dipende dallo stato del cancro al momento della vaccinazione e dal tipo di trattamento antitumorale che ricevono contemporaneamente. Ipotizziamo che la migrazione delle cellule dendritiche circolanti e delle cellule mTreg al timo acceleri l'involuzione timica, una causa diretta dell'immunosenescenza. In sintesi, le risposte Treg prodotte dopo la vaccinazione con mRNA e la successiva espressione della proteina spike SARS-CoV-2 codificata da mRNA possono portare a un’influenza dannosa sul sistema immunitario dei vaccinati e al successivo sviluppo accelerato di cancro e malattie autoimmuni. Questi meccanismi sono coerenti sia con i risultati epidemiologici che con i casi clinici”.

In altre parole, iniezioni ripetute di vaccini mRNA COVID-19 stanno abbattendo la sorveglianza immunitaria per le cellule maligne nascenti e allo stesso tempo inducendo autoimmunità.
Anthony M Kyriakopoulos, Greg Nigh, Peter A McCullough, et al. Oncogenesis and autoimmunity as a result of mRNA COVID-19 vaccination. Authorea. April 23, 2024. DOI: 10.22541/au.171387387.73158754/v1


Saltare gli studi preclinici sull’oncogenicità si è rivelato un disastro per i prodotti a base di mRNA. Le preoccupazioni sollevate in questo documento si applicano a qualsiasi nuovo prodotto mRNA che codifica per un bersaglio proteico non umano o patologico. Purtroppo, Moderna, tra le molte aziende produttrici di mRNA, ha in programma farmaci antitumorali a base di mRNA. Hanno un lungo percorso di sviluppo di farmaci per dimostrare che l’mRNA non causerà più cancro di quanto intenda curare.
 
Per favore iscriviti a Courageous Discourse come membro pagante o fondatore in modo che possiamo continuare a portarti la verità.
 
Peter A. McCullough, MD, MPH
 
Presidente, Fondazione McCullough
 
 

 

 

 

https://www.vocidallastrada.org/2024/05/oncogenesi-e-autoimmunita-seguito-dei.html


RispondiCitazione
Condividi: